Atei Italiani
Vuoi reagire a questo messaggio? Crea un account in pochi click o accedi per continuare.

A chi piace l'opera lirica?

+3
marisella
Justine
Minsky
7 partecipanti

Andare in basso

A chi piace l'opera lirica? Empty A chi piace l'opera lirica?

Messaggio Da Minsky Sab 10 Dic 2016 - 11:09

A me no. Ma questo m'ha rovesciato! ahahahahahah

Quelle trame svelate ha scritto:La mignotta de cui ve parlo oggi non solo è giapponese, ma è pure minorenne, e se chiama Ciociosan. Mo’ quelli tra voi che so’ iti all’estero o hanno letto du’ libbri (e pure i soprani che ce sformano quanno devono fa’ le mignotte) te diranno che non è ‘na zoccola, è ‘na gheiscia. Dice, e che è ‘na gheiscia? ‘Mbè sarebbe una che mette l’omo a suo aggio, partecipa alle cene, sa fa’ quarche cosa, te fa li massaggi e alla fine te scopa pure, cioè non è che come la vedi allarga le gambe, ce sta tutta ‘na preparazzione. Come ‘na escort? Aaaah. ‘Na mignotta, appunto. Allora ce stava ‘sta mignotta minorenne che se l’era sposata Pinkerton, uno che mannaggia a Puccini fa ir marinaio e tocca vestillo de bianco pure se in vita sua s’è magnato tutto er magnabbile, ‘n americano sbarcato a Nagasaki che s’affitta ‘sta sorchetta e je compra pure ‘na casa, solo che lei ce crede e lui no. E difatti je lo dice pure er console suo “guarda che questa ce crede” e lui dice ‘mbè, saranno pure cazzi sua, a me che me frega, io tra ‘m po’ ariparto. Ariva Ciociosan che de nome de battaja se chiamava Butterfly co’ tutta la famija e l’amici sui, un branco de disadattati, e se sposeno, ma siccome essa era pure annata in chiesa visto che ce credeva e voleva diventa’ cattolica lo zio Bonzo ariva e je dice “”a zozza, c’hai traditi a tutti, annamosene” e tutti fanno uuuuuciociosan e la lasciano sola cor marinaio. ‘Sti due rimasti soli se mettono a pomicià, che lei cià tutti ‘sti ritmi giapponesi der cazzo che non s’ariva mai ar dunque e esso invece sta già in mutande che je lo vo’ infilà, e da ‘sto duetto dove essa guarda le stelle e esso se sta a fa’ la punta ar cazzo pure lo spettatore più imbecille capisce che va tutto a fini’ male. E difatti nell’atto doppo Butterfly sta da sola co’ la Suzuki, che non è na moto è ‘na cammeriera, e stanno a aspetta’ da tre anni er ritorno de Pinkerton. Seh, aspetta e spera, je dice er console americano che l’è venuta a trova’ pe’ dije che Pinkerton s’era sposato in america arivederci e grazie. Solo che Butterfly nun je lo fa’ di’ perché appena sgama che po’ esse che l’americano nun aritorna dice “‘mbè, m’ha scordata a mme, vedemo se se scorda su’ fijo” e je fa vede’ un regazzino bionno co’ li ricci. Giustamente er console je dice “ma sei sicura che è suo” perché dovrebbe avecce tre anni ma a occhio e croce ne dimostra sempre dodici, ma Butterfly je dice “‘mbè, è bionno, cià l’occhi azzuri, co chi l’ho fatto?” e la faccenna che sia sviluppatello se spiega facile: se la madre che a ‘sto punto dell’opera dovrebbe aveccene diciotto ne dimostra in genere cinquantasei, er fijo a tre ne po’ dimostra’ dodici, stacce. E insomma er console nun je dice un cazzo e se ne va, senonché Butterfly dice ahò, ma che ariva ‘na nave, famme vede, uuuuuh, aritorna, riempimo la casa de fiori e aspettamolo che mo’ vie’ su. Se pittano, s’assestano, se mettono a aspetta’ e alla fine s’abbioccano assieme ar pubblico che già dormiva pacifico da quanno erano’ ite a coje li fiori. Ner terzo atto, mentre Butterfly è annata a piscia’ ariva Pinkerton e canta ‘n aria dove dice “nu je la posso fa’” che pe ‘mme nun c’entra un cazzo e se poteva taja’ ma dev’esse successo che er tenore voleva l’aria che nell’opera non ce n’aveva manco una, e vabbè, sai che famo?, damojela e vaffanculo. Er tenore se leva de mezzo, aritorna Butterfly e sgama finarmente che l’americano j’aveva dato du’ botte e via, e ce rimane tantissimo demmerda quanno vede ar posto de Pinkerton ‘na buciona su la porta scorevole de casa che sarebbe la vera moje de Pinkerton che era venuta a portajje via er fijo. Allora Butterfly dice “ve lo do volentieri, ma se lo deve veni’ a pija’ lui”. Entra er fijo che gioca sempre co’ le bandierine americane e la madre je fa “sei tu, sei tu, sei tu, sei tu, damme ‘no sguardo che nun m’arivedi più”. Finito ‘sto siparietto essa s’ammazza co’ la spada che ce s’era ammazzato pure su’ padre, ‘na tradizzione de famija, e quanno aritorna Pinkerton ciarimane piuttosto demmerda quanno trova Ciociosan compretamente sgricilata dentro ‘na pozza de sangue che er fijo ce poteva comodamente pure fa’ naviga’ le barchette de carta, questo perché Puccini a le donne je voleva un gran bene, se le scopava tutte ne la vita e l’ha sterminate tutte sur parcoscenico tranne la Lauretta dello Schicchi (de cui ve riparlerò) che comunque a lassalla fa’ se sarebbe ammazzata da sola. Sipario.

_________________
Dai un pesce ad un uomo
e mangerà per un giorno.
Insegna ad un uomo a pescare
e mangerà per tutta la vita.
Dai la religione ad un uomo
e morirà pregando per un pesce.
Minsky
Minsky
--------------
--------------

Maschio Numero di messaggi : 25801
Età : 68
Località : Codroipo
Occupazione/Hobby : ateo guerriero
SCALA DI DAWKINS :
A chi piace l'opera lirica? Left_bar_bleue70 / 7070 / 70A chi piace l'opera lirica? Right_bar_bleue

Data d'iscrizione : 06.10.11

Torna in alto Andare in basso

A chi piace l'opera lirica? Empty Re: A chi piace l'opera lirica?

Messaggio Da Justine Sab 10 Dic 2016 - 11:40

Mi ispira quasi a scrivere un vangelo personalizzato!

_________________
Smettetela di bistrattare e misinterpretare la Scienza per fingere di dare plausibilità alle vostre troiate
Grazie
Justine
Justine
----------
----------

Femmina Numero di messaggi : 15532
Occupazione/Hobby : Qui è l'una antenna
SCALA DI DAWKINS :
A chi piace l'opera lirica? Left_bar_bleue70 / 7070 / 70A chi piace l'opera lirica? Right_bar_bleue

Data d'iscrizione : 24.05.14

Torna in alto Andare in basso

A chi piace l'opera lirica? Empty Re: A chi piace l'opera lirica?

Messaggio Da marisella Dom 11 Dic 2016 - 21:10

Minsky ha scritto:A me no. Ma questo m'ha rovesciato! ahahahahahah

Quelle trame svelate ha scritto:La mignotta de cui ve parlo oggi non solo è giapponese, ma è pure minorenne, e se chiama Ciociosan. Mo’ quelli tra voi che so’ iti all’estero o hanno letto du’ libbri (e pure i soprani che ce sformano quanno devono fa’ le mignotte) te diranno che non è ‘na zoccola, è ‘na gheiscia. Dice, e che è ‘na gheiscia? ‘Mbè sarebbe una che mette l’omo a suo aggio, partecipa alle cene, sa fa’ quarche cosa, te fa li massaggi e alla fine te scopa pure, cioè non è che come la vedi allarga le gambe, ce sta tutta ‘na preparazzione. Come ‘na escort? Aaaah. ‘Na mignotta, appunto. Allora ce stava ‘sta mignotta minorenne che se l’era sposata Pinkerton, uno che mannaggia a Puccini fa ir marinaio e tocca vestillo de bianco pure se in vita sua s’è magnato tutto er magnabbile, ‘n americano sbarcato a Nagasaki che s’affitta ‘sta sorchetta e je compra pure ‘na casa, solo che lei ce crede e lui no. E difatti je lo dice pure er console suo “guarda che questa ce crede” e lui dice ‘mbè, saranno pure cazzi sua, a me che me frega, io tra ‘m po’ ariparto. Ariva Ciociosan che de nome de battaja se chiamava Butterfly co’ tutta la famija e l’amici sui, un branco de disadattati, e se sposeno, ma siccome essa era pure annata in chiesa visto che ce credeva e voleva diventa’ cattolica lo zio Bonzo ariva e je dice “”a zozza, c’hai traditi a tutti, annamosene” e tutti fanno uuuuuciociosan e la lasciano sola cor marinaio. ‘Sti due rimasti soli se mettono a pomicià, che lei cià tutti ‘sti ritmi giapponesi der cazzo che non s’ariva mai ar dunque e esso invece sta già in mutande che je lo vo’ infilà, e da ‘sto duetto dove essa guarda le stelle e esso se sta a fa’ la punta ar cazzo pure lo spettatore più imbecille capisce che va tutto a fini’ male. E difatti nell’atto doppo Butterfly sta da sola co’ la Suzuki, che non è na moto è ‘na cammeriera, e stanno a aspetta’ da tre anni er ritorno de Pinkerton. Seh, aspetta e spera, je dice er console americano che l’è venuta a trova’ pe’ dije che Pinkerton s’era sposato in america arivederci e grazie. Solo che Butterfly nun je lo fa’ di’ perché appena sgama che po’ esse che l’americano nun aritorna dice “‘mbè, m’ha scordata a mme, vedemo se se scorda su’ fijo” e je fa vede’ un regazzino bionno co’ li ricci. Giustamente er console je dice “ma sei sicura che è suo” perché dovrebbe avecce tre anni ma a occhio e croce ne dimostra sempre dodici, ma Butterfly je dice “‘mbè, è bionno, cià l’occhi azzuri, co chi l’ho fatto?” e la faccenna che sia sviluppatello se spiega facile: se la madre che a ‘sto punto dell’opera dovrebbe aveccene diciotto ne dimostra in genere cinquantasei, er fijo a tre ne po’ dimostra’ dodici, stacce. E insomma er console nun je dice un cazzo e se ne va, senonché Butterfly dice ahò, ma che ariva ‘na nave, famme vede, uuuuuh, aritorna, riempimo la casa de fiori e aspettamolo che mo’ vie’ su. Se pittano, s’assestano, se mettono a aspetta’ e alla fine s’abbioccano assieme ar pubblico che già dormiva pacifico da quanno erano’ ite a coje li fiori. Ner terzo atto, mentre Butterfly è annata a piscia’ ariva Pinkerton e canta ‘n aria dove dice “nu je la posso fa’” che pe ‘mme nun c’entra un cazzo e se poteva taja’ ma dev’esse successo che er tenore voleva l’aria che nell’opera non ce n’aveva manco una, e vabbè, sai che famo?, damojela e vaffanculo. Er tenore se leva de mezzo, aritorna Butterfly e sgama finarmente che l’americano j’aveva dato du’ botte e via, e ce rimane tantissimo demmerda quanno vede ar posto de Pinkerton ‘na buciona su la porta scorevole de casa che sarebbe la vera moje de Pinkerton che era venuta a portajje via er fijo. Allora Butterfly dice “ve lo do volentieri, ma se lo deve veni’ a pija’ lui”. Entra er fijo che gioca sempre co’ le bandierine americane e la madre je fa “sei tu, sei tu, sei tu, sei tu, damme ‘no sguardo che nun m’arivedi più”. Finito ‘sto siparietto essa s’ammazza co’ la spada che ce s’era ammazzato pure su’ padre, ‘na tradizzione de famija, e quanno aritorna Pinkerton ciarimane piuttosto demmerda quanno trova Ciociosan compretamente sgricilata dentro ‘na pozza de sangue che er fijo ce poteva comodamente pure fa’ naviga’ le barchette de carta, questo perché Puccini a le donne je voleva un gran bene, se le scopava tutte ne la vita e l’ha sterminate tutte sur parcoscenico tranne la Lauretta dello Schicchi (de cui ve riparlerò) che comunque a lassalla fa’ se sarebbe ammazzata da sola. Sipario.
Ennesima versione di Didone che implora Enea, l'infelix Dido la chiamò Marlowe, infatti durante gli imenei nymphae ulularunt. No,neanche a me la musica lirica piace.
marisella
marisella
---------------------
---------------------

Maschio Numero di messaggi : 2493
Età : 42
Località : sasso marconi
Occupazione/Hobby : musica
SCALA DI DAWKINS :
A chi piace l'opera lirica? Left_bar_bleue70 / 7070 / 70A chi piace l'opera lirica? Right_bar_bleue

Data d'iscrizione : 24.05.16

Torna in alto Andare in basso

A chi piace l'opera lirica? Empty Re: A chi piace l'opera lirica?

Messaggio Da SETH OTH Lun 12 Dic 2016 - 0:21

Però l'infelix Dildo...
SETH OTH
SETH OTH
-----------
-----------

Maschio Numero di messaggi : 1052
Età : 32
SCALA DI DAWKINS :
A chi piace l'opera lirica? Left_bar_bleue0 / 700 / 70A chi piace l'opera lirica? Right_bar_bleue

Data d'iscrizione : 17.06.16

Torna in alto Andare in basso

A chi piace l'opera lirica? Empty Re: A chi piace l'opera lirica?

Messaggio Da Antonio.Maldiminchia Mar 19 Mar 2019 - 17:01

minchia questo è l'unico thread in tutto il forum che sono riuscito a trovare in cui si accenna alla musica cosiddetta impropriamente classica (il melodramma e l'opera lirica in genere ne è solo una minima parte). Uè raga state proprio inguaiati, sapevatelo ahahahahahah asd1

pure qui dentro andate tutti in visibilio e vi fate le pugnette con le solite schiffezze "leggere" (se va bene) e pop-commerciali? ma che campate a fare se come minimo non conoscete le sinfonie di Bruckner e di Mahler!  ahahahahahah

_________________
"Non c'è nessuna giustificazione rigorosa della matematica classica" (J. von Neumann in una lettera a Kurt Goedel del 29 novembre 1930)

io so(no) asd1 , dunque bestemmio (tutto il resto è secondario)
Antonio.Maldiminchia
Antonio.Maldiminchia
-------------
-------------

Maschio Numero di messaggi : 158
Occupazione/Hobby : chitarraro classico, interessi musicologici, interessi logici e logico/matematici, interessi scientifici, la politica, il calcio, le donne, la carbonara e le bistecche giganti :D :D
SCALA DI DAWKINS :
A chi piace l'opera lirica? Left_bar_bleue0 / 700 / 70A chi piace l'opera lirica? Right_bar_bleue

Data d'iscrizione : 10.03.19

Torna in alto Andare in basso

A chi piace l'opera lirica? Empty Re: A chi piace l'opera lirica?

Messaggio Da Rasputin Mar 19 Mar 2019 - 18:31

Antonio Malteista ha scritto:minchia questo è l'unico thread in tutto il forum che sono riuscito a trovare in cui si accenna alla musica cosiddetta impropriamente classica (il melodramma e l'opera lirica in genere ne è solo una minima parte). Uè raga state proprio inguaiati, sapevatelo ahahahahahah asd1

pure qui dentro andate tutti in visibilio e vi fate le pugnette con le solite schiffezze "leggere" (se va bene) e pop-commerciali? ma che campate a fare se come minimo non conoscete le sinfonie di Bruckner e di Mahler!  ahahahahahah

Ma allora oltre che stronzo (e entrato qui solo per rompere i coglioni dopo essere stato buttato fuori dal resto dei siti in rete) sei pure cieco proprio, siamo in un'intera sezione culturale dedicata dove l'argomento che non trovi lo puoi aprire tu wall2


_________________
You think normal people just wake up one morning and decide they're going to work in a prison? They're perverts, every last one of them. (Vanessa)

A chi piace l'opera lirica? Merini10- A chi piace l'opera lirica? Rusp_c10

Rasputin
Rasputin
..............
..............

Maschio Numero di messaggi : 59303
Età : 62
Località : Augusta vindelicorum
Occupazione/Hobby : On the run
SCALA DI DAWKINS :
A chi piace l'opera lirica? Left_bar_bleue70 / 7070 / 70A chi piace l'opera lirica? Right_bar_bleue

Data d'iscrizione : 28.10.09

Torna in alto Andare in basso

A chi piace l'opera lirica? Empty Re: A chi piace l'opera lirica?

Messaggio Da marisella Mar 19 Mar 2019 - 19:53

Antonio Malteista ha scritto:minchia questo è l'unico thread in tutto il forum che sono riuscito a trovare in cui si accenna alla musica cosiddetta impropriamente classica (il melodramma e l'opera lirica in genere ne è solo una minima parte). Uè raga state proprio inguaiati, sapevatelo ahahahahahah asd1

pure qui dentro andate tutti in visibilio e vi fate le pugnette con le solite schiffezze "leggere" (se va bene) e pop-commerciali? ma che campate a fare se come minimo non conoscete le sinfonie di Bruckner e di Mahler!  ahahahahahah
Aoh!, Tu a me non mi offendi, hai capito? Vengo io là dove stai, ti appiccico al muro e io una pugnetta te la do nell'occhio, e pure nell'altro, ma con chi ti credi di stare a parlare? Starai messo male tu.  Sappi che io avevo 5 anni, mio fratello 3, e nostro padre ci comprò un pianoforte e ci inchiodò ad esso con relativo maestro di musica, di Mahler so pure i pettegolezzi, con chi era sposato, e che andò da Freud che lo cacciò perchè aveva il complesso edipico, ma starai messo male tu, e va'. Fatti una camomilla...o una pugnetta a piacere... E che palle...
marisella
marisella
---------------------
---------------------

Maschio Numero di messaggi : 2493
Età : 42
Località : sasso marconi
Occupazione/Hobby : musica
SCALA DI DAWKINS :
A chi piace l'opera lirica? Left_bar_bleue70 / 7070 / 70A chi piace l'opera lirica? Right_bar_bleue

Data d'iscrizione : 24.05.16

Torna in alto Andare in basso

A chi piace l'opera lirica? Empty Re: A chi piace l'opera lirica?

Messaggio Da Rasputin Mar 19 Mar 2019 - 20:40

marisella ha scritto:
Antonio Malteista ha scritto:minchia questo è l'unico thread in tutto il forum che sono riuscito a trovare in cui si accenna alla musica cosiddetta impropriamente classica (il melodramma e l'opera lirica in genere ne è solo una minima parte). Uè raga state proprio inguaiati, sapevatelo ahahahahahah asd1

pure qui dentro andate tutti in visibilio e vi fate le pugnette con le solite schiffezze "leggere" (se va bene) e pop-commerciali? ma che campate a fare se come minimo non conoscete le sinfonie di Bruckner e di Mahler!  ahahahahahah
Aoh!, Tu a me non mi offendi, hai capito? Vengo io là dove stai, ti appiccico al muro e io una pugnetta te la do nell'occhio, e pure nell'altro, ma con chi ti credi di stare a parlare? Starai messo male tu.  Sappi che io avevo 5 anni, mio fratello 3, e nostro padre ci comprò un pianoforte e ci inchiodò ad esso con relativo maestro di musica, di Mahler so pure i pettegolezzi, con chi era sposato, e che andò da Freud che lo cacciò perchè aveva il complesso edipico, ma starai messo male tu, e va'. Fatti una camomilla...o una pugnetta a piacere... E che palle...

Eh...lo "sapevamolo" (rara forma di imperativo imperfetto, possino arrivisse!) ahahahahahah

_________________
You think normal people just wake up one morning and decide they're going to work in a prison? They're perverts, every last one of them. (Vanessa)

A chi piace l'opera lirica? Merini10- A chi piace l'opera lirica? Rusp_c10

Rasputin
Rasputin
..............
..............

Maschio Numero di messaggi : 59303
Età : 62
Località : Augusta vindelicorum
Occupazione/Hobby : On the run
SCALA DI DAWKINS :
A chi piace l'opera lirica? Left_bar_bleue70 / 7070 / 70A chi piace l'opera lirica? Right_bar_bleue

Data d'iscrizione : 28.10.09

Torna in alto Andare in basso

A chi piace l'opera lirica? Empty Re: A chi piace l'opera lirica?

Messaggio Da Antonio.Maldiminchia Mar 19 Mar 2019 - 20:42

marisella ha scritto:
Antonio Malteista ha scritto:minchia questo è l'unico thread in tutto il forum che sono riuscito a trovare in cui si accenna alla musica cosiddetta impropriamente classica (il melodramma e l'opera lirica in genere ne è solo una minima parte). Uè raga state proprio inguaiati, sapevatelo ahahahahahah asd1

pure qui dentro andate tutti in visibilio e vi fate le pugnette con le solite schiffezze "leggere" (se va bene) e pop-commerciali? ma che campate a fare se come minimo non conoscete le sinfonie di Bruckner e di Mahler!  ahahahahahah
Aoh!, Tu a me non mi offendi, hai capito? Vengo io là dove stai, ti appiccico al muro e io una pugnetta te la do nell'occhio, e pure nell'altro, ma con chi ti credi di stare a parlare? Starai messo male tu.  Sappi che io avevo 5 anni, mio fratello 3, e nostro padre ci comprò un pianoforte e ci inchiodò ad esso con relativo maestro di musica, di Mahler so pure i pettegolezzi, con chi era sposato, e che andò da Freud che lo cacciò perchè aveva il complesso edipico, ma starai messo male tu, e va'. Fatti una camomilla...o una pugnetta a piacere... E che palle...

ma quali offese ma rilassati, ma non lo vedi che ho scritto in tono sarcastico? eeeeeeek facepal

dato che a quanto pare Mahler piace anche a te (complimenti, buongustaia! bridiamo ) adesso mi ascolto quello che è considerato l'andante sinfonico più bello di tutta la storia della musica (dalla Sinfonia n.6), naturalmente nell'edizione di riferimento Berliner/Karajan:




 
*-* *-* *-* *-* *-*

_________________
"Non c'è nessuna giustificazione rigorosa della matematica classica" (J. von Neumann in una lettera a Kurt Goedel del 29 novembre 1930)

io so(no) asd1 , dunque bestemmio (tutto il resto è secondario)
Antonio.Maldiminchia
Antonio.Maldiminchia
-------------
-------------

Maschio Numero di messaggi : 158
Occupazione/Hobby : chitarraro classico, interessi musicologici, interessi logici e logico/matematici, interessi scientifici, la politica, il calcio, le donne, la carbonara e le bistecche giganti :D :D
SCALA DI DAWKINS :
A chi piace l'opera lirica? Left_bar_bleue0 / 700 / 70A chi piace l'opera lirica? Right_bar_bleue

Data d'iscrizione : 10.03.19

Torna in alto Andare in basso

A chi piace l'opera lirica? Empty Re: A chi piace l'opera lirica?

Messaggio Da Antonio.Maldiminchia Mar 19 Mar 2019 - 20:52

Rasputin ha scritto:
Antonio Malteista ha scritto:minchia questo è l'unico thread in tutto il forum che sono riuscito a trovare in cui si accenna alla musica cosiddetta impropriamente classica (il melodramma e l'opera lirica in genere ne è solo una minima parte). Uè raga state proprio inguaiati, sapevatelo ahahahahahah asd1

pure qui dentro andate tutti in visibilio e vi fate le pugnette con le solite schiffezze "leggere" (se va bene) e pop-commerciali? ma che campate a fare se come minimo non conoscete le sinfonie di Bruckner e di Mahler!  ahahahahahah

Ma allora oltre che stronzo (e entrato qui solo per rompere i coglioni dopo essere stato buttato fuori dal resto dei siti in rete) sei pure cieco proprio, siamo in un'intera sezione culturale dedicata dove l'argomento che non trovi lo puoi aprire tu  wall2


ma smettila ma non lo vedi pure te che ho scritto in tono sarcastico (ci dovresti essere abituato)? ahahahahahah la mia meraviglia era dovuta al fatto che da quello che ho capito questo forum esiste da svariati anni, e non trovare nemmeno una discussione sulla musica d'arte aperta in tutti questi anni in un luogo come questo che dovrebbe essere frequentato da persone mediamente istruite (per essere atei o agnostici bisogna essere di solito mediamente istruiti) mi pareva parecchio strano crying

_________________
"Non c'è nessuna giustificazione rigorosa della matematica classica" (J. von Neumann in una lettera a Kurt Goedel del 29 novembre 1930)

io so(no) asd1 , dunque bestemmio (tutto il resto è secondario)
Antonio.Maldiminchia
Antonio.Maldiminchia
-------------
-------------

Maschio Numero di messaggi : 158
Occupazione/Hobby : chitarraro classico, interessi musicologici, interessi logici e logico/matematici, interessi scientifici, la politica, il calcio, le donne, la carbonara e le bistecche giganti :D :D
SCALA DI DAWKINS :
A chi piace l'opera lirica? Left_bar_bleue0 / 700 / 70A chi piace l'opera lirica? Right_bar_bleue

Data d'iscrizione : 10.03.19

Torna in alto Andare in basso

A chi piace l'opera lirica? Empty Re: A chi piace l'opera lirica?

Messaggio Da Rasputin Mar 19 Mar 2019 - 21:08

Antonio Malteista ha scritto:
ma smettila ma non lo vedi pure te che ho scritto in tono sarcastico (ci dovresti essere abituato)? ahahahahahah la mia meraviglia era dovuta al fatto che da quello che ho capito questo forum esiste da svariati anni, e non trovare nemmeno una discussione sulla musica d'arte aperta in tutti questi anni in un luogo come questo che dovrebbe essere frequentato da persone mediamente istruite (per essere atei o agnostici bisogna essere di solito mediamente istruiti) mi pareva parecchio strano crying

Infatti per una volta hai scritto giusto: non l'hai trovata, non significa che non ci sia (occhio, nemmeno significha che esiste/non esiste/salcazz)

_________________
You think normal people just wake up one morning and decide they're going to work in a prison? They're perverts, every last one of them. (Vanessa)

A chi piace l'opera lirica? Merini10- A chi piace l'opera lirica? Rusp_c10

Rasputin
Rasputin
..............
..............

Maschio Numero di messaggi : 59303
Età : 62
Località : Augusta vindelicorum
Occupazione/Hobby : On the run
SCALA DI DAWKINS :
A chi piace l'opera lirica? Left_bar_bleue70 / 7070 / 70A chi piace l'opera lirica? Right_bar_bleue

Data d'iscrizione : 28.10.09

Torna in alto Andare in basso

A chi piace l'opera lirica? Empty Re: A chi piace l'opera lirica?

Messaggio Da Antonio.Maldiminchia Mar 19 Mar 2019 - 21:21

Rasputin ha scritto:
Antonio Malteista ha scritto:
ma smettila ma non lo vedi pure te che ho scritto in tono sarcastico (ci dovresti essere abituato)? ahahahahahah la mia meraviglia era dovuta al fatto che da quello che ho capito questo forum esiste da svariati anni, e non trovare nemmeno una discussione sulla musica d'arte aperta in tutti questi anni in un luogo come questo che dovrebbe essere frequentato da persone mediamente istruite (per essere atei o agnostici bisogna essere di solito mediamente istruiti) mi pareva parecchio strano crying

Infatti per una volta hai scritto giusto: non l'hai trovata, non significa che non ci sia (occhio, nemmeno significha che esiste/non esiste/salcazz)


ho usato la funzione di ricerca del forum usando come chiavi di ricerca "musica classica", esce scritto "nessun risultato" crying crying crying crying crying

_________________
"Non c'è nessuna giustificazione rigorosa della matematica classica" (J. von Neumann in una lettera a Kurt Goedel del 29 novembre 1930)

io so(no) asd1 , dunque bestemmio (tutto il resto è secondario)
Antonio.Maldiminchia
Antonio.Maldiminchia
-------------
-------------

Maschio Numero di messaggi : 158
Occupazione/Hobby : chitarraro classico, interessi musicologici, interessi logici e logico/matematici, interessi scientifici, la politica, il calcio, le donne, la carbonara e le bistecche giganti :D :D
SCALA DI DAWKINS :
A chi piace l'opera lirica? Left_bar_bleue0 / 700 / 70A chi piace l'opera lirica? Right_bar_bleue

Data d'iscrizione : 10.03.19

Torna in alto Andare in basso

A chi piace l'opera lirica? Empty Re: A chi piace l'opera lirica?

Messaggio Da Minsky Mar 19 Mar 2019 - 21:41

Antonio Malteista ha scritto:
Rasputin ha scritto:
Antonio Malteista ha scritto:
ma smettila ma non lo vedi pure te che ho scritto in tono sarcastico (ci dovresti essere abituato)? ahahahahahah la mia meraviglia era dovuta al fatto che da quello che ho capito questo forum esiste da svariati anni, e non trovare nemmeno una discussione sulla musica d'arte aperta in tutti questi anni in un luogo come questo che dovrebbe essere frequentato da persone mediamente istruite (per essere atei o agnostici bisogna essere di solito mediamente istruiti) mi pareva parecchio strano crying

Infatti per una volta hai scritto giusto: non l'hai trovata, non significa che non ci sia (occhio, nemmeno significha che esiste/non esiste/salcazz)


ho usato la funzione di ricerca del forum usando come chiavi di ricerca "musica classica", esce scritto "nessun risultato" crying crying crying crying crying

https://atei.forumattivo.com/t5729p10-musica-inascoltabile-o-incomprensibile

https://atei.forumattivo.com/t1026-il-thread-dell-hifi

https://atei.forumattivo.com/t4776-esiste-un-genere-musicale-migliore-di-un-altro

https://atei.forumattivo.com/t2281-bossa-nova-e-dialetti-musicali-renus

https://atei.forumattivo.com/t495-le-note-musicali

https://atei.forumattivo.com/t7036-vaporwave

_________________
Dai un pesce ad un uomo
e mangerà per un giorno.
Insegna ad un uomo a pescare
e mangerà per tutta la vita.
Dai la religione ad un uomo
e morirà pregando per un pesce.
Minsky
Minsky
--------------
--------------

Maschio Numero di messaggi : 25801
Età : 68
Località : Codroipo
Occupazione/Hobby : ateo guerriero
SCALA DI DAWKINS :
A chi piace l'opera lirica? Left_bar_bleue70 / 7070 / 70A chi piace l'opera lirica? Right_bar_bleue

Data d'iscrizione : 06.10.11

Torna in alto Andare in basso

A chi piace l'opera lirica? Empty Re: A chi piace l'opera lirica?

Messaggio Da Antonio.Maldiminchia Mar 19 Mar 2019 - 21:57

Minsky ha scritto:
Antonio Malteista ha scritto:
Rasputin ha scritto:
Antonio Malteista ha scritto:
ma smettila ma non lo vedi pure te che ho scritto in tono sarcastico (ci dovresti essere abituato)? ahahahahahah la mia meraviglia era dovuta al fatto che da quello che ho capito questo forum esiste da svariati anni, e non trovare nemmeno una discussione sulla musica d'arte aperta in tutti questi anni in un luogo come questo che dovrebbe essere frequentato da persone mediamente istruite (per essere atei o agnostici bisogna essere di solito mediamente istruiti) mi pareva parecchio strano crying

Infatti per una volta hai scritto giusto: non l'hai trovata, non significa che non ci sia (occhio, nemmeno significha che esiste/non esiste/salcazz)


ho usato la funzione di ricerca del forum usando come chiavi di ricerca "musica classica", esce scritto "nessun risultato" crying crying crying crying crying

https://atei.forumattivo.com/t5729p10-musica-inascoltabile-o-incomprensibile

https://atei.forumattivo.com/t1026-il-thread-dell-hifi

https://atei.forumattivo.com/t4776-esiste-un-genere-musicale-migliore-di-un-altro

https://atei.forumattivo.com/t2281-bossa-nova-e-dialetti-musicali-renus

https://atei.forumattivo.com/t495-le-note-musicali

https://atei.forumattivo.com/t7036-vaporwave

tenkiù mgreen

_________________
"Non c'è nessuna giustificazione rigorosa della matematica classica" (J. von Neumann in una lettera a Kurt Goedel del 29 novembre 1930)

io so(no) asd1 , dunque bestemmio (tutto il resto è secondario)
Antonio.Maldiminchia
Antonio.Maldiminchia
-------------
-------------

Maschio Numero di messaggi : 158
Occupazione/Hobby : chitarraro classico, interessi musicologici, interessi logici e logico/matematici, interessi scientifici, la politica, il calcio, le donne, la carbonara e le bistecche giganti :D :D
SCALA DI DAWKINS :
A chi piace l'opera lirica? Left_bar_bleue0 / 700 / 70A chi piace l'opera lirica? Right_bar_bleue

Data d'iscrizione : 10.03.19

Torna in alto Andare in basso

A chi piace l'opera lirica? Empty Re: A chi piace l'opera lirica?

Messaggio Da The Pilot Mar 19 Mar 2019 - 23:05

marisella ha scritto:
Antonio Malteista ha scritto:minchia questo è l'unico thread in tutto il forum che sono riuscito a trovare in cui si accenna alla musica cosiddetta impropriamente classica (il melodramma e l'opera lirica in genere ne è solo una minima parte). Uè raga state proprio inguaiati, sapevatelo ahahahahahah asd1

pure qui dentro andate tutti in visibilio e vi fate le pugnette con le solite schiffezze "leggere" (se va bene) e pop-commerciali? ma che campate a fare se come minimo non conoscete le sinfonie di Bruckner e di Mahler!  ahahahahahah
Aoh!, Tu a me non mi offendi, hai capito? Vengo io là dove stai, ti appiccico al muro e io una pugnetta te la do nell'occhio, e pure nell'altro, ma con chi ti credi di stare a parlare? Starai messo male tu.  Sappi che io avevo 5 anni, mio fratello 3, e nostro padre ci comprò un pianoforte e ci inchiodò ad esso con relativo maestro di musica, di Mahler so pure i pettegolezzi, con chi era sposato, e che andò da Freud che lo cacciò perchè aveva il complesso edipico, ma starai messo male tu, e va'. Fatti una camomilla...o una pugnetta a piacere... E che palle...
Ma ti sei vendicata poi con qualche terribile concerto?

Mi ricordo di aver letto che in epoca sovietica Chačaturjan, Prokof'ev e Šostakovič erano stati criticati perchè la loro musica non poteva essere fischiettata dagli operai che andavano al lavoro, anche se la Danza delle spade invece la fischiettavano. (a me la Sinfonia di Leningrado non dispiace).
No, la musica lirica la trovo un pochino pesante e stancante.

_________________
Governo ladro, piove! (C. Teja, 1861)
The Pilot
The Pilot
-----------
-----------

Maschio Numero di messaggi : 1334
SCALA DI DAWKINS :
A chi piace l'opera lirica? Left_bar_bleue70 / 7070 / 70A chi piace l'opera lirica? Right_bar_bleue

Data d'iscrizione : 17.07.12

Torna in alto Andare in basso

A chi piace l'opera lirica? Empty Re: A chi piace l'opera lirica?

Messaggio Da Rasputin Mar 19 Mar 2019 - 23:59

a me l'unica musica che mi piace e si avvicina un po' alla lirica sono i carmina burana di Orff

_________________
You think normal people just wake up one morning and decide they're going to work in a prison? They're perverts, every last one of them. (Vanessa)

A chi piace l'opera lirica? Merini10- A chi piace l'opera lirica? Rusp_c10

Rasputin
Rasputin
..............
..............

Maschio Numero di messaggi : 59303
Età : 62
Località : Augusta vindelicorum
Occupazione/Hobby : On the run
SCALA DI DAWKINS :
A chi piace l'opera lirica? Left_bar_bleue70 / 7070 / 70A chi piace l'opera lirica? Right_bar_bleue

Data d'iscrizione : 28.10.09

Torna in alto Andare in basso

A chi piace l'opera lirica? Empty Re: A chi piace l'opera lirica?

Messaggio Da Antonio.Maldiminchia Mer 20 Mar 2019 - 1:55

la lirica in una certa misura risulta indigesta anche a parecchi addetti ai lavori (soprattutto gli strumentisti solisti o cameristici, ma anche in parte a quelli specializzati in repertorio sinfonico, anche se certamente molto di meno perchè buona parte di loro lavora contemporaneamente anche in orchestre che eseguono proprio repertorio lirico).

A me personalmente oggi non risulta particolarmente indigesta, anzi forse l'esatto contrario, ma non è stato sempre così ed è qualcosa che in ogni caso si acquisisce e ho acquisito sicuramente col passare del tempo (sono 18 anni che studio la chitarra e la musica in generale) e non vale mica solo per la lirica, vale per qualsiasi genere vocale e strumentale, solistico, cameristico o orchestrale, sacro o profano (aperta parentesi: la musica cosiddetta sacra è l'unica cosa che riesco a salvare quando parliamo delle religioni, purtroppo tocca ammettere che ci sono una marea di capolavori musicali assoluti di cui senza l'ispirazione religiosa di quei compositori oggi non potremmo godere). Per esempio mi ricordo nitidamente che quando iniziai a studiare 18 anni fa trovavo tutto ma proprio tutto di una noia mortale. Questa sensazione ce l'ho ancora oggi tale e quale e identica ad esempio relativamente ai recitativi secchi delle opere del Settecento, cioè duepallecosì che non finiscono mai. Però dopo 18 anni di studio subentrano (e li faccio subentrare con la forza mgreen ) a quel punto durante l'ascolto una serie di motivazioni che alla fine riescono a rendermi il tutto meno ostico: in sostanza la potrei chiamare passione, mista a un senso di dovere acquisito che da musicista avverto di dover assumere nei confronti della musica percui alla fine finisco il compito che mi ero prefissato e buonanotte (e oltretutto perchè nel caso si trattasse di opere che ancora non conosco o che non ho mai ascoltato a quel punto subentra anche la curiosità per vedere come va a finire nonostante l'eventuale e momentanea noia).

Ma comunque è un discorso veramente ristretto solamente ai recitativi secchi delle opere di quel periodo (le arie che seguono i recitativi invece le adoro). Tutti gli altri generi diversi dall'opera (o da forme affini) invece non mi creano alcun disagio, tranne forse certa produzione avanguardistica del Novecento fino ai giorni nostri (ma non tutta, il primo Novecento ad esempio lo digerisco quasi tutto senza alcun problema) ma qui è un discorso diverso perchè relativamennte all'ultimo secolo di musica d'arte appena trascorso e specie dalla metà del Novecento in poi ad essere diversi, anzi proprio agli antipodi, sono i parametri, il linguaggio, le logiche strettamente compositive, formali e strutturali delle composizioni e in alcuni casi proprio in totale negazione e in antitesi rispetto a quanto accaduto per lo meno nei due secoli precedenti e che per tutto quel tempo era stato dato per scontato, quindi a dover cambiare è evidentemente anche l'approccio personale verso questo "nuovo mondo" sonoro (altrimenti risulta veramente una noia mortale).

E poi stavo a scherzare ve l'ho detto sul pop e le musiche leggere (adoro i Queen ad esempio e molte altre cosine, benchè non ho tempo da dedicarci, ma se capita metto su volentieri una canzoncina). Mentre sulla musica strettamente commerciale cioè composta proprio per scopi commerciali solo in quel caso penso e penserò sempre tutto il male possibile perchè lì parliamo veramente di vere e proprie schifezze che non hanno niente a che fare con l'arte e oltretutto ha pure effetti sociali devastanti e perniciosi, basta andare in un qualunque bar centro commerciale o locale pubblico, da prodotto di massa come qualunque altro prodotto di massa non fanno altro che rincoglionire sostanzialmente la gente oltre a fare schifo proprio dal punto di vista musicale  vomito vomito vomito vomito

_________________
"Non c'è nessuna giustificazione rigorosa della matematica classica" (J. von Neumann in una lettera a Kurt Goedel del 29 novembre 1930)

io so(no) asd1 , dunque bestemmio (tutto il resto è secondario)
Antonio.Maldiminchia
Antonio.Maldiminchia
-------------
-------------

Maschio Numero di messaggi : 158
Occupazione/Hobby : chitarraro classico, interessi musicologici, interessi logici e logico/matematici, interessi scientifici, la politica, il calcio, le donne, la carbonara e le bistecche giganti :D :D
SCALA DI DAWKINS :
A chi piace l'opera lirica? Left_bar_bleue0 / 700 / 70A chi piace l'opera lirica? Right_bar_bleue

Data d'iscrizione : 10.03.19

Torna in alto Andare in basso

A chi piace l'opera lirica? Empty Re: A chi piace l'opera lirica?

Messaggio Da Rasputin Mer 20 Mar 2019 - 12:50

Finalmente uno spunto interessante (farò anche del sarcasmo ma non ci fare caso)

Allora, ritaglio quanto desidero commentare:

Antonio Malteista ha scritto:la lirica in una certa misura risulta indigesta anche a parecchi addetti ai lavori [...]

A me personalmente oggi non risulta particolarmente indigesta, anzi forse l'esatto contrario, ma non è stato sempre così ed è qualcosa che in ogni caso si acquisisce e ho acquisito sicuramente col passare del tempo (sono 18 anni che studio la chitarra e la musica in generale)[...]Per esempio mi ricordo nitidamente che quando iniziai a studiare 18 anni fa trovavo tutto ma proprio tutto di una noia mortale. Questa sensazione ce l'ho ancora oggi tale e quale e identica ad esempio relativamente ai recitativi secchi delle opere del Settecento, cioè duepallecosì che non finiscono mai. Però dopo 18 anni di studio subentrano (e li faccio subentrare con la forza mgreen ) a quel punto durante l'ascolto una serie di motivazioni che alla fine riescono a rendermi il tutto meno ostico:[...].

Pare un po' come pigliarlo in culo insomma, all'inizio fa male poi ci si abitua mgreen


Antonio Malteista ha scritto:Ma comunque è un discorso veramente ristretto solamente ai recitativi secchi delle opere di quel periodo (le arie che seguono i recitativi invece le adoro). Tutti gli altri generi diversi dall'opera (o da forme affini) invece non mi creano alcun disagio, tranne forse certa produzione avanguardistica del Novecento fino ai giorni nostri (ma non tutta, il primo Novecento ad esempio lo digerisco quasi tutto senza alcun problema) ma qui è un discorso diverso perchè relativamennte all'ultimo secolo di musica d'arte appena trascorso e specie dalla metà del Novecento in poi ad essere diversi, anzi proprio agli antipodi, sono i parametri, il linguaggio, le logiche strettamente compositive, formali e strutturali delle composizioni e in alcuni casi proprio in totale negazione e in antitesi rispetto a quanto accaduto per lo meno nei due secoli precedenti e che per tutto quel tempo era stato dato per scontato, quindi a dover cambiare è evidentemente anche l'approccio personale verso questo "nuovo mondo" sonoro (altrimenti risulta veramente una noia mortale).

Scherzi a parte, io sono il felice possessore di un impianto stereo con il costo del quale altri ci comprano l'auto usata, e di un 400CD di tutti i generi compresa la classica (NON lirica, proprio non ce la faccio), a metterlo insieme ci ho messo una quindicina d'anni - ne puoi seguire le ultime fasi di sviluppo da qui - ed ascolto volentieri appunto musica di (quasi) tutti i generi. Con un denominatore comune però: essa mi deve trasmettere un'immediata sensazione a me piacevole. Non sono del settore, non ho mai studiato musica e di un pentagramma capisco solo i punti, e se devo stare ad arzigogolare sui secchi (intesi come recipienti carneval ) del Settecento, parametri, linguaggio, le logiche strettamente compositive, formali e strutturali delle composizioni e supercazzole varie per farmela piacere lascio perdere...

Antonio Malteista ha scritto:E poi stavo a scherzare ve l'ho detto sul pop e le musiche leggere (adoro i Queen ad esempio e molte altre cosine, benchè non ho tempo da dedicarci, ma se capita metto su volentieri una canzoncina).

Non sei l'unico addetto ai lavori che usa questo tipo di "digestivi", a suo tempo nel gruppo di amici che frequentavo ce n'erano un paio ed anche loro "compensavano" cosí, perché diciamocelo, quella che masticano per lavoro è musica impegnativa, e alla lunga risulta pesante come una tenere una mucca in braccio.

Uno degli amici menzionati ha fatto strada, se vuoi in privato ti dico chi è e ti mostro anche qualcosina.

Antonio Malteista ha scritto:Mentre sulla musica strettamente commerciale cioè composta proprio per scopi commerciali solo in quel caso penso e penserò sempre tutto il male possibile perchè lì parliamo veramente di vere e proprie schifezze che non hanno niente a che fare con l'arte e oltretutto ha pure effetti sociali devastanti e perniciosi, basta andare in un qualunque bar centro commerciale o locale pubblico, da prodotto di massa come qualunque altro prodotto di massa non fanno altro che rincoglionire sostanzialmente la gente oltre a fare schifo proprio dal punto di vista musicale  vomito vomito vomito vomito

Qui concordo solo in parte: è vero che il termine "commerciale" suona di merda anche a me, ma per me contnua a valere il principio: mi trasmette sensazioni gradevoli? Se sí, può anche essere Britney Spears (infatti ho anche un CD suo) e me la ascolto.

Anche il "rincoglionire la gente" secondo me è soggettivo, a mio parere lo si può ottenere con qualsiasi tipo di musica se chi ascolta è propenso e/o incline a rincoglionirsi.


_________________
You think normal people just wake up one morning and decide they're going to work in a prison? They're perverts, every last one of them. (Vanessa)

A chi piace l'opera lirica? Merini10- A chi piace l'opera lirica? Rusp_c10

Rasputin
Rasputin
..............
..............

Maschio Numero di messaggi : 59303
Età : 62
Località : Augusta vindelicorum
Occupazione/Hobby : On the run
SCALA DI DAWKINS :
A chi piace l'opera lirica? Left_bar_bleue70 / 7070 / 70A chi piace l'opera lirica? Right_bar_bleue

Data d'iscrizione : 28.10.09

Torna in alto Andare in basso

A chi piace l'opera lirica? Empty Re: A chi piace l'opera lirica?

Messaggio Da Antonio.Maldiminchia Gio 21 Mar 2019 - 1:15

Pare un po' come pigliarlo in culo insomma, all'inizio fa male poi ci si abitua  mgreen

tutte le cose fatte seriamente implicano pigliarlo in culo, e mica una volta solamente ahahahahahah ahahahahahah ahahahahahah ahahahahahah ahahahahahah


  Scherzi a parte, io sono il felice possessore di un impianto stereo con il costo del quale altri ci comprano l'auto usata, e di un 400CD di tutti i generi compresa la classica (NON lirica, proprio non ce la faccio), a metterlo insieme ci ho messo una quindicina d'anni - ne puoi seguire le ultime fasi di sviluppo da qui - ed ascolto volentieri appunto musica di (quasi) tutti i generi. Con un denominatore comune però: essa mi deve trasmettere un'immediata sensazione a me piacevole. Non sono del settore, non ho mai studiato musica e di un pentagramma capisco solo i punti, e se devo stare ad arzigogolare sui secchi (intesi come recipienti  carneval ) del Settecento, parametri, linguaggio, le logiche strettamente compositive, formali e strutturali delle composizioni e supercazzole varie per farmela piacere lascio perdere...

ahahahah, nessuna supercazzola, mica ho scritto parole a vanvera. L'ascolto di musica d'arte non può fermarsi al solo aspetto viscerale (il puro piacere sui sensi), che è solo l'aspetto più superficiale della musica forte (come la chiama per esempio Quirino Principe). Ma implica necessariamente anche una prevalente componente intellettuale, perchè i compositori di musica d'arte sono dei veri e propri pittori dei suoni, artigiani dei suoni, architetti dei suoni. Le composizioni della musica d'arte (eccetto generi meno sofisticati) bisogna immaginarle come dei veri e propri edifici sonori i cui mattoni sono costituiti dai suoni (e nel Novecento questa concezione è allargata dapprima alle dissonanze, poi anche ai parametri stretti del suono, cioè altezza intensità e timbro, fino ad arrivare al paradosso dei rumori ed eventi sonoti affini). E da buoni artigiani dei suoni, non è che i compositori traducono il loro pensiero musicale sulla carta a casaccio: ma occorre una rigorosa organizzazione dei suoni, i quali vengono quindi organizzati a seconda della forma in cui si intende calarli (es. forma Sonata, Concerto, Quartetto, Trio, Sinfonia, Lied, Fantasia, Preludio, Fuga, Messa, Ricercare, Mottetto, Madrigale, ecc. ecc. ecc. anche se nel corso dei secoli ciascuna di queste forme ha subito profondi e notevoli mutamenti e trasformazioni, alcune delle quali strettamente legate l'una all'altra, e alcune di esse addirittura indicanti forme diverse a seconda del periodo di riferimento pur mantenendo lo stesso nome, ecc.), e soprattutto la cosa più importante il linguaggio che si intende adoperare per costruire l'edificio sonoro, cioè la grammatica (cioè tipologia delle scale da usare, degli intervalli da usare, l'uso più o meno libero delle dissonanze, tipologia del metro, delle indicazioni agogiche e di dinamica, ecc. ecc.). Ogni compositore, e sottolineo ogni singolo compositore di tutta la storia della musica, usa tutto questo insieme di strumenti compositivi in modo più o meno diverso l'uno dall'altro, ed è fondamentale! perchè è esattamente il modo in cui questi strumenti vengono usati nel loro insieme che concorre alla formazione della più importante caratteristica che contraddistingue ogni compositore degno di essere chiamato tale: e cioè la formazione del proprio personale e inconfondibile stile personale. Lo stile è esattamente ciò che ci permette di distinguere la musica di Chopin da quella di Bach, da quella di Beethoven e da quella di Wagner. Ciascuno di loro ha un suo personale ed inconfondibile idioma musicale (che molto spesso permette di riconoscere la paternità di un brano anche se non si sa di chi è, talmente è inconfondibile quello stile) che deriva dalle proprie personali concezioni anche intellettualistiche sul materiale sonoro, concezioni che sono sempre influenzate anche da altri fattori per niente secondari, come il contesto storico, culturale, artistico, sociale e anche politico in cui si trova ad operare il compositore.

Insomma come vedi di carne al fuoco ce n'è tanta, non basterebbero probabilmente chissà quante vite per studiare a fondo ciascun compositore di tutta la storia della musica talmente sono molteplici i fattori da tenere in considerazione per un ascolto consapevole, ed è l'insieme di tutti questi fattori il motivo principale percui ripeto, o almeno io personalmente, ritengo di andare avanti anche nel caso in cui un particolare lavoro dovesse visceralmente (cioè superficialmente) apparirmi noioso: la musica non si giudica solo così, esistono diversi piani e livelli di ascolto, e quello viscerale ripeto è solo il piano più basso e superficiale (benchè non trascurabile eh intendiamoci). Non è che puoi giudicare le poesie di Dante o Leopardi solo visceralmente... sennò si rischia letteralmente di pigliare fischi per fiaschi. Ma vabbè capisco anche che chi non è addetto ai lavori non abbia il tempo di indagare tutti questi aspetti e approfondirli: non è un problema e capisco benissimo, tenevo solo a sottolineare che l'uso di certi termini non è supercazzola, ma è obbligatorio per riferirsi a certi aspetti della musica d'arte. Non è che posso sostituire la parola "contrappunto" con un'altra più accessibile, il contrappunto è il contrappunto, la forma Sonata è la forma Sonata, i parametri del suono sono i parametri del suono, cioè non c'è verso di usare altre parole ahahahahahah ahahahahahah ahahahahahah ahahahahahah ahahahahahahè il lessico dei musicisti, mica flatus vocis  mgreen hysterical

 
Non sei l'unico addetto ai lavori che usa questo tipo di "digestivi", a suo tempo nel gruppo di amici che frequentavo ce n'erano un paio ed anche loro "compensavano" cosí, perché diciamocelo, quella che masticano per lavoro è musica impegnativa, e alla lunga risulta pesante come una tenere una mucca in braccio.

Uno degli amici menzionati ha fatto strada, se vuoi in privato ti dico chi è e ti mostro anche qualcosina.

certamente scrivimi pure ok 

Qui concordo solo in parte: è vero che il termine "commerciale" suona di merda anche a me, ma per me contnua a valere il principio: mi trasmette sensazioni gradevoli? Se sí, può anche essere Britney Spears (infatti ho anche un CD suo) e me la ascolto.


vabbè ma con questo principio allora per esempio non potrai sicuramente mai godere di musica dodecafonica o seriale, o cosiddetta musica concreta, o aleatoria, ecc. non va bene! ti precludi interi universi d'ascolto solo perchè non ti provoca "piacere" ahahahahahah ma dai ma quante storie ma falla finita e usa quelle orecchie come si deve! e poi ti assicuro che quando parli di piacere "immediato" quello è un piacere fuggevole, il vero piacere è quello che deriva da una serie di ascolti consapevoli, e più si tenta di capire e si comprende quello che ha fatto il compositore più quella composizione ti risulterà piacevole, fidati! non sai che ti perdi! assurdo assurdo assurdo assurdo assurdo


Anche il "rincoglionire la gente" secondo me è soggettivo, a mio parere lo si può ottenere con qualsiasi tipo di musica se chi ascolta è propenso e/o incline a rincoglionirsi.

certo, pensa che gli antichi greci vietavano esplicitamente alcuni particolari tipi di armonie (non ha niente a che vedere col concetto di armonia che si intende oggi però, cioè la scienza che studia la concatenazione degli accordi) perchè pensavano che influissero e indebolissero l'animo umano, un po' come una droga (in effetti la musica è una specia di droga). Ma questo comunque per me che sono un musicista da quasi 20 anni non può giustificare la presenza in qualunque luogo della vita pubblica di un Paese di una quantità incommensurabile di schifezze ovunque ti giri e ti guardi. Così la gente si rincretinisce, non va bene, e se provi a chiedere al primo che ti capita poi di dirti chi è per lui la massima espressione musicale e quello ti risponde (dico a caso) Tiziano Ferro o che ne so Ligabue cioè questo per me significa niente altro che rincretinire le persone, perchè se sentono solo quello è ovvio che per loro la musica è quella e solo quella. E passino i locali pubblici le piazze i ristoranti i centri commerciali ecc. ma per esempio che questa cosa accada pure in televisione durante tutte le ore della giornata che contano allora capisci che stiamo proprio inguaiati (in tv puoi sentire musica classica solo su canali specialistici). Questo intendo per rincoglionimento, mica altro... crying

_________________
"Non c'è nessuna giustificazione rigorosa della matematica classica" (J. von Neumann in una lettera a Kurt Goedel del 29 novembre 1930)

io so(no) asd1 , dunque bestemmio (tutto il resto è secondario)
Antonio.Maldiminchia
Antonio.Maldiminchia
-------------
-------------

Maschio Numero di messaggi : 158
Occupazione/Hobby : chitarraro classico, interessi musicologici, interessi logici e logico/matematici, interessi scientifici, la politica, il calcio, le donne, la carbonara e le bistecche giganti :D :D
SCALA DI DAWKINS :
A chi piace l'opera lirica? Left_bar_bleue0 / 700 / 70A chi piace l'opera lirica? Right_bar_bleue

Data d'iscrizione : 10.03.19

Torna in alto Andare in basso

A chi piace l'opera lirica? Empty Re: A chi piace l'opera lirica?

Messaggio Da Rasputin Gio 21 Mar 2019 - 15:35

Antonio Malteista ha scritto:
tutte le cose fatte seriamente implicano pigliarlo in culo, e mica una volta solamente ahahahahahah ahahahahahah ahahahahahah ahahahahahah ahahahahahah

Dissento energicamente, che per ottenere dei risultati occorra lavorarci è pacifico, ma non necessariamente tali sforzi sono spiacevoli. Ad esempio io sono un appassionato sportivo, mi alleno quotidianamente e faccio anche fatica, ma la porzione (soggettiva mia, ovvio) di divertimento, soddisfazione e appagamento è notevole e predominante rispetto a quella di fatica e sofferenza.


Antonio Malteista ha scritto:
ahahahah, nessuna supercazzola, mica ho scritto parole a vanvera. L'ascolto di musica d'arte non può fermarsi al solo aspetto viscerale (il puro piacere sui sensi), che è solo l'aspetto più superficiale della musica forte (come la chiama per esempio Quirino Principe). Ma implica necessariamente anche una prevalente componente intellettuale, perchè i compositori di musica d'arte sono dei veri e propri pittori dei suoni, artigiani dei suoni, architetti dei suoni. Le composizioni della musica d'arte (eccetto generi meno sofisticati) bisogna immaginarle come dei veri e propri edifici sonori i cui mattoni sono costituiti dai suoni (e nel Novecento questa concezione è allargata dapprima alle dissonanze, poi anche ai parametri stretti del suono, cioè altezza intensità e timbro, fino ad arrivare al paradosso dei rumori ed eventi sonoti affini). E da buoni artigiani dei suoni, non è che i compositori traducono il loro pensiero musicale sulla carta a casaccio: ma occorre una rigorosa organizzazione dei suoni, i quali vengono quindi organizzati a seconda della forma in cui si intende calarli (es. forma Sonata, Concerto, Quartetto, Trio, Sinfonia, Lied, Fantasia, Preludio, Fuga, Messa, Ricercare, Mottetto, Madrigale, ecc. ecc. ecc. anche se nel corso dei secoli ciascuna di queste forme ha subito profondi e notevoli mutamenti e trasformazioni, alcune delle quali strettamente legate l'una all'altra, e alcune di esse addirittura indicanti forme diverse a seconda del periodo di riferimento pur mantenendo lo stesso nome, ecc.), e soprattutto la cosa più importante il linguaggio che si intende adoperare per costruire l'edificio sonoro, cioè la grammatica (cioè tipologia delle scale da usare, degli intervalli da usare, l'uso più o meno libero delle dissonanze, tipologia del metro, delle indicazioni agogiche e di dinamica, ecc. ecc.). Ogni compositore, e sottolineo ogni singolo compositore di tutta la storia della musica, usa tutto questo insieme di strumenti compositivi in modo più o meno diverso l'uno dall'altro, ed è fondamentale! perchè è esattamente il modo in cui questi strumenti vengono usati nel loro insieme che concorre alla formazione della più importante caratteristica che contraddistingue ogni compositore degno di essere chiamato tale: e cioè la formazione del proprio personale e inconfondibile stile personale.

Non ne dubito minimamente, ma si tratta sempre di valori soggettivi: se da un lato sono disposto a mesi di allenamenti ad es. in piscina per migliorare la mia media sulla distanza di un paio di secondi / 100 metri, non sono disposto a farmi venire una testa come uno Zeppelin per ascoltare e capire della musica, bensí scelgo quella che mi da delle sensazioni immediate.

Antonio Malteista ha scritto:Lo stile è esattamente ciò che ci permette di distinguere la musica di Chopin da quella di Bach, da quella di Beethoven e da quella di Wagner. Ciascuno di loro ha un suo personale ed inconfondibile idioma musicale (che molto spesso permette di riconoscere la paternità di un brano anche se non si sa di chi è, talmente è inconfondibile quello stile) che deriva dalle proprie personali concezioni anche intellettualistiche sul materiale sonoro, concezioni che sono sempre influenzate anche da altri fattori per niente secondari, come il contesto storico, culturale, artistico, sociale e anche politico in cui si trova ad operare il compositore.

Insomma come vedi di carne al fuoco ce n'è tanta, non basterebbero probabilmente chissà quante vite per studiare a fondo ciascun compositore di tutta la storia della musica talmente sono molteplici i fattori da tenere in considerazione per un ascolto consapevole, ed è l'insieme di tutti questi fattori il motivo principale percui ripeto, o almeno io personalmente, ritengo di andare avanti anche nel caso in cui un particolare lavoro dovesse visceralmente (cioè superficialmente) apparirmi noioso: la musica non si giudica solo così, esistono diversi piani e livelli di ascolto, e quello viscerale ripeto è solo il piano più basso e superficiale (benchè non trascurabile eh intendiamoci). Non è che puoi giudicare le poesie di Dante o Leopardi solo visceralmente... sennò si rischia letteralmente di pigliare fischi per fiaschi. Ma vabbè capisco anche che chi non è addetto ai lavori non abbia il tempo di indagare tutti questi aspetti e approfondirli: non è un problema e capisco benissimo, tenevo solo a sottolineare che l'uso di certi termini non è supercazzola, ma è obbligatorio per riferirsi a certi aspetti della musica d'arte.

Ovviamente scherzavo, non metto in dubbio la tua proprietà di linguaggio quando si parla della materia di tua competenza; però ti dico una cosa, io potrei scrivere quanto hai scritto tu ed altrettanto tecnicamente su sport e metodologie di allenamento; ma sono anche in grado di farmi capire dal profano che di sport non sa nulla (e spesso devo farlo, visto che alleno altra gente, do lezioni di nuoto ecc).

Antonio Malteista ha scritto:Non è che posso sostituire la parola "contrappunto" con un'altra più accessibile, il contrappunto è il contrappunto, la forma Sonata è la forma Sonata, i parametri del suono sono i parametri del suono, cioè non c'è verso di usare altre parole ahahahahahah ahahahahahah ahahahahahah ahahahahahah ahahahahahahè il lessico dei musicisti, mica flatus vocis  mgreen hysterical

Nessuno lo pretende. Ma puoi spiegare cosa significano i termini a chi non ne sa nulla, so che non è facile ma è lí che sta la bravura  wink..

Antonio Malteista ha scritto:vabbè ma con questo principio allora per esempio non potrai sicuramente mai godere di musica dodecafonica o seriale, o cosiddetta musica concreta, o aleatoria, ecc. non va bene! ti precludi interi universi d'ascolto solo perchè non ti provoca "piacere" ahahahahahah ma dai ma quante storie ma falla finita e usa quelle orecchie come si deve! e poi ti assicuro che quando parli di piacere "immediato" quello è un piacere fuggevole, il vero piacere è quello che deriva da una serie di ascolti consapevoli, e più si tenta di capire e si comprende quello che ha fatto il compositore più quella composizione ti risulterà piacevole, fidati! non sai che ti perdi! assurdo assurdo assurdo assurdo assurdo

Attento, anche il piacere è un valore soggettivo, quindi il "vero piacere" non esiste (oppure mi dimostri che esiste uah uah)  carneval


Antonio Malteista ha scritto:
certo, pensa che gli antichi greci vietavano esplicitamente alcuni particolari tipi di armonie (non ha niente a che vedere col concetto di armonia che si intende oggi però, cioè la scienza che studia la concatenazione degli accordi) perchè pensavano che influissero e indebolissero l'animo umano, un po' come una droga (in effetti la musica è una specia di droga). Ma questo comunque per me che sono un musicista da quasi 20 anni non può giustificare la presenza in qualunque luogo della vita pubblica di un Paese di una quantità incommensurabile di schifezze ovunque ti giri e ti guardi. Così la gente si rincretinisce, non va bene, e se provi a chiedere al primo che ti capita poi di dirti chi è per lui la massima espressione musicale e quello ti risponde (dico a caso) Tiziano Ferro o che ne so Ligabue cioè questo per me significa niente altro che rincretinire le persone, perchè se sentono solo quello è ovvio che per loro la musica è quella e solo quella. E passino i locali pubblici le piazze i ristoranti i centri commerciali ecc. ma per esempio che questa cosa accada pure in televisione durante tutte le ore della giornata che contano allora capisci che stiamo proprio inguaiati (in tv puoi sentire musica classica solo su canali specialistici). Questo intendo per rincoglionimento, mica altro... crying

Che i greci sapessero bene come rincoglionirsi è vero, guardaquà:



Sul resto concordo solo in parte. è vero che c'è molta immondizia (ho grassettato), ma nemmeno la classica è "l'unica vera musica".

C'é tutto un mondo in mezzo wink..

_________________
You think normal people just wake up one morning and decide they're going to work in a prison? They're perverts, every last one of them. (Vanessa)

A chi piace l'opera lirica? Merini10- A chi piace l'opera lirica? Rusp_c10

Rasputin
Rasputin
..............
..............

Maschio Numero di messaggi : 59303
Età : 62
Località : Augusta vindelicorum
Occupazione/Hobby : On the run
SCALA DI DAWKINS :
A chi piace l'opera lirica? Left_bar_bleue70 / 7070 / 70A chi piace l'opera lirica? Right_bar_bleue

Data d'iscrizione : 28.10.09

Torna in alto Andare in basso

A chi piace l'opera lirica? Empty Re: A chi piace l'opera lirica?

Messaggio Da Antonio.Maldiminchia Gio 21 Mar 2019 - 17:09

tutta la musica che non appartiene a quella che tu chiami impropriamente classica (io la chiamo musica d'arte, o musica forte, o musica colta, e non è un intellettualismo da radial chic, perchè letteralmente la musica colta è appunto la musica scritta dai compositori colti, la "classica" è più correttamente la musica del periodo classico, generalmente storicamente collocato tra la seconda metà del Settecento e le prime 2-3 decadi dell'Ottocento) differisce dalla classica per il fatto di non essere poeticamente troppo impegnata (se va bene) o di non esserlo proprio, in entrambi i casi si parla di generi più o meno leggeri.

Quindi ripetiamo: esiste la musica d'arte, e poi esistono i generi leggeri, cioè quelli non particolarmente impegnati dal punto di vista musicale, letterario, poetico, ecc.

Il mondo di mezzo di cui parli è praticamente una parte del mondo della musica comunque leggera, cioè di musica comunque non particolarmente impegnata, che però ha dei profili di originalità tali che la rendono in qualche misura certamente più impegnata rispetto ad altri generi comunque leggeri ma minori (la canzone d'autore per esempio).

Beh sono d'accordo, nulla da obiettare, l'importante è evitare "invasioni" di campo, ciascuno stia al suo posto e non cerchi di far passare qualcosa per quello che in realtà non è. Ci sono canzoni piacevoli e ascoltabilissime e godibilissime, ma restano appunto solo delle canzoncine, e l'importante è che non si pretenda di farle passare per quello che non sono (lo dico perchè questa invasione di campo si tenta di farla spesso e volentieri), non foss'altro per rispetto a compositori (anche viventi) che hanno passato e passano la vita (negli anni di guerra alcuni hanno addirittura pagato col prezzo della loro vita i loro studi) a cercare di comporre musica poeticamente impegnata studiando a fondo le tecniche dei maestri del loro tempo e del passato e quindi risulterebbe solo una operazione ingenerosa e ingiusta nei loro confronti.

Eccetto rare eccezioni, la stragrande maggioranza della musica leggera non va al di là delle canzoncine, cioè una forma costituita da qualche strofetta vocale senza impegno accompagnata da qualche accordo di accompagnamento. Le canzoncine sono una cosa, la musica d'arte è un'altra, è importante non confondere ok

(fermo restando che anche nella musica d'arte c'è un genere che sostanzialmente corrisponde alle canzoncine della musica leggera, si tratta ad esempio del Lied o di forme affini: i Lieder sono brevi composizioni (ne esistono anche interi cicli di Lieder, celebri quelli di Schubert, di Schumann, di Brahms e di alcuni romantici in genere) costituiti da strofe di versi letterari sostenuti da più o meno semplici accompagnamenti strumentali, con la differenza però, rispetto alle canzoni della musica leggera, che i testi sono scelti dalla letteratura di poeti o scrittori letterati più o meno affermati e riconosciuti e gli accompagnamenti strumentali pur non essendo di solito parecchio sofisticati hanno comunque una loro logica musicale e coerenza rispetto al testo letterario scelto)

_________________
"Non c'è nessuna giustificazione rigorosa della matematica classica" (J. von Neumann in una lettera a Kurt Goedel del 29 novembre 1930)

io so(no) asd1 , dunque bestemmio (tutto il resto è secondario)
Antonio.Maldiminchia
Antonio.Maldiminchia
-------------
-------------

Maschio Numero di messaggi : 158
Occupazione/Hobby : chitarraro classico, interessi musicologici, interessi logici e logico/matematici, interessi scientifici, la politica, il calcio, le donne, la carbonara e le bistecche giganti :D :D
SCALA DI DAWKINS :
A chi piace l'opera lirica? Left_bar_bleue0 / 700 / 70A chi piace l'opera lirica? Right_bar_bleue

Data d'iscrizione : 10.03.19

Torna in alto Andare in basso

A chi piace l'opera lirica? Empty Re: A chi piace l'opera lirica?

Messaggio Da Rasputin Gio 21 Mar 2019 - 21:38

Sul resto nulla da eccepire, qui però

Tonino ha scritto:Eccetto rare eccezioni, la stragrande maggioranza della musica leggera non va al di là delle canzoncine, cioè una forma costituita da qualche strofetta vocale senza impegno accompagnata da qualche accordo di accompagnamento. Le canzoncine sono una cosa, la musica d'arte è un'altra, è importante non confondere.

(fermo restando che anche nella musica d'arte c'è un genere che sostanzialmente corrisponde alle canzoncine della musica leggera, si tratta ad esempio del Lied o di forme affini: i Lieder sono brevi composizioni (ne esistono anche interi cicli di Lieder, celebri quelli di Schubert, di Schumann, di Brahms e di alcuni romantici in genere) costituiti da strofe di versi letterari sostenuti da più o meno semplici accompagnamenti strumentali, con la differenza però, rispetto alle canzoni della musica leggera, che i testi sono scelti dalla letteratura di poeti o scrittori letterati più o meno affermati e riconosciuti e gli accompagnamenti strumentali pur non essendo di solito parecchio sofisticati hanno comunque una loro logica musicale e coerenza rispetto al testo letterario scelto)

Abbiamo un thread intitolato "quella canzone in mente", mi piacerebbe che tu ci dessi un'occhiata, perché la musica "leggera" (per me appunto quella godibile nell'immediatezza) non esclude l'arte, e non solo nel genere che che tu chiami Lied (che in tedesco vuol proprio dire canzone).

Inoltre non vedo perché differenziare testi scritti da "poeti o scrittori letterati più o meno affermati e riconosciuti" (da chi?) da quelli scritti da altri, la qualità non è soggetta al principio di autorità.

_________________
You think normal people just wake up one morning and decide they're going to work in a prison? They're perverts, every last one of them. (Vanessa)

A chi piace l'opera lirica? Merini10- A chi piace l'opera lirica? Rusp_c10

Rasputin
Rasputin
..............
..............

Maschio Numero di messaggi : 59303
Età : 62
Località : Augusta vindelicorum
Occupazione/Hobby : On the run
SCALA DI DAWKINS :
A chi piace l'opera lirica? Left_bar_bleue70 / 7070 / 70A chi piace l'opera lirica? Right_bar_bleue

Data d'iscrizione : 28.10.09

Torna in alto Andare in basso

A chi piace l'opera lirica? Empty Re: A chi piace l'opera lirica?

Messaggio Da Antonio.Maldiminchia Gio 21 Mar 2019 - 22:26

Rasputin ha scritto:Sul resto nulla da eccepire, qui però

Tonino ha scritto:Eccetto rare eccezioni, la stragrande maggioranza della musica leggera non va al di là delle canzoncine, cioè una forma costituita da qualche strofetta vocale senza impegno accompagnata da qualche accordo di accompagnamento. Le canzoncine sono una cosa, la musica d'arte è un'altra, è importante non confondere.

(fermo restando che anche nella musica d'arte c'è un genere che sostanzialmente corrisponde alle canzoncine della musica leggera, si tratta ad esempio del Lied o di forme affini: i Lieder sono brevi composizioni (ne esistono anche interi cicli di Lieder, celebri quelli di Schubert, di Schumann, di Brahms e di alcuni romantici in genere) costituiti da strofe di versi letterari sostenuti da più o meno semplici accompagnamenti strumentali, con la differenza però, rispetto alle canzoni della musica leggera, che i testi sono scelti dalla letteratura di poeti o scrittori letterati più o meno affermati e riconosciuti e gli accompagnamenti strumentali pur non essendo di solito parecchio sofisticati hanno comunque una loro logica musicale e coerenza rispetto al testo letterario scelto)

Abbiamo un thread intitolato "quella canzone in mente", mi piacerebbe che tu ci dessi un'occhiata, perché la musica "leggera" (per me appunto quella godibile nell'immediatezza) non esclude l'arte, e non solo nel genere che che tu chiami Lied (che in tedesco vuol proprio dire canzone).

Inoltre non vedo perché differenziare testi scritti da "poeti o scrittori letterati più o meno affermati e riconosciuti" (da chi?) da quelli scritti da altri, la qualità non è soggetta al principio di autorità.


riconosciuti dalla storia, nel caso di letterati del passato, riconosciuti dalla contemporaneità nel caso si trattasse di poeti che figurano tra gli esponenti di movimenti letterari in voga contestualmente al periodo di composizione. Ma forse non ci capiamo, cioè ad esempio nel caso di Schubert che è quello sicuramente più celebre, stiamo parlando di letterati del calibro di Goethe e Schiller per citare i maggiori, ma anche di Klopstock, Ossian, Claudius, von Schlegel, Novalis, Uhland, Rueckert, Heine ecc. ecc.

Schubert compose oltre 600 lieder su testi di questi illustri signori, cioè non stiamo parlando di Vasco Rossi o Antonacci o Baglioni o Vecchioni e neppure de Andrè. Se mi devo mettere a spiegare la differenza tra un letterato come Goethe e Fabrizio de Andrè onestamente ci rinuncio perchè mi cadono le braccia.

Tieni conto che oltre a quei 600 lieder, Schubert ha composto anche sinfonie, 22 sonate per pianoforte, fantasie variazioni e improvvisi e altra varia produzione per pianoforte, sonate da camera per violino e pianoforte, la celebre sonata detta L'Arpeggione (oggi la parte di arpeggione si esegue al violoncello), 2 trii per archi, 3 trii per archi e pianoforte, 2 quartetti per archi, il quintetto La trota per archi e pianoforte, e varia altra musica da camera, ouverture e danze per archi, musica sacra come 8 messe e parti di messe, e infine 12 lavori teatrali tra opere, Singspiele e commedie musicali.

Tieni presente anche che Schubert è nato nel 1797 ed è morto prematuramente nel 1828 giovanissimo (non è l'unico nella storia della musica, Mozart è l'altro esempio celebre, ma ce ne sono tantissimi altri) e ha trovato il tempo di comporre tutto questo popo' di roba nell'arco di un paio di decenni.

Cioè cosa altro c'è da spiegare per farti capire la differenza tra la musica d'arte e i giochini della musica leggera? io penso che basti leggere un qualunque testo di storia della musica se proprio non ti convince nemmeno la produzione di Schubert, forse io non riesco ad essere abbastanza convincente boxed assurdo

_________________
"Non c'è nessuna giustificazione rigorosa della matematica classica" (J. von Neumann in una lettera a Kurt Goedel del 29 novembre 1930)

io so(no) asd1 , dunque bestemmio (tutto il resto è secondario)
Antonio.Maldiminchia
Antonio.Maldiminchia
-------------
-------------

Maschio Numero di messaggi : 158
Occupazione/Hobby : chitarraro classico, interessi musicologici, interessi logici e logico/matematici, interessi scientifici, la politica, il calcio, le donne, la carbonara e le bistecche giganti :D :D
SCALA DI DAWKINS :
A chi piace l'opera lirica? Left_bar_bleue0 / 700 / 70A chi piace l'opera lirica? Right_bar_bleue

Data d'iscrizione : 10.03.19

Torna in alto Andare in basso

A chi piace l'opera lirica? Empty Re: A chi piace l'opera lirica?

Messaggio Da Rasputin Ven 22 Mar 2019 - 0:44

Antonio Malteista ha scritto:riconosciuti dalla storia, nel caso di letterati del passato, riconosciuti dalla contemporaneità nel caso si trattasse di poeti che figurano tra gli esponenti di movimenti letterari in voga contestualmente al periodo di composizione. Ma forse non ci capiamo, cioè ad esempio nel caso di Schubert che è quello sicuramente più celebre, stiamo parlando di letterati del calibro di Goethe e Schiller per citare i maggiori, ma anche di Klopstock, Ossian, Claudius, von Schlegel, Novalis, Uhland, Rueckert, Heine ecc. ecc. Schubert compose oltre 600 lieder su testi di questi illustri signori, cioè non stiamo parlando di Vasco Rossi o Antonacci o Baglioni o Vecchioni e neppure de Andrè. Se mi devo mettere a spiegare la differenza tra un letterato come Goethe e Fabrizio de Andrè onestamente ci rinuncio perchè mi cadono le braccia.

Insisto. L'arte non ha nulla a che vedere con riconoscimenti storici, fama degli artisti o produttività dei medesimi, altrimenti siamo alla logica delle mosche e della merda (miliardi la mangiano quindi non si possono sbagliare).

Inoltre non capisco perché mi menzioni quattro imbecilli cialtronici (di Cialtronia, ossia dove vivi tu), De Andrè ad esempio non ha fatto altro che scopiazzare plagiare riadattare roba medievale ecc.

E tra quelli che menzioni è anche quello che si salva. Una buona parte della musica moderna, intesa come musica scritta e fatta a partire dal 20° secolo, va considerata esattamente come musica d'arte, non vedo perché no.

Antonio Malteista ha scritto:Cioè cosa altro c'è da spiegare per farti capire la differenza tra la musica d'arte e i giochini della musica leggera? io penso che basti leggere un qualunque testo di storia della musica se proprio non ti convince nemmeno la produzione di Schubert, forse io non riesco ad essere abbastanza convincente boxed assurdo

Nulla a che vedere con la produzione né con la storia della musica. Vedi sopra.

_________________
You think normal people just wake up one morning and decide they're going to work in a prison? They're perverts, every last one of them. (Vanessa)

A chi piace l'opera lirica? Merini10- A chi piace l'opera lirica? Rusp_c10

Rasputin
Rasputin
..............
..............

Maschio Numero di messaggi : 59303
Età : 62
Località : Augusta vindelicorum
Occupazione/Hobby : On the run
SCALA DI DAWKINS :
A chi piace l'opera lirica? Left_bar_bleue70 / 7070 / 70A chi piace l'opera lirica? Right_bar_bleue

Data d'iscrizione : 28.10.09

Torna in alto Andare in basso

A chi piace l'opera lirica? Empty Re: A chi piace l'opera lirica?

Messaggio Da Antonio.Maldiminchia Ven 22 Mar 2019 - 4:52

Rasputin ha scritto:
Antonio Malteista ha scritto:riconosciuti dalla storia, nel caso di letterati del passato, riconosciuti dalla contemporaneità nel caso si trattasse di poeti che figurano tra gli esponenti di movimenti letterari in voga contestualmente al periodo di composizione. Ma forse non ci capiamo, cioè ad esempio nel caso di Schubert che è quello sicuramente più celebre, stiamo parlando di letterati del calibro di Goethe e Schiller per citare i maggiori, ma anche di Klopstock, Ossian, Claudius, von Schlegel, Novalis, Uhland, Rueckert, Heine ecc. ecc. Schubert compose oltre 600 lieder su testi di questi illustri signori, cioè non stiamo parlando di Vasco Rossi o Antonacci o Baglioni o Vecchioni e neppure de Andrè. Se mi devo mettere a spiegare la differenza tra un letterato come Goethe e Fabrizio de Andrè onestamente ci rinuncio perchè mi cadono le braccia.

Insisto. L'arte non ha nulla a che vedere con riconoscimenti storici, fama degli artisti o produttività dei medesimi, altrimenti siamo alla logica delle mosche e della merda (miliardi la mangiano quindi non si possono sbagliare).

Inoltre non capisco perché mi menzioni quattro imbecilli cialtronici (di Cialtronia, ossia dove vivi tu), De Andrè ad esempio non ha fatto altro che scopiazzare plagiare riadattare roba medievale ecc.

E tra quelli che menzioni è anche quello che si salva. Una buona parte della musica moderna, intesa come musica scritta e fatta a partire dal 20° secolo, va considerata esattamente come musica d'arte, non vedo perché no.


la fama io non l'ho mai nominata; ci sono parecchi esempi di compositori in tutta la storia della musica oggi molto celebri che in vita erano conosciuti poco e male, e sono stati riscoperti solo in seguito proprio grazie a quello che ti ho detto, cioè alla riscoperta e rivalutazione storica (esempio celeberrimo è Bach, oggi considerato da alcuni proprio il più grande compositore della storia della musica, del quale in vita si conoscevano e ammiravano solo le doti di improvvisatore sugli strumenti da tasto, e anche solo limitatamente alla ristretta cerchia di centri in cui visse e operò, nella Germania centro-settentrionale, fuori non lo conosceva nessuno, mentre il valore delle composizioni che scrisse in senso stretto fu riscoperto solo in seguito, a partire da Mendelssohn in poi).

Cioè fammi capire io sono venti anni che sbatto la testa sui testi di storia della musica e di interesse musicologico in genere, oltre che a spaccarmi la schiena sullo strumento, mi spieghi senza qualcuno che si mette a studiare in maniera critica le opere di un artista come facciamo noi a venire a sapere del valore del suo lavoro? boxed  guarda che la critica e la rivalutazione storica è una cosa seria, mica barzellette, ed è necessaria anche perchè altrimenti addio memoria. La fama quella no, non c'entra un ficus: oggi per esempio va di moda Allevi, che è un cialtrone peggio dei merdallari ( ahahahahahah ), ma ti posso assicurare che nonostante questa fama nei libri di storia della musica che contano non ci entrerà mai, e non è che sto facendo una scommessa, te lo dico proprio con sicurezza matematica perchè è impossibile! :Risatona:Guarda che ci sono organismi internazionali che si occupano di queste cose, composti da gente altamente qualificata che proviene da tutte le parti del mondo, i più qualificati studiosi di ogni angolo del pianeta, cioè la critica storica e la storiografia in genere non è uno scherzo o una barzelletta, e soprattutto è un processo che richiede tempi fisiologici che si misurano in intere generazioni mica da un giorno all'altro. E' così che si scrivono i libri di storia, mica dall'oggi al domani. Lo stesso materiale passa nei decenni al vaglio di migliaia e migliaia di esperti diversi, i quali riversano tutto in pubblicazioni altamente specialistiche e specializzate (esattamente come avviene in ambito scientifico dove vige un controllo ferreo) ed è esattamente questo continuo ricambio generazionale a garantirne a lungo termine la legittimità e soprattutto affidabilità di giudizio. Ma questo avviene per qualunque settore, mica solo per la musica, e purtroppo non è che esistono altri mezzi, più di così umanamente non possiamo fare: ma sicuramente è un processo necessario e fondamentale a differenza di quello che dici te (oppure io in 20 anni che studio non ci ho capito niente, e a quel punto allora spiegamelo tu com'è che si stabilisce il valore di un artista dato che la sai tanto lunga: per caso col "piacere immediato" al primo ascolto? ahahahahahah ahahahahahah ahahahahahah ahahahahahah ahahahahahah ahahahahahah ahahahahahah ahahahahahah ahahahahahah ahahahahahah ), senza il quale oggi non potremmo godere probabilmente di tantissimi capolavori oggi fortunatamente fruibili e alla portata di tutti, e menomale! eeeeeeek



Una buona parte della musica moderna, intesa come musica scritta e fatta a partire dal 20° secolo, va considerata esattamente come musica d'arte, non vedo perché no.


tanto per cominciare la musica moderna per noi musicisti è ben definita e storicamente collocata in termini cronologici dagli inizi del Novecento con la definitiva rottura del sistema tonale (Schoenberg) fino a grosso modo la metà del Novecento, dalla seconda metà del Novecento fino ad oggi parliamo di musica contemporanea e non di moderna. In secondo luogo se non citi nomi e cognomi parliamo del nulla. Per me ti ripeto, un compositore di musica d'arte per essere considerato tale deve essere universalmente riconosciuto come tale dalla musicologia e dalla storiografia della musica, le cui vicissitudini in vita e la cui produzione è dunque passata al vaglio critico di generazioni di studiosi, e che quindi compare menzionato definitivamente in un qualunque testo di interesse musicologico attendibile. Se non risultano soddisfatti questi criteri sono disposto comunque ad ascoltare qualcosina del tizio in questione perchè ci mancherebbe altro non si nega a nessuno, e potrà pure piacermi o non piacermi non è questo il punto (nei libri di storia della musica gli autori non scrivono se questo o quel compositore gli piace o non gli piace, per questo genere di giudizi esistono i saggi estetici che fanno storia a parte): ma se non è per lo meno menzionato nei libri di storia come compositore appartenente alla tradizione della musica d'arte io ne terrò conto e lo prenderò per quello che è, senza nulla togliere al suo operato e con tutto il massimo e dovuto rispetto che ovviamente non si nega a nessuno. Questo vale se stiamo parlando di gente già studiata e ristudiata il cui valore è già stato riconosciuto e definitivamente accertato e messo nero su bianco. Se invece parliamo di qualcuno più vicino ai giorni nostri e che quindi ancora non ha subito il lungo processo di storicizzazione e di vaglio critico per questioni anagrafiche allora in quel caso giudicheremo in base agli elementi noti, ma se è noto allora certamente comunque deve comparire in qualche pubblicazione specialistica perchè ti ho detto che esistono organismi nazionali ed internazionali deputati a fare esattamente questo con cadenza regolare periodica (semestrale o annuale). Se non ne parla proprio nessuno allora vuol dire che stiamo parlando di  Giovanni Allevi i polli invece di suonare ahahahahahah ahahahahahah ahahahahahah ahahahahahah ahahahahahah o di schifezze similari ahahahahahah ahahahahahah ahahahahahah ahahahahahah ahahahahahah ahahahahahah ahahahahahah ahahahahahah ahahahahahah ahahahahahah

_________________
"Non c'è nessuna giustificazione rigorosa della matematica classica" (J. von Neumann in una lettera a Kurt Goedel del 29 novembre 1930)

io so(no) asd1 , dunque bestemmio (tutto il resto è secondario)
Antonio.Maldiminchia
Antonio.Maldiminchia
-------------
-------------

Maschio Numero di messaggi : 158
Occupazione/Hobby : chitarraro classico, interessi musicologici, interessi logici e logico/matematici, interessi scientifici, la politica, il calcio, le donne, la carbonara e le bistecche giganti :D :D
SCALA DI DAWKINS :
A chi piace l'opera lirica? Left_bar_bleue0 / 700 / 70A chi piace l'opera lirica? Right_bar_bleue

Data d'iscrizione : 10.03.19

Torna in alto Andare in basso

A chi piace l'opera lirica? Empty Re: A chi piace l'opera lirica?

Messaggio Da marisella Ven 22 Mar 2019 - 14:11

@ Antonio Malteista.

Ciao. Tu sai distinguere un brano di Mozart da uno di Clementi, certo non parlo dei più conosciuti che riconoscono tutti?

Tu hai l'orecchio puro? Io no, mio fratello sì. Infatti lui fa tranquillamente anche jazz e io suono solo con lo spartito davanti, tutti i talenti a lui.
Ciao.
marisella
marisella
---------------------
---------------------

Maschio Numero di messaggi : 2493
Età : 42
Località : sasso marconi
Occupazione/Hobby : musica
SCALA DI DAWKINS :
A chi piace l'opera lirica? Left_bar_bleue70 / 7070 / 70A chi piace l'opera lirica? Right_bar_bleue

Data d'iscrizione : 24.05.16

Torna in alto Andare in basso

A chi piace l'opera lirica? Empty Re: A chi piace l'opera lirica?

Messaggio Da Antonio.Maldiminchia Ven 22 Mar 2019 - 19:35

marisella ha scritto:@ Antonio Malteista.

Ciao. Tu sai distinguere un brano di Mozart da uno di Clementi, certo non parlo dei più conosciuti che riconoscono tutti?

Tu hai l'orecchio puro? Io no, mio fratello sì. Infatti lui fa tranquillamente anche jazz e io suono solo con lo spartito davanti, tutti i talenti a lui.
Ciao.


oddio sicuramente sono in grado di riconoscere se un brano sia di Mozart perchè il suo stile, per lo meno quello maturo, è proprio inconfondibile (anche se buona parte della sua produzione sono proprio lavori che conosco quindi non c'è manco bisogno di indovinare). Clementi lo conosco molto meno ma pure lui è passato in ogni caso a suo tempo nel lettore. La storia della musica è una roba sconfinata e inesauribile e alla fine mi sono accorto che bisogna fare delle scelte su cui periodicamente concentrare l'attenzione (per esempio io ho scelto di focalizzarmi soprattutto sul repertorio sinfonico tardo-ottocentesco, e sulle avanguardie del Novecento, quando ho proprio nostalgia di autori di secoli diversi metto su qualcosa ma devo stare proprio in astinenza mgreen e ad ogni modo quando sono in macchina la radio è perennemente sintonizzata su soli due canali: radioradicale ma soprattutto la filodiffusione di radiorai che trasmette classica h24 *-* e quindi alla fine grazie a questa radio le crisi di astinenza spesso e volentieri sono spente sul nascere perchè i suoi programmi comprendono musica di tutte le epoche nel corso della giornata).

Onestamente l'orecchio puro non so cosa sia, mai sentito nominare boxed ma forse intendevi dire orecchio assoluto! (o magari orecchio relativo) se intendevi questo ecco sicuramente non posso dire di avere l'orecchio assoluto (è una dote fondamentalmente innata che non necessariamente derivante dalla pratica musicale costante) e anzi quei pochi amici che ho conosciuto con questa straordinaria capacità me l'hanno sempre raccontata come un fastidio (e ci credo mgreen ).
Però certamente posso dire di avere un discreto oreccho relativo, quello sì, perchè si acquisisce col tempo e con l'esercizio quotidiano costante, anche involontariamente dopo un certo numero di anni di esperienza lo si acquisisce per forza ok

Adesso che me lo hai ricordato ho letto proprio pochi giorni fa un articolo sulle basi neurali mi pare dell'orecchio assoluto apparso su Le scienze, se riesco a recuperarlo dopo lo pubblico  rockband

_________________
"Non c'è nessuna giustificazione rigorosa della matematica classica" (J. von Neumann in una lettera a Kurt Goedel del 29 novembre 1930)

io so(no) asd1 , dunque bestemmio (tutto il resto è secondario)
Antonio.Maldiminchia
Antonio.Maldiminchia
-------------
-------------

Maschio Numero di messaggi : 158
Occupazione/Hobby : chitarraro classico, interessi musicologici, interessi logici e logico/matematici, interessi scientifici, la politica, il calcio, le donne, la carbonara e le bistecche giganti :D :D
SCALA DI DAWKINS :
A chi piace l'opera lirica? Left_bar_bleue0 / 700 / 70A chi piace l'opera lirica? Right_bar_bleue

Data d'iscrizione : 10.03.19

Torna in alto Andare in basso

A chi piace l'opera lirica? Empty Re: A chi piace l'opera lirica?

Messaggio Da Antonio.Maldiminchia Ven 22 Mar 2019 - 19:47

ecco l'articolo, fortunatamente l'avevo salvato nei preferiti:

le basi neurali dell'orecchio assoluto

_________________
"Non c'è nessuna giustificazione rigorosa della matematica classica" (J. von Neumann in una lettera a Kurt Goedel del 29 novembre 1930)

io so(no) asd1 , dunque bestemmio (tutto il resto è secondario)
Antonio.Maldiminchia
Antonio.Maldiminchia
-------------
-------------

Maschio Numero di messaggi : 158
Occupazione/Hobby : chitarraro classico, interessi musicologici, interessi logici e logico/matematici, interessi scientifici, la politica, il calcio, le donne, la carbonara e le bistecche giganti :D :D
SCALA DI DAWKINS :
A chi piace l'opera lirica? Left_bar_bleue0 / 700 / 70A chi piace l'opera lirica? Right_bar_bleue

Data d'iscrizione : 10.03.19

Torna in alto Andare in basso

A chi piace l'opera lirica? Empty Re: A chi piace l'opera lirica?

Messaggio Da marisella Ven 22 Mar 2019 - 21:24

Antonio Malteista ha scritto:ecco l'articolo, fortunatamente l'avevo salvato nei preferiti:

le basi neurali dell'orecchio assoluto
Sì, noi lo chiamavano orecchio puro, ma si dice anche orecchio assoluto, appunto questa facoltà di riconoscere le note dalla loro frequenza, senza vederle. Ti ho accennato che cominciammo molto presto a suonare, io a 5, e mio fratello a 3 anni, e papà ( che aveva un orecchio"medio") si accorse subito che il figlio ce l'aveva assoluto e così gli fece fare subito il fenomeno da baraccone, nel senso che, appena arrivavano ospiti, mandava a chiamare il bambino ( che faceva la 1a, la 2a elementare, lo faceva girare e li chiedeva, che nota è? e questo poverino: fa diesis, si bemolle, do, re, ecc, ecc. Poi ricordo che alle medie, al ginnasio, al liceo andava con un amico, che strimpellava solo, ad accordare i pianoforti di quelli che lo chiamavano, e così guadagnava qualche soldino. Io purtroppo non fui spolverata dall'oro delle fate, mi sono sempre dovuta guadagnare tutto, col sudore della fronte. E certo che questi con l'orecchio assoluto hanno il cervello diverso anatomicamente dal nostro.
Ciao.
marisella
marisella
---------------------
---------------------

Maschio Numero di messaggi : 2493
Età : 42
Località : sasso marconi
Occupazione/Hobby : musica
SCALA DI DAWKINS :
A chi piace l'opera lirica? Left_bar_bleue70 / 7070 / 70A chi piace l'opera lirica? Right_bar_bleue

Data d'iscrizione : 24.05.16

Torna in alto Andare in basso

A chi piace l'opera lirica? Empty Re: A chi piace l'opera lirica?

Messaggio Da Antonio.Maldiminchia Ven 22 Mar 2019 - 21:50

marisella ha scritto:
Antonio Malteista ha scritto:ecco l'articolo, fortunatamente l'avevo salvato nei preferiti:

le basi neurali dell'orecchio assoluto
Sì, noi lo chiamavano orecchio puro, ma si dice anche orecchio assoluto, appunto questa facoltà di riconoscere le note dalla loro frequenza, senza vederle. Ti ho accennato che cominciammo molto presto a suonare, io a 5, e mio fratello a 3 anni, e papà ( che aveva un orecchio"medio") si accorse subito che il figlio ce l'aveva assoluto e così gli fece fare subito il fenomeno da baraccone, nel senso che, appena arrivavano ospiti, mandava a chiamare il bambino ( che faceva la 1a, la 2a elementare, lo faceva girare e li chiedeva, che nota è? e questo poverino: fa diesis, si bemolle, do, re, ecc, ecc. Poi ricordo che alle medie, al ginnasio, al liceo andava con un amico, che strimpellava solo, ad accordare i pianoforti di quelli che lo chiamavano, e così guadagnava qualche soldino. Io purtroppo non fui spolverata dall'oro delle fate, mi sono sempre dovuta guadagnare tutto, col sudore della fronte. E certo che questi con l'orecchio assoluto hanno il cervello diverso anatomicamente dal nostro.
Ciao.


hahaha hai capito che culo il piccino mgreen

io invece c'ho un amico che mi fa una rabbia inaudita, perchè ha l'orecchio assoluto ma non conosce una nota di musica e non gliene è mai fregato niente (si occupa proprio di tutt'altro). Cose da pazzi  ahahahahahah assurdo

_________________
"Non c'è nessuna giustificazione rigorosa della matematica classica" (J. von Neumann in una lettera a Kurt Goedel del 29 novembre 1930)

io so(no) asd1 , dunque bestemmio (tutto il resto è secondario)
Antonio.Maldiminchia
Antonio.Maldiminchia
-------------
-------------

Maschio Numero di messaggi : 158
Occupazione/Hobby : chitarraro classico, interessi musicologici, interessi logici e logico/matematici, interessi scientifici, la politica, il calcio, le donne, la carbonara e le bistecche giganti :D :D
SCALA DI DAWKINS :
A chi piace l'opera lirica? Left_bar_bleue0 / 700 / 70A chi piace l'opera lirica? Right_bar_bleue

Data d'iscrizione : 10.03.19

Torna in alto Andare in basso

A chi piace l'opera lirica? Empty Re: A chi piace l'opera lirica?

Messaggio Da Rasputin Lun 25 Mar 2019 - 2:14

Antonio Malteista ha scritto:la fama io non l'ho mai nominata; ci sono parecchi esempi di compositori in tutta la storia della musica oggi molto celebri che in vita erano conosciuti poco e male, e sono stati riscoperti solo in seguito proprio grazie a quello che ti ho detto, cioè alla riscoperta e rivalutazione storica [...]

Beh hai nominato "riconosciuti dalla storia,[...]riconosciuti dalla contemporaneità"

Mi spieghi che differenza c'è?

Antonio Malteista ha scritto:Cioè fammi capire io sono venti anni che sbatto la testa sui testi di storia della musica e di interesse musicologico in genere, oltre che a spaccarmi la schiena sullo strumento, mi spieghi senza qualcuno che si mette a studiare in maniera critica le opere di un artista come facciamo noi a venire a sapere del valore del suo lavoro?

Divulgazione. Che problema c'è? La roba buona andrebbe messa alla portata di tutti, mica solo agli addetti ai lavori.

Antonio Malteista ha scritto:guarda che la critica e la rivalutazione storica è una cosa seria, mica barzellette, ed è necessaria anche perchè altrimenti addio memoria. La fama quella no, non c'entra un ficus: oggi per esempio va di moda[italocialtrone]

Cioè, prima mi nomini due sinonimi (i primi due grassettati) e poi li confondi con la moda  boxed

Antonio Malteista ha scritto:[...]ti posso assicurare che nonostante questa fama nei libri di storia della musica che contano non ci entrerà mai, e non è che sto facendo una scommessa, te lo dico proprio con sicurezza matematica perchè è impossibile!

Ma come, proprio poche righe più sopra mi scrivi

Antonio Malteista ha scritto:ci sono parecchi esempi di compositori in tutta la storia della musica oggi molto celebri che in vita erano conosciuti poco e male, e sono stati riscoperti solo in seguito proprio grazie a quello che ti ho detto, cioè alla riscoperta e rivalutazione storica

e adesso mi escludi a priori la stessa cosa?? E ribadisci pure la contraddizione:

Antonio Malteista ha scritto:Guarda che ci sono organismi internazionali che si occupano di queste cose, composti da gente altamente qualificata che proviene da tutte le parti del mondo, i più qualificati studiosi di ogni angolo del pianeta, cioè la critica storica e la storiografia in genere non è uno scherzo o una barzelletta, e soprattutto è un processo che richiede tempi fisiologici che si misurano in intere generazioni mica da un giorno all'altro.

Questa poi è gotica:

Antonio Malteista ha scritto:[...]esattamente come avviene in ambito scientifico dove vige un controllo ferreo[...]

da quando la musica (e l'arte in generale) è soggetta alle stesse regole del metodo scientifico? Ma deliri? Me ne dai un po' anche a me di quella roba che sicuramente stai prendendo?

Antonio Malteista ha scritto:oppure io in 20 anni che studio non ci ho capito niente, e a quel punto allora spiegamelo tu com'è che si stabilisce il valore di un artista dato che la sai tanto lunga: per caso col "piacere immediato" al primo ascolto?

Non sono certo io a stabilire valori oggettivi per qualcosa di cosí integralmente soggettivo come l'arte. Ma sospetto di sí, che in 20 anni ancora non hai afferrato il concetto, un concetto per capire il quale non occorre avere studiato né musica né storia della musica. Abbiamo una discussione qui - che ora non trovo - incentrata proprio su questo punto, si parlava del cristo morto del Mantegna, era interessante proprio per lo stesso motivo. Se la trovo te la sottopongo.

Antonio Malteista ha scritto:Per me ti ripeto, un compositore di musica d'arte per essere considerato tale deve essere universalmente riconosciuto come tale dalla musicologia e dalla storiografia della musica, le cui vicissitudini in vita e la cui produzione è dunque passata al vaglio critico di generazioni di studiosi, e che quindi compare menzionato definitivamente in un qualunque testo di interesse musicologico attendibile.

Questa invece non è che una versione - elegante, lo ammetto - del concetto delle mosche e della merda: dovremmo mangiare merda perché miliardi di mosche non possono sbagliarsi.

I valori studiati e riconosciuti sinceramente a me importano sega: mi importa quello che piace a me, ed È arte solo per il fatto che mi piace e che IO la considero tale. Vale ovviamente per chiunque, tranne per quelli che si infilano nel culo qualsiasi paracarro se è universalmente riconosciuto come tale dalla storiografia la critica e la rivalutazione storica ricchipremicotillòn.

No caro, non ci siamo.

_________________
You think normal people just wake up one morning and decide they're going to work in a prison? They're perverts, every last one of them. (Vanessa)

A chi piace l'opera lirica? Merini10- A chi piace l'opera lirica? Rusp_c10

Rasputin
Rasputin
..............
..............

Maschio Numero di messaggi : 59303
Età : 62
Località : Augusta vindelicorum
Occupazione/Hobby : On the run
SCALA DI DAWKINS :
A chi piace l'opera lirica? Left_bar_bleue70 / 7070 / 70A chi piace l'opera lirica? Right_bar_bleue

Data d'iscrizione : 28.10.09

Torna in alto Andare in basso

A chi piace l'opera lirica? Empty Re: A chi piace l'opera lirica?

Messaggio Da Antonio.Maldiminchia Lun 25 Mar 2019 - 15:59


Beh hai nominato "riconosciuti dalla storia,[...]riconosciuti dalla contemporaneità"

Mi spieghi che differenza c'è?


il valore di un artista e la qualità della sua produzione, nonchè la posizione che deve occupare nella storia è oggetto di studio della storiografia in genere e dell'indagine storiografica e musicologica nel caso specifico dei musicisti (sia compositori che interpreti). Col passare dei secoli fino ad arrivare ai giorni nostri si sono di gran lunga migliorati e perfezionati gli strumenti per rendere questa indagine la più obiettiva possibile, in special modo per quello che riguarda ad esempio lo studio delle fonti (filologia), strumenti di cui non si disponeva un tempo, e che in alcuni casi non bastano ancora nemmeno oggi per decifrare correttamente le abitdini musicali di una certo popolo o di una certa area geografica o di una certa epoca più o meno remota proprio per mancanza o comunque scarsità di fonti (per esempio si contano sulle dita le fonti musicali in senso stretto pervenuteci della musica greca antica, ma sappiamo benissimo che la musica rivestiva un ruolo non secondario in quella società dalle cronache o da testimonianze letterarie o di altro genere, quindi non fonti musicali in senso stretto). Naturalmente come ho già detto questa indagine compiuta da studiosi di ogni angolo del pianeta richiede tempi che si misurano in intere generazioni di studi critici, e il complessivo risultato di queste indagini nel corso delle generazioni che si succedono è ciò che costituisce il riconoscimento da attribuire a questo o quell'artista. Questo per quanto riguarda il riconoscimento storico, cioè quello derivante da generazioni di studi critici. Nel caso della contemporaneità per forza di cose e di ragioni anagrafiche bisogna accontentarsi degli studi e dei contibuti musicologici analitici prodotti appunto dalla contemporaneità e quindi in base a questi studi si può parlare di questo o quell'autore riconosciuto dalla contemporaneità (magari come appartenente a questa o quella scuola, tendenza o corrente o magari egli stesso "fondatore" di un qualche movimento con profili stilistici di originalità in contrapposizione ad altri esistenti). La differenza mi pare ovvia: il secondo tipo di riconoscimento, quello dei contemporanei, è subordinato al primo, che invece si costruisce nell'arco di tempi molto più lunghi, a garanzia come ho già detto della sua maggiore legittimità ed attendibilità.

Divulgazione. Che problema c'è? La roba buona andrebbe messa alla portata di tutti, mica solo agli addetti ai lavori.

hai frainteso, io non ho mai scritto che la roba buona circola solo tra gli addetti ai lavori. E' proprio il contrario, per chi vuole interessarsene naturalmente, ha potenzialmente tutti gli strumenti per farlo, gli studi critici musicologici degli addetti ai lavori sono alla portata di tutti, come ho già detto sono regolarmente pubblicati in riviste specializzate senza contare le pubblicazioni autonome di questo o quel musicologo, e se c'è qualche limite alla diffusione questo è rappresentato semmai dagli organi di informazione dei  Paesi e quindi dei rispettivi governi che non mostrano spesso sufficiente sensibilità verso la musica d'arte (come accade ad esempio in Italia).



Antonio Malteistaguarda che la critica e la rivalutazione storica è una cosa seria, mica barzellette, ed è necessaria anche perchè altrimenti addio memoria. La fama quella no, non c'entra un ficus: oggi per esempio va di moda[italocialtrone]


rasputin ha scritto:Cioè, prima mi nomini due sinonimi (i primi due grassettati) e poi li confondi con la moda

 boxed

semmai sei te che confondi i concetti, le indagini storiografiche e musicologiche non hanno niente a che vedere con la fama temporanea di qualcuno, la quale semmai come ho detto può essere influenzata dalle mode del momento, soprattutto se parliamo di operazioni pubblicitarie di massa (vedi Allevi) e quindi non ha niente a che vedere con un attendibile giudizio di merito: questo spetta e fortunamente continuerà a spettare agli addetti ai lavori e non alla notorietà di questo o quel presunto artista nunu



Antonio Malteista ha scritto:
Antonio Malteista ha scritto:[...]ti posso assicurare che nonostante questa fama nei libri di storia della musica che contano non ci entrerà mai, e non è che sto facendo una scommessa, te lo dico proprio con sicurezza matematica perchè è impossibile!

Ma come, proprio poche righe più sopra mi scrivi

Antonio Malteista ha scritto:ci sono parecchi esempi di compositori in tutta la storia della musica oggi molto celebri che in vita erano conosciuti poco e male, e sono stati riscoperti solo in seguito proprio grazie a quello che ti ho detto, cioè alla riscoperta e rivalutazione storica

e adesso mi escludi a priori la stessa cosa?? E ribadisci pure la contraddizione:

Guarda che ci sono organismi internazionali che si occupano di queste cose, composti da gente altamente qualificata che proviene da tutte le parti del mondo, i più qualificati studiosi di ogni angolo del pianeta, cioè la critica storica e la storiografia in genere non è uno scherzo o una barzelletta, e soprattutto è un processo che richiede tempi fisiologici che si misurano in intere generazioni mica da un giorno all'altro.



come al solito non hai capito niente e presumo tu non possa capire proprio per una questione banale di mancanza di mezzi non essendo addentro alla musica. Le composizioni di Bach (soprattutto la immensa produzione profana concertistica e per strumenti a tastiera non destinata al culto)  erano conosciute poco e male, era noto principalmente per le sue doti proverbiali di improvvisatore all'organo, e comunque era uno notorietà ristretta geograficamente alla sola Germania perchè all'estero non lo conosceva quasi nessuno. Ed era conosciuto poco lui, e conosciute poco e male in Germania le sue composizioni perchè allora non c'erano gli strumenti di divulgazione in primis, e di indagine musicologica poi, necessari per permettere al suo lavoro di ricevere adeguata attenzione.

Ora tieni presente Allevi? ecco Allevi non c'entra un ficus con Bach, siamo proprio agli antipodi: a differenza di Bach, di Allevi oggi si conosce tutto, pure quanti peli ha sul culo (bleah), e anzi al contrario di Bach lo conosciamo benissimo e anzi lo conosciamo pure troppo. La sua musica è mediocre, non è musica d'arte a differenza delle stronzate che va dicendo, è un mediocrissimo pianista e ancora meno mediocre direttore d'orchestra (qui siamo proprio alla blasfemia) oltre ad essere considerato un vero e proprio cialtrone per lo stronzate che proferisce pure con la bocca ogni volta che qualcuno gli appioppa un microfono davanti. Il fenomeno Allevi è solo una schifosa operazione pubblicitaria che con l'arte non ha niente a che spartire, ed è il motivo principale percui il fenomeno Allevi terminerà con la fine di Allevi, come è sempre accaduto per la mediocrità, che dura il tempo di un battito d'ali di mosche, e come tutti i mediocri fortunatamente sarà seppellito dalla storia.




Questa poi è gotica:

[...]esattamente come avviene in ambito scientifico dove vige un controllo ferreo[...]

da quando la musica (e l'arte in generale) è soggetta alle stesse regole del metodo scientifico? Ma deliri? Me ne dai un po' anche a me di quella roba che sicuramente stai prendendo?

gli studi critici e musicologici con un minimo di attendibilità essendo analitici sono studi condotti con criteri scientifici a tutti gli effetti, cioè sono studi scientifici a tutti gli effetti. Ma il problema è che tu pensi che i musicologi nei loro saggi scrivano se un autore gli piace o non gli piace al primo ascolto ahahahahahah ahahahahahah ahahahahahah ahahahahahah  ahahahahahah ahahahahahah ahahahahahah ahahahahahah ahahahahahah ahahahahahah

 

oppure io in 20 anni che studio non ci ho capito niente, e a quel punto allora spiegamelo tu com'è che si stabilisce il valore di un artista dato che la sai tanto lunga: per caso col "piacere immediato" al primo ascolto?

Non sono certo io a stabilire valori oggettivi per qualcosa di cosí integralmente soggettivo come l'arte. Ma sospetto di sí, che in 20 anni ancora non hai afferrato il concetto, un concetto per capire il quale non occorre avere studiato né musica né storia della musica. Abbiamo una discussione qui - che ora non trovo - incentrata proprio su questo punto, si parlava del cristo morto del Mantegna, era interessante proprio per lo stesso motivo. Se la trovo te la sottopongo.


direi proprio di no, la qualità di un artista e quindi la qualità del suo lavoro non è un fatto soggettivo ma assolutamente oggettivo. Poi ti può anche piacere uno che scrive musica mediocre per carità ci mancherebbe altro, sono fatti tuoi, ma è un altro discorso e come al solito questo dimostra la confusione che hai in testa da profano (non è colpa tua, è comprensibile mgreen )




I valori studiati e riconosciuti sinceramente a me importano sega: mi importa quello che piace a me, ed È arte solo per il fatto che mi piace e che IO la considero tale. Vale ovviamente per chiunque, tranne per quelli che si infilano nel culo qualsiasi paracarro se è universalmente riconosciuto come tale dalla storiografia la critica e la rivalutazione storica ricchipremicotillòn.

No caro, non ci siamo.

benissimo: fortunatamente alla storia di quello che piace a te ( ahahahahahah ahahahahahah ahahahahahah ahahahahahah ahahahahahah ) non gliene frega niente e menomale. Dopodichè fatti tutte le pippe che ti pare su chi ti pare al primo ascolto ahahahahahah ahahahahahah ahahahahahah ahahahahahah ahahahahahah , la qualità di chi merita fortunatamente è l'unica cosa che resterà nella storia, tutto il resto sono solo chiacchiere da bar figo

_________________
"Non c'è nessuna giustificazione rigorosa della matematica classica" (J. von Neumann in una lettera a Kurt Goedel del 29 novembre 1930)

io so(no) asd1 , dunque bestemmio (tutto il resto è secondario)
Antonio.Maldiminchia
Antonio.Maldiminchia
-------------
-------------

Maschio Numero di messaggi : 158
Occupazione/Hobby : chitarraro classico, interessi musicologici, interessi logici e logico/matematici, interessi scientifici, la politica, il calcio, le donne, la carbonara e le bistecche giganti :D :D
SCALA DI DAWKINS :
A chi piace l'opera lirica? Left_bar_bleue0 / 700 / 70A chi piace l'opera lirica? Right_bar_bleue

Data d'iscrizione : 10.03.19

Torna in alto Andare in basso

A chi piace l'opera lirica? Empty Re: A chi piace l'opera lirica?

Messaggio Da Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Torna in alto Andare in basso

Torna in alto

- Argomenti simili

 
Permessi in questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum.