Atei Italiani
Vuoi reagire a questo messaggio? Crea un account in pochi click o accedi per continuare.

Una concezione pratica della verità

+4
Muriel
Paolo
Werewolf
Comune mortale
8 partecipanti

Pagina 2 di 2 Precedente  1, 2

Andare in basso

Una concezione pratica della verità - Pagina 2 Empty Re: Una concezione pratica della verità

Messaggio Da Comune mortale Gio 16 Giu 2011 - 10:07

Faccio un po' fatica a seguire il tuo ragionamento, anche perchè non ho capito cosa tu voglia dimostrare. E' evidente che il concetto di ruvidità nasca dal contatto fisico con le mani su di una superficie. Poichè un concetto non nasce in un attimo, ma si forma e si modifica seguendo modifiche e lo sviluppo del cervello e di percepire le cose, anche uno stesso fenomeno può generare concetti diversi. Prendendo in esame il concetto di ruvidità esso può essere interpretato in modo diverso, ma qualitativamente. Però per tutti è ricollegato a come si presenta una superficie e come può scorrere la nostra mano, o un altro oggetto, su di essa. Questo è un concetto assoluto, che tutti gli uomini hanno.


Paolo, scrivi che il concetto nasce dal contatto fisico delle mani su di una superficie. Tuttavia il concetto di ruvidità non è quella superficie nel senso che sono due cose distinte. Infatti dal toccare una determinata superficie ( senso A) si arriva alla conclusione che si tratta di una superficie ruvida dopo una rielaborazione del dato di senso ( percezione A1 ) come giustamente scrivi tu. Questo vuole dire che l'inferenza dal dato di senso al percetto non è diretta ( semmai nella storia delle teorie della conoscenza c'è mai stata una inferenza diretta ) ma mediata, indiretta, e cioè che la ruvidità non è un qualcosa di intrinseco al dato di senso ma appunto è qualcosa di aggiunto dall'esterno ( rielaborazione sinaptico-sensoriale del dato di senso )ad esso. Ma questo vuole dire che il concetto è radicalmente qualcosa di eteronomo rispetto al dato di senso ed è solo la nostra volontà, il nostro volere, che decreta l'identità degli opposti e cioè dell'identico-a-sè ( dato di senso ) e dell'identico-a-sè ( percetto del dato di senso ) la qual cosa è funzionale al nostro processo conoscitivo, è utile allo stesso.

Poi una domanda:

è possibile immaginare una percezione del dato di senso al di là del nostro linguaggio ?
Comune mortale
Comune mortale
-------------
-------------

Maschio Numero di messaggi : 523
Età : 69
Località : derry
Occupazione/Hobby : una laurea in filosofia ma faccio il cuoco
SCALA DI DAWKINS :
Una concezione pratica della verità - Pagina 2 Left_bar_bleue70 / 7070 / 70Una concezione pratica della verità - Pagina 2 Right_bar_bleue

Data d'iscrizione : 19.11.08

Torna in alto Andare in basso

Una concezione pratica della verità - Pagina 2 Empty Re: Una concezione pratica della verità

Messaggio Da Comune mortale Gio 16 Giu 2011 - 10:25

La signora in questione non ha sborsato un centesimo per aver sentito la presunta voce del figlio. Insieme con altre si recano da una amica comune che credono abbia poteri di questo tipo.

Se la cosa alla fine far star bene la persona, penso, è inutile stare ad imbastire discorsi sulla ragione e sullo sfruttamento dell'irrazionale, anche perchè l'ho fatto e mi son sentito respinto!

ora: che fare ?
Comune mortale
Comune mortale
-------------
-------------

Maschio Numero di messaggi : 523
Età : 69
Località : derry
Occupazione/Hobby : una laurea in filosofia ma faccio il cuoco
SCALA DI DAWKINS :
Una concezione pratica della verità - Pagina 2 Left_bar_bleue70 / 7070 / 70Una concezione pratica della verità - Pagina 2 Right_bar_bleue

Data d'iscrizione : 19.11.08

Torna in alto Andare in basso

Una concezione pratica della verità - Pagina 2 Empty Re: Una concezione pratica della verità

Messaggio Da Werewolf Gio 16 Giu 2011 - 15:12

Comune mortale ha scritto:ora: che fare ?
In che senso, (a parte denunciare la fattucchiera)?

_________________
La libertà è inafferrabile, ma non conosco altro per cui valga la pena di vivere.
-Avalon-

What a kind of life: Freedom in flesh,
shackles on your mind...

Avantasia

"You can have all the faith you want in spirits and the afterlife, and heaven and hell, but when it comes to this world, don't be an idiot. 'Cause you can tell me you put your faith in God to put you through the day, but when it comes time to cross the road, I know you look both ways."
House, M.D.

La vita è un diritto, non un dovere.
Werewolf
Werewolf
-------------
-------------

Maschio Numero di messaggi : 3347
Età : 33
Località : Vicenza
Occupazione/Hobby : Studente a vita.. c'è sempre da imparare no?
SCALA DI DAWKINS :
Una concezione pratica della verità - Pagina 2 Left_bar_bleue68 / 7068 / 70Una concezione pratica della verità - Pagina 2 Right_bar_bleue

Data d'iscrizione : 24.03.10

http://werewolf-wolfsden.blogspot.com/

Torna in alto Andare in basso

Una concezione pratica della verità - Pagina 2 Empty Re: Una concezione pratica della verità

Messaggio Da Paolo Gio 16 Giu 2011 - 15:19

Mi sembra opportuno definire in modo chiaro e univoco la definizione di concetto. Pur essendoci vari modi di interpretare il termine, faccio riferimento a quanto riporta wiki:

Il termine deriva dall'espressione latina "cum capio" (= raccolgo, prendo assieme) da cui derivano anche i termini comprensione, comprendere, significanti tutti la facoltà innata che hanno gli esseri umani di raccogliere e sintetizzare gli innumerevoli stimoli provenienti dalla percezione della realtà esterna e quindi dall'esperienza ed utilizzarli per crearsi una propria rappresentazione astratta della realtà stessa.

Se noi utilizziamo tale definizione e la applichiamo al concetto di ruvido, così come ipotizzato da C.M. possiamo pensare che i primi uomini che sono stati in grado di concettualizzare, hanno capito che camminando sulle pietre lisce si scivola mentre su quelle ruvide il piede è stabile. Poi, con l'uso della parola, sono stati in grado di trasmettere agli altri il concetto. Così il padre è stato in grado di dire al figlio: stai attento a non camminare sulle pietre lisce perchè puoi scivolare e farti male. Cammina su quelle ruvide che è più sicuro. Ritengo perciò che il concetto di ruvido sia un sintetizzare uno stimolo (il fatto che la mano, o il piede non possa scivolare sulla superficie) proveniente dalla realtà esterna e che i nostri sensi sono in grado di percepire. Il concetti di ruvido è talmente diretto che anche gli animali inferiori, che non hanno capacità di elaborare e formulare ragionamenti complessi, hanno.

Circa la tua domanda, io direi che il linguaggio è solo un mezzo per esprime i concetti, ma questi nascono prima e hanno il loro esistere al di la del linguaggio stesso. Però è una valutazione che non ha una riprova perché è assai difficile farne una verifica. Ma come ho detto, molti animali utilizzano i concetti, intesi come categorie mentali, perciò è assai probabile che sia possible.

Dal punto di vista umano mi sembra giusto che a quella signora non si possa dire nulla, ed è meglio lasciarla vivere nella sua illusione. Quello che sarebbe giusto, se, come mi è sembrato di capire, la signora ha un medico che la segue e che le prescrive degli psicofarmaci, dovrebbe indirizzarla da chi le può dare un corretto supporto psicologico.
Paolo
Paolo
--------------
--------------

Maschio Numero di messaggi : 9182
Età : 67
Località : Brescia
SCALA DI DAWKINS :
Una concezione pratica della verità - Pagina 2 Left_bar_bleue70 / 7070 / 70Una concezione pratica della verità - Pagina 2 Right_bar_bleue

Data d'iscrizione : 14.03.10

Torna in alto Andare in basso

Una concezione pratica della verità - Pagina 2 Empty Re: Una concezione pratica della verità

Messaggio Da Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Torna in alto Andare in basso

Pagina 2 di 2 Precedente  1, 2

Torna in alto

- Argomenti simili

 
Permessi in questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum.