Atei Italiani
Vuoi reagire a questo messaggio? Crea un account in pochi click o accedi per continuare.

In cosa credevi quando eri ancora credente (se mai lo sei stato)?

+9
ToninoScalzo
dr.Quantum
matem
Rasputin
Johnny
Minsky
primaverino
Justine
ermetesilente
13 partecipanti

Pagina 1 di 4 1, 2, 3, 4  Successivo

Andare in basso

In cosa credevi quando eri ancora credente (se mai lo sei stato)? Empty In cosa credevi quando eri ancora credente (se mai lo sei stato)?

Messaggio Da ermetesilente Lun 7 Lug 2014 - 13:44

Io fino a 14 anni credevo nelle seguenti cose:

1) Esistenza di un dio creatore: SI, fino ai 14 anni.

2) Resurrezione: solo fino ai 10 anni.

3) Transustanziazione: NO. E secondo me non ci crede nessuno.

4) Immacolata concezione: NO. Trovavo ridicolo e trovo ridicolo che qualcuno potesse realmente crederci.

5) Efficacia della confessione: non ci ho creduto nemmeno da bambino... se dio è infinitamente buono non ha bisogno dell'intermediazione di un prete.

6) Demonio: SI, fino ai 10 anni.

7) Madonna come madre di Dio: stranamente SI, fino ai 14 anni.

ermetesilente
-------------
-------------

Numero di messaggi : 175
SCALA DI DAWKINS :
In cosa credevi quando eri ancora credente (se mai lo sei stato)? Left_bar_bleue0 / 700 / 70In cosa credevi quando eri ancora credente (se mai lo sei stato)? Right_bar_bleue

Data d'iscrizione : 21.06.14

Torna in alto Andare in basso

In cosa credevi quando eri ancora credente (se mai lo sei stato)? Empty Re: In cosa credevi quando eri ancora credente (se mai lo sei stato)?

Messaggio Da Justine Lun 7 Lug 2014 - 14:03

Io sono stata panteista fino ai 14 anni, mi appoggiavo all'idea di una forza cosmica impersonale che tende a far quadrare le cose. Anche da ragazzina mi risultava difficile credere nel canone religioso, mi immaginavo qualcosa di meno relegato alla tradizione.
Poi, evolvendo il pensiero, sono giunta a tutt'altre conclusioni, ovvero un universo provvido di energia ma indifferente e sterile, privo di una teleologia (ovvero scopo degli scopi), come riporto in firma.

_________________
Smettetela di bistrattare e misinterpretare la Scienza per fingere di dare plausibilità alle vostre troiate
Grazie
Justine
Justine
----------
----------

Femmina Numero di messaggi : 15532
Occupazione/Hobby : Qui è l'una antenna
SCALA DI DAWKINS :
In cosa credevi quando eri ancora credente (se mai lo sei stato)? Left_bar_bleue70 / 7070 / 70In cosa credevi quando eri ancora credente (se mai lo sei stato)? Right_bar_bleue

Data d'iscrizione : 24.05.14

Torna in alto Andare in basso

In cosa credevi quando eri ancora credente (se mai lo sei stato)? Empty Re: In cosa credevi quando eri ancora credente (se mai lo sei stato)?

Messaggio Da Ospite Lun 7 Lug 2014 - 16:30

Io ho sempre dubitato riguardo l'esistenza di dio, nonostante ciò che mi veniva detto.
L'Immacolata concezione, poi, mi ha sempre fatta ridere. E la cosa diventa ancora più divertente se penso a quelli che ci credono se riferita alla madonna, ma la usano a mo' di scherno verso i comuni mortali (es. Una donna dice di avere sempre avuto i genitori col fiato sul collo, della serie "se esci, ti pedino", ma ha avuto un figlio a 16 anni: ecco dunque che il credente a cui mi riferivo la prende bonariamente in giro dicendole : "Sì, certo, sei rimasta incinta per opera dello spirito santo!").
Anche la transustanziazione mi sembrava ridicola quando andavo a catechismo, insomma, un'ostia bagnaticcia il corpo di cristo? Qualcosa non andava...
Resurrezione, mai creduto. 
E anche la confessione finisce tra le cose che trovavo ridicole già in tenera età: non vedevo proprio l'utilità nel raccontare i fatti miei a un perfetto sconosciuto, ergo gli ho rifilato idiozie inventate sul momento quando dovevo "confessarmi" per la comunione. 
Il demonio, a dire il vero, l'ho sempre ignorato. Evidentemente non era una figura sufficientemente degna di considerazione nemmeno per dubitarne l'esistenza.
La storia della madonna come madre di dio mi pareva senza senso: cioè, dio, il supposto "creatore", sarebbe figlio di una che è nata millenni dopo? A questo punto io sono la madre della mia trisnonna  Royales  Per non parlare poi della santa trinità: com'è possibile che dio sia contemporaneamente dio, suo "figlio", e lo spirito santo? Perciò condivido appieno una frase di Denis Diderot: "Che cosa è questo Dio che fa morire Dio per placare Dio?"

Ospite
Ospite


Torna in alto Andare in basso

In cosa credevi quando eri ancora credente (se mai lo sei stato)? Empty Re: In cosa credevi quando eri ancora credente (se mai lo sei stato)?

Messaggio Da primaverino Lun 7 Lug 2014 - 16:37

Giusto per la precisione...
L'Immacolata concezione NON c'entra con la presunta verginità di Maria...  mgreen 
primaverino
primaverino
-------------
-------------

Maschio Numero di messaggi : 4730
Età : 58
Località : variabile
Occupazione/Hobby : sedentario
SCALA DI DAWKINS :
In cosa credevi quando eri ancora credente (se mai lo sei stato)? Left_bar_bleue0 / 700 / 70In cosa credevi quando eri ancora credente (se mai lo sei stato)? Right_bar_bleue

Data d'iscrizione : 18.10.12

Torna in alto Andare in basso

In cosa credevi quando eri ancora credente (se mai lo sei stato)? Empty Re: In cosa credevi quando eri ancora credente (se mai lo sei stato)?

Messaggio Da Ospite Lun 7 Lug 2014 - 16:39

Azz... si vede che non ero attenta a catechismo

Ospite
Ospite


Torna in alto Andare in basso

In cosa credevi quando eri ancora credente (se mai lo sei stato)? Empty Re: In cosa credevi quando eri ancora credente (se mai lo sei stato)?

Messaggio Da Minsky Lun 7 Lug 2014 - 17:04

ermetesilente ha scritto:...
4) Immacolata concezione: NO. Trovavo ridicolo e trovo ridicolo che qualcuno potesse realmente crederci.
...
Attenzione (è un dettaglio irrilevante ma mi piace sottolinearlo perché il 99,999...% dei sedicenti credenti cattolici fa confusione su questo punto, e io trovo ciò estremamente esilarante) che il dogma dell'immacolata concezione non è quello che dice che la madonna è stata ingravidata rimanendo vergine, per opera dello spirito santo. Questo dogma dell'immacolata concezione è stato proclamato da papa Pio IX l'8 dicembre 1854 con la bolla Ineffabilis Deus  ahahahahahah , con la quale si è stabilito che la madonna è stata preservata immune dal peccato originale fin dal primo istante del suo (della madonna) concepimento. Ossia, la madonna non aveva mai avuto il "peccato originale", pur non essendo stata battezzata. Per la chiesa ogni essere umano nasce con il peccato originale e solo la madonna ne fu esente. Questo perché era predestinata ad essere la mamma di Gesù. Ciò è in evidente contraddizione con la dottrina del libero arbitrio, tra l'altro. Il dogma che afferma che la madonna è rimasta vergine dopo il concepimento di Gesù, invece, si chiama del "concepimento verginale", e fu stabilito dai vescovi riuniti nel secondo concilio di Costantinopoli (anno 553). Questo è anche detto dogma della "verginità perfetta di Maria", perché implica la nascita verginale di Gesù (cioè che la madonna è rimasta vergine anche dopo aver partorito). Ma c'è dell'altro!  hysterical  : c'è anche il dogma della "verginità perpetua di Maria", secondo il quale la madonna non è la madre dei fratellastri e sorellastre di Gesù nominati nel Vangelo di Marco!
Un gran castello di cazzate. Così enorme che i cristiani stessi non ne conoscono le misure.

_________________
Dai un pesce ad un uomo
e mangerà per un giorno.
Insegna ad un uomo a pescare
e mangerà per tutta la vita.
Dai la religione ad un uomo
e morirà pregando per un pesce.
Minsky
Minsky
--------------
--------------

Maschio Numero di messaggi : 25426
Età : 68
Località : Codroipo
Occupazione/Hobby : ateo guerriero
SCALA DI DAWKINS :
In cosa credevi quando eri ancora credente (se mai lo sei stato)? Left_bar_bleue70 / 7070 / 70In cosa credevi quando eri ancora credente (se mai lo sei stato)? Right_bar_bleue

Data d'iscrizione : 06.10.11

Torna in alto Andare in basso

In cosa credevi quando eri ancora credente (se mai lo sei stato)? Empty Re: In cosa credevi quando eri ancora credente (se mai lo sei stato)?

Messaggio Da Justine Lun 7 Lug 2014 - 17:20

Ma basterebbe pensare anche alla sempiterna bontà del factotum e la rilevanza data all'inferno come luogo di generale apologetica per le c.d. colpe (che esclusivamente in mente sua sono tali). Se vuole fare il sadico, ci riesce ben più del satanasso: tanto basta per non voler salvare dalle sue stesse punizioni.

"Ma dio salverà tutti..." Ciò significa che si può peccare a piacimento, se implicitamente non ci saranno distinzioni

_________________
Smettetela di bistrattare e misinterpretare la Scienza per fingere di dare plausibilità alle vostre troiate
Grazie
Justine
Justine
----------
----------

Femmina Numero di messaggi : 15532
Occupazione/Hobby : Qui è l'una antenna
SCALA DI DAWKINS :
In cosa credevi quando eri ancora credente (se mai lo sei stato)? Left_bar_bleue70 / 7070 / 70In cosa credevi quando eri ancora credente (se mai lo sei stato)? Right_bar_bleue

Data d'iscrizione : 24.05.14

Torna in alto Andare in basso

In cosa credevi quando eri ancora credente (se mai lo sei stato)? Empty Re: In cosa credevi quando eri ancora credente (se mai lo sei stato)?

Messaggio Da Johnny Lun 7 Lug 2014 - 20:12

FuoriDagliSchemi ha scritto:Io ho sempre dubitato riguardo l'esistenza di dio, nonostante ciò che mi veniva detto.
L'Immacolata concezione, poi, mi ha sempre fatta ridere. E la cosa diventa ancora più divertente se penso a quelli che ci credono se riferita alla madonna, ma la usano a mo' di scherno verso i comuni mortali (es. Una donna dice di avere sempre avuto i genitori col fiato sul collo, della serie "se esci, ti pedino", ma ha avuto un figlio a 16 anni: ecco dunque che il credente a cui mi riferivo la prende bonariamente in giro dicendole : "Sì, certo, sei rimasta incinta per opera dello spirito santo!").
Anche la transustanziazione mi sembrava ridicola quando andavo a catechismo, insomma, un'ostia bagnaticcia il corpo di cristo? Qualcosa non andava...
Resurrezione, mai creduto. 
E anche la confessione finisce tra le cose che trovavo ridicole già in tenera età: non vedevo proprio l'utilità nel raccontare i fatti miei a un perfetto sconosciuto, ergo gli ho rifilato idiozie inventate sul momento quando dovevo "confessarmi" per la comunione. 
Il demonio, a dire il vero, l'ho sempre ignorato. Evidentemente non era una figura sufficientemente degna di considerazione nemmeno per dubitarne l'esistenza.
La storia della madonna come madre di dio mi pareva senza senso: cioè, dio, il supposto "creatore", sarebbe figlio di una che è nata millenni dopo? A questo punto io sono la madre della mia trisnonna  Royales  Per non parlare poi della santa trinità: com'è possibile che dio sia contemporaneamente dio, suo "figlio", e lo spirito santo? Perciò condivido appieno una frase di Denis Diderot: "Che cosa è questo Dio che fa morire Dio per placare Dio?"
"This must be a strange deception
by celestial intervention...."


C'è anche chi afferma che la Bibbia sia un libro come tutti gli altri, appartenente al genere fantasy.

Sì, non c'è niente di razionale nel canovaccio di quel testo. Proprio un bel niente.

Ma vi assicuro che, se e quanto arriva quel momento, cose che parevano incomprensibili corbellerie, possono diventare più chiare della luce del sole.

Se, e quando...

In cosa credevi quando eri ancora credente (se mai lo sei stato)? Flat

_________________
"Gia la scure è posta alla radice degli alberi: ogni albero che non produce frutti buoni viene tagliato e gettato nel fuoco" -  (G.B. Decollato, I° secolo)

xai745@xcite.it
Johnny
Johnny
-------------
-------------

Maschio Numero di messaggi : 8863
Età : 43
Località : 43.914150, 12.917861
Occupazione/Hobby : Punta di Diamante del Terziario Avanzato (a Cottimo)
SCALA DI DAWKINS :
In cosa credevi quando eri ancora credente (se mai lo sei stato)? Left_bar_bleue0 / 700 / 70In cosa credevi quando eri ancora credente (se mai lo sei stato)? Right_bar_bleue

Data d'iscrizione : 28.07.10

Torna in alto Andare in basso

In cosa credevi quando eri ancora credente (se mai lo sei stato)? Empty Re: In cosa credevi quando eri ancora credente (se mai lo sei stato)?

Messaggio Da Johnny Lun 7 Lug 2014 - 20:17

Ah, la canzone è questa...



... con testo in in coppa, anzi, abbascio...

Abbascio...:

_________________
"Gia la scure è posta alla radice degli alberi: ogni albero che non produce frutti buoni viene tagliato e gettato nel fuoco" -  (G.B. Decollato, I° secolo)

xai745@xcite.it
Johnny
Johnny
-------------
-------------

Maschio Numero di messaggi : 8863
Età : 43
Località : 43.914150, 12.917861
Occupazione/Hobby : Punta di Diamante del Terziario Avanzato (a Cottimo)
SCALA DI DAWKINS :
In cosa credevi quando eri ancora credente (se mai lo sei stato)? Left_bar_bleue0 / 700 / 70In cosa credevi quando eri ancora credente (se mai lo sei stato)? Right_bar_bleue

Data d'iscrizione : 28.07.10

Torna in alto Andare in basso

In cosa credevi quando eri ancora credente (se mai lo sei stato)? Empty Re: In cosa credevi quando eri ancora credente (se mai lo sei stato)?

Messaggio Da Johnny Lun 7 Lug 2014 - 20:27

Minsky ha scritto:... Ma c'è dell'altro!  hysterical  : c'è anche il dogma della "verginità perpetua di Maria", secondo il quale la madonna non è la madre dei fratellastri e sorellastre di Gesù nominati nel Vangelo di Marco!
Un gran castello di cazzate. Così enorme che i cristiani stessi non ne conoscono le misure.
Sì, sopratutto questa ultima parte, sono corbellerie posticce che i prelati in concilio dovevano risparmiarsi di mettere. Nei vari secoli.

Si sono arrogati un compito, un diritto, non loro.

La buona novella era del tutto completa con la passeggiata di Emmaus. Note a margine e postille, sta scritto, non ne doveva apporre nessuno.

In cosa credevi quando eri ancora credente (se mai lo sei stato)? Rollingf

_________________
"Gia la scure è posta alla radice degli alberi: ogni albero che non produce frutti buoni viene tagliato e gettato nel fuoco" -  (G.B. Decollato, I° secolo)

xai745@xcite.it
Johnny
Johnny
-------------
-------------

Maschio Numero di messaggi : 8863
Età : 43
Località : 43.914150, 12.917861
Occupazione/Hobby : Punta di Diamante del Terziario Avanzato (a Cottimo)
SCALA DI DAWKINS :
In cosa credevi quando eri ancora credente (se mai lo sei stato)? Left_bar_bleue0 / 700 / 70In cosa credevi quando eri ancora credente (se mai lo sei stato)? Right_bar_bleue

Data d'iscrizione : 28.07.10

Torna in alto Andare in basso

In cosa credevi quando eri ancora credente (se mai lo sei stato)? Empty Re: In cosa credevi quando eri ancora credente (se mai lo sei stato)?

Messaggio Da Ospite Lun 7 Lug 2014 - 21:04

holubice ha scritto:"This must be a strange deception
by celestial intervention...."


C'è anche chi afferma che la Bibbia sia un libro come tutti gli altri, appartenente al genere fantasy.

Sì, non c'è niente di razionale nel canovaccio di quel testo. Proprio un bel niente.

Ma vi assicuro che, se e quanto arriva quel momento, cose che parevano incomprensibili corbellerie, possono diventare più chiare della luce del sole.

Se, e quando...

In cosa credevi quando eri ancora credente (se mai lo sei stato)? Flat

Almeno tu lo riconosci che la bibbia è altamente irrazionale, è già qualcosa di positivo sentire un credente (immagino tu sia credente, no?) che lo ammette.
Una piccola curiosità, cosa ti assicura che in punto di morte -se ho ben inteso- la bibbia acquisisca senso compiuto?


NB: non intendere la domanda in senso di scherno, è solo una domanda come tante altre. Solo che a volte si viene fraintesi quando si parla per iscritto, perciò ci tenevo a precisare  wink..

Ospite
Ospite


Torna in alto Andare in basso

In cosa credevi quando eri ancora credente (se mai lo sei stato)? Empty Re: In cosa credevi quando eri ancora credente (se mai lo sei stato)?

Messaggio Da Johnny Lun 7 Lug 2014 - 21:19

FuoriDagliSchemi ha scritto:Almeno tu lo riconosci che la bibbia è altamente irrazionale, è già qualcosa di positivo sentire un credente (immagino tu sia credente, no?) che lo ammette.
Una piccola curiosità, cosa ti assicura che in punto di morte -se ho ben inteso- la bibbia acquisisca senso compiuto?
Non è necessariamente in punto di morte che la cataratta si dipana. Mettiamola così:

Da quanto ci ho capito ci sono esseri umani che sono destinanti ineluttabilmente ad essere perduti. Sono quelli che in un passo il figlio di Giuseppe chiama 'figli delle tenebre'. Ce ne son poi altri che sono piuttosto mal messi, ma possono venirne fuori. Sono le cosidette pecorelle smarrite, passatemi il termine. Che cosa fa la differenza tra gli uni dagli altri? Beh, non prendetela per Verità rivelata, ma mi sono convinto che è il desiderio di giustizia che, magari sopito e nascosto, magari in un uomo che delinque, può ad un certo punto riaffiorare.

E poi, anche in chi si comporta male, bisogna sempre considerare le eventuali circostanze attenuanti: è molto facile essere un buon cittadino quando si è stati tirati su da una famiglia che ci ha sempre messo insieme il pranzo con la cena. Lo è molto di meno se si è un ragazzo abbandonato bambino dai genitori a Bucarest che vive tra i tombini e annusa colla.

Bertol Brecht diceva: "Il vero ladro non è colui che entra nella banca col mitra per rapinarla, ma chi l'ha fondata". Alla stessa maniera, quasi sempre il rumeno che sfonda la finestra della villa è molto più onesto di chi vi dorme dentro.

Ce ne accorgeremo il giorno in cui saremo parcheggiati in quelle due famose file di destra e di sinistra. Quante sorprese, quel giorno...

In cosa credevi quando eri ancora credente (se mai lo sei stato)? 4u2ap3b








_________________
"Gia la scure è posta alla radice degli alberi: ogni albero che non produce frutti buoni viene tagliato e gettato nel fuoco" -  (G.B. Decollato, I° secolo)

xai745@xcite.it
Johnny
Johnny
-------------
-------------

Maschio Numero di messaggi : 8863
Età : 43
Località : 43.914150, 12.917861
Occupazione/Hobby : Punta di Diamante del Terziario Avanzato (a Cottimo)
SCALA DI DAWKINS :
In cosa credevi quando eri ancora credente (se mai lo sei stato)? Left_bar_bleue0 / 700 / 70In cosa credevi quando eri ancora credente (se mai lo sei stato)? Right_bar_bleue

Data d'iscrizione : 28.07.10

Torna in alto Andare in basso

In cosa credevi quando eri ancora credente (se mai lo sei stato)? Empty Re: In cosa credevi quando eri ancora credente (se mai lo sei stato)?

Messaggio Da Johnny Lun 7 Lug 2014 - 21:25

"Nessuno viene a me se non è attirato dal Padre mio".

Questo è il problema. Se non è giusto che quel soggetto rinsavisca, neanche un vero e proprio miracolo sortirà effetti.

Per questo vi dico: sparate pure merda qui dentro, anche a palate, ma scucite di nascosto quattrini per chi si trova dentro una tenda al confine del proprio stato, perché la sua città è stata rasa al suolo.

Poi il resto sarà solo questione di tempo.







_________________
"Gia la scure è posta alla radice degli alberi: ogni albero che non produce frutti buoni viene tagliato e gettato nel fuoco" -  (G.B. Decollato, I° secolo)

xai745@xcite.it
Johnny
Johnny
-------------
-------------

Maschio Numero di messaggi : 8863
Età : 43
Località : 43.914150, 12.917861
Occupazione/Hobby : Punta di Diamante del Terziario Avanzato (a Cottimo)
SCALA DI DAWKINS :
In cosa credevi quando eri ancora credente (se mai lo sei stato)? Left_bar_bleue0 / 700 / 70In cosa credevi quando eri ancora credente (se mai lo sei stato)? Right_bar_bleue

Data d'iscrizione : 28.07.10

Torna in alto Andare in basso

In cosa credevi quando eri ancora credente (se mai lo sei stato)? Empty Re: In cosa credevi quando eri ancora credente (se mai lo sei stato)?

Messaggio Da Ospite Lun 7 Lug 2014 - 21:35

Immagino siamo tutti d'accordo sul fatto che i diversi fattori -economici, sociali, psicologici etc...- influenzino le scelte di un individuo. La cosa che non mi va giù è la storia del destino -naturalmente parlo solo ed esclusivamente per me, ognuno poi la pensa come vuole e non sto mica qui a darti del "grande" o del "cretino" per le tue opinioni-. Personalmente, penso sia, in un certo senso, triste avere un destino bell'e pronto, sapere che magari tutto ciò che fai sia stato "stabilito" in precedenza: se venissi a sapere che il destino esiste davvero, penso che finirei in depressione, mi sentirei come se la mia vita fosse un che di vuoto e noioso, già tutto previsto, dov'è il bello?
Anche la storia delle due file mi dà angoscia: se fosse tutto vero, più che sorprese mi troverò davanti delusioni. Nessun grande stupore, visto e considerato che se ne parlava ampiamente e dettagliatamente anche da vivi, più la delusione di vivere una vita eterna, senza scopi e senza mete... consideriamo comunque che si tratta di supposizioni e nient'altro, soggette a libere interpretazioni.

Ospite
Ospite


Torna in alto Andare in basso

In cosa credevi quando eri ancora credente (se mai lo sei stato)? Empty Re: In cosa credevi quando eri ancora credente (se mai lo sei stato)?

Messaggio Da Ospite Lun 7 Lug 2014 - 21:39

Scusami, ho postato nel mentre, comunque per la solidarietà quella è, a mio parere, una scelta personale.
Se uno vuole, aiuta, se no fa come gli pare. La storia del giudizio divino non mi pare un buon espediente per esortare...

Ospite
Ospite


Torna in alto Andare in basso

In cosa credevi quando eri ancora credente (se mai lo sei stato)? Empty Re: In cosa credevi quando eri ancora credente (se mai lo sei stato)?

Messaggio Da Johnny Lun 7 Lug 2014 - 21:43

FuoriDagliSchemi ha scritto:Immagino siamo tutti d'accordo sul fatto che i diversi fattori -economici, sociali, psicologici etc...- influenzino le scelte di un individuo. La cosa che non mi va giù è la storia del destino -naturalmente parlo solo ed esclusivamente per me, ognuno poi la pensa come vuole e non sto mica qui a darti del "grande" o del "cretino" per le tue opinioni-. Personalmente, penso sia, in un certo senso, triste avere un destino bell'e pronto, sapere che magari tutto ciò che fai sia stato "stabilito" in precedenza: se venissi a sapere che il destino esiste davvero, penso che finirei in depressione, mi sentirei come se la mia vita fosse un che di vuoto e noioso, già tutto previsto, dov'è il bello?
Anche la storia delle due file mi dà angoscia: se fosse tutto vero, più che sorprese mi troverò davanti delusioni. Nessun grande stupore, visto e considerato che se ne parlava ampiamente e dettagliatamente anche da vivi, più la delusione di vivere una vita eterna, senza scopi e senza mete... consideriamo comunque che si tratta di supposizioni e nient'altro, soggette a libere interpretazioni.
E' già, il destiono... Ma allora c'è o non c'è sto destiono? Neanche i preti te lo sanno dire. Perché sbiascicano che non c'è, ma poi c'è scritto che non si muove foglia che Dio non voglia. E allora?

E allora funziona come quei tipi che, causa impicci di lavoro, non possono vedere la partita, e allora fanno in tutti i modi per non sapere come è andata a finire, per poterla vedere sulla cassetta su cui se la sono registrata.

La cassetta è stata già registrata. Solo che nessuno ha la possibilità di vederla in anteprima. Ai fini pratici, la partita si deve ancora disputare.

Ma dovrebbe esserre possibile anche cambiare qualche pezzo e inquadratura. "Se è possibile, allontana da me questo calice..." diceva Ello quando gli si stavano stringendo i panni... Quindi può essere possibile fare varianti qua e là...


In cosa credevi quando eri ancora credente (se mai lo sei stato)? Tauruss

_________________
"Gia la scure è posta alla radice degli alberi: ogni albero che non produce frutti buoni viene tagliato e gettato nel fuoco" -  (G.B. Decollato, I° secolo)

xai745@xcite.it
Johnny
Johnny
-------------
-------------

Maschio Numero di messaggi : 8863
Età : 43
Località : 43.914150, 12.917861
Occupazione/Hobby : Punta di Diamante del Terziario Avanzato (a Cottimo)
SCALA DI DAWKINS :
In cosa credevi quando eri ancora credente (se mai lo sei stato)? Left_bar_bleue0 / 700 / 70In cosa credevi quando eri ancora credente (se mai lo sei stato)? Right_bar_bleue

Data d'iscrizione : 28.07.10

Torna in alto Andare in basso

In cosa credevi quando eri ancora credente (se mai lo sei stato)? Empty Re: In cosa credevi quando eri ancora credente (se mai lo sei stato)?

Messaggio Da Johnny Lun 7 Lug 2014 - 21:45

FuoriDagliSchemi ha scritto:Scusami, ho postato nel mentre, comunque per la solidarietà quella è, a mio parere, una scelta personale. Se uno vuole, aiuta, se no fa come gli pare. La storia del giudizio divino non mi pare un buon espediente per esortare...
Forse non è un buon espediente per esortare, ma la mancaza diventa un buon viatico per non scucire...

Perché il tarlo che si insinua prima o poi, più prima che poi, è: ma chi ca$$o me lo fa fare...?



In cosa credevi quando eri ancora credente (se mai lo sei stato)? Balloony

_________________
"Gia la scure è posta alla radice degli alberi: ogni albero che non produce frutti buoni viene tagliato e gettato nel fuoco" -  (G.B. Decollato, I° secolo)

xai745@xcite.it
Johnny
Johnny
-------------
-------------

Maschio Numero di messaggi : 8863
Età : 43
Località : 43.914150, 12.917861
Occupazione/Hobby : Punta di Diamante del Terziario Avanzato (a Cottimo)
SCALA DI DAWKINS :
In cosa credevi quando eri ancora credente (se mai lo sei stato)? Left_bar_bleue0 / 700 / 70In cosa credevi quando eri ancora credente (se mai lo sei stato)? Right_bar_bleue

Data d'iscrizione : 28.07.10

Torna in alto Andare in basso

In cosa credevi quando eri ancora credente (se mai lo sei stato)? Empty Re: In cosa credevi quando eri ancora credente (se mai lo sei stato)?

Messaggio Da Ospite Lun 7 Lug 2014 - 21:52

Non necessariamente. Io da atea non mi faccio problemi a dare aiuto qua e là se possibile: non proprio aiuti economici -dato che il massimo che ho nel portafogli sono 3 euro a pezzi da 20 cents-, ma rendermi disponibile a fare corsi di recupero gratis per chi ha 4 in matematica, quello lo faccio ben volentieri, senza un tornaconto e senza la minaccia divina -almeno, io la interpreto così-.

Ospite
Ospite


Torna in alto Andare in basso

In cosa credevi quando eri ancora credente (se mai lo sei stato)? Empty Re: In cosa credevi quando eri ancora credente (se mai lo sei stato)?

Messaggio Da Minsky Lun 7 Lug 2014 - 22:18

FuoriDagliSchemi ha scritto:Non necessariamente. Io da atea non mi faccio problemi a dare aiuto qua e là se possibile: non proprio aiuti economici -dato che il massimo che ho nel portafogli sono 3 euro a pezzi da 20 cents-, ma rendermi disponibile a fare corsi di recupero gratis per chi ha 4 in matematica, quello lo faccio ben volentieri, senza un tornaconto e senza la minaccia divina -almeno, io la interpreto così-.
VERDONE FDS.  ok2 
Tante volte sembra impossibile fare volontariato, sempre presi come si è da ventimila problemi e impegni. Invece ci si può riuscire, ci sono riuscito persino io, complice la scarsità di lavoro che mi ha "regalato" del tempo libero. Ed è un'esperienza bellissima e gratificante in sé, senza alcun bisogno di sentirsi in lizza per la conquista di un posto di privilegio in un mondo immaginario. Premessa indispensabile per essere d'aiuto al prossimo, comunque, è di essere sufficientemente competenti e abili in quello che si fa, altrimenti si finisce per essere solo di impiccio. Mi ricordo che tanti anni fa una mia amica mi disse: «quest'estate non vorresti andare in Africa un mese ad aiutare in un ospedale?» Lei è un medico, psichiatra, di quelli che fanno legare al letto la gente quando si agita troppo; avevamo in comune solo la passione per l'alpinismo. Le risposi che a parte le nozioni elementari di primo soccorso io di medicina non so assolutamente nulla (sono un tecnico di automazione industriale), e perciò, anche se avessi potuto, non sarei stato di alcuna utilità. In ogni modo, non avendo ferie, non potevo. Perché non ci andava lei? Aveva le ferie già impegnate: un mese con il compagno attraverso gli USA a visitare i grandi parchi naturali. Gran bella vacanza, piacerebbe anche a me. Si vede che non si è mai preoccupata di essere un giorno nella fila sbagliata...  Royales

_________________
Dai un pesce ad un uomo
e mangerà per un giorno.
Insegna ad un uomo a pescare
e mangerà per tutta la vita.
Dai la religione ad un uomo
e morirà pregando per un pesce.
Minsky
Minsky
--------------
--------------

Maschio Numero di messaggi : 25426
Età : 68
Località : Codroipo
Occupazione/Hobby : ateo guerriero
SCALA DI DAWKINS :
In cosa credevi quando eri ancora credente (se mai lo sei stato)? Left_bar_bleue70 / 7070 / 70In cosa credevi quando eri ancora credente (se mai lo sei stato)? Right_bar_bleue

Data d'iscrizione : 06.10.11

Torna in alto Andare in basso

In cosa credevi quando eri ancora credente (se mai lo sei stato)? Empty Re: In cosa credevi quando eri ancora credente (se mai lo sei stato)?

Messaggio Da Justine Lun 7 Lug 2014 - 22:39

Per mia esperienza personale, invece, mi sono sempre mantenuta in uno stato di cose in cui "aiutare" qualcuno non soggiace né a mio profitto personale, né a quello di presunte "buone azioni" ricompensabili, concetto molto fine a se stesso, praticamente inutile alla fine delle cose (e di tutte, per inciso).

In particolare, aiuto apaticamente, ma per paradosso molto sentitamente: non mi attendo alcunché. Non che gli astri snocciolino reverenze per me, non che la terra diventi un icosaedro (ma sarebbe molto istruttivo poter assistere, peccato che l'onnipotenza abbia molti limiti, per chi vuole intendere). Ma nulla, proprio. Non penso ci sia migliore notizia, molto più di quintali di bibbie o supposti testi sacri.

_________________
Smettetela di bistrattare e misinterpretare la Scienza per fingere di dare plausibilità alle vostre troiate
Grazie
Justine
Justine
----------
----------

Femmina Numero di messaggi : 15532
Occupazione/Hobby : Qui è l'una antenna
SCALA DI DAWKINS :
In cosa credevi quando eri ancora credente (se mai lo sei stato)? Left_bar_bleue70 / 7070 / 70In cosa credevi quando eri ancora credente (se mai lo sei stato)? Right_bar_bleue

Data d'iscrizione : 24.05.14

Torna in alto Andare in basso

In cosa credevi quando eri ancora credente (se mai lo sei stato)? Empty Re: In cosa credevi quando eri ancora credente (se mai lo sei stato)?

Messaggio Da Johnny Lun 7 Lug 2014 - 22:42

Io lo chiamo il miracolo Kawasaki:

In cosa credevi quando eri ancora credente (se mai lo sei stato)? Web-ZX1000GCF_92149_side

... dopo tanto tempo hai messo insieme uno sbecco in banca di 16.460 euro, giusti, giusti per comperartela.

Ed invece, quatto, quatto, zitto, zitto, dirotti quell'importo in qualche accampamento di Medici Senza Frontiere. Quatto, quatto, zitto, zitto.

La moto è il bene voluttuario per eccellenza: si riesce a vivere benissimo anche senza. Anzi, di solito si vive più a lungo...


 mexican

_________________
"Gia la scure è posta alla radice degli alberi: ogni albero che non produce frutti buoni viene tagliato e gettato nel fuoco" -  (G.B. Decollato, I° secolo)

xai745@xcite.it
Johnny
Johnny
-------------
-------------

Maschio Numero di messaggi : 8863
Età : 43
Località : 43.914150, 12.917861
Occupazione/Hobby : Punta di Diamante del Terziario Avanzato (a Cottimo)
SCALA DI DAWKINS :
In cosa credevi quando eri ancora credente (se mai lo sei stato)? Left_bar_bleue0 / 700 / 70In cosa credevi quando eri ancora credente (se mai lo sei stato)? Right_bar_bleue

Data d'iscrizione : 28.07.10

Torna in alto Andare in basso

In cosa credevi quando eri ancora credente (se mai lo sei stato)? Empty Re: In cosa credevi quando eri ancora credente (se mai lo sei stato)?

Messaggio Da Justine Lun 7 Lug 2014 - 22:46

holubice ha scritto:Io lo chiamo il miracolo Kawasaki:

In cosa credevi quando eri ancora credente (se mai lo sei stato)? Web-ZX1000GCF_92149_side

... dopo tanto tempo hai messo insieme uno sbecco in banca di 16.460 euro, giusti, giusti per comperartela.

Ed invece, quatto, quatto, zitto, zitto, dirotti quell'importo in qualche accampamento di Medici Senza Frontiere. Quatto, quatto, zitto, zitto.

La moto è il bene voluttuario per eccellenza: si riesce a vivere benissimo anche senza. Anzi, di solito si vive più a lungo...


 mexican

Sono dell'opinione che tra l'acquisto di una moto e una donazione sentita non incorra una differenza così eclatante: si tratta pur sempre di qualcosa fatto per placare il ribobolare del proprio Ego. Quante persone con rimorsi e sensi di colpa giocano a fare gli altruisti, senza avere la minima cognizione delle proprie azioni?

Rimango sempre del parere che niente venga fatto per niente, e -in termini emotivi o materiali- qualcosa torni sempre indietro. Ad usum proprium... comunque nulla che abbia particolarmente a che vedere con "miracoli"

_________________
Smettetela di bistrattare e misinterpretare la Scienza per fingere di dare plausibilità alle vostre troiate
Grazie
Justine
Justine
----------
----------

Femmina Numero di messaggi : 15532
Occupazione/Hobby : Qui è l'una antenna
SCALA DI DAWKINS :
In cosa credevi quando eri ancora credente (se mai lo sei stato)? Left_bar_bleue70 / 7070 / 70In cosa credevi quando eri ancora credente (se mai lo sei stato)? Right_bar_bleue

Data d'iscrizione : 24.05.14

Torna in alto Andare in basso

In cosa credevi quando eri ancora credente (se mai lo sei stato)? Empty Re: In cosa credevi quando eri ancora credente (se mai lo sei stato)?

Messaggio Da Johnny Lun 7 Lug 2014 - 22:47

E poi, toh, cambiando un po' fonte...

"Se vuoi rendere ricco Pitocle, non aggiungere qualcosa a ciò che possiede ma sottrai qualcosa a ciò che desidera."

Epicuro, il più saggio dei saggi filosofi greci. Il più frainteso...


Notte gente. Che domani mi alzo presto.

_________________
"Gia la scure è posta alla radice degli alberi: ogni albero che non produce frutti buoni viene tagliato e gettato nel fuoco" -  (G.B. Decollato, I° secolo)

xai745@xcite.it
Johnny
Johnny
-------------
-------------

Maschio Numero di messaggi : 8863
Età : 43
Località : 43.914150, 12.917861
Occupazione/Hobby : Punta di Diamante del Terziario Avanzato (a Cottimo)
SCALA DI DAWKINS :
In cosa credevi quando eri ancora credente (se mai lo sei stato)? Left_bar_bleue0 / 700 / 70In cosa credevi quando eri ancora credente (se mai lo sei stato)? Right_bar_bleue

Data d'iscrizione : 28.07.10

Torna in alto Andare in basso

In cosa credevi quando eri ancora credente (se mai lo sei stato)? Empty Re: In cosa credevi quando eri ancora credente (se mai lo sei stato)?

Messaggio Da Justine Lun 7 Lug 2014 - 22:50

Che peccato che l'hybris ragionata non vada più di moda, sarebbe veramente una conquista epocale vedere un essere umano che ha successo nell'impresa di inglobare, conoscere e carezzare il tutto  book , e non accontentarsi di guardare i campi di fiori in eterno...

B.notte

_________________
Smettetela di bistrattare e misinterpretare la Scienza per fingere di dare plausibilità alle vostre troiate
Grazie
Justine
Justine
----------
----------

Femmina Numero di messaggi : 15532
Occupazione/Hobby : Qui è l'una antenna
SCALA DI DAWKINS :
In cosa credevi quando eri ancora credente (se mai lo sei stato)? Left_bar_bleue70 / 7070 / 70In cosa credevi quando eri ancora credente (se mai lo sei stato)? Right_bar_bleue

Data d'iscrizione : 24.05.14

Torna in alto Andare in basso

In cosa credevi quando eri ancora credente (se mai lo sei stato)? Empty Re: In cosa credevi quando eri ancora credente (se mai lo sei stato)?

Messaggio Da Minsky Lun 7 Lug 2014 - 22:56

holubice ha scritto:E poi, toh, cambiando un po' fonte...

"Se vuoi rendere ricco Pitocle, non aggiungere qualcosa a ciò che possiede ma sottrai qualcosa a ciò che desidera."

Epicuro, il più saggio dei saggi filosofi greci. Il più frainteso...
Alquanto insolito per un credente citare Epicuro.

_________________
Dai un pesce ad un uomo
e mangerà per un giorno.
Insegna ad un uomo a pescare
e mangerà per tutta la vita.
Dai la religione ad un uomo
e morirà pregando per un pesce.
Minsky
Minsky
--------------
--------------

Maschio Numero di messaggi : 25426
Età : 68
Località : Codroipo
Occupazione/Hobby : ateo guerriero
SCALA DI DAWKINS :
In cosa credevi quando eri ancora credente (se mai lo sei stato)? Left_bar_bleue70 / 7070 / 70In cosa credevi quando eri ancora credente (se mai lo sei stato)? Right_bar_bleue

Data d'iscrizione : 06.10.11

Torna in alto Andare in basso

In cosa credevi quando eri ancora credente (se mai lo sei stato)? Empty Re: In cosa credevi quando eri ancora credente (se mai lo sei stato)?

Messaggio Da Justine Mar 8 Lug 2014 - 6:40

Minsky ha scritto:
holubice ha scritto:E poi, toh, cambiando un po' fonte...

"Se vuoi rendere ricco Pitocle, non aggiungere qualcosa a ciò che possiede ma sottrai qualcosa a ciò che desidera."

Epicuro, il più saggio dei saggi filosofi greci. Il più frainteso...
Alquanto insolito per un credente citare Epicuro.

Di norma, i pensatori che (pur intendendo tutt'altro) sembrano alludere a qualche sorta di morigeratezza o continenza vengono spesso citati anche in questi contesti; come a dire: "Vedi? Se l'ha detto uno come lui..."

Acqua al mulino.

_________________
Smettetela di bistrattare e misinterpretare la Scienza per fingere di dare plausibilità alle vostre troiate
Grazie
Justine
Justine
----------
----------

Femmina Numero di messaggi : 15532
Occupazione/Hobby : Qui è l'una antenna
SCALA DI DAWKINS :
In cosa credevi quando eri ancora credente (se mai lo sei stato)? Left_bar_bleue70 / 7070 / 70In cosa credevi quando eri ancora credente (se mai lo sei stato)? Right_bar_bleue

Data d'iscrizione : 24.05.14

Torna in alto Andare in basso

In cosa credevi quando eri ancora credente (se mai lo sei stato)? Empty Re: In cosa credevi quando eri ancora credente (se mai lo sei stato)?

Messaggio Da Minsky Mar 8 Lug 2014 - 9:50

holubice ha scritto:Io lo chiamo il miracolo Kawasaki:

... dopo tanto tempo hai messo insieme uno sbecco in banca di 16.460 euro, giusti, giusti per comperartela.

Ed invece, quatto, quatto, zitto, zitto, dirotti quell'importo in qualche accampamento di Medici Senza Frontiere. Quatto, quatto, zitto, zitto.

La moto è il bene voluttuario per eccellenza: si riesce a vivere benissimo anche senza. Anzi, di solito si vive più a lungo...


 mexican
Aspetta fammi capire:

  1. Hai pazientemente risparmiato e messo da parte nel conto della banca, centesimo dopo centesimo, all'insaputa di tutti (anche dei tuoi famigliari), la somma di € 16460 con l'obiettivo di impiegarla per acquistare una Kawasaki Ninja fiammante.
  2. Una volta raggiunto l'importo necessario, anziché comperare la moto dei tuoi sogni hai fatto un bonifico di € 16460 a favore di Médecins sans frontières, sempre senza che nessuno (tranne noi del forum A.I.) ne sia a conoscenza.
  3. Questo secondo te è il "fioretto" che ti assicurerà il posto nell'alto dei cieli.

_________________
Dai un pesce ad un uomo
e mangerà per un giorno.
Insegna ad un uomo a pescare
e mangerà per tutta la vita.
Dai la religione ad un uomo
e morirà pregando per un pesce.
Minsky
Minsky
--------------
--------------

Maschio Numero di messaggi : 25426
Età : 68
Località : Codroipo
Occupazione/Hobby : ateo guerriero
SCALA DI DAWKINS :
In cosa credevi quando eri ancora credente (se mai lo sei stato)? Left_bar_bleue70 / 7070 / 70In cosa credevi quando eri ancora credente (se mai lo sei stato)? Right_bar_bleue

Data d'iscrizione : 06.10.11

Torna in alto Andare in basso

In cosa credevi quando eri ancora credente (se mai lo sei stato)? Empty Re: In cosa credevi quando eri ancora credente (se mai lo sei stato)?

Messaggio Da Justine Mar 8 Lug 2014 - 10:41

Tra l'altro, parlando di fioretti, non capisco questa smania di andare in cielo secondo termini escatologici.
Cioè, ci propongono un divenire fatto di perenne quanto insulsa contemplazione (?), senza il conforto delle arti, delle serie tv, dei videogames, della lettura, della conoscenza in generale:

io piuttosto opterei per un'estensione illimitata della vita su terra (o al limite nello spazio, e in quello che verrà dopo), piuttosto che per la fluttuazione sine causa sempiterna, che non vedo a cosa possa servire.

_________________
Smettetela di bistrattare e misinterpretare la Scienza per fingere di dare plausibilità alle vostre troiate
Grazie
Justine
Justine
----------
----------

Femmina Numero di messaggi : 15532
Occupazione/Hobby : Qui è l'una antenna
SCALA DI DAWKINS :
In cosa credevi quando eri ancora credente (se mai lo sei stato)? Left_bar_bleue70 / 7070 / 70In cosa credevi quando eri ancora credente (se mai lo sei stato)? Right_bar_bleue

Data d'iscrizione : 24.05.14

Torna in alto Andare in basso

In cosa credevi quando eri ancora credente (se mai lo sei stato)? Empty Re: In cosa credevi quando eri ancora credente (se mai lo sei stato)?

Messaggio Da Minsky Mar 8 Lug 2014 - 11:45

Loki ha scritto:...

io piuttosto opterei per un'estensione illimitata della vita su terra (o al limite nello spazio, e in quello che verrà dopo), piuttosto che per la fluttuazione sine causa sempiterna, che non vedo a cosa possa servire.
Devi sapere che Holu ha avuto una OBE/NDE. Crede di aver "visto" cosa c'è "di là" e solo dopo questa esperienza ha deciso che Gesù è la sua guida, ovvero per meglio dire, che quello che c'è scritto nei vangeli è la parola di dio e il "manuale" per guadagnarsi la vita eterna nell'eden che lui pensa di aver sperimentato. Che cosa esattamente abbia visto, non lo ha mai rivelato, finora.

P.S.: C'è da aggiungere: secondo Holu, gli atei sono quelli più in "odore" di salvezza, mentre la chiesa è marcia e corrotta dal demonio. Su quest'ultimo punto non si può che essere d'accordo.

_________________
Dai un pesce ad un uomo
e mangerà per un giorno.
Insegna ad un uomo a pescare
e mangerà per tutta la vita.
Dai la religione ad un uomo
e morirà pregando per un pesce.
Minsky
Minsky
--------------
--------------

Maschio Numero di messaggi : 25426
Età : 68
Località : Codroipo
Occupazione/Hobby : ateo guerriero
SCALA DI DAWKINS :
In cosa credevi quando eri ancora credente (se mai lo sei stato)? Left_bar_bleue70 / 7070 / 70In cosa credevi quando eri ancora credente (se mai lo sei stato)? Right_bar_bleue

Data d'iscrizione : 06.10.11

Torna in alto Andare in basso

In cosa credevi quando eri ancora credente (se mai lo sei stato)? Empty Re: In cosa credevi quando eri ancora credente (se mai lo sei stato)?

Messaggio Da Ospite Mar 8 Lug 2014 - 11:54

Minsky ha scritto:Devi sapere che Holu ha avuto una OBE/NDE. Crede di aver "visto" cosa c'è "di là" e solo dopo questa esperienza ha deciso che Gesù è la sua guida, ovvero per meglio dire, che quello che c'è scritto nei vangeli è la parola di dio e il "manuale" per guadagnarsi la vita eterna nell'eden che lui pensa di aver sperimentato. Che cosa esattamente abbia visto, non lo ha mai rivelato, finora.

P.S.: C'è da aggiungere: secondo Holu, gli atei sono quelli più in "odore" di salvezza, mentre la chiesa è marcia e corrotta dal demonio. Su quest'ultimo punto non si può che essere d'accordo.
nè a cosa doveva servire la pennetta usb nel giorno dell' imminente giudizio universale (che ha comunque registrato alcuni mesi di ritardo a causa della crisi).
detto ciò, vi richiamo severamente per il prolungato ot, e mi ricollego al 3d del prete cattivo che presta i soldi al parrocchiano: dunque mi sfugge, dando per buono il discorso della kawasaki, quale sarebbe il problema.
ammesso che ci sia un qualcuno che ha bisogno di un medico senza frontiere, sarà meglio che ci sia uno stronzo che ha visto la luce e si vuole sollazzare il pipino in paradiso pagando dottori in burundi, oppure un secondo stronzo che si compra la moto petomarmitta prolungapene e viene a sgasarmi sottocasa?

Ospite
Ospite


Torna in alto Andare in basso

In cosa credevi quando eri ancora credente (se mai lo sei stato)? Empty Re: In cosa credevi quando eri ancora credente (se mai lo sei stato)?

Messaggio Da Justine Mar 8 Lug 2014 - 12:04

Minsky ha scritto:
Loki ha scritto:...

io piuttosto opterei per un'estensione illimitata della vita su terra (o al limite nello spazio, e in quello che verrà dopo), piuttosto che per la fluttuazione sine causa sempiterna, che non vedo a cosa possa servire.
Devi sapere che Holu ha avuto una OBE/NDE. Crede di aver "visto" cosa c'è "di là" e solo dopo questa esperienza ha deciso che Gesù è la sua guida, ovvero per meglio dire, che quello che c'è scritto nei vangeli è la parola di dio e il "manuale" per guadagnarsi la vita eterna nell'eden che lui pensa di aver sperimentato. Che cosa esattamente abbia visto, non lo ha mai rivelato, finora.

P.S.: C'è da aggiungere: secondo Holu, gli atei sono quelli più in "odore" di salvezza, mentre la chiesa è marcia e corrotta dal demonio. Su quest'ultimo punto non si può che essere d'accordo.

In questi casi suggerisco la lettura di un buon manuale di neurofisiologia.
Tutti siamo in preda ai sogni, ma nessuno può asserire che quello che ho sognato stanotte, ad es. gettarmi da un palazzo di svariate decine di metri e sopravvivere, possa essere riconducibile ad una qualche forma di realtà.
Epurati i sognatori dai riferimenti culturali tipicamente cristiani, inoltre, quale sarebbe stato il contenuto della cosiddetta NDE?

My little pony? Le Winx? Il Flying Spaghetti Monster?

Figure completamente equivalenti.

_________________
Smettetela di bistrattare e misinterpretare la Scienza per fingere di dare plausibilità alle vostre troiate
Grazie
Justine
Justine
----------
----------

Femmina Numero di messaggi : 15532
Occupazione/Hobby : Qui è l'una antenna
SCALA DI DAWKINS :
In cosa credevi quando eri ancora credente (se mai lo sei stato)? Left_bar_bleue70 / 7070 / 70In cosa credevi quando eri ancora credente (se mai lo sei stato)? Right_bar_bleue

Data d'iscrizione : 24.05.14

Torna in alto Andare in basso

In cosa credevi quando eri ancora credente (se mai lo sei stato)? Empty Re: In cosa credevi quando eri ancora credente (se mai lo sei stato)?

Messaggio Da Minsky Mar 8 Lug 2014 - 12:15

Loki ha scritto:... quale sarebbe stato il contenuto della cosiddetta NDE?

My little pony? Le Winx? Il Flying Spaghetti Monster?

...
Mistero misterioso. Holu ha sottoscritto un NDA al riguardo. Pena l'esclusione perpetua.  wink.. 

_________________
Dai un pesce ad un uomo
e mangerà per un giorno.
Insegna ad un uomo a pescare
e mangerà per tutta la vita.
Dai la religione ad un uomo
e morirà pregando per un pesce.
Minsky
Minsky
--------------
--------------

Maschio Numero di messaggi : 25426
Età : 68
Località : Codroipo
Occupazione/Hobby : ateo guerriero
SCALA DI DAWKINS :
In cosa credevi quando eri ancora credente (se mai lo sei stato)? Left_bar_bleue70 / 7070 / 70In cosa credevi quando eri ancora credente (se mai lo sei stato)? Right_bar_bleue

Data d'iscrizione : 06.10.11

Torna in alto Andare in basso

In cosa credevi quando eri ancora credente (se mai lo sei stato)? Empty Re: In cosa credevi quando eri ancora credente (se mai lo sei stato)?

Messaggio Da Ospite Mar 8 Lug 2014 - 23:47

Io non sono mai stato un vero credente, ho subito un leggero indottrinamento che mi ha portato al massimo all'agnosticismo disinteressato.
Poi a 14 anni mi sono chiesto in cosa credevo, mi sono informato per bene sulla Bibbia (ma anche sui testi sacri in generale) e sulla religione in generale, sulla storia della religione, sulla posizione sociale della Chiesa e sulle infinite ricchezze del clero... dopo neanche 3 mesi ero scettico. Non mi piace definirmi ateo perché non posso smentire l'esistenza di un creatore, ma di certo posso smentire anche ad occhi chiusi l'esistenza del Dio descritto dal cristianesimo ma anche dalle altre religioni,,, in minor misura.

Paradossalmente, la mia "conversione" al contrario è stata agevolata parecchio dalla mia prof di religione hahaha

Ospite
Ospite


Torna in alto Andare in basso

In cosa credevi quando eri ancora credente (se mai lo sei stato)? Empty Re: In cosa credevi quando eri ancora credente (se mai lo sei stato)?

Messaggio Da Minsky Mer 9 Lug 2014 - 0:06

Don Roberto ha scritto:... non posso smentire l'esistenza di un creatore...
Gentilmente, definisci cosa intendi per "creatore".

_________________
Dai un pesce ad un uomo
e mangerà per un giorno.
Insegna ad un uomo a pescare
e mangerà per tutta la vita.
Dai la religione ad un uomo
e morirà pregando per un pesce.
Minsky
Minsky
--------------
--------------

Maschio Numero di messaggi : 25426
Età : 68
Località : Codroipo
Occupazione/Hobby : ateo guerriero
SCALA DI DAWKINS :
In cosa credevi quando eri ancora credente (se mai lo sei stato)? Left_bar_bleue70 / 7070 / 70In cosa credevi quando eri ancora credente (se mai lo sei stato)? Right_bar_bleue

Data d'iscrizione : 06.10.11

Torna in alto Andare in basso

In cosa credevi quando eri ancora credente (se mai lo sei stato)? Empty Re: In cosa credevi quando eri ancora credente (se mai lo sei stato)?

Messaggio Da Justine Mer 9 Lug 2014 - 6:54

Recentemente è stata proposta la classificazione della coscienza come stato di materia. Nondimeno, comunque la si veda rimane una proprietà che si esplica attraverso configurazioni chimiche, come tutto il resto.

La coscienza in sé è pensante? Curiosamente no, è un epifenomeno.

A tutti i fenomeni dell'universo, che pertengono all'energia, dovrebbe esser data adeguata classificazione scientifica. La "creazione" (anche se sottoscrivo il punto interrogativo di Minsky) e ciò che avviene prima e dopo è fatto scientifico sotto tutti i crismi. L'intelligenza pure. Non vedo dunque come chiamare detto dio se non con il nome che gli spetta, e di cui ho fatto menzione.

Di certo non si tratta del tirannello personalistico con pretese di finalità di cui fin troppo spesso si va discettando

_________________
Smettetela di bistrattare e misinterpretare la Scienza per fingere di dare plausibilità alle vostre troiate
Grazie
Justine
Justine
----------
----------

Femmina Numero di messaggi : 15532
Occupazione/Hobby : Qui è l'una antenna
SCALA DI DAWKINS :
In cosa credevi quando eri ancora credente (se mai lo sei stato)? Left_bar_bleue70 / 7070 / 70In cosa credevi quando eri ancora credente (se mai lo sei stato)? Right_bar_bleue

Data d'iscrizione : 24.05.14

Torna in alto Andare in basso

In cosa credevi quando eri ancora credente (se mai lo sei stato)? Empty Re: In cosa credevi quando eri ancora credente (se mai lo sei stato)?

Messaggio Da Ospite Mer 9 Lug 2014 - 14:45

Minsky, Per creatore non intendo un Dio antropomorfo che ha creato universo, terra, uomo, acari e cocomeri. Sono fermamente contrario al creazionismo e mi sta un po' sulle balle l'antropocentrismo, sto dalla parte della scienza ma la scienza non può dire che non esiste nessun Dio cane che con un peto ha avviato il Big Bang, non si può affermare l'inesistenza di qualcosa.
Non credo di conoscere la definizione di Dio o creatore, sto solo dicendo che, sebbene sia più che ovvio che non esista nessun Dio descritto dall'uomo, non posso negare che esista magari per esempio una "nebulosa neuronale" precedente al Big bang dotata di autocoscienza o di proprietà fisiche particolari in grado di avviare lo sviluppo dell'universo e, perché no, anche pilotare alcuni aspetti a distanza.

Fermo restando che sia altamente improbabile (in scienza il termine "impossibile" non esiste) ovviamente.

Ospite
Ospite


Torna in alto Andare in basso

In cosa credevi quando eri ancora credente (se mai lo sei stato)? Empty Re: In cosa credevi quando eri ancora credente (se mai lo sei stato)?

Messaggio Da Johnny Mer 9 Lug 2014 - 14:48

Minsky ha scritto:Aspetta fammi capire:

  1. Hai pazientemente risparmiato e messo da parte nel conto della banca, centesimo dopo centesimo, all'insaputa di tutti (anche dei tuoi famigliari), la somma di € 16460 con l'obiettivo di impiegarla per acquistare una Kawasaki Ninja fiammante.
  2. Una volta raggiunto l'importo necessario, anziché comperare la moto dei tuoi sogni hai fatto un bonifico di € 16460 a favore di Médecins sans frontières, sempre senza che nessuno (tranne noi del forum A.I.) ne sia a conoscenza.
  3. Questo secondo te è il "fioretto" che ti assicurerà il posto nell'alto dei cieli.

Il 'posto' non te lo assicura nessuno. E poi che il Figlio di Giuseppe introdusse un criterio di proporzionalità molto prima dell'avvento del Socialismo lo si evince nel famoso Obolo della Vedova:

Attenzione: contenuto a sfondo mistico:

... i 16.460 euro possono essere tanto, come possono essere niente.

Precisiamo: io non ho fatto nessun bonifico. Vi ho detto che ho fatto una cosa del genere? A chi? Dove? E me ne guardo bene:

Idem, come sopra:

... mi fa specie, ad esempio, gente come Bill Gates che dichiara di aver versato miliardi di dollari nella sua associazione di beneficienza, e poi sposta la sede e la contabilità della sua azienda in paradisi fiscali. E' una bislacca schizzofrenia. Oppure semplicemente pubblicità, forse per farsi perdonare di aver infestato i personal computer col suo monopolistico Winzozz Micro$oft...?

Queste cose vanno fatte di nascosto. Con cappello, occhiali scuri, barba e baffi finti. Sia perché altrimenti si perde il punteggio, sia perché, credetimi, può diventare anche pericoloso...

In cosa credevi quando eri ancora credente (se mai lo sei stato)? 129fs238648

_________________
"Gia la scure è posta alla radice degli alberi: ogni albero che non produce frutti buoni viene tagliato e gettato nel fuoco" -  (G.B. Decollato, I° secolo)

xai745@xcite.it
Johnny
Johnny
-------------
-------------

Maschio Numero di messaggi : 8863
Età : 43
Località : 43.914150, 12.917861
Occupazione/Hobby : Punta di Diamante del Terziario Avanzato (a Cottimo)
SCALA DI DAWKINS :
In cosa credevi quando eri ancora credente (se mai lo sei stato)? Left_bar_bleue0 / 700 / 70In cosa credevi quando eri ancora credente (se mai lo sei stato)? Right_bar_bleue

Data d'iscrizione : 28.07.10

Torna in alto Andare in basso

In cosa credevi quando eri ancora credente (se mai lo sei stato)? Empty Re: In cosa credevi quando eri ancora credente (se mai lo sei stato)?

Messaggio Da Johnny Mer 9 Lug 2014 - 15:04

Minsky ha scritto:
Loki ha scritto:... quale sarebbe stato il contenuto della cosiddetta NDE?
My little pony? Le Winx? Il Flying Spaghetti Monster?
...
Mistero misterioso. Holu ha sottoscritto un NDA al riguardo. Pena l'esclusione perpetua.  wink.. 
Non ho preso nessun impegno di non divulgazione. Tengo questo comportamento per una specie di analogia con quanto c'è in questo passo del mio Testo Sacro di Riferimento:

Ancora contenuto mistico Medio Orientale:

Capito? Se ha mantenuto il riserbo Lui, a maggior ragione è opportuno che lo faccia io. E, comunque, ho conosciuto personalmente altri 5 colleghi di 'trip'. Di solito si aprono alle confidenze in modo un po' circospetto e titubante, perché si tratta sempre di persone che hanno parcheggiato l'auto sopra un albero, che hanno avuto un ictus, o altro, gente che se se ne esce con racconti di viaggi 'nella luce', et similia, date le circostanze, ha la paura birbona di esser presi per 'tocchi'. O se l'hanno fatto, i fatti gli han detto che è meglio tener certe cose per sè.

"Mettete una maschera sul volto di un uomo, e solo allora questi diverrà sincero..."

_________________
"Gia la scure è posta alla radice degli alberi: ogni albero che non produce frutti buoni viene tagliato e gettato nel fuoco" -  (G.B. Decollato, I° secolo)

xai745@xcite.it
Johnny
Johnny
-------------
-------------

Maschio Numero di messaggi : 8863
Età : 43
Località : 43.914150, 12.917861
Occupazione/Hobby : Punta di Diamante del Terziario Avanzato (a Cottimo)
SCALA DI DAWKINS :
In cosa credevi quando eri ancora credente (se mai lo sei stato)? Left_bar_bleue0 / 700 / 70In cosa credevi quando eri ancora credente (se mai lo sei stato)? Right_bar_bleue

Data d'iscrizione : 28.07.10

Torna in alto Andare in basso

In cosa credevi quando eri ancora credente (se mai lo sei stato)? Empty Re: In cosa credevi quando eri ancora credente (se mai lo sei stato)?

Messaggio Da Rasputin Mer 9 Lug 2014 - 15:21

Don Roberto ha scritto:[...]sto dalla parte della scienza ma la scienza non può dire che non esiste nessun Dio cane che con un peto ha avviato il Big Bang, non si può affermare l'inesistenza di qualcosa.
Non credo di conoscere la definizione di Dio o creatore, sto solo dicendo che, sebbene sia più che ovvio che non esista nessun Dio descritto dall'uomo, non posso negare che esista magari per esempio una "nebulosa neuronale" precedente al Big bang dotata di autocoscienza o di proprietà fisiche particolari in grado di avviare lo sviluppo dell'universo e, perché no, anche pilotare alcuni aspetti a distanza.

Fermo restando che sia altamente improbabile (in scienza il termine "impossibile" non esiste) ovviamente.

Il problema - ed il vizio di fondo di questo ragionamento, a mio parere - è che con questa logica della "Negazione" non puoi, se vuoi restare coerente, escludere l'esistenza di assolutamente nulla, nemmeno quella di Paperopoli con lo zio Paperone, lo zio Paperino e la Banda Bassotti.

Il punto è un altro: non si formulano ipotesi arbitrarie. Si può formulare un'ipotesi solo se si è in presenza almeno di indizi, i quali a loro volta dovrebbero essere costituiti da fenomeni oggettivi, falsificabili e possibilmente riproducibili.

_________________
Un sacco di gente prova gioia ad essere morta (Maude)

In cosa credevi quando eri ancora credente (se mai lo sei stato)? Merini10- In cosa credevi quando eri ancora credente (se mai lo sei stato)? Rusp_c10

Rasputin
Rasputin
..............
..............

Maschio Numero di messaggi : 59078
Età : 61
Località : Augusta vindelicorum
Occupazione/Hobby : Antinazismo non praticante, islamofobia, agnosticomachia, esecuzione capitale di ipocriti
SCALA DI DAWKINS :
In cosa credevi quando eri ancora credente (se mai lo sei stato)? Left_bar_bleue70 / 7070 / 70In cosa credevi quando eri ancora credente (se mai lo sei stato)? Right_bar_bleue

Data d'iscrizione : 28.10.09

Torna in alto Andare in basso

In cosa credevi quando eri ancora credente (se mai lo sei stato)? Empty Re: In cosa credevi quando eri ancora credente (se mai lo sei stato)?

Messaggio Da Minsky Mer 9 Lug 2014 - 15:23

Don Roberto ha scritto:... non posso negare che esista magari per esempio una "nebulosa neuronale" precedente al Big bang dotata di autocoscienza o di proprietà fisiche particolari in grado di avviare lo sviluppo dell'universo e, perché no, anche pilotare alcuni aspetti a distanza.

Una cosa di questo genere per esempio?

http://atei.forumitalian.com/t4484-un-esperimento-le-prove-dell-altra-parte#169944

Don Roberto ha scritto:Fermo restando che sia altamente improbabile (in scienza il termine "impossibile" non esiste) ovviamente.
Esiste, esiste. Si veda il II° principio della Termodinamica ad esempio.

_________________
Dai un pesce ad un uomo
e mangerà per un giorno.
Insegna ad un uomo a pescare
e mangerà per tutta la vita.
Dai la religione ad un uomo
e morirà pregando per un pesce.
Minsky
Minsky
--------------
--------------

Maschio Numero di messaggi : 25426
Età : 68
Località : Codroipo
Occupazione/Hobby : ateo guerriero
SCALA DI DAWKINS :
In cosa credevi quando eri ancora credente (se mai lo sei stato)? Left_bar_bleue70 / 7070 / 70In cosa credevi quando eri ancora credente (se mai lo sei stato)? Right_bar_bleue

Data d'iscrizione : 06.10.11

Torna in alto Andare in basso

In cosa credevi quando eri ancora credente (se mai lo sei stato)? Empty Re: In cosa credevi quando eri ancora credente (se mai lo sei stato)?

Messaggio Da Minsky Mer 9 Lug 2014 - 15:35

holubice ha scritto:

... i 16.460 euro possono essere tanto, come possono essere niente.

Precisiamo: io non ho fatto nessun bonifico. Vi ho detto che ho fatto una cosa del genere? A chi? Dove?

Hai dato ad intendere di averlo fatto. Sennò di che stavi parlando? Li avevi i sedicimila euri per la Kawasaki o no? Se sì, ci hai comprato la moto o li hai dati via in beneficenza?

holubice ha scritto: E me ne guardo bene:

Idem, come sopra:

... mi fa specie, ad esempio, gente come Bill Gates che dichiara di aver versato miliardi di dollari nella sua associazione di beneficienza, e poi sposta la sede e la contabilità della sua azienda in paradisi fiscali. E' una bislacca schizzofrenia. Oppure semplicemente pubblicità, forse per farsi perdonare di aver infestato i personal computer col suo monopolistico Winzozz Micro$oft...?

Queste cose vanno fatte di nascosto. Con cappello, occhiali scuri, barba e baffi finti. Sia perché altrimenti si perde il punteggio, sia perché, credetimi, può diventare anche pericoloso...

In cosa credevi quando eri ancora credente (se mai lo sei stato)? 129fs238648
Certo, sono cose che, per modestia, vanno fatte senza tanta propaganda, però può essere anche d'esempio per gli altri, rendere noto che si fanno, in certi casi.
Se poi tu ti metti cappello, occhiali scuri, barba e baffi finti quando vai a fare il bonifico o il versamento alle Poste (attento che una volta o l'altra ti arrestano come sospetto rapinatore), solo perché questo è necessario per non perdere il punteggio del tuo concorso a premi per l'aldilà, allora mi sembra proprio che fai una cazzata.

_________________
Dai un pesce ad un uomo
e mangerà per un giorno.
Insegna ad un uomo a pescare
e mangerà per tutta la vita.
Dai la religione ad un uomo
e morirà pregando per un pesce.
Minsky
Minsky
--------------
--------------

Maschio Numero di messaggi : 25426
Età : 68
Località : Codroipo
Occupazione/Hobby : ateo guerriero
SCALA DI DAWKINS :
In cosa credevi quando eri ancora credente (se mai lo sei stato)? Left_bar_bleue70 / 7070 / 70In cosa credevi quando eri ancora credente (se mai lo sei stato)? Right_bar_bleue

Data d'iscrizione : 06.10.11

Torna in alto Andare in basso

In cosa credevi quando eri ancora credente (se mai lo sei stato)? Empty Re: In cosa credevi quando eri ancora credente (se mai lo sei stato)?

Messaggio Da Ospite Mer 9 Lug 2014 - 15:40

Ma io ho sparato il primo esempio che mi veniva in mente! il punto è che rimarrà sempre indimostrabile l'inesistenza di qualcosa.

Il secondo principio della dinamica è ovviamente materia di scienza e in quanto tale è oggetto di eventuali falsificazioni. Tu cosa ne sai che questo principio valga in tutto l'universo/in tutti gli universi possibili/eventuali?
Secondo me (secondo miei ragionamenti che non sto qui a spiegare) è quasi ovvio che esistano altri universi oltre a questo, magari con proprietà diverse da questo. Per quanto ne sappiamo, potrebbe esserci un universo in cui quasi tutte le leggi fisiche che conosciamo non valgono o sono completamente rovesciate/diverse.

Anche questo è indimostrabile, ma anche infalsificabile.



Ps. Il tutto è ovviamente in my humble opinion.

Ospite
Ospite


Torna in alto Andare in basso

In cosa credevi quando eri ancora credente (se mai lo sei stato)? Empty Re: In cosa credevi quando eri ancora credente (se mai lo sei stato)?

Messaggio Da Minsky Mer 9 Lug 2014 - 15:40

holubice ha scritto:
Non ho preso nessun impegno di non divulgazione. Tengo questo comportamento per una specie di analogia con quanto c'è in questo passo del mio Testo Sacro di Riferimento:

Ancora contenuto mistico Medio Orientale:

Capito? Se ha mantenuto il riserbo Lui, a maggior ragione è opportuno che lo faccia io. E, comunque, ho conosciuto personalmente altri 5 colleghi di 'trip'. Di solito si aprono alle confidenze in modo un po' circospetto e titubante, perché si tratta sempre di persone che hanno parcheggiato l'auto sopra un albero, che hanno avuto un ictus, o altro, gente che se se ne esce con racconti di viaggi 'nella luce', et similia, date le circostanze, ha la paura birbona di esser presi per 'tocchi'. O se l'hanno fatto, i fatti gli han detto che è meglio tener certe cose per sè.

"Mettete una maschera sul volto di un uomo, e solo allora questi diverrà sincero..."
Ma no, ma no. Sono fenomeni rari però già con una buona casistica disponibile per lo studio. Allucinazioni, nient'altro.

_________________
Dai un pesce ad un uomo
e mangerà per un giorno.
Insegna ad un uomo a pescare
e mangerà per tutta la vita.
Dai la religione ad un uomo
e morirà pregando per un pesce.
Minsky
Minsky
--------------
--------------

Maschio Numero di messaggi : 25426
Età : 68
Località : Codroipo
Occupazione/Hobby : ateo guerriero
SCALA DI DAWKINS :
In cosa credevi quando eri ancora credente (se mai lo sei stato)? Left_bar_bleue70 / 7070 / 70In cosa credevi quando eri ancora credente (se mai lo sei stato)? Right_bar_bleue

Data d'iscrizione : 06.10.11

Torna in alto Andare in basso

In cosa credevi quando eri ancora credente (se mai lo sei stato)? Empty Re: In cosa credevi quando eri ancora credente (se mai lo sei stato)?

Messaggio Da Johnny Mer 9 Lug 2014 - 15:41

Loki ha scritto:
Minsky ha scritto:Alquanto insolito per un credente citare Epicuro.
Di norma, i pensatori che (pur intendendo tutt'altro) sembrano alludere a qualche sorta di morigeratezza o continenza vengono spesso citati anche in questi contesti; come a dire: "Vedi? Se l'ha detto uno come lui..."
Acqua al mulino.

In cosa credevi quando eri ancora credente (se mai lo sei stato)? Antonio_Banderas_contratto_pubblicit%C3%A0_Mulino_Bianco

... cazzate a parte, sembra che anche il buon Socrate, quando scendeva per le vie di Atene, guardando i negozi della città, diceva: "Ma di quante cose hanno bisogno gli Ateniesi per vivere?"

Questi discorsi non sono per trovare una sponda nei cosidetti filosofi pagani, ma per far si che l'uomo (che naviga qui dentro e fuori) si chieda:

"Ma io, per vivere... di quanti soldi ho bisogno...?"

Qualcuno disse che il superfluo è quello di cui hanno bisogno gli altri. Immaginate che mia moglie sia un avvocato, ed io un idraulico (quindi mia moglie ricca, ed io miliardario...  mgreen ) ed immaginate che noi si viva in un bilocale di 70 mq lordi, si abbia un paio di Panda e che tutto lo sbecco mensile tra quanto ci serve per mandare avanti la nostra casa e quanto si incassi insieme prenda la via di M.S.F.? Immaginate che, per una qualche mutazione genetica, questo sia la norma in tutto questo infame pianeta. Esisterebbe una cosa chiamata povertà?

Sento sempre dire che questo mondo è ingiusto, che il Padre Eterno non dovrebbe permettere situazioni raccapriccianti di bimbi appena nati che muoiono dopo poche ore per mancaza da mangiare: ma non è per caso che la prima cosa che ci presenterà sarà lo sbecco che vi ho vagheggiato sopra?

Sempre dal mio Testo Sacro di Riferimento:

Qualcosa mi dice che avremo a che fare con un commercialista impareggiabile...

In cosa credevi quando eri ancora credente (se mai lo sei stato)? Coffeebath

_________________
"Gia la scure è posta alla radice degli alberi: ogni albero che non produce frutti buoni viene tagliato e gettato nel fuoco" -  (G.B. Decollato, I° secolo)

xai745@xcite.it
Johnny
Johnny
-------------
-------------

Maschio Numero di messaggi : 8863
Età : 43
Località : 43.914150, 12.917861
Occupazione/Hobby : Punta di Diamante del Terziario Avanzato (a Cottimo)
SCALA DI DAWKINS :
In cosa credevi quando eri ancora credente (se mai lo sei stato)? Left_bar_bleue0 / 700 / 70In cosa credevi quando eri ancora credente (se mai lo sei stato)? Right_bar_bleue

Data d'iscrizione : 28.07.10

Torna in alto Andare in basso

In cosa credevi quando eri ancora credente (se mai lo sei stato)? Empty Re: In cosa credevi quando eri ancora credente (se mai lo sei stato)?

Messaggio Da Rasputin Mer 9 Lug 2014 - 15:45

Don Roberto ha scritto:Ma io ho sparato il primo esempio che mi veniva in mente! il punto è che rimarrà sempre indimostrabile l'inesistenza di qualcosa.

Il secondo principio della dinamica è ovviamente materia di scienza e in quanto tale è oggetto di eventuali falsificazioni. Tu cosa ne sai che questo principio valga in tutto l'universo/in tutti gli universi possibili/eventuali?
Secondo me (secondo miei ragionamenti che non sto qui a spiegare) è quasi ovvio che esistano altri universi oltre a questo, magari con proprietà diverse da questo. Per quanto ne sappiamo, potrebbe esserci un universo in cui quasi tutte le leggi fisiche che conosciamo non valgono o sono completamente rovesciate/diverse.

Anche questo è indimostrabile, ma anche infalsificabile.



Ps. Il tutto è ovviamente in my humble opinion.

Provo a ripetertelo: le ipotesi si formulano in presenza di indizi oggettivi a favore delle stesse, altrimenti segue loro l'aggettivo "Arbitrarie"  wink.. 

_________________
Un sacco di gente prova gioia ad essere morta (Maude)

In cosa credevi quando eri ancora credente (se mai lo sei stato)? Merini10- In cosa credevi quando eri ancora credente (se mai lo sei stato)? Rusp_c10

Rasputin
Rasputin
..............
..............

Maschio Numero di messaggi : 59078
Età : 61
Località : Augusta vindelicorum
Occupazione/Hobby : Antinazismo non praticante, islamofobia, agnosticomachia, esecuzione capitale di ipocriti
SCALA DI DAWKINS :
In cosa credevi quando eri ancora credente (se mai lo sei stato)? Left_bar_bleue70 / 7070 / 70In cosa credevi quando eri ancora credente (se mai lo sei stato)? Right_bar_bleue

Data d'iscrizione : 28.10.09

Torna in alto Andare in basso

In cosa credevi quando eri ancora credente (se mai lo sei stato)? Empty Re: In cosa credevi quando eri ancora credente (se mai lo sei stato)?

Messaggio Da matem Mer 9 Lug 2014 - 16:02

1 ho creduto in Dio fino a età adulta
2 ho avuto sempre dubbi sulla resurrezione e la divinità di gesù
3 ho sempre avuto dubbi sulla verginità di Maria e sui dogmi
4 non ho quasi mai creduto al peccato originale e tanto meno al racconto della genesi
5 l'ostia per me è stata solo un simbolo e basta
6 al diavolo ho creduto fino ad età adulta
7 apprezzo e rispetto il messaggio di amore e fratellanza di Cristo
8 ho avuto spesso perplessità e dubbi sul racconto dell'arca di Noè e alla infinita bontà di dio
9 ho spesso avuto dubbi sulla veridicità storica dei vangeli e della bibbia
10 non credo più a tutte le fesserie che dicono  la chiesa e i testi sacri

_________________
In cosa credevi quando eri ancora credente (se mai lo sei stato)? 79837
matem
matem
-------------
-------------

Maschio Numero di messaggi : 471
Località : salerno
Occupazione/Hobby : ex insegnante -lettura libri sulla religione cristiana-collezionista di oggetti storici
SCALA DI DAWKINS :
In cosa credevi quando eri ancora credente (se mai lo sei stato)? Left_bar_bleue69 / 7069 / 70In cosa credevi quando eri ancora credente (se mai lo sei stato)? Right_bar_bleue

Data d'iscrizione : 06.10.10

Torna in alto Andare in basso

In cosa credevi quando eri ancora credente (se mai lo sei stato)? Empty Re: In cosa credevi quando eri ancora credente (se mai lo sei stato)?

Messaggio Da Johnny Mer 9 Lug 2014 - 16:03

Minsky ha scritto:...Se poi tu ti metti cappello, occhiali scuri, barba e baffi finti quando vai a fare il bonifico o il versamento alle Poste (attento che una volta o l'altra ti arrestano come sospetto rapinatore), solo perché questo è necessario per non perdere il punteggio del tuo concorso a premi per l'aldilà, allora mi sembra proprio che fai una cazzata.

Versamenti sopra i mille euro


In cosa credevi quando eri ancora credente (se mai lo sei stato)? Soldi-retino-672

... beh, a dire il vero, c'è anche la noia di dover fare 17 versamenti in 17 sportelli postali diversi... Cambiando ogni volta l'impermeabille e le scarpe? Forse è meglio...

Lessi tempo fa che Enrico Cuccia, il Deux ed Machina di MedioBanca, colui che prestava soldi alle ricche famiglie industriali nei guai, definito il Padrone dei Padroni, una volta finito con i piedi all'avanti, diede un brutta sorpresa ai suoi eredi:

Corsera: L’ eredità di Enrico Cuccia? Un conto con 150 mila euro] L' eredità di Enrico Cuccia? Un conto con 150 mila euro

"Il «banchiere dei banchieri», «il silenzioso burattinaio del capitalismo italiano», «lo spietato sacerdote del grande capitale». Quando Enrico Cuccia morì, poco meno di sette anni fa, furono solo alcuni dei titoli riservati dai quotidiani al fondatore di Mediobanca, protagonista di mezzo secolo di economia e finanza italiana. Un uomo minuto, magro e incurvato, che si poteva incontrare la mattina, in centro a Milano, intento ad attraversare a piedi Piazza della Scala nel tragitto verso via Filodrammatici. Ma se la riservatezza, l’ enorme potere, e lo stile di vita quasi monacale sono attributi che fanno ormai parte integrante del ritratto un po’ stereotipato di Cuccia, non è meno sorprendente scoprire come alla sua morte, il 23 giugno 2000, i beni personali del banchiere novantaduenne - del â signore della finanzaâ - si esaurissero in un conto corrente bancario. Quello aperto proprio alla sede centrale dell’ allora Comit, la Banca Commerciale Italiana del suo vecchio maestro Raffaele Mattioli e dei primi passi della sua lunga carriera. IL CONTO IN PIAZZA SCALA Un conto corrente con un deposito di poco più di 150 mila euro.] Il «banchiere dei banchieri», «il silenzioso burattinaio del capitalismo italiano», «lo spietato sacerdote del grande capitale». Quando Enrico Cuccia morì, poco meno di sette anni fa, furono solo alcuni dei titoli riservati dai quotidiani al fondatore di Mediobanca, protagonista di mezzo secolo di economia e finanza italiana. Un uomo minuto, magro e incurvato, che si poteva incontrare la mattina, in centro a Milano, intento ad attraversare a piedi Piazza della Scala nel tragitto verso via Filodrammatici. Ma se la riservatezza, l' enorme potere, e lo stile di vita quasi monacale sono attributi che fanno ormai parte integrante del ritratto un po' stereotipato di Cuccia, non è meno sorprendente scoprire come alla sua morte, il 23 giugno 2000, i beni personali del banchiere novantaduenne - del â signore della finanzaâ - si esaurissero in un conto corrente bancario. Quello aperto proprio alla sede centrale dell' allora Comit, la Banca Commerciale Italiana del suo vecchio maestro Raffaele Mattioli e dei primi passi della sua lunga carriera. IL CONTO IN PIAZZA SCALA Un conto corrente con un deposito di poco più di 150 mila euro."

Enrico Cuccia era un uomo particolare: da bambino rischiava la vita nel portare viveri ai partigiani, ha sempre condotto una vita da monaco, se ne andava al lavoro a piedi nella Milano infestata da brigatisti. Mi piace pensare che costui, da qualche parte, tenesse un capello, degli occhiali scuri e baffi e barba finti...

Di sicuro non li ha spesi tutti a puttane: ne aveva così tanti che lo avrebbero ammazzatto molto prima dei suoi 92 anni...


In cosa credevi quando eri ancora credente (se mai lo sei stato)? Hexer

_________________
"Gia la scure è posta alla radice degli alberi: ogni albero che non produce frutti buoni viene tagliato e gettato nel fuoco" -  (G.B. Decollato, I° secolo)

xai745@xcite.it
Johnny
Johnny
-------------
-------------

Maschio Numero di messaggi : 8863
Età : 43
Località : 43.914150, 12.917861
Occupazione/Hobby : Punta di Diamante del Terziario Avanzato (a Cottimo)
SCALA DI DAWKINS :
In cosa credevi quando eri ancora credente (se mai lo sei stato)? Left_bar_bleue0 / 700 / 70In cosa credevi quando eri ancora credente (se mai lo sei stato)? Right_bar_bleue

Data d'iscrizione : 28.07.10

Torna in alto Andare in basso

In cosa credevi quando eri ancora credente (se mai lo sei stato)? Empty Re: In cosa credevi quando eri ancora credente (se mai lo sei stato)?

Messaggio Da Justine Mer 9 Lug 2014 - 17:13

Don Roberto ha scritto:Ma io ho sparato il primo esempio che mi veniva in mente! il punto è che rimarrà sempre indimostrabile l'inesistenza di qualcosa.

Il secondo principio della dinamica è ovviamente materia di scienza e in quanto tale è oggetto di eventuali falsificazioni. Tu cosa ne sai che questo principio valga in tutto l'universo/in tutti gli universi possibili/eventuali?
Secondo me (secondo miei ragionamenti che non sto qui a spiegare) è quasi ovvio che esistano altri universi oltre a questo, magari con proprietà diverse da questo. Per quanto ne sappiamo, potrebbe esserci un universo in cui quasi tutte le leggi fisiche che conosciamo non valgono o sono completamente rovesciate/diverse.

Anche questo è indimostrabile, ma anche infalsificabile.



Ps. Il tutto è ovviamente in my humble opinion.

Test DNA, su mia madre e mio padre biologici. Risultano a tutti gli effetti miei genitori.

-Esiste- una mia seconda madre biologica?

Prova di inesistenza.

(Quando a breve la fecondazione artificiale consentirà figli biologici di due madri, si aprirà ragionevole dubbio. Un non così raro caso di leggi che evolvono, eteroindotte dalla tecnologia).

Ma io come ente, per sempre, sarò frutto dell'unione di mio padre e mia madre, non di una -inesistente- seconda madre.

_________________
Smettetela di bistrattare e misinterpretare la Scienza per fingere di dare plausibilità alle vostre troiate
Grazie
Justine
Justine
----------
----------

Femmina Numero di messaggi : 15532
Occupazione/Hobby : Qui è l'una antenna
SCALA DI DAWKINS :
In cosa credevi quando eri ancora credente (se mai lo sei stato)? Left_bar_bleue70 / 7070 / 70In cosa credevi quando eri ancora credente (se mai lo sei stato)? Right_bar_bleue

Data d'iscrizione : 24.05.14

Torna in alto Andare in basso

In cosa credevi quando eri ancora credente (se mai lo sei stato)? Empty Re: In cosa credevi quando eri ancora credente (se mai lo sei stato)?

Messaggio Da Minsky Mer 9 Lug 2014 - 18:35

holubice ha scritto:
Minsky ha scritto:...Se poi tu ti metti cappello, occhiali scuri, barba e baffi finti quando vai a fare il bonifico o il versamento alle Poste (attento che una volta o l'altra ti arrestano come sospetto rapinatore), solo perché questo è necessario per non perdere il punteggio del tuo concorso a premi per l'aldilà, allora mi sembra proprio che fai una cazzata.

Versamenti sopra i mille euro


In cosa credevi quando eri ancora credente (se mai lo sei stato)? Soldi-retino-672

... beh, a dire il vero, c'è anche la noia di dover fare 17 versamenti in 17 sportelli postali diversi... Cambiando ogni volta l'impermeabille e le scarpe? Forse è meglio...

...
Suppongo che la risposta sia che hai fatto la donazione con 17 versamenti distinti.

_________________
Dai un pesce ad un uomo
e mangerà per un giorno.
Insegna ad un uomo a pescare
e mangerà per tutta la vita.
Dai la religione ad un uomo
e morirà pregando per un pesce.
Minsky
Minsky
--------------
--------------

Maschio Numero di messaggi : 25426
Età : 68
Località : Codroipo
Occupazione/Hobby : ateo guerriero
SCALA DI DAWKINS :
In cosa credevi quando eri ancora credente (se mai lo sei stato)? Left_bar_bleue70 / 7070 / 70In cosa credevi quando eri ancora credente (se mai lo sei stato)? Right_bar_bleue

Data d'iscrizione : 06.10.11

Torna in alto Andare in basso

In cosa credevi quando eri ancora credente (se mai lo sei stato)? Empty Re: In cosa credevi quando eri ancora credente (se mai lo sei stato)?

Messaggio Da Minsky Mer 9 Lug 2014 - 18:45

Don Roberto ha scritto:Ma io ho sparato il primo esempio che mi veniva in mente! il punto è che rimarrà sempre indimostrabile l'inesistenza di qualcosa.

Il secondo principio della dinamica è ovviamente materia di scienza e in quanto tale è oggetto di eventuali falsificazioni. Tu cosa ne sai che questo principio valga in tutto l'universo/in tutti gli universi possibili/eventuali?
Secondo me (secondo miei ragionamenti che non sto qui a spiegare) è quasi ovvio che esistano altri universi oltre a questo, magari con proprietà diverse da questo. Per quanto ne sappiamo, potrebbe esserci un universo in cui quasi tutte le leggi fisiche che conosciamo non valgono o sono completamente rovesciate/diverse.

Anche questo è indimostrabile, ma anche infalsificabile.



Ps. Il tutto è ovviamente in my humble opinion.
Allora: non ho detto che il Secondo Principio valga in tutti gli universi possibili (qualunque cosa possa concretamente significare "universo possibile"). Sicuramente vale nel nostro universo, almeno finché qualcuno non sarà in grado di esibire un esperimento che non sia un'ingegnosa frode, in cui il Secondo Principio venga violato. Infatti ogni legge della scienza può essere smentita (si dice "falsificata") da una dimostrazione contraria. Per il Secondo Principio, nessuna dimostrazione che lo smentisca è mai stata presentata, nonostante ancora ai nostri giorni ci sia chi tenta di costruire truffe miliardarie vantando di possedere tecnologie in grado di violarlo. Vedi i recenti casi dell'e-Cat di Andrea Rossi e l'analogo marchingegno della Defkalion.

"Dimostrare l'inesistenza", quindi, si può. Tu descrivi quello che hai immaginato esistente, e, se ciò che hai immaginato viola le leggi note e la logica, e non sei in grado di mostrarne un campione, l'inesistenza è bell'e dimostrata.

_________________
Dai un pesce ad un uomo
e mangerà per un giorno.
Insegna ad un uomo a pescare
e mangerà per tutta la vita.
Dai la religione ad un uomo
e morirà pregando per un pesce.
Minsky
Minsky
--------------
--------------

Maschio Numero di messaggi : 25426
Età : 68
Località : Codroipo
Occupazione/Hobby : ateo guerriero
SCALA DI DAWKINS :
In cosa credevi quando eri ancora credente (se mai lo sei stato)? Left_bar_bleue70 / 7070 / 70In cosa credevi quando eri ancora credente (se mai lo sei stato)? Right_bar_bleue

Data d'iscrizione : 06.10.11

Torna in alto Andare in basso

In cosa credevi quando eri ancora credente (se mai lo sei stato)? Empty Re: In cosa credevi quando eri ancora credente (se mai lo sei stato)?

Messaggio Da Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Torna in alto Andare in basso

Pagina 1 di 4 1, 2, 3, 4  Successivo

Torna in alto

- Argomenti simili

 
Permessi in questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum.