Atei Italiani
Vuoi reagire a questo messaggio? Crea un account in pochi click o accedi per continuare.

Paura della morte e sentimento religioso

+4
Cosworth117
Werewolf
Ates
Paolo
8 partecipanti

Andare in basso

Paura della morte e sentimento religioso Empty Paura della morte e sentimento religioso

Messaggio Da Paolo Dom 2 Gen 2011 - 19:58

Definire tutte le manifestazioni di religiosità dell'uomo con "sentimento religioso" è sicuramente riduttivo, ma penso che renda bene l'idea di cosa si voglia intendere. Dando per scontato che l'evoluzione non sia una teoria ma una scienza, ritengo che la spinta emotiva alla ricerca dell'essere superiore (più semplicemente dio) non sia innata, diciamo endogena, ma esogena ovvero causata da spinte e condizionamenti esterni all'uomo.

Parere diffuso è che tale sentimento abbia origine dalla paura che ha l'uomo della morte. Io, come più volte dibattuto, non sono di questo parere. E la questione non fine a se stessa, una mera discussione accademica, ma definire l'origine di tale spinta può far cambiare in modo radicale la valutazione che si può fare del comportamento a volte insensato e irrazionale di chi per fede compie atti inconsulti o quanto meno incomprensibili.

Io sono sempre stato della idea che ogni nostro comportamento tragga le sue origini da spinte più o meno consce che il nostro essere animali ci impone. E più precisamente che ogni nostro atteggiamento sia finalizzato a due scopi che i nostri geni ci impongono: la sopravvivenza e la riproduzione. Tutto quello che noi facciamo è sempre condizionato da queste due spinte primordiali. E nulla sfugge a questa regola. Va da se che il sentimento religioso sia frutto di una serie di condizionamenti ambientali e socio culturali che hanno portato l'uomo a creare le religioni.

Il problema di base è sicuramente quello di poter capire quali degli innumerevoli condizionamenti hanno fatto si che l'uomo in centinaia di migliaia di anni di evoluzione addivenisse alle convinzioni che oggi sono alla base delle varie religioni.

Che la paura della morte, così come quella di altri fenomeni naturali, possa essere alla base della religiosità presenta un salto logico. Tutto ciò che noi definiamo sovrannaturale o metafisico non può essere stato generato dal nostro cervello in base ad esperienze o condizionamenti esterni "fisici". Il nostro cervello non può generare un concetto e non può astrarre se non partendo da una conoscenza diretta di qualcosa. Il concetto di divino, cosi' come di metafisico, non trova origine da nessuna esperienza diretta. Poichè è un dato di fatto che noi tutti conosciamo invece tali concetti c'è da domandarsi da dove possano aver origine. E' ovvio che non sia una risposta facile. Il mio parere è che il tutto tragga origine da due esperienze, forse le uniche, che l'uomo vive ma che non sono concrete: i sogni e le allucinazioni. Entrambi generati dal nostro cervello, i primi naturalmente i secondi più o meno artificialmente, ma entrambi reali anche se di fatto inesistenti. E questo fenomeno è stato classificato nel corso dei millenni come sovrannaturale prima poi divino e metafisico dopo.

Avere a disposizione uno strumento così perfetto come vedere e vivere un qualcosa che non c'è è stato utilizzato in origine per lenire la paura della morte, così come per spiegare i fenomeni fisici allora inspiegabili. Poi l'evoluzione socio culturale ha fatto il resto. E, come io avevo già teorizzato, il dio altro non è che una fusione tra questo concetto e la necessità atavica, che ha origine dalla vita in branco dell'uomo, di avere un capo. All'origine il capo-branco poi il re-dio e in fine il dio che oggi conosciamo.
Paolo
Paolo
--------------
--------------

Maschio Numero di messaggi : 9182
Età : 67
Località : Brescia
SCALA DI DAWKINS :
Paura della morte e sentimento religioso Left_bar_bleue70 / 7070 / 70Paura della morte e sentimento religioso Right_bar_bleue

Data d'iscrizione : 14.03.10

Torna in alto Andare in basso

Paura della morte e sentimento religioso Empty Re: Paura della morte e sentimento religioso

Messaggio Da Ates Lun 3 Gen 2011 - 13:40

Io non ho capito proprio bene bene bene... Paura della morte e sentimento religioso 867288

Non lo so io la vedo come una compensazione tra il conosciuto e lo sconosciuto, ho sempre pensato che in una condizione di conoscenza assoluta (nirvana????) l'uomo non avrebbe motivo di chiedersi se c'è un dio, così come in una condizione di ignoranza assoluta. Io dico che potremmo trovarci in una lunga e penosa situazione intermedia.

Come ho letto da qualche parte, forse da Dawkins, non bisogna pensare al sentimento religioso come qualcosa che segua un'evoluzione lineare, ma come un effetto collaterale. Del resto l'evoluzione non è lineare, anzi procede per salti e prende direzioni poco prevedibili
Si ecco ne "L'illusione di dio" c'è proprio un capitolo chiamato "La religione come prodotto indiretto di qualcos'altro" e c'è un esempio bellissimo che spiega il suicidio delle falene che si muovono a fototassi positiva: inspiegabilmente sono attratte dalla luce artificiale tanto da bruciarsi, ma in realtà loro sono evolute in modo da seguire luci che si trovano nell'infinito ottico.

Per cui quello che penso io è che l'innata curiosità dell'uomo (curioso come una scimmia!) lo porti a cercare una risposta e c'è chi la cerca nel mondo reale e chi si accontenta di trovarla in un'illusione.

_________________
Gesù è venuto per salvarci dal peccato, ma continuo a vedere peccatori. Thor ci protegge dai demoni e dai giganti di ghiaccio, e in effetti non se ne vedono in giro.
Ates
Ates
-----------
-----------

Maschio Numero di messaggi : 1374
Località : Laurasia
SCALA DI DAWKINS :
Paura della morte e sentimento religioso Left_bar_bleue70 / 7070 / 70Paura della morte e sentimento religioso Right_bar_bleue

Data d'iscrizione : 31.12.10

Torna in alto Andare in basso

Paura della morte e sentimento religioso Empty Re: Paura della morte e sentimento religioso

Messaggio Da Paolo Lun 3 Gen 2011 - 17:15

Per la verità è un concetto un po' difficile da spiegare. Però se si riesce ad afferrarlo può far capire molte cose che a prima vista sono incomprensibili. Cerco di spiegare meglio il concetto di base.

Analizziamo la storia evolutiva dell'uomo. Senza considerare una per una le complesse e lunghissime fasi evolutive (che per la verità non conosco se non a grandi linee) si può ritenere che ad un certo punto della evoluzione ha fatto la sua apparizione, derivando da una scimmia una forma di uomo pensante. Tale uomo ad un certo momento della sua evoluzione ha iniziato a manifestare forme di religiosità intesa in senso lato. Ma quello che è importante è che ha iniziato a pensare che possa esistere una forma di vita diversa da quella che lui conosce e che ricade sotto i suoi sensi. Ovvero un mondo o una realtà metafisica. Il problema che si pone è quello di capire da dove l'uomo abbia elaborato questo concetto. Le motivazioni che comunemente si adducono altro non sono che l'applicazione del concetto del sovrannaturale, e non le cause. Il nostro cervello non ha la capacità di elaborare alcun concetto se non ha un suo fondamento in qualcosa di concreto che rientra nella sua esperienza. Se si analizza, per esempio, il concetto di dio, si evidenzia che ogni attributo che noi gli diamo (amoroso, misericordioso, infinito, eterno onnipotente ecc..) altro non sono che le qualità o le caratteristiche che noi tutti conosciamo e che possono essere attribuite a qualunque altro concetto. Questo dimostra il fatto che il concetto di dio non ha nulla di sovrannaturale. E' una astrazione del nostro pensare. Il cervello non può creare nulla. Solo elaborare dati e informazioni che gli giungono attraverso i sensi.

Data questa premessa mi sono posto la domanda da dove l'uomo abbia elaborato il concetto del sovrannaturale. Infatti nessuna esperienza del nostro vivere può essere posta alla base di questo concetto. Da qui l'ipotesi che possa aver avuto origine dall'unica esperienza che l'uomo ha realmente anche se di fatto non è reale: i sogni e le allucinazioni. Se notiamo in tutte le religioni gli dei parlano con gli uomini attraverso i sogni. Se facciamo mente alla condizione culturale delle epoche passate è facile comprendere come i sogni, così come le allucinazioni, potessero avere un enorme impatto e non potendo comprendere la loro origine, hanno spinto l'uomo a pensare che vi possa essere un altro mondo o meglio un' altra realtà oltre quella che ricade sotto i nostri sensi. Senza questo stimolo l'uomo non avrebbe potuto ipotizzare l'esistenza di qualcosa che esiste ma che non è possibile di fatto vedere, che non ricade sotto i nostri sensi: il metafisico o sovrannaturale.

Ma cosa pensate che fumassero gli indiani nel calumet della pace che gli faceva vedere gli spiriti?? Chiedetelo a Rasp, lui di sicuro lo sa !!! mgreen fuma mgreen
Paolo
Paolo
--------------
--------------

Maschio Numero di messaggi : 9182
Età : 67
Località : Brescia
SCALA DI DAWKINS :
Paura della morte e sentimento religioso Left_bar_bleue70 / 7070 / 70Paura della morte e sentimento religioso Right_bar_bleue

Data d'iscrizione : 14.03.10

Torna in alto Andare in basso

Paura della morte e sentimento religioso Empty Re: Paura della morte e sentimento religioso

Messaggio Da Werewolf Lun 3 Gen 2011 - 17:28

Interessante e, sinceramente, credo che tu ci abbia azzeccato, Paolo. In estrema sintesi, stai dicendo che anche quella dimensione metafisica e soprannaturale(che pure dovrebbe essere impossibile, quindi nemmeno possibile inventare), sarebbe stata inventata dall'uomo dopo essere stata "esperita" tramite sogni ed allucinazioni(ovvero stati in cui la mente vede ciò che non è, e difficilmente spiegabili). Se ho capito, concordo completamente.

_________________
La libertà è inafferrabile, ma non conosco altro per cui valga la pena di vivere.
-Avalon-

What a kind of life: Freedom in flesh,
shackles on your mind...

Avantasia

"You can have all the faith you want in spirits and the afterlife, and heaven and hell, but when it comes to this world, don't be an idiot. 'Cause you can tell me you put your faith in God to put you through the day, but when it comes time to cross the road, I know you look both ways."
House, M.D.

La vita è un diritto, non un dovere.
Werewolf
Werewolf
-------------
-------------

Maschio Numero di messaggi : 3347
Età : 33
Località : Vicenza
Occupazione/Hobby : Studente a vita.. c'è sempre da imparare no?
SCALA DI DAWKINS :
Paura della morte e sentimento religioso Left_bar_bleue68 / 7068 / 70Paura della morte e sentimento religioso Right_bar_bleue

Data d'iscrizione : 24.03.10

http://werewolf-wolfsden.blogspot.com/

Torna in alto Andare in basso

Paura della morte e sentimento religioso Empty Re: Paura della morte e sentimento religioso

Messaggio Da Ates Lun 3 Gen 2011 - 17:36

Ora credo di aver afferrato il ragionamento, che però mi sembra vada a sbattere contro se stesso. Tu dici che l'uomo non può astrarre senza basarsi su qualcosa di reale, ma metti all'origine del concetto di dio i sogni e le allucinazioni, che però sono anch'essi frutto di una rielaborazione inconscia di elementi reali, messi insieme più o meno a caso. Ma forse sto ragionando male io; tu dici che i sogni e le allucinazioni hanno fatto banalmente da input, che ha permesso un effetto a cascata?
Per cui l'origine di tutta la questione sarebbero il sonno e le canne? Me l'aspettavo diversa, ma ci può stare!

_________________
Gesù è venuto per salvarci dal peccato, ma continuo a vedere peccatori. Thor ci protegge dai demoni e dai giganti di ghiaccio, e in effetti non se ne vedono in giro.
Ates
Ates
-----------
-----------

Maschio Numero di messaggi : 1374
Località : Laurasia
SCALA DI DAWKINS :
Paura della morte e sentimento religioso Left_bar_bleue70 / 7070 / 70Paura della morte e sentimento religioso Right_bar_bleue

Data d'iscrizione : 31.12.10

Torna in alto Andare in basso

Paura della morte e sentimento religioso Empty Re: Paura della morte e sentimento religioso

Messaggio Da Paolo Lun 3 Gen 2011 - 17:46

Il mio ragionamento trae origini da una considerazione. Analizza cosa sia un "concetto". Per farlo faccio un copia/incolla da wiki.

l termine deriva dall'espressione latina "cum capio" (= raccolgo, prendo assieme) da cui derivano anche i termini comprensione, comprendere, significanti tutti la facoltà innata che hanno gli esseri umani di raccogliere e sintetizzare gli innumerevoli stimoli provenienti dalla percezione della realtà esterna e quindi dall'esperienza ed utilizzarli per crearsi una propria rappresentazione astratta della realtà stessa.

Fai bene attenzione alla parte in grassetto. Qualsiasi cosa noi pensiamo, elaboriamo, teorizziamo... non può che derivare da una esperienza fisica. Il nostro cervello non può creare un concetto partendo dal nulla. Poichè non si può certo negare che esista il concetto di sovrannaturale, questo deve aver avuto la sua origine da qualche esperienza o stimolo proveniente dalla realtà esterna. La mia idea circa i sogni o le allucinazioni non ha alcuna base scientifica. E' una mia ipotesi, però verosimile. Ce ne possono essere anche altre. Io non ne conosco ma ogni ipotesi è possibile, purchè si fondi su esperienze fisiche.

E se noi applichiamo il medesimo ragionamento a quella che viene definita "religione o verità rivelata" ci si accorge che di rivelato non ha nulla. E' tutto molto molto terreno. Se il concetto del divino ci fosse stato rivelato realmente da una realtà sovrannaturale avrebbe necessariamente una qualche caratteristica o concetto assolutamente al di fuori delle nostre conoscenze. Invece, nel migliore delle ipotesi, non si fa altro che negare un limite fisico che caratterizza il nostro essere. Perciò dio è eterno, ovvero senza un termine. E' infinito ovvero senza una fine. Onnipotente cioè che può tutto. Il limite di spazio o di tempo o di potere sono caratteristiche molto terrene!! Nulla di metafisico è mai stato generato. Tutto molto fisico.
Paolo
Paolo
--------------
--------------

Maschio Numero di messaggi : 9182
Età : 67
Località : Brescia
SCALA DI DAWKINS :
Paura della morte e sentimento religioso Left_bar_bleue70 / 7070 / 70Paura della morte e sentimento religioso Right_bar_bleue

Data d'iscrizione : 14.03.10

Torna in alto Andare in basso

Paura della morte e sentimento religioso Empty Re: Paura della morte e sentimento religioso

Messaggio Da Ates Lun 3 Gen 2011 - 17:52

Qua si rischia grosso però.
Io potrei anche pensare che allora secondo questo ragionamento, visto che non possiamo inventarci nulla di irreale allora dio esiste veramente!

_________________
Gesù è venuto per salvarci dal peccato, ma continuo a vedere peccatori. Thor ci protegge dai demoni e dai giganti di ghiaccio, e in effetti non se ne vedono in giro.
Ates
Ates
-----------
-----------

Maschio Numero di messaggi : 1374
Località : Laurasia
SCALA DI DAWKINS :
Paura della morte e sentimento religioso Left_bar_bleue70 / 7070 / 70Paura della morte e sentimento religioso Right_bar_bleue

Data d'iscrizione : 31.12.10

Torna in alto Andare in basso

Paura della morte e sentimento religioso Empty Re: Paura della morte e sentimento religioso

Messaggio Da Paolo Lun 3 Gen 2011 - 18:08

Fai un errore logico. Tu devi partire dal presupposto, per altro sia logico che scientifico, che il nostro cervello non è in grado di inventare nulla. E questo è facilmente dimostrabile. E' per altro innegabile che noi tutti abbiamo il concetto di dio. Se il concetto fosse tale da non poter aver alcun riferimento alla nostra realtà, allora potresti pensare che ci sia stato dato dall'esterno. Ma così non è. Mai nessuno è stato in grado di definire o parlare di dio senza utilizzare termini che derivano dalla nostra esperienza fisica. Non una sola caratteristica ha origini diverse, comunque esterne al nostro vivere.

Questa mia analisi o ipotesi non vuole essere una dimostrazione della inesistenza di dio.cosa per altro per me è del tutto inutile. E' solo una ipotesi plausibile di come si sia potuto creare nell'uomo quello che abbiamo chiamato il sentimento religioso. Il tuo ragionamento avrebbe valenza se nel concetto di sovrannaturale (nota che anche questa parola non è altro che l'utilizzo di un concetto fisico "naturale" ) ci fosse un qualcosa che noi non possiamo aver conosciuto tramite i nostri sensi e le nostre esperienze. Ma non è così.
Paolo
Paolo
--------------
--------------

Maschio Numero di messaggi : 9182
Età : 67
Località : Brescia
SCALA DI DAWKINS :
Paura della morte e sentimento religioso Left_bar_bleue70 / 7070 / 70Paura della morte e sentimento religioso Right_bar_bleue

Data d'iscrizione : 14.03.10

Torna in alto Andare in basso

Paura della morte e sentimento religioso Empty Re: Paura della morte e sentimento religioso

Messaggio Da Cosworth117 Lun 3 Gen 2011 - 18:15

Bah! Ragazzi faccio uno stupido paragone. Se io sogno il mostro di spaghetti non vuol dire che il mostro di spaghetti esiste, vorrà dire che forse avrò mangiato pochi giorni prima troppi spaghetti. Andiamo al concetto di Dio. Come di Paolo i primi uomini pensanti iniziarono a porsi delle domande esistenziali. Il che non può essere evitato, dato il cervello tanto sviluppato. Il nostro cervello è abbastanza intelligente da creare migliaia di ipotesi, ma non abbastanza da disfarsene in mancanza di riscontri reali. Così, i primi uomini pensanti iniziarono a porsi delle domande, ma queste ai tempi non potevano avere delle risposte, ma ci affligevano, e forse non riuscivamo a dormire la notte. Questo può spiegare le allucinazioni, desideravamo una risposta, ma non c'era. Inventammo un'entità superiore, e la descrissimo con aggettivi opposti ai nostri, l'uomo si chiese:

Sono mortale? Dio è immortale
Sono finito? Dio è infinito
Sono limitato? Dio è illimitato
Non so tutto? Dio è onnisciente
Non posso tutto? Dio è onnipotente
Non sono dotato di talento dell'ubiquità? Dio è onnipresente
Sono creato? Dio è increato
Sono debole? Dio incarna l'Onnipotenza
Sono sulla terra? Dio è in cielo
Sono imperfetto? Dio è perfetto
Sono nulla? Dio è tutto, ecc..

(Cit. Trattato di Ateologia, Michel Onfray)

I riscontri reali di cui parlate voi sono queste domande esistenziali, il sovrannaturale è tutto ciò che ci siamo inventati.

_________________
"Le cose che sono incurvate non hanno bisogno di archi; le cose che sono diritte non hanno bisogno di righe; le cose che sono rotonde non hanno bisogno di compassi; le cose che sono rettangolari non hanno bisogno di squadre; le cose che si incollano non hanno bisogno di colla; le cose che vanno insieme non hanno bisogno di corde”

Chuang-Tzu
Cosworth117
Cosworth117
-------------
-------------

Maschio Numero di messaggi : 9154
Età : 29
Località : Dove se magna
Occupazione/Hobby : Essere sempre in minoranza
SCALA DI DAWKINS :
Paura della morte e sentimento religioso Left_bar_bleue69 / 7069 / 70Paura della morte e sentimento religioso Right_bar_bleue

Data d'iscrizione : 04.09.10

Torna in alto Andare in basso

Paura della morte e sentimento religioso Empty Re: Paura della morte e sentimento religioso

Messaggio Da Ates Lun 3 Gen 2011 - 18:20

Paolo ha scritto:Fai un errore logico. Tu devi partire dal presupposto, per altro sia logico che scientifico, che il nostro cervello non è in grado di inventare nulla. E questo è facilmente dimostrabile. E' per altro innegabile che noi tutti abbiamo il concetto di dio. Se il concetto fosse tale da non poter aver alcun riferimento alla nostra realtà, allora potresti pensare che ci sia stato dato dall'esterno. Ma così non è. Mai nessuno è stato in grado di definire o parlare di dio senza utilizzare termini che derivano dalla nostra esperienza fisica. Non una sola caratteristica ha origini diverse, comunque esterne al nostro vivere.

Questa mia analisi o ipotesi non vuole essere una dimostrazione della inesistenza di dio.cosa per altro per me è del tutto inutile. E' solo una ipotesi plausibile di come si sia potuto creare nell'uomo quello che abbiamo chiamato il sentimento religioso. Il tuo ragionamento avrebbe valenza se nel concetto di sovrannaturale (nota che anche questa parola non è altro che l'utilizzo di un concetto fisico "naturale" ) ci fosse un qualcosa che noi non possiamo aver conosciuto tramite i nostri sensi e le nostre esperienze. Ma non è così.

Chiaro, ora comprendo a pieno.
Anche io ho sempre pensato che quando un credente dice che dio non si può comprendere tramite la nostra mente dica una cosa illogica, perchè allora uno non potrebbe nemmeno contemplare la sua esistenza.
Ma è qui che entrano in scena i miracoli e i marchi a fuoco sulle tavole di Mosè, cioè atti divini che ci "dimostrano" la sua esistenza, e poi Gesù, cioè dio che si fa uomo per rendersi comprensibile...insomma dio fa di tutto per manifestarsi, no?

_________________
Gesù è venuto per salvarci dal peccato, ma continuo a vedere peccatori. Thor ci protegge dai demoni e dai giganti di ghiaccio, e in effetti non se ne vedono in giro.
Ates
Ates
-----------
-----------

Maschio Numero di messaggi : 1374
Località : Laurasia
SCALA DI DAWKINS :
Paura della morte e sentimento religioso Left_bar_bleue70 / 7070 / 70Paura della morte e sentimento religioso Right_bar_bleue

Data d'iscrizione : 31.12.10

Torna in alto Andare in basso

Paura della morte e sentimento religioso Empty Re: Paura della morte e sentimento religioso

Messaggio Da Ates Lun 3 Gen 2011 - 18:25

Cosworth117 ha scritto:Bah! Ragazzi faccio uno stupido paragone. Se io sogno il mostro di spaghetti non vuol dire che il mostro di spaghetti esiste, vorrà dire che forse avrò mangiato pochi giorni prima troppi spaghetti.

è quello che intendevo io prima, cioè mettendo insieme più o meno a caso degli elementi reali posso inventarmi qualunque cosa, ma il discorso di Paolo non ruota su questo.
Io però mi sento piu vicino al tuo ragionamento Cosworth.

_________________
Gesù è venuto per salvarci dal peccato, ma continuo a vedere peccatori. Thor ci protegge dai demoni e dai giganti di ghiaccio, e in effetti non se ne vedono in giro.
Ates
Ates
-----------
-----------

Maschio Numero di messaggi : 1374
Località : Laurasia
SCALA DI DAWKINS :
Paura della morte e sentimento religioso Left_bar_bleue70 / 7070 / 70Paura della morte e sentimento religioso Right_bar_bleue

Data d'iscrizione : 31.12.10

Torna in alto Andare in basso

Paura della morte e sentimento religioso Empty Re: Paura della morte e sentimento religioso

Messaggio Da SergioAD Lun 3 Gen 2011 - 19:03

Non mi è nuovo, forse Paolo tu hai già postato un thread simile.

Scrivo più a meno le stesse cose.

Esistono tanti sinonimi per il termine “paura” magari non sono tutti buoni sostituti e nessuno confonderebbe “pelle d'oca” con “terrificante”. Sembra strano invece che ci siano tante parole per indicare il termine “paura”, tante invenzioni linguistiche per dire la stessa cosa, eppure se guardassimo all'interno dei nostri cervelli troveremmo una vecchia e semplice definizione - “paura”.

Comune mortale ci ha indicato gli esperimenti di Ivan Pavlov sui cani e qualcuno di noi sarà andato a leggere sugli istinti, sui riflessi incondizionati, oppure sull'imprinting.
Questa volta si tratta di applicare le stesse regole per instillare paura, facendo l'assunzione implicita che la “paura” come la “fame” siano risposte provocabili.

John Watson, un psichiatra Americano ha insegnato ad un bambino di 11 mesi (Albert) ad avere paura dei topi, facendogli vedere un topo ed allo stesso tempo sentire battere forte una spranga di ferro. Il risultato, dopo alcune ripetizioni, fu che ad Albert veniva da scappare via terrorizzato alla semplice vista del topo.

Qualche decennio dopo altri scienziati instillarono la paura del buio a topi facendoli associare al buio inizialmente anche scariche elettriche.

Studi successivi rivelarono il ruolo importante dell'amigdala, implicata nei stimoli motivazionali associati a reazioni di paura e ricompensa, sembra anche nelle reazioni emotive e nell'attrazione sessuale. L'amigdala orchestra anche la paura, la vista di un fucile carico fa aumentare l'attività celebrale in questa parte del cervello. Le persone con l'amigdala danneggiata hanno ridotte risposte emozionali e non imparano più ad avere paura per associazione. Un buon passo avanti per la scienza.

Si capisce che con questi meccanismi è possibile creare situazioni in cui la preda riesca ad avere paura del predatore anche in assenza del predatore stesso.

Non per il confronto irrazionale e non costruttivo con i creazionisti però si intravede il forte condizionamento indotto all'interno dei due istinti primordiali “irrazionali”, sopravvivenza e riproduzione.

Questo vuol dire che basta poco perché accada la superstizione o la divinità, è inversamente proporzionale all'ambiente culturale tipo in cui si cresce ma significa anche che può essere casuale.

Intanto quando arriva il momento l'uomo affronta senza particolari paure la morte quando avviene per causa naturale.

SergioAD
-------------
-------------

Maschio Numero di messaggi : 6863
SCALA DI DAWKINS :
Paura della morte e sentimento religioso Left_bar_bleue0 / 700 / 70Paura della morte e sentimento religioso Right_bar_bleue

Data d'iscrizione : 30.01.10

Torna in alto Andare in basso

Paura della morte e sentimento religioso Empty Re: Paura della morte e sentimento religioso

Messaggio Da Paolo Lun 3 Gen 2011 - 20:47

Vi faccio presente che tutti gli esempi da voi riportati, dal mostro degli spaghetti alle forme più varie di paure sono sempre e solo formante da elementi da noi conosciuti. Per quanto dotati della più fervida fantasia nessuno è in grado di creare un mostro che non sia formato da elementi da noi conosciuti. Il punto fondamentale è che il nostro cervello non è in grado di inventare nulla. Perciò, per quanto condizionato, come ha ben illustrato Sergio, non è in alcun modo in grado di generare nulla di più di quello che già conosce. Il cervello ha solo la possibilità di elaborare elementi già in suo possesso.

Il concetto del metafisico non può venir meno a questa regola. La paura non può essere alla base di un concetto metafisico. Non ci vedo alcun collegamento logico. La paura potrà aver spinto il nostro cervello a elaborare una difesa psicologica collegando il concetto di sovrannaturale a quello di protezione.Ma nulla più. I due concetti paura e sovrannaturale li deve aver presi da esperienze dirette con il mondo che ci circonda. La paura ha origini biologiche, mentre il sovrannaturale può ave avuto origine da spinte psichiche che io ho sintetizzato con sogni o allucinazioni.

Io penso, tanto per fare il solito esempio del fulmine, che l'uomo delle caverne dopo aver visto un fenomeno naturale così misterioso non era sicuramente in grado dare una spiegazione. Poi il fatto che era in grado di vivere esperienze che sono a tutti gli effetti reali ma non concrete come i sogni, abbia pensato che potesse esistere un altro mondo a cui attribuire tutte le paure o fenomeni inspiegabili cui era soggetto. Da li a costruire una credenza poi chiamata religione il passo è logicamente breve anche se storicamente ci saranno voluti probabilmente millenni.
Paolo
Paolo
--------------
--------------

Maschio Numero di messaggi : 9182
Età : 67
Località : Brescia
SCALA DI DAWKINS :
Paura della morte e sentimento religioso Left_bar_bleue70 / 7070 / 70Paura della morte e sentimento religioso Right_bar_bleue

Data d'iscrizione : 14.03.10

Torna in alto Andare in basso

Paura della morte e sentimento religioso Empty Re: Paura della morte e sentimento religioso

Messaggio Da mecca domenico Lun 3 Gen 2011 - 23:52

La paura è quel qualcosa che ha permesso all'uomo di arrivare ai nostri giorni.
Se conosci il pericolo la paura ti passa.
Io personalmente, quando metto mani su un impianto elettrico (non sono elettricista), tipo aumentare in casa il numero delle prese o modificare le luci su un lampadario, non stacco mai l'interruttore generale.
So che la corrente elettrica viaggia solo su un filo e l'altro serve per il ritorno della stessa.
Comportandomi in una certa maniera e basandomi delle mie poche conoscenze, faccio tutto senza staccare niente e non ho paura.
Se devo infilarmi sotto la macchina, non lo faccio mai con il cric, ma metto di traverso una gomma delle macchina (gomma di scorta) sotto la ruota e sgancio il cric.
Esermpi potrei farne tanti altri.
La paura della morte, è quello che più di ogni altro che la gente ha paura e chissà perchè se si ha una certa età, la paura scema.
I cattolici, hanno inculcato nel corso degli anni che non la morte si va a trovare dio e questo ha contribuito ad avere meno paura.
La base per me è: SE CONOSCI IL PERICOLO, MUOVENDOTI IN UNA CERTA MANIERA, LA PAURA SCEMA DI MOLTO.

mecca domenico
-----------
-----------

Maschio Numero di messaggi : 1793
Età : 75
Località : Avigliano (PZ)
Occupazione/Hobby : fai da te di tutto di più
SCALA DI DAWKINS :
Paura della morte e sentimento religioso Left_bar_bleue0 / 700 / 70Paura della morte e sentimento religioso Right_bar_bleue

Data d'iscrizione : 31.05.09

Torna in alto Andare in basso

Paura della morte e sentimento religioso Empty Re: Paura della morte e sentimento religioso

Messaggio Da SergioAD Mar 4 Gen 2011 - 4:11

Mimmo, anche io faccio come te ma bisogna lavorare in sicurezza.

SE CONOSCI IL PERICOLO, MUOVENDOTI IN UNA CERTA MANIERA, LA PAURA SCEMA DI MOLTO.

Basta non fare cazzate...

Come andare in cantina per verificare la caldaia senza staccare la corrente e sudato spellare un filo elettrico tenendolo con la mano sinistra e finire di toccare inavvertitamente il muro col gomito destro. La 220V ti attraversa il petto, sai che non ti sente nessuno e che se il muscolo cardiaco fibrilla o si è fermato da li a 20 secondi sarai morto.

Come liberare il tosaerba senza spegnerlo, perché tu sai dov'è la lama e sei il figo del bigonzo. Poi becchi un sassone che la piega la lama - ti ha preso solo l'unghia perché tu avevi percepito dalla botta che il tosaerba poteva avere un problema. Per ogni coyote c'è un beep... Non è mai successo quello che vedi di seguito, ovvero le assicurazioni non pagano!
Paura della morte e sentimento religioso Beepbeep

SergioAD
-------------
-------------

Maschio Numero di messaggi : 6863
SCALA DI DAWKINS :
Paura della morte e sentimento religioso Left_bar_bleue0 / 700 / 70Paura della morte e sentimento religioso Right_bar_bleue

Data d'iscrizione : 30.01.10

Torna in alto Andare in basso

Paura della morte e sentimento religioso Empty Re: Paura della morte e sentimento religioso

Messaggio Da mecca domenico Mar 4 Gen 2011 - 21:14

A SergioAD

Basta non fare cazzate...

Appunto non bisogna fare cazzate poichè queste non perdonano.
Come ho detto prima Se conosci riduci al minimo e ti dico perchè mi comporto così:
1) Anni fa un mio quasi ex collega (lavorava in un'altro reparto), si infilò sotto la macchina che era sollevata solo con il cric, ebbene la stessa scivolò dal cric e il disco del freno gli recise la gola sotto gli occhi della moglie e del figlioletto (aveva solo 42 anni).
2) Circa 20 anni fa decisi di ampliare il numero di prese in cucina e quella volta staccai il magnetotermico ma solo sulla forza motrice e..... (ero solo in casa e con la porta blindata) presi una scossa di quelle forti, avevano collegato la presa dove io agivo sul magnetotermico delle luci.
Non mi interessa se ci impiego un po' più degli altri ma so che se mi faccio male di tempo ne servirebbe mooolto di più.
Dimenticavo; abito al nono ed ultimo piano e non credo che avrei potuto ricevere assistenza immediata e dopo sarebbe stato troppo tardi.
Potrei citarne altri ma per ora mi fermo qui.

mecca domenico
-----------
-----------

Maschio Numero di messaggi : 1793
Età : 75
Località : Avigliano (PZ)
Occupazione/Hobby : fai da te di tutto di più
SCALA DI DAWKINS :
Paura della morte e sentimento religioso Left_bar_bleue0 / 700 / 70Paura della morte e sentimento religioso Right_bar_bleue

Data d'iscrizione : 31.05.09

Torna in alto Andare in basso

Paura della morte e sentimento religioso Empty Re: Paura della morte e sentimento religioso

Messaggio Da Paolo Mar 4 Gen 2011 - 21:53

Scusate ma io non riesco a capire cosa questo abbia a che fare con quanto prima discusso. Quello che tu esponi mi sembra una normale norma di prudenza che sin da bambini i genitori ti insegnano. Nulla più. Non vedo che relazione può avere con l'origine di un sentimento religioso.
Paolo
Paolo
--------------
--------------

Maschio Numero di messaggi : 9182
Età : 67
Località : Brescia
SCALA DI DAWKINS :
Paura della morte e sentimento religioso Left_bar_bleue70 / 7070 / 70Paura della morte e sentimento religioso Right_bar_bleue

Data d'iscrizione : 14.03.10

Torna in alto Andare in basso

Paura della morte e sentimento religioso Empty Re: Paura della morte e sentimento religioso

Messaggio Da SergioAD Mar 4 Gen 2011 - 22:56

Mimmo dice: Io personalmente, quando metto mani su un impianto elettrico (non sono elettricista), tipo aumentare in casa il numero delle prese o modificare le luci su un lampadario, non stacco mai l'interruttore generale.
Da qui sia Mimmo che io ribadiamo la necessità di lavorare in sicurezza, con o senza paura. Un fuori tema è necessario perché stava passando un idea diversa.

Come si dice "security first" anche nel forum degli ateacci.

Chiuso il fuori tema... a proposito chi da voi i famiglia vorrebbe prendere sonno con le luci accese? e perché?

SergioAD
-------------
-------------

Maschio Numero di messaggi : 6863
SCALA DI DAWKINS :
Paura della morte e sentimento religioso Left_bar_bleue0 / 700 / 70Paura della morte e sentimento religioso Right_bar_bleue

Data d'iscrizione : 30.01.10

Torna in alto Andare in basso

Paura della morte e sentimento religioso Empty Re: Paura della morte e sentimento religioso

Messaggio Da Rasputin Mar 4 Gen 2011 - 22:59

Si dice "Safety comes first" (ASTM), poi "Cut off power and lock out source before servicing" (Also ASTM)

Un po' come accendi il cervello prima di parlare, non riferito a te ovviamente

_________________
Un sacco di gente prova gioia ad essere morta (Maude)

Paura della morte e sentimento religioso Merini10- Paura della morte e sentimento religioso Rusp_c10

Rasputin
Rasputin
..............
..............

Maschio Numero di messaggi : 59078
Età : 61
Località : Augusta vindelicorum
Occupazione/Hobby : Antinazismo non praticante, islamofobia, agnosticomachia, esecuzione capitale di ipocriti
SCALA DI DAWKINS :
Paura della morte e sentimento religioso Left_bar_bleue70 / 7070 / 70Paura della morte e sentimento religioso Right_bar_bleue

Data d'iscrizione : 28.10.09

Torna in alto Andare in basso

Paura della morte e sentimento religioso Empty Re: Paura della morte e sentimento religioso

Messaggio Da SergioAD Mar 4 Gen 2011 - 23:02

Certo, confusione itangliana!

SergioAD
-------------
-------------

Maschio Numero di messaggi : 6863
SCALA DI DAWKINS :
Paura della morte e sentimento religioso Left_bar_bleue0 / 700 / 70Paura della morte e sentimento religioso Right_bar_bleue

Data d'iscrizione : 30.01.10

Torna in alto Andare in basso

Paura della morte e sentimento religioso Empty Re: Paura della morte e sentimento religioso

Messaggio Da delfi68 Dom 20 Feb 2011 - 15:35

..la vita, aldila' della sua semplicita' biologica, la interpreto come una grande opportunita'...

l'oppurtunita'
di poter vedere, sentire, pensare, amare e odiare...sviluppare la mia
cultura e la mia morale. Una morale che dev'esser come quella del gentile ospite che viene a casa...

Siamo
ospiti di una natura complessa, una natura che ha i suoi equilibri e le
sue abitudini...una natura che ospita anche altre persone, come ad un
elegante ricevimento...la giusta morale dovrebbe essere quella di
disturbare il meno possibile, non sporcare, non alzare la voce ed essere
gentili...
La natura, dal canto suo si presta, immobile ad essere osservata e studiata, capita e amata....

La morte arriva la sera...inevitabilemente. Ma un'ospite gentile,
qualora sa' che non dovra' fare le pulizie domani, e non deve
rincontrare gli ospiti del giorno trascorso, non deve perquesto essere
molesto...appropriarsi delle cose, e delle persone...
Un ospite
educato, tuttal'piu' informa ma non impone, ascolta e parla...ma sa'
che in quella casa non torna. Quello che rimane nella casa, non gli
appartiene che fino alla sera....e niente puo' portare con se...

Un ospite
educato cerca di essere accogliente con chi arriva, preservando
l'ordine della casa, della natura...accogliente e discreto..affinche'
chi dei nuovi ospiti sara' educato e sensibile possa vivere una vita
serena e con i minori fastidi possibili...

Senza imbrogliare..senza inventarsi regole che non sono di casa...

La
morte..la cosa che piu' ci spaventa..e' quella...la morte che ci fa'
divenire brutali e ci induce l'illusione di poter tornare di nuovo
qui...ed e' per questo che molti ineducati e ignoranti mortificano la
natura e i suoi ospiti imponendo regole innaturali e false. Illudendosi
che una volta imposte le nuove regole per domani..al mattino ci sara'
ancora.

La vita si vive..appieno. una sola volta sola...

Ce lo dice la natura..se lo vogliamo sapere...ci da' la possibilita' di capirlo e rendercene conto..
la natura e' onesta e chiara. Ma come si suol dire..chi ha orecchie per intendere intenda...

chi
invece si lascia sopraffare dalla paura della morte..dal rimpianto del
mattino che non vedra'..allora smette di ascoltare, di studiare di
accettare...

Io moriro' dopo aver lungamente osservato, studiato,
essermi stupito e amato...sopratutto lasciando in ordine, pulito e
pronto per gli ospiti di domani. E sono molto felice per questo..
delfi68
delfi68
-------------
-------------

Maschio Numero di messaggi : 11241
SCALA DI DAWKINS :
Paura della morte e sentimento religioso Left_bar_bleue0 / 700 / 70Paura della morte e sentimento religioso Right_bar_bleue

Data d'iscrizione : 29.10.09

Torna in alto Andare in basso

Paura della morte e sentimento religioso Empty Re: Paura della morte e sentimento religioso

Messaggio Da Ates Dom 20 Feb 2011 - 15:49

delfi68 ha scritto:..la vita, aldila' della sua semplicita' biologica, la interpreto come una grande opportunita'...

l'oppurtunita'
di poter vedere, sentire, pensare, amare e odiare...sviluppare la mia
cultura e la mia morale. Una morale che dev'esser come quella del gentile ospite che viene a casa...

Siamo
ospiti di una natura complessa, una natura che ha i suoi equilibri e le
sue abitudini...una natura che ospita anche altre persone, come ad un
elegante ricevimento...la giusta morale dovrebbe essere quella di
disturbare il meno possibile, non sporcare, non alzare la voce ed essere
gentili...
La natura, dal canto suo si presta, immobile ad essere osservata e studiata, capita e amata....

La morte arriva la sera...inevitabilemente. Ma un'ospite gentile,
qualora sa' che non dovra' fare le pulizie domani, e non deve
rincontrare gli ospiti del giorno trascorso, non deve perquesto essere
molesto...appropriarsi delle cose, e delle persone...
Un ospite
educato, tuttal'piu' informa ma non impone, ascolta e parla...ma sa'
che in quella casa non torna. Quello che rimane nella casa, non gli
appartiene che fino alla sera....e niente puo' portare con se...

Un ospite
educato cerca di essere accogliente con chi arriva, preservando
l'ordine della casa, della natura...accogliente e discreto..affinche'
chi dei nuovi ospiti sara' educato e sensibile possa vivere una vita
serena e con i minori fastidi possibili...

Senza imbrogliare..senza inventarsi regole che non sono di casa...

La
morte..la cosa che piu' ci spaventa..e' quella...la morte che ci fa'
divenire brutali e ci induce l'illusione di poter tornare di nuovo
qui...ed e' per questo che molti ineducati e ignoranti mortificano la
natura e i suoi ospiti imponendo regole innaturali e false. Illudendosi
che una volta imposte le nuove regole per domani..al mattino ci sara'
ancora.

La vita si vive..appieno. una sola volta sola...

Ce lo dice la natura..se lo vogliamo sapere...ci da' la possibilita' di capirlo e rendercene conto..
la natura e' onesta e chiara. Ma come si suol dire..chi ha orecchie per intendere intenda...

chi
invece si lascia sopraffare dalla paura della morte..dal rimpianto del
mattino che non vedra'..allora smette di ascoltare, di studiare di
accettare...

Io moriro' dopo aver lungamente osservato, studiato,
essermi stupito e amato...sopratutto lasciando in ordine, pulito e
pronto per gli ospiti di domani. E sono molto felice per questo..

Grassetto: alludi a qualcosa di recente a cui ho partecipato nel forum? wink.. mgreen

Siamo sulla stessa lunghezza d'onda. Mi sono quasi commosso.
Ti dò inutili 2 punti simbolici, ma vorrei stringerti la mano.

_________________
Gesù è venuto per salvarci dal peccato, ma continuo a vedere peccatori. Thor ci protegge dai demoni e dai giganti di ghiaccio, e in effetti non se ne vedono in giro.
Ates
Ates
-----------
-----------

Maschio Numero di messaggi : 1374
Località : Laurasia
SCALA DI DAWKINS :
Paura della morte e sentimento religioso Left_bar_bleue70 / 7070 / 70Paura della morte e sentimento religioso Right_bar_bleue

Data d'iscrizione : 31.12.10

Torna in alto Andare in basso

Paura della morte e sentimento religioso Empty Re: Paura della morte e sentimento religioso

Messaggio Da delfi68 Dom 20 Feb 2011 - 15:51

Grazie..mano stretta! Paura della morte e sentimento religioso 23074

Il grassettato e' riferito esclusivamente ai dogmi delle religioni. gente spaventa, che si inventa regole e diritto nella speranza di fare centro..
delfi68
delfi68
-------------
-------------

Maschio Numero di messaggi : 11241
SCALA DI DAWKINS :
Paura della morte e sentimento religioso Left_bar_bleue0 / 700 / 70Paura della morte e sentimento religioso Right_bar_bleue

Data d'iscrizione : 29.10.09

Torna in alto Andare in basso

Paura della morte e sentimento religioso Empty Re: Paura della morte e sentimento religioso

Messaggio Da Rasputin Dom 20 Feb 2011 - 15:54

Ates ha scritto:
Grassetto: alludi a qualcosa di recente a cui ho partecipato nel forum? wink.. mgreen

Siamo sulla stessa lunghezza d'onda. Mi sono quasi commosso.
Ti dò inutili 2 punti simbolici, ma vorrei stringerti la mano.

Delfi passa di qui ogni tanto, come un marinaio...e proprio come me, non fa allusioni ma parla chiaro se necessario...forse imparerai a conoscerlo, è uno tutto speciale wink..

_________________
Un sacco di gente prova gioia ad essere morta (Maude)

Paura della morte e sentimento religioso Merini10- Paura della morte e sentimento religioso Rusp_c10

Rasputin
Rasputin
..............
..............

Maschio Numero di messaggi : 59078
Età : 61
Località : Augusta vindelicorum
Occupazione/Hobby : Antinazismo non praticante, islamofobia, agnosticomachia, esecuzione capitale di ipocriti
SCALA DI DAWKINS :
Paura della morte e sentimento religioso Left_bar_bleue70 / 7070 / 70Paura della morte e sentimento religioso Right_bar_bleue

Data d'iscrizione : 28.10.09

Torna in alto Andare in basso

Paura della morte e sentimento religioso Empty Re: Paura della morte e sentimento religioso

Messaggio Da delfi68 Dom 20 Feb 2011 - 15:55

troppo buono mio gentile e vecchio amico.. Paura della morte e sentimento religioso 605765
delfi68
delfi68
-------------
-------------

Maschio Numero di messaggi : 11241
SCALA DI DAWKINS :
Paura della morte e sentimento religioso Left_bar_bleue0 / 700 / 70Paura della morte e sentimento religioso Right_bar_bleue

Data d'iscrizione : 29.10.09

Torna in alto Andare in basso

Paura della morte e sentimento religioso Empty Re: Paura della morte e sentimento religioso

Messaggio Da Ates Dom 20 Feb 2011 - 15:58

delfi68 ha scritto:
Il grassettato e' riferito esclusivamente ai dogmi delle religioni. gente spaventa, che si inventa regole e diritto nella speranza di fare centro..

Peccato, credevo avessi letto questa discussione replicazione genetica e che fossi d'accordo con me, speravo in un'altra mosca bianca oltre a me. Royales

_________________
Gesù è venuto per salvarci dal peccato, ma continuo a vedere peccatori. Thor ci protegge dai demoni e dai giganti di ghiaccio, e in effetti non se ne vedono in giro.
Ates
Ates
-----------
-----------

Maschio Numero di messaggi : 1374
Località : Laurasia
SCALA DI DAWKINS :
Paura della morte e sentimento religioso Left_bar_bleue70 / 7070 / 70Paura della morte e sentimento religioso Right_bar_bleue

Data d'iscrizione : 31.12.10

Torna in alto Andare in basso

Paura della morte e sentimento religioso Empty Re: Paura della morte e sentimento religioso

Messaggio Da Rasputin Dom 20 Feb 2011 - 16:02

delfi68 ha scritto:troppo buono mio gentile e vecchio amico.. Paura della morte e sentimento religioso 605765

Ciao vecchio, hai un MP

poi credo che forse ad Ates farebbe piacere (A me sicuramente interessa il tuo parere) che dessi una scorsa a questa discussione qui

http://atei.forumitalian.com/t2558-replicazione-genetica

(Bastano le ultime 5 - 6 pagine) che ieri ha scaldato un po' gli animi

_________________
Un sacco di gente prova gioia ad essere morta (Maude)

Paura della morte e sentimento religioso Merini10- Paura della morte e sentimento religioso Rusp_c10

Rasputin
Rasputin
..............
..............

Maschio Numero di messaggi : 59078
Età : 61
Località : Augusta vindelicorum
Occupazione/Hobby : Antinazismo non praticante, islamofobia, agnosticomachia, esecuzione capitale di ipocriti
SCALA DI DAWKINS :
Paura della morte e sentimento religioso Left_bar_bleue70 / 7070 / 70Paura della morte e sentimento religioso Right_bar_bleue

Data d'iscrizione : 28.10.09

Torna in alto Andare in basso

Paura della morte e sentimento religioso Empty Re: Paura della morte e sentimento religioso

Messaggio Da delfi68 Dom 20 Feb 2011 - 16:05

..ah..ho inserito un post propio li, ma giuro non sapevo ci fosse un guazzabuglio in corso..adesso gli do un'occhiata...
delfi68
delfi68
-------------
-------------

Maschio Numero di messaggi : 11241
SCALA DI DAWKINS :
Paura della morte e sentimento religioso Left_bar_bleue0 / 700 / 70Paura della morte e sentimento religioso Right_bar_bleue

Data d'iscrizione : 29.10.09

Torna in alto Andare in basso

Paura della morte e sentimento religioso Empty Re: Paura della morte e sentimento religioso

Messaggio Da Ates Dom 20 Feb 2011 - 16:07

Rasputin ha scritto:
poi credo che forse ad Ates farebbe piacere (A me sicuramente interessa il tuo parere) che dessi una scorsa a questa discussione qui

http://atei.forumitalian.com/t2558-replicazione-genetica

(Bastano le ultime 5 - 6 pagine) che ieri ha scaldato un po' gli animi

Si mi farebbe piacere, ma meglio leggere tutto dall'inizio e capire bene le mie parole...non come Fux! lookaround
TVB Fux! carneval

_________________
Gesù è venuto per salvarci dal peccato, ma continuo a vedere peccatori. Thor ci protegge dai demoni e dai giganti di ghiaccio, e in effetti non se ne vedono in giro.
Ates
Ates
-----------
-----------

Maschio Numero di messaggi : 1374
Località : Laurasia
SCALA DI DAWKINS :
Paura della morte e sentimento religioso Left_bar_bleue70 / 7070 / 70Paura della morte e sentimento religioso Right_bar_bleue

Data d'iscrizione : 31.12.10

Torna in alto Andare in basso

Paura della morte e sentimento religioso Empty Re: Paura della morte e sentimento religioso

Messaggio Da Rasputin Dom 20 Feb 2011 - 16:11

Ates, te lo volevo dire già ieri: quando non si viene capiti, in genere la colpa è propria, ci si deve rispiegare wink..

_________________
Un sacco di gente prova gioia ad essere morta (Maude)

Paura della morte e sentimento religioso Merini10- Paura della morte e sentimento religioso Rusp_c10

Rasputin
Rasputin
..............
..............

Maschio Numero di messaggi : 59078
Età : 61
Località : Augusta vindelicorum
Occupazione/Hobby : Antinazismo non praticante, islamofobia, agnosticomachia, esecuzione capitale di ipocriti
SCALA DI DAWKINS :
Paura della morte e sentimento religioso Left_bar_bleue70 / 7070 / 70Paura della morte e sentimento religioso Right_bar_bleue

Data d'iscrizione : 28.10.09

Torna in alto Andare in basso

Paura della morte e sentimento religioso Empty Re: Paura della morte e sentimento religioso

Messaggio Da Ates Dom 20 Feb 2011 - 16:14

Rasputin ha scritto:Ates, te lo volevo dire già ieri: quando non si viene capiti, in genere la colpa è propria, ci si deve rispiegare wink..

Potevate dirmelo anche voialtri allora, a me sembrava solo un problema fra me e Fux. Io meglio di così non so se riesco a spiegarmi, forse il dramma sta nella divergenza netta di opinioni.

_________________
Gesù è venuto per salvarci dal peccato, ma continuo a vedere peccatori. Thor ci protegge dai demoni e dai giganti di ghiaccio, e in effetti non se ne vedono in giro.
Ates
Ates
-----------
-----------

Maschio Numero di messaggi : 1374
Località : Laurasia
SCALA DI DAWKINS :
Paura della morte e sentimento religioso Left_bar_bleue70 / 7070 / 70Paura della morte e sentimento religioso Right_bar_bleue

Data d'iscrizione : 31.12.10

Torna in alto Andare in basso

Paura della morte e sentimento religioso Empty Re: Paura della morte e sentimento religioso

Messaggio Da Rasputin Dom 20 Feb 2011 - 16:18

Infatti quello di non dirtelo è stato un errore mio, però sinceramente anch'io avevo difficoltà a capirti. La divergenza di opinioni si può rilevare solo dopo essersi capiti

_________________
Un sacco di gente prova gioia ad essere morta (Maude)

Paura della morte e sentimento religioso Merini10- Paura della morte e sentimento religioso Rusp_c10

Rasputin
Rasputin
..............
..............

Maschio Numero di messaggi : 59078
Età : 61
Località : Augusta vindelicorum
Occupazione/Hobby : Antinazismo non praticante, islamofobia, agnosticomachia, esecuzione capitale di ipocriti
SCALA DI DAWKINS :
Paura della morte e sentimento religioso Left_bar_bleue70 / 7070 / 70Paura della morte e sentimento religioso Right_bar_bleue

Data d'iscrizione : 28.10.09

Torna in alto Andare in basso

Paura della morte e sentimento religioso Empty Re: Paura della morte e sentimento religioso

Messaggio Da Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Torna in alto Andare in basso

Torna in alto

- Argomenti simili

 
Permessi in questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum.