Atei Italiani
Vuoi reagire a questo messaggio? Crea un account in pochi click o accedi per continuare.

Primo matrimonio gay in Italia

+4
Rasputin
vnd
ToninoScalzo
paolo1951
8 partecipanti

Pagina 1 di 2 1, 2  Successivo

Andare in basso

Primo matrimonio gay in Italia Empty Primo matrimonio gay in Italia

Messaggio Da paolo1951 Ven 11 Apr 2014 - 9:43

IL PRIMO MATRIMONIO GAY RICONOSCIUTO IN ITALIA
Anche se è probabile che la sentenza venga presto ribaltata in appello un primo "stappo" come dice la CEI c'è finalmente stato!
E' infatti probabile oltre che auspicabile che la sentenza del tribunale di Grosseto non rimanga "isolata" e che alla fine anche i "beghini" della Corte di Cassazione si arrendano...
Intanto io vorrei fare due considerazioni:
1. è una vergogna che il parlamento venga ancora una volta sostituito e "scavalcato" dalla magistratura... io in tutta sincerità sono ben contento di questa sentenza, ma tuttavia riconosco che non è un bene per la nostra democrazia che si sia dovuta seguire la "strada giudiziaria" per fare quello che invece doveva essere fatto dal parlamento italiano.
2. la reazione (scontata) della CEI costituisce a sua volta una ennesima e grave interferenza della Chiesa nella politica italiana, interferenza che ormai nessuno più condanna e nemmeno rileva!!!

Conclusione: dobbiamo prendere atto che i poteri politici che comandano in Italia sono ormai fondamentalmente la magistratura e la Chiesa... invece di discutere di abolizione del senato e di Italicum si dovrebbe quindi chiedere che si riformino questi poteri per renderli almeno eletti dai cittadini... che invece attualmente hanno solo il diritto di eleggere un inutile parlamento.

_________________
«Tantum religio potuit suadere malorum»
Lucrezio Caro - De rerum natura

« Qui giace l'Aretin, poeta Tosco,
che d'ognun disse mal, fuorché di Cristo,
scusandosi col dir: "Non lo conosco"! »
(epigrafe indirizzata all'Aretino da Paolo Giovio)
paolo1951
paolo1951
-------------
-------------

Maschio Numero di messaggi : 5272
Età : 71
Località : Ovada (AL)
Occupazione/Hobby : imprenditore/viaggi, storia, filosofia, subacquea, fotografia
SCALA DI DAWKINS :
Primo matrimonio gay in Italia Left_bar_bleue60 / 7060 / 70Primo matrimonio gay in Italia Right_bar_bleue

Data d'iscrizione : 09.12.08

http://www.benazzo.it

Torna in alto Andare in basso

Primo matrimonio gay in Italia Empty Re: Primo matrimonio gay in Italia

Messaggio Da ToninoScalzo Dom 13 Apr 2014 - 0:41

paolo1951 ha scritto: 1)  È una vergogna che il parlamento venga ancora una volta sostituito e "scavalcato" dalla magistratura...
2)  La reazione (scontata) della CEI costituisce a sua volta una ennesima e grave interferenza della Chiesa nella politica italiana, interferenza che ormai nessuno più condanna e nemmeno rileva!
Premessa, poiché comunista convinto ... io non posso credere nelle istituzioni democratiche!
Per me è una farsa la politica, la magistratura, le forze dell'ordine, la religione, la stampa ...
Io credo che esista un potere economico (la tribù della grande borghesia) che muove i fili e attraverso la stampa, la religione, la politica … ci fa credere che le sue scelte sono … nostre scelte.
Per essere più precisi ci fanno credere che:
Se le cose vanno male ... sicuramente è colpa del mio vicino casa che vota come un deficiente.
Detto questo, quello che non capisco è: come si può credere nella democrazia e nello stesso sostenere che qualcuno scavalca, qualcun altro prevarica, qualcun altro ancora abusa???
Se pensiamo che le istituzioni democratiche sono corrompibili (o peggio ancora: corrotte) allora è segno che non crediamo nella democrazia. Perché "crederci" significa essere sicuri che il sistema democratico ha il giusto l'antidoto contro ogni corruzione dei suoi enti.
Insomma aver fiducia nella democrazia e non nelle istituzioni di controllo (la magistratura e le forze dell’ordine) è come dire d'aver fiducia in nostra moglie e nello stesso tempo affermare pure che ci ha fatti cornuti.
Evidentemente per certe persone la “fiducia” è un sinonimo di:
È chiaro che non mi fido nemmeno io! Però io sono una persona chic e dunque non lo confesserò certo a te!

_________________
Il profano si limita a distinguere la sincerità dall’ipocrisia!
La persona sacra va ben oltre ... distingue il vero dal falso!
ToninoScalzo
ToninoScalzo
-------------
-------------

Maschio Numero di messaggi : 558
Età : 56
Località : Mantova
Occupazione/Hobby : Impiegato
SCALA DI DAWKINS :
Primo matrimonio gay in Italia Left_bar_bleue70 / 7070 / 70Primo matrimonio gay in Italia Right_bar_bleue

Data d'iscrizione : 18.01.14

Torna in alto Andare in basso

Primo matrimonio gay in Italia Empty Re: Primo matrimonio gay in Italia

Messaggio Da vnd Dom 13 Apr 2014 - 8:55

Consentire il matrimonio agli omosessuali non è un passo in avanti verso il rpogresso.
Abolire quello eterosessuale, lo sarebbe.

vnd
vnd
-----------
-----------

Numero di messaggi : 1329
SCALA DI DAWKINS :
Primo matrimonio gay in Italia Left_bar_bleue43 / 7043 / 70Primo matrimonio gay in Italia Right_bar_bleue

Data d'iscrizione : 12.04.13

Torna in alto Andare in basso

Primo matrimonio gay in Italia Empty Re: Primo matrimonio gay in Italia

Messaggio Da paolo1951 Dom 13 Apr 2014 - 9:31

vnd ha scritto:Consentire il matrimonio agli omosessuali non è un passo in avanti verso il rpogresso.
Abolire quello eterosessuale, lo sarebbe.

Per me un passo avanti verso il progresso sarebbe "non proibire" nulla se non pochissime cose che proprio non si possono lasciare sotto il controllo della sola "coscienza" individuale, almeno non per tutti gli uomini. Mi riferisco ovviamente alle solite cose: uccidere, rubare... o più genericamente commettere violenza contro gli altri individui di una collettività.
Il matrimonio (etero od omo, monogamico o poligamico o poliandrico...) è un contratto privato tra individui, lo Stato dovrebbe intervenire solo se il suo intervento è richiesto da una delle parti e solo per stabilire se quel particolare contratto è stato rispettato.

Insomma per fare un esempio: il mantenimento del coniuge o ex coniuge "svantaggiato", economicamente "più debole" può essere imposto dallo Stato solo se la cosa era stata prevista e pattuita dalle parti all'atto della stipula del contratto matrimoniale.

_________________
«Tantum religio potuit suadere malorum»
Lucrezio Caro - De rerum natura

« Qui giace l'Aretin, poeta Tosco,
che d'ognun disse mal, fuorché di Cristo,
scusandosi col dir: "Non lo conosco"! »
(epigrafe indirizzata all'Aretino da Paolo Giovio)
paolo1951
paolo1951
-------------
-------------

Maschio Numero di messaggi : 5272
Età : 71
Località : Ovada (AL)
Occupazione/Hobby : imprenditore/viaggi, storia, filosofia, subacquea, fotografia
SCALA DI DAWKINS :
Primo matrimonio gay in Italia Left_bar_bleue60 / 7060 / 70Primo matrimonio gay in Italia Right_bar_bleue

Data d'iscrizione : 09.12.08

http://www.benazzo.it

Torna in alto Andare in basso

Primo matrimonio gay in Italia Empty Re: Primo matrimonio gay in Italia

Messaggio Da paolo1951 Dom 13 Apr 2014 - 9:39

ToninoScalzo ha scritto:,,, Evidentemente per certe persone la “fiducia” è un sinonimo di:
È chiaro che non mi fido nemmeno io! Però io sono una persona chic e dunque non lo confesserò certo a te!
No nessuna "fiducia" (stessa etimologia di "Fede" !!!), io dico a te tranquillamente che (per me) la "democrazia" è solo un "protocollo" operativo che va rispettato oppure va modificato, cambiato... se lo riteniamo superato, non più adatto a soddisfare le esigenze per cui era stato "convenzionalmente" stabilito.

_________________
«Tantum religio potuit suadere malorum»
Lucrezio Caro - De rerum natura

« Qui giace l'Aretin, poeta Tosco,
che d'ognun disse mal, fuorché di Cristo,
scusandosi col dir: "Non lo conosco"! »
(epigrafe indirizzata all'Aretino da Paolo Giovio)
paolo1951
paolo1951
-------------
-------------

Maschio Numero di messaggi : 5272
Età : 71
Località : Ovada (AL)
Occupazione/Hobby : imprenditore/viaggi, storia, filosofia, subacquea, fotografia
SCALA DI DAWKINS :
Primo matrimonio gay in Italia Left_bar_bleue60 / 7060 / 70Primo matrimonio gay in Italia Right_bar_bleue

Data d'iscrizione : 09.12.08

http://www.benazzo.it

Torna in alto Andare in basso

Primo matrimonio gay in Italia Empty Re: Primo matrimonio gay in Italia

Messaggio Da Rasputin Dom 13 Apr 2014 - 11:43

vnd ha scritto:Consentire il matrimonio agli omosessuali non è un passo in avanti verso il rpogresso.
Abolire quello eterosessuale, lo sarebbe.


 quoto.. grazieeee 

_________________
You think normal people just wake up one morning and decide they're going to work in a prison? They're perverts, every last one of them. (Vanessa)

Primo matrimonio gay in Italia Merini10- Primo matrimonio gay in Italia Rusp_c10

Rasputin
Rasputin
..............
..............

Maschio Numero di messaggi : 59451
Età : 62
Località : Augusta vindelicorum
Occupazione/Hobby : On the run
SCALA DI DAWKINS :
Primo matrimonio gay in Italia Left_bar_bleue70 / 7070 / 70Primo matrimonio gay in Italia Right_bar_bleue

Data d'iscrizione : 28.10.09

Torna in alto Andare in basso

Primo matrimonio gay in Italia Empty Re: Primo matrimonio gay in Italia

Messaggio Da paolo1951 Dom 13 Apr 2014 - 11:56

Rasputin ha scritto:
vnd ha scritto:Consentire il matrimonio agli omosessuali non è un passo in avanti verso il rpogresso.
Abolire quello eterosessuale, lo sarebbe.


 quoto.. grazieeee 
Ma "abolire" vuol dire proibire?

_________________
«Tantum religio potuit suadere malorum»
Lucrezio Caro - De rerum natura

« Qui giace l'Aretin, poeta Tosco,
che d'ognun disse mal, fuorché di Cristo,
scusandosi col dir: "Non lo conosco"! »
(epigrafe indirizzata all'Aretino da Paolo Giovio)
paolo1951
paolo1951
-------------
-------------

Maschio Numero di messaggi : 5272
Età : 71
Località : Ovada (AL)
Occupazione/Hobby : imprenditore/viaggi, storia, filosofia, subacquea, fotografia
SCALA DI DAWKINS :
Primo matrimonio gay in Italia Left_bar_bleue60 / 7060 / 70Primo matrimonio gay in Italia Right_bar_bleue

Data d'iscrizione : 09.12.08

http://www.benazzo.it

Torna in alto Andare in basso

Primo matrimonio gay in Italia Empty Re: Primo matrimonio gay in Italia

Messaggio Da Rasputin Dom 13 Apr 2014 - 12:18

paolo1951 ha scritto:
Rasputin ha scritto:
vnd ha scritto:Consentire il matrimonio agli omosessuali non è un passo in avanti verso il rpogresso.
Abolire quello eterosessuale, lo sarebbe.


 quoto.. grazieeee 
Ma "abolire" vuol dire proibire?

Assolutamente no. Si tratta di abolire l'istituzione, poi se una coppia decide di stipulare un contratto con condizioni e clausole a loro discrezione e chiamarlo contratto di matrimonio, cavoli loro  wink.. 

_________________
You think normal people just wake up one morning and decide they're going to work in a prison? They're perverts, every last one of them. (Vanessa)

Primo matrimonio gay in Italia Merini10- Primo matrimonio gay in Italia Rusp_c10

Rasputin
Rasputin
..............
..............

Maschio Numero di messaggi : 59451
Età : 62
Località : Augusta vindelicorum
Occupazione/Hobby : On the run
SCALA DI DAWKINS :
Primo matrimonio gay in Italia Left_bar_bleue70 / 7070 / 70Primo matrimonio gay in Italia Right_bar_bleue

Data d'iscrizione : 28.10.09

Torna in alto Andare in basso

Primo matrimonio gay in Italia Empty Re: Primo matrimonio gay in Italia

Messaggio Da paolo1951 Dom 13 Apr 2014 - 12:38

Rasputin ha scritto:
paolo1951 ha scritto:
Rasputin ha scritto:
vnd ha scritto:Consentire il matrimonio agli omosessuali non è un passo in avanti verso il rpogresso.
Abolire quello eterosessuale, lo sarebbe.


 quoto.. grazieeee 
Ma "abolire" vuol dire proibire?

Assolutamente no. Si tratta di abolire l'istituzione, poi se una coppia decide di stipulare un contratto con condizioni e clausole a loro discrezione e chiamarlo contratto di matrimonio, cavoli loro  wink.. 
Allora perfettamente d'accordo...
Peccato che non siano d'accordo con noi: la Chiesa, i tradizionalisti di destra, i tradizionalisti e i riformisti-rivoluzionari di sinistra... insomma in Italia non sia d'accordo quasi nessuno!

_________________
«Tantum religio potuit suadere malorum»
Lucrezio Caro - De rerum natura

« Qui giace l'Aretin, poeta Tosco,
che d'ognun disse mal, fuorché di Cristo,
scusandosi col dir: "Non lo conosco"! »
(epigrafe indirizzata all'Aretino da Paolo Giovio)
paolo1951
paolo1951
-------------
-------------

Maschio Numero di messaggi : 5272
Età : 71
Località : Ovada (AL)
Occupazione/Hobby : imprenditore/viaggi, storia, filosofia, subacquea, fotografia
SCALA DI DAWKINS :
Primo matrimonio gay in Italia Left_bar_bleue60 / 7060 / 70Primo matrimonio gay in Italia Right_bar_bleue

Data d'iscrizione : 09.12.08

http://www.benazzo.it

Torna in alto Andare in basso

Primo matrimonio gay in Italia Empty Re: Primo matrimonio gay in Italia

Messaggio Da vnd Lun 14 Apr 2014 - 21:49

[quote="paolo1951"]
vnd ha scritto:C
Il matrimonio (etero od omo, monogamico o poligamico o poliandrico...) è un contratto privato tra individui, lo Stato dovrebbe intervenire solo se il suo intervento è richiesto da una delle parti e solo per stabilire se quel particolare contratto è stato rispettato.

Insomma per fare un esempio: il mantenimento del coniuge o ex coniuge "svantaggiato", economicamente "più debole" può essere imposto dallo Stato solo se la cosa era stata prevista e pattuita dalle parti all'atto della stipula del contratto matrimoniale.

Lo Stato ti impedisce di vendere il sangue, lo sperma e... persino le corneee e un rene....
Per me fa bene. Perché la miseria e la disperazione devono avere un limite e non si deve permettere a nessuno di scendere al di sotto di un certo grado di dignità.

Lo Stato proibisce persino la prostituzione. E' inutile... ma lo fa... Non riuscendo a proibire alle donne di fare le puttane si arriva ad inventare assurdità come la punizione del cliente.

Ora, non si spiega come lo stato, che combatte la prostituzione debba invece tollerare il matrimonio. istituto nel quali due soggetti stipulano un contratto, sì, ma in virtù di prestazioni sessuali che si vorrebbero esclusivi mna che non lo sono quasi mai.

Il matrimonio aveva un senso nel mondo tradizionale. Le donne erano esonerate dallo svolgere un lavoro retribuito, in virtù della maternità. Il privilegio, sostanzialmente era dovuto al rischio di morte per parto. le donne, spose e madri, andavano pertanto tutelate col Matri-monio...
Esisteva un soggetto economicamente più debole ed uno economicamente più forte...

Oggi, le donne devono lavorare come gli uomini (si fa per dire...) quindi il discorso non regge più.

Si è economicamente deboli o forti, per scelta, per fortuna o per disgrazia.
In tutti e tre i casi, non si capisce perché un altro soggetto dovrebbe pagare per compensare qualcuno delle sue scelte sbagliate e per la sua sfiga.

Le implicazioni patrimoniali legate al matrimonio devono sparire.

Chi vuole sbarcare il lunario o, addirittura, arricchirsi vada a lavorare....

C'è un limite alla dignità umana, no?

Fare il parassita non fa bene a nessuno.


vnd
vnd
-----------
-----------

Numero di messaggi : 1329
SCALA DI DAWKINS :
Primo matrimonio gay in Italia Left_bar_bleue43 / 7043 / 70Primo matrimonio gay in Italia Right_bar_bleue

Data d'iscrizione : 12.04.13

Torna in alto Andare in basso

Primo matrimonio gay in Italia Empty Re: Primo matrimonio gay in Italia

Messaggio Da primaverino Lun 14 Apr 2014 - 22:14

Ok, ma allora si riformi/adegui tale istituto alle mutate circostanze.
Continuo a non comprendere la pretesa dell'abolizione.
Non sei mica obbligato a sposarti, mi pare.
primaverino
primaverino
-------------
-------------

Maschio Numero di messaggi : 4730
Età : 58
Località : variabile
Occupazione/Hobby : sedentario
SCALA DI DAWKINS :
Primo matrimonio gay in Italia Left_bar_bleue0 / 700 / 70Primo matrimonio gay in Italia Right_bar_bleue

Data d'iscrizione : 18.10.12

Torna in alto Andare in basso

Primo matrimonio gay in Italia Empty Re: Primo matrimonio gay in Italia

Messaggio Da paolo1951 Lun 14 Apr 2014 - 22:49

primaverino ha scritto:Ok, ma allora si riformi/adegui tale istituto alle mutate circostanze.
Continuo a non comprendere la pretesa dell'abolizione.
Non sei mica obbligato a sposarti, mi pare.
Appunto io dicevo che il matrimonio deve diventare semplicemente un contratto privato tra due o più individui, non importa se dello stesso sesso o di sesso diverso.
In questo contratto si può pattuire tutto quello che si vuole: la durata (tempo determinato o indeterminato), gli obblighi delle parti, le penali da pagare in caso di inadempienza contrattuale, ecc. ecc.

_________________
«Tantum religio potuit suadere malorum»
Lucrezio Caro - De rerum natura

« Qui giace l'Aretin, poeta Tosco,
che d'ognun disse mal, fuorché di Cristo,
scusandosi col dir: "Non lo conosco"! »
(epigrafe indirizzata all'Aretino da Paolo Giovio)
paolo1951
paolo1951
-------------
-------------

Maschio Numero di messaggi : 5272
Età : 71
Località : Ovada (AL)
Occupazione/Hobby : imprenditore/viaggi, storia, filosofia, subacquea, fotografia
SCALA DI DAWKINS :
Primo matrimonio gay in Italia Left_bar_bleue60 / 7060 / 70Primo matrimonio gay in Italia Right_bar_bleue

Data d'iscrizione : 09.12.08

http://www.benazzo.it

Torna in alto Andare in basso

Primo matrimonio gay in Italia Empty Re: Primo matrimonio gay in Italia

Messaggio Da primaverino Lun 14 Apr 2014 - 23:10

paolo1951 ha scritto:
primaverino ha scritto:Ok, ma allora si riformi/adegui tale istituto alle mutate circostanze.
Continuo a non comprendere la pretesa dell'abolizione.
Non sei mica obbligato a sposarti, mi pare.
Appunto io dicevo che il matrimonio deve diventare semplicemente un contratto privato tra due o più individui, non importa se dello stesso sesso o di sesso diverso.
In questo contratto si può pattuire tutto quello che si vuole: la durata (tempo determinato o indeterminato), gli obblighi delle parti, le penali da pagare in caso di inadempienza contrattuale, ecc. ecc.

Ah, ok...
Teoricamente mi pare una cosa sensata.
Ma una certa "vocina" mi dice che si finirebbe davanti ad un giudice in molti casi comunque...
primaverino
primaverino
-------------
-------------

Maschio Numero di messaggi : 4730
Età : 58
Località : variabile
Occupazione/Hobby : sedentario
SCALA DI DAWKINS :
Primo matrimonio gay in Italia Left_bar_bleue0 / 700 / 70Primo matrimonio gay in Italia Right_bar_bleue

Data d'iscrizione : 18.10.12

Torna in alto Andare in basso

Primo matrimonio gay in Italia Empty Re: Primo matrimonio gay in Italia

Messaggio Da paolo1951 Lun 14 Apr 2014 - 23:31

primaverino ha scritto:
paolo1951 ha scritto:
primaverino ha scritto:Ok, ma allora si riformi/adegui tale istituto alle mutate circostanze.
Continuo a non comprendere la pretesa dell'abolizione.
Non sei mica obbligato a sposarti, mi pare.
Appunto io dicevo che il matrimonio deve diventare semplicemente un contratto privato tra due o più individui, non importa se dello stesso sesso o di sesso diverso.
In questo contratto si può pattuire tutto quello che si vuole: la durata (tempo determinato o indeterminato), gli obblighi delle parti, le penali da pagare in caso di inadempienza contrattuale, ecc. ecc.

Ah, ok...
Teoricamente mi pare una cosa sensata.
Ma una certa "vocina" mi dice che si finirebbe davanti ad un giudice in molti casi comunque...
Certamente, ma potresti anche pattuire un arbitrato obbligatorio e sostitutivo del ricorso alla giustizia ordinaria.

_________________
«Tantum religio potuit suadere malorum»
Lucrezio Caro - De rerum natura

« Qui giace l'Aretin, poeta Tosco,
che d'ognun disse mal, fuorché di Cristo,
scusandosi col dir: "Non lo conosco"! »
(epigrafe indirizzata all'Aretino da Paolo Giovio)
paolo1951
paolo1951
-------------
-------------

Maschio Numero di messaggi : 5272
Età : 71
Località : Ovada (AL)
Occupazione/Hobby : imprenditore/viaggi, storia, filosofia, subacquea, fotografia
SCALA DI DAWKINS :
Primo matrimonio gay in Italia Left_bar_bleue60 / 7060 / 70Primo matrimonio gay in Italia Right_bar_bleue

Data d'iscrizione : 09.12.08

http://www.benazzo.it

Torna in alto Andare in basso

Primo matrimonio gay in Italia Empty Re: Primo matrimonio gay in Italia

Messaggio Da primaverino Lun 14 Apr 2014 - 23:33

paolo1951 ha scritto:
primaverino ha scritto:
paolo1951 ha scritto:
primaverino ha scritto:Ok, ma allora si riformi/adegui tale istituto alle mutate circostanze.
Continuo a non comprendere la pretesa dell'abolizione.
Non sei mica obbligato a sposarti, mi pare.
Appunto io dicevo che il matrimonio deve diventare semplicemente un contratto privato tra due o più individui, non importa se dello stesso sesso o di sesso diverso.
In questo contratto si può pattuire tutto quello che si vuole: la durata (tempo determinato o indeterminato), gli obblighi delle parti, le penali da pagare in caso di inadempienza contrattuale, ecc. ecc.

Ah, ok...
Teoricamente mi pare una cosa sensata.
Ma una certa "vocina" mi dice che si finirebbe davanti ad un giudice in molti casi comunque...
Certamente, ma potresti anche pattuire un arbitrato obbligatorio e sostitutivo del ricorso alla giustizia ordinaria.

Ah sicuro.
Ma mica è garanzia di non trovarselo "nel retto"...  mgreen 
primaverino
primaverino
-------------
-------------

Maschio Numero di messaggi : 4730
Età : 58
Località : variabile
Occupazione/Hobby : sedentario
SCALA DI DAWKINS :
Primo matrimonio gay in Italia Left_bar_bleue0 / 700 / 70Primo matrimonio gay in Italia Right_bar_bleue

Data d'iscrizione : 18.10.12

Torna in alto Andare in basso

Primo matrimonio gay in Italia Empty Re: Primo matrimonio gay in Italia

Messaggio Da paolo1951 Lun 14 Apr 2014 - 23:45

primaverino ha scritto:
...
Ah sicuro.
Ma mica è garanzia di non trovarselo "nel retto"...  mgreen 
Ma la cosa a molti potrebbe anche non dispiacere...

_________________
«Tantum religio potuit suadere malorum»
Lucrezio Caro - De rerum natura

« Qui giace l'Aretin, poeta Tosco,
che d'ognun disse mal, fuorché di Cristo,
scusandosi col dir: "Non lo conosco"! »
(epigrafe indirizzata all'Aretino da Paolo Giovio)
paolo1951
paolo1951
-------------
-------------

Maschio Numero di messaggi : 5272
Età : 71
Località : Ovada (AL)
Occupazione/Hobby : imprenditore/viaggi, storia, filosofia, subacquea, fotografia
SCALA DI DAWKINS :
Primo matrimonio gay in Italia Left_bar_bleue60 / 7060 / 70Primo matrimonio gay in Italia Right_bar_bleue

Data d'iscrizione : 09.12.08

http://www.benazzo.it

Torna in alto Andare in basso

Primo matrimonio gay in Italia Empty Re: Primo matrimonio gay in Italia

Messaggio Da vnd Mar 15 Apr 2014 - 6:37

primaverino ha scritto:Ok, ma allora si riformi/adegui tale istituto alle mutate circostanze.
Continuo a non comprendere la pretesa dell'abolizione.
Non sei mica obbligato a sposarti, mi pare.

Però le donne, a causa dei retaggi che rendono il matrimonio ancora una "sistemazione" per la donna.
Se noti... le donne si arrapano molto di più con chi ha più soldi di loro...
Statisticamente è così.
E poi ti rompono i coglioni finché non le sposi.

- vedi? non mi ami abbastanza.

In verità sono loro che non ti amano abbastanza e vogliono delle garanzie. Avere la possibilità di spolparti vivo se non obbedisci ai loro capricci della minchia.
Se ti amassero davvero non avrebbero bisogno di firme e carte bollate.
Giusto?

Pare brutto dire:

- Al contrario, cara. Io ti amo. In verità sei tu che sei una stronza e che mi vuoi rovinare...

Meglio avere la scusa:

- mi spiace, cara, il matrimonio è abolito.

Ti risparmi un sacco di storie.

Ma perché giustifichi il fatto che l'amore debba avere implicazioni economiche e che il matrimonio sia usato da gente disonesta per vegetare alle spalle di altri?

Mio zio diceva sempre: "chi voli sordi, vaci e zappa!".
vnd
vnd
-----------
-----------

Numero di messaggi : 1329
SCALA DI DAWKINS :
Primo matrimonio gay in Italia Left_bar_bleue43 / 7043 / 70Primo matrimonio gay in Italia Right_bar_bleue

Data d'iscrizione : 12.04.13

Torna in alto Andare in basso

Primo matrimonio gay in Italia Empty Re: Primo matrimonio gay in Italia

Messaggio Da vnd Mar 15 Apr 2014 - 6:44

paolo1951 ha scritto:
primaverino ha scritto:Ok, ma allora si riformi/adegui tale istituto alle mutate circostanze.
Continuo a non comprendere la pretesa dell'abolizione.
Non sei mica obbligato a sposarti, mi pare.
Appunto io dicevo che il matrimonio deve diventare semplicemente un contratto privato tra due o più individui, non importa se dello stesso sesso o di sesso diverso.
In questo contratto si può pattuire tutto quello che si vuole: la durata (tempo determinato o indeterminato), gli obblighi delle parti, le penali da pagare in caso di inadempienza contrattuale, ecc. ecc.

Infatti. Questo significherebbe adeguare il matrimonio ai tempi.

Un passaggio intermedio sarebbero i contratti prematrimoniali.
Come fanno i giudei. Che non sono mica coglioni....

Però... insisto.

Parliamo tanto di separare sesso e amore e non riusciamo a separare l'amore dal portafoglio?
Un amore deve per forza comportare dei vincoli economici?

Io e la mia compagna ci amiamo.
Almeno... io sono certo di amarla.
Senza bisogno che lei abbia strumenti di ricatto.

Si stanca di me?
Se na va....
Quello che è suo è suo e quello che è mio resta mio.
Come è giusto che sia.

(In linea di massima, perchè, avendo figli, la situazione  più complessa....)

Come se un manager si dimettesse da un'azienda.
Arrivederci e amici come prima...

Mica l'azienda ti deve mantenere finchè vivi....

Per il matrimonio è diverso perchè si tratta di un accordo che prevede delle prestazioni sessuali...
Le prestazioni sessuali vanno compensate?
Allora la donna è una puttana e il matrimonio è una forma di meretricio.
Allora lo vedi che siamo soltanto degli ipocriti?

Da un lato, Chiesa in testa, si finge di lottare contro la prostituzione, addirittura minacciando di prendersela con i clienti, già sfigati di loro, dall'altro si difende il matrimonio.

vnd
vnd
-----------
-----------

Numero di messaggi : 1329
SCALA DI DAWKINS :
Primo matrimonio gay in Italia Left_bar_bleue43 / 7043 / 70Primo matrimonio gay in Italia Right_bar_bleue

Data d'iscrizione : 12.04.13

Torna in alto Andare in basso

Primo matrimonio gay in Italia Empty Re: Primo matrimonio gay in Italia

Messaggio Da vnd Mar 15 Apr 2014 - 6:58

primaverino ha scritto:
paolo1951 ha scritto:
primaverino ha scritto:Ok, ma allora si riformi/adegui tale istituto alle mutate circostanze.
Continuo a non comprendere la pretesa dell'abolizione.
Non sei mica obbligato a sposarti, mi pare.
Appunto io dicevo che il matrimonio deve diventare semplicemente un contratto privato tra due o più individui, non importa se dello stesso sesso o di sesso diverso.
In questo contratto si può pattuire tutto quello che si vuole: la durata (tempo determinato o indeterminato), gli obblighi delle parti, le penali da pagare in caso di inadempienza contrattuale, ecc. ecc.

Ah, ok...
Teoricamente mi pare una cosa sensata.
Ma una certa "vocina" mi dice che si finirebbe davanti ad un giudice in molti casi comunque...

Però oggi le separazioni sono molto più appetibili per la donna che per l'uomo. Specie se ci sono figli.
A causa di pregiudizi sessisti, i figli sono sempre dati alle madri.
Con i figli, la casa, gli alimenti e, in qualche caso, il mantenimento.

Curiosamente, l'uomo deve continuare a pagare per l'imbianchino che dovrà ritinteggiare le pareti al posto suo ma la donna, non dovrà pagare la tintoria che laverà i calzini al posto suo.
Vero che è strano?

Questo rende la separazione una scelta più che vantaggiosa per la donna incapace di prendere decisioni e mantenerle.

Se riduci un po' i privilegi sessisti con accordi non vincolati, stipulati a mente serena... la separazione potrebbe divenire meno vantaggiosa e questi contratti non si scioglierebbero al primo ostacolo come avviene adesso.

Comunque si tratterebbe di una soluzione intermedia.
Il problema del matrimonio, si abolisce, abolendo il matrimonio.


Al primo ostacolo
vnd
vnd
-----------
-----------

Numero di messaggi : 1329
SCALA DI DAWKINS :
Primo matrimonio gay in Italia Left_bar_bleue43 / 7043 / 70Primo matrimonio gay in Italia Right_bar_bleue

Data d'iscrizione : 12.04.13

Torna in alto Andare in basso

Primo matrimonio gay in Italia Empty Re: Primo matrimonio gay in Italia

Messaggio Da paolo1951 Mar 15 Apr 2014 - 9:47

vnd ha scritto:...
Però... insisto.

Parliamo tanto di separare sesso e amore e non riusciamo a separare l'amore dal portafoglio?
Un amore deve per forza comportare dei vincoli economici?

Io e la mia compagna ci amiamo.
Almeno... io sono certo di amarla.
Senza bisogno che lei abbia strumenti di ricatto.

Si stanca di me?
Se na va....
Quello che è suo è suo e quello che è mio resta mio.
Come è giusto che sia.

(In linea di massima, perchè, avendo figli, la situazione  più complessa....)

Come se un manager si dimettesse da un'azienda.
Arrivederci e amici come prima...

Mica l'azienda ti deve mantenere finchè vivi....

Per il matrimonio è diverso perchè si tratta di un accordo che prevede delle prestazioni sessuali...
Le prestazioni sessuali vanno compensate?
Allora la donna è una puttana e il matrimonio è una forma di meretricio.
Allora lo vedi che siamo soltanto degli ipocriti?

Da un lato, Chiesa in testa, si finge di lottare contro la prostituzione, addirittura minacciando di prendersela con i clienti, già sfigati di loro, dall'altro si difende il matrimonio.

Esatto non è possibile separare il sesso dal portafoglio o è comunque ben più difficile che separarlo dall'amore!
Chi ha un "bene", una "ricchezza", un qualcosa che può avere un prezzo di mercato... checché se ne dica ben difficilmente lo dà gratis!
San Francesco è un caso del tutto particolare... statisticamente irrilevante.
Alla distribuzione gratuita di un bene è favorevole solo chi quel bene non ce l'ha e desidera averlo...
Questo vale per qualsiasi cosa, sesso compreso.
L'uso del vile denaro non è più riprovevole del baratto... darla via per mezz'ora in cambio di 100 euro non è diverso (nella sostanza) dal barattarla "a vita" con un'assicurazione (anch'essa vitalizia) al mantenimento.

Ma anche l'amore "disinteressato" di cui parli è una forma di baratto... una particolare forma di baratto tra beni in questo caso più "omogenei"... uno scambio di orgasmi, di prestazioni sessuali.
Ma, ripeto, non è cosa più "nobile" rispetto ad altro tipo di baratto o all'acquisto tramite il denaro!

_________________
«Tantum religio potuit suadere malorum»
Lucrezio Caro - De rerum natura

« Qui giace l'Aretin, poeta Tosco,
che d'ognun disse mal, fuorché di Cristo,
scusandosi col dir: "Non lo conosco"! »
(epigrafe indirizzata all'Aretino da Paolo Giovio)
paolo1951
paolo1951
-------------
-------------

Maschio Numero di messaggi : 5272
Età : 71
Località : Ovada (AL)
Occupazione/Hobby : imprenditore/viaggi, storia, filosofia, subacquea, fotografia
SCALA DI DAWKINS :
Primo matrimonio gay in Italia Left_bar_bleue60 / 7060 / 70Primo matrimonio gay in Italia Right_bar_bleue

Data d'iscrizione : 09.12.08

http://www.benazzo.it

Torna in alto Andare in basso

Primo matrimonio gay in Italia Empty Re: Primo matrimonio gay in Italia

Messaggio Da Rasputin Mar 15 Apr 2014 - 12:46

primaverino ha scritto:
paolo1951 ha scritto:
primaverino ha scritto:Ok, ma allora si riformi/adegui tale istituto alle mutate circostanze.
Continuo a non comprendere la pretesa dell'abolizione.
Non sei mica obbligato a sposarti, mi pare.
Appunto io dicevo che il matrimonio deve diventare semplicemente un contratto privato tra due o più individui, non importa se dello stesso sesso o di sesso diverso.
In questo contratto si può pattuire tutto quello che si vuole: la durata (tempo determinato o indeterminato), gli obblighi delle parti, le penali da pagare in caso di inadempienza contrattuale, ecc. ecc.

Ah, ok...
Teoricamente mi pare una cosa sensata.
Ma una certa "vocina" mi dice che si finirebbe davanti ad un giudice in molti casi comunque...

Probabile, ma anche a me una vocina dice (Forse è la stessa!) che i casi contenziosi si ridurrebbero drasticamente...1 perché prima di prendersi la briga (E spendere i soldi) per stipulare un contratto privato molti ci penserebbero su varie volte, 2 perché  tali contratti avrebbero probabilmente una struttura più sensata.

Ti faccio un esempio: non ricordo in che paese c'è stata una proposta di legge, nemmeno ricordo se è passata o no, di regolamentare i contratti di matrimonio a scadenza biennale. Ossia: ogni due anni ambi i coniugi devono attivamente e consensualmente prolungare il contratto, che altrimenti scadrebbe senza ulteriori formalità.

Non proprio come l'abolizione dell'istituzione in sè, ma sempre un passo avanti.

_________________
You think normal people just wake up one morning and decide they're going to work in a prison? They're perverts, every last one of them. (Vanessa)

Primo matrimonio gay in Italia Merini10- Primo matrimonio gay in Italia Rusp_c10

Rasputin
Rasputin
..............
..............

Maschio Numero di messaggi : 59451
Età : 62
Località : Augusta vindelicorum
Occupazione/Hobby : On the run
SCALA DI DAWKINS :
Primo matrimonio gay in Italia Left_bar_bleue70 / 7070 / 70Primo matrimonio gay in Italia Right_bar_bleue

Data d'iscrizione : 28.10.09

Torna in alto Andare in basso

Primo matrimonio gay in Italia Empty Re: Primo matrimonio gay in Italia

Messaggio Da paolo1951 Mar 15 Apr 2014 - 16:03

Rasputin ha scritto:
... Ti faccio un esempio: non ricordo in che paese c'è stata una proposta di legge, nemmeno ricordo se è passata o no, di regolamentare i contratti di matrimonio a scadenza biennale. Ossia: ogni due anni ambi i coniugi devono attivamente e consensualmente prolungare il contratto, che altrimenti scadrebbe senza ulteriori formalità.

Non proprio come l'abolizione dell'istituzione in sè, ma sempre un passo avanti.
Anche tu Ras sei infondo un catto-comunista-statalista mascherato... abilmente mascherato.
Perché mai vuoi una legge che imponga questa revisione biennale? Metticela tu se vuoi nel tuo contratto con il tuo lui o la tua lei!
Lo Stato deve limitarsi ad una semplice presa d'atto di quanto le parti hanno pattuito... possibile che non siate capaci di concepire il cittadino in altro modo che "sotto tutela"?!?

_________________
«Tantum religio potuit suadere malorum»
Lucrezio Caro - De rerum natura

« Qui giace l'Aretin, poeta Tosco,
che d'ognun disse mal, fuorché di Cristo,
scusandosi col dir: "Non lo conosco"! »
(epigrafe indirizzata all'Aretino da Paolo Giovio)
paolo1951
paolo1951
-------------
-------------

Maschio Numero di messaggi : 5272
Età : 71
Località : Ovada (AL)
Occupazione/Hobby : imprenditore/viaggi, storia, filosofia, subacquea, fotografia
SCALA DI DAWKINS :
Primo matrimonio gay in Italia Left_bar_bleue60 / 7060 / 70Primo matrimonio gay in Italia Right_bar_bleue

Data d'iscrizione : 09.12.08

http://www.benazzo.it

Torna in alto Andare in basso

Primo matrimonio gay in Italia Empty Re: Primo matrimonio gay in Italia

Messaggio Da primaverino Mar 15 Apr 2014 - 17:15

In effetti quest'ultima osservazione mi pare pertinente.
E poi (data la notoria efficienza della burocrazia nostrana) ci manca pure che al matrimonio (o come poi si chiamerebbe) si debba applicare la revisione biennale manco fosse un'automobile...
primaverino
primaverino
-------------
-------------

Maschio Numero di messaggi : 4730
Età : 58
Località : variabile
Occupazione/Hobby : sedentario
SCALA DI DAWKINS :
Primo matrimonio gay in Italia Left_bar_bleue0 / 700 / 70Primo matrimonio gay in Italia Right_bar_bleue

Data d'iscrizione : 18.10.12

Torna in alto Andare in basso

Primo matrimonio gay in Italia Empty Re: Primo matrimonio gay in Italia

Messaggio Da vnd Mar 15 Apr 2014 - 17:53

paolo1951 ha scritto:
Rasputin ha scritto:
... Ti faccio un esempio: non ricordo in che paese c'è stata una proposta di legge, nemmeno ricordo se è passata o no, di regolamentare i contratti di matrimonio a scadenza biennale. Ossia: ogni due anni ambi i coniugi devono attivamente e consensualmente prolungare il contratto, che altrimenti scadrebbe senza ulteriori formalità.

Non proprio come l'abolizione dell'istituzione in sè, ma sempre un passo avanti.
Anche tu Ras sei infondo un catto-comunista-statalista mascherato... abilmente mascherato.
Perché mai vuoi una legge che imponga questa revisione biennale? Metticela tu se vuoi nel tuo contratto con il tuo lui o la tua lei!
Lo Stato deve limitarsi ad una semplice presa d'atto di quanto le parti hanno pattuito... possibile che non siate capaci di concepire il cittadino in altro modo che "sotto tutela"?!?

Mi pare che Rasp non sia più sposato.
E non lo è con la donna che ha adesso...
Una legge se l'è data...

Io continuo a non capire perché, se amo una donna la devo anche mantenere. Questo proprio non lo capisco.

E nemmeno capisco perché, in caso di un mio decesso, i miei beni dovrebbero andare a lei e non, per intero, ai miei figli.
Salvo usufrutto gratuito, ovviamente.


Ma perché, se lei si risposasse quello per cui ho lavorato, dovrebbe andare, anche soltanto in parte, ai figli che lei avrebbe col nuovo marito e non soltanto ai miei?

Ste cose potevo capirle quando le donne non lavoravano...

Ma oggi la donna deve trovare il coraggio di essere considerata un individuo in tutto e per tutto uguale all'uomo.

Quindi, lavora, fa mosina... e se raccimola abbastanza soldi si compra una casa. Se no, nulla.

Cominciamo a togliere la pensione di reversibilità....
Eliminiamo il passaggio ereditario tra coniugi.
Cancelliamo questo ipocrita dovere di sussistenza a senso unico e il matrimonio è bello che annullato.

Le responsabilità fanno paura?

Da militare ci dicevano: stringere il culo e camminare!
vnd
vnd
-----------
-----------

Numero di messaggi : 1329
SCALA DI DAWKINS :
Primo matrimonio gay in Italia Left_bar_bleue43 / 7043 / 70Primo matrimonio gay in Italia Right_bar_bleue

Data d'iscrizione : 12.04.13

Torna in alto Andare in basso

Primo matrimonio gay in Italia Empty Re: Primo matrimonio gay in Italia

Messaggio Da paolo1951 Mar 15 Apr 2014 - 19:53

vnd ha scritto:...
Io continuo a non capire perché, se amo una donna la devo anche mantenere. Questo proprio non lo capisco.
...
Da militare ci dicevano: stringere il culo e camminare!
Vedo che la risposta te la sei data da solo... comunque sappi che ci sono anche uomini che quando "amano una donna" si fanno invece mantenere da lei... e sempre questione di domanda e di offerta!
Ti faccio un esempio: conosco donne italiane che sono andate in Egitto si sono prese un marito che magari ha trent'anni meno di loro, lo mantengono ... e però alla faccia della sharia gli proibiscono la poligamia e persino "comandano" loro in famiglia!
Viceversa altre donne più giovani e più stupide si sono sinceramente innamorate di un Egiziano, gli hanno fatto dei figli e ora vivono là come schiave... perché se tornano in Italia i figli devono per legge restare là con il marito.
Va beh sono OT, perché qui si parlava della situazione in Italia... però tutto può succedere.
A me quello che non va è che anche tra marito e moglie sia lo Stato a metterci sempre il dito!!!

_________________
«Tantum religio potuit suadere malorum»
Lucrezio Caro - De rerum natura

« Qui giace l'Aretin, poeta Tosco,
che d'ognun disse mal, fuorché di Cristo,
scusandosi col dir: "Non lo conosco"! »
(epigrafe indirizzata all'Aretino da Paolo Giovio)
paolo1951
paolo1951
-------------
-------------

Maschio Numero di messaggi : 5272
Età : 71
Località : Ovada (AL)
Occupazione/Hobby : imprenditore/viaggi, storia, filosofia, subacquea, fotografia
SCALA DI DAWKINS :
Primo matrimonio gay in Italia Left_bar_bleue60 / 7060 / 70Primo matrimonio gay in Italia Right_bar_bleue

Data d'iscrizione : 09.12.08

http://www.benazzo.it

Torna in alto Andare in basso

Primo matrimonio gay in Italia Empty Re: Primo matrimonio gay in Italia

Messaggio Da Rasputin Mar 15 Apr 2014 - 20:15

paolo1951 ha scritto:
Rasputin ha scritto:
... Ti faccio un esempio: non ricordo in che paese c'è stata una proposta di legge, nemmeno ricordo se è passata o no, di regolamentare i contratti di matrimonio a scadenza biennale. Ossia: ogni due anni ambi i coniugi devono attivamente e consensualmente prolungare il contratto, che altrimenti scadrebbe senza ulteriori formalità.

Non proprio come l'abolizione dell'istituzione in sè, ma sempre un passo avanti.
Anche tu Ras sei infondo un catto-comunista-statalista mascherato... abilmente mascherato.
Perché mai vuoi una legge che imponga questa revisione biennale? Metticela tu se vuoi nel tuo contratto con il tuo lui o la tua lei!
Lo Stato deve limitarsi ad una semplice presa d'atto di quanto le parti hanno pattuito... possibile che non siate capaci di concepire il cittadino in altro modo che "sotto tutela"?!?

Il grassettato sintetizza il punto: io non voglio nulla, era solo un esempio.

_________________
You think normal people just wake up one morning and decide they're going to work in a prison? They're perverts, every last one of them. (Vanessa)

Primo matrimonio gay in Italia Merini10- Primo matrimonio gay in Italia Rusp_c10

Rasputin
Rasputin
..............
..............

Maschio Numero di messaggi : 59451
Età : 62
Località : Augusta vindelicorum
Occupazione/Hobby : On the run
SCALA DI DAWKINS :
Primo matrimonio gay in Italia Left_bar_bleue70 / 7070 / 70Primo matrimonio gay in Italia Right_bar_bleue

Data d'iscrizione : 28.10.09

Torna in alto Andare in basso

Primo matrimonio gay in Italia Empty Re: Primo matrimonio gay in Italia

Messaggio Da paolo1951 Mar 15 Apr 2014 - 20:39

Rasputin ha scritto:
paolo1951 ha scritto:
Rasputin ha scritto:
... Ti faccio un esempio: non ricordo in che paese c'è stata una proposta di legge, nemmeno ricordo se è passata o no, di regolamentare i contratti di matrimonio a scadenza biennale. Ossia: ogni due anni ambi i coniugi devono attivamente e consensualmente prolungare il contratto, che altrimenti scadrebbe senza ulteriori formalità.

Non proprio come l'abolizione dell'istituzione in sè, ma sempre un passo avanti.
Anche tu Ras sei infondo un catto-comunista-statalista mascherato... abilmente mascherato.
Perché mai vuoi una legge che imponga questa revisione biennale? Metticela tu se vuoi nel tuo contratto con il tuo lui o la tua lei!
Lo Stato deve limitarsi ad una semplice presa d'atto di quanto le parti hanno pattuito... possibile che non siate capaci di concepire il cittadino in altro modo che "sotto tutela"?!?

Il grassettato sintetizza il punto: io non voglio nulla, era solo un esempio.
... e il "nuovo grassettato" sintetizza un altro punto: questo passo non è un esempio ma un giudizio.
Io invece di un "passo in avanti" vorrei che lo Stato facesse un passo indietro...per ritirarsi, e dirci: fate un po' come cazzo vi pare... io, Stato, posso intervenire solo su richiesta di una delle parti per giudicare se gli accordi sono stati rispettati o no... e questo lo faccio qualunque siano questi accordi... se ti sei impegnato in cambio della figa a mantenere quella donna tutta la vita, sono cazzi tuoi... dovevi essere più furbo e ragionare con il cervello anziché con l'uccello!

PS: se però mi dimostri che quando hai firmato, avevi una pistola puntata alla tempia... beh, allora quel patto è nullo!

_________________
«Tantum religio potuit suadere malorum»
Lucrezio Caro - De rerum natura

« Qui giace l'Aretin, poeta Tosco,
che d'ognun disse mal, fuorché di Cristo,
scusandosi col dir: "Non lo conosco"! »
(epigrafe indirizzata all'Aretino da Paolo Giovio)
paolo1951
paolo1951
-------------
-------------

Maschio Numero di messaggi : 5272
Età : 71
Località : Ovada (AL)
Occupazione/Hobby : imprenditore/viaggi, storia, filosofia, subacquea, fotografia
SCALA DI DAWKINS :
Primo matrimonio gay in Italia Left_bar_bleue60 / 7060 / 70Primo matrimonio gay in Italia Right_bar_bleue

Data d'iscrizione : 09.12.08

http://www.benazzo.it

Torna in alto Andare in basso

Primo matrimonio gay in Italia Empty Re: Primo matrimonio gay in Italia

Messaggio Da Rasputin Mar 15 Apr 2014 - 20:41

paolo1951 ha scritto:
... e il "nuovo grassettato" sintetizza un altro punto: questo passo non è un esempio ma un giudizio.
Io invece di un "passo in avanti" vorrei che lo Stato facesse un passo indietro...per ritirarsi, e dirci: fate un po' come cazzo vi pare... io, Stato, posso intervenire solo su richiesta di una delle parti per giudicare se gli accordi sono stati rispettati o no... e questo lo faccio qualunque siano questi accordi... se ti sei impegnato in cambio della figa a mantenere quella donna tutta la vita, sono cazzi tuoi... dovevi essere più furbo e ragionare con il cervello anziché con l'uccello!

Ahiocapí...sono d'accordo, ma quella proposta era meglio di niente o no?

_________________
You think normal people just wake up one morning and decide they're going to work in a prison? They're perverts, every last one of them. (Vanessa)

Primo matrimonio gay in Italia Merini10- Primo matrimonio gay in Italia Rusp_c10

Rasputin
Rasputin
..............
..............

Maschio Numero di messaggi : 59451
Età : 62
Località : Augusta vindelicorum
Occupazione/Hobby : On the run
SCALA DI DAWKINS :
Primo matrimonio gay in Italia Left_bar_bleue70 / 7070 / 70Primo matrimonio gay in Italia Right_bar_bleue

Data d'iscrizione : 28.10.09

Torna in alto Andare in basso

Primo matrimonio gay in Italia Empty Re: Primo matrimonio gay in Italia

Messaggio Da paolo1951 Mar 15 Apr 2014 - 23:15

Rasputin ha scritto:
paolo1951 ha scritto:
... e il "nuovo grassettato" sintetizza un altro punto: questo passo non è un esempio ma un giudizio.
Io invece di un "passo in avanti" vorrei che lo Stato facesse un passo indietro...per ritirarsi, e dirci: fate un po' come cazzo vi pare... io, Stato, posso intervenire solo su richiesta di una delle parti per giudicare se gli accordi sono stati rispettati o no... e questo lo faccio qualunque siano questi accordi... se ti sei impegnato in cambio della figa a mantenere quella donna tutta la vita, sono cazzi tuoi... dovevi essere più furbo e ragionare con il cervello anziché con l'uccello!

Ahiocapí...sono d'accordo, ma quella proposta era meglio di niente o no?
Sinceramente non lo so Ras... per me la questione (in questo caso) è cambiare la mentalità delle persone e non le leggi.

_________________
«Tantum religio potuit suadere malorum»
Lucrezio Caro - De rerum natura

« Qui giace l'Aretin, poeta Tosco,
che d'ognun disse mal, fuorché di Cristo,
scusandosi col dir: "Non lo conosco"! »
(epigrafe indirizzata all'Aretino da Paolo Giovio)
paolo1951
paolo1951
-------------
-------------

Maschio Numero di messaggi : 5272
Età : 71
Località : Ovada (AL)
Occupazione/Hobby : imprenditore/viaggi, storia, filosofia, subacquea, fotografia
SCALA DI DAWKINS :
Primo matrimonio gay in Italia Left_bar_bleue60 / 7060 / 70Primo matrimonio gay in Italia Right_bar_bleue

Data d'iscrizione : 09.12.08

http://www.benazzo.it

Torna in alto Andare in basso

Primo matrimonio gay in Italia Empty Re: Primo matrimonio gay in Italia

Messaggio Da chef75 Mer 16 Apr 2014 - 0:38

vnd ha scritto:
E nemmeno capisco perché, in caso di un mio decesso, i miei beni dovrebbero andare a lei e non, per intero, ai miei figli.
Salvo usufrutto gratuito, ovviamente.


Non mi pare essere cosi.

Mio padre è morto e quei 4 soldi che aveva li ho ereditati io, tutti.
A mia madre toccava solo la pensione, toccava perchè alla fine non c'erano tutti i contributi versati e quindi neppure quella ha preso.

Per quanto riguarda il mantenimento invece, le cose sono cambiate, chi guadagna di piu paga gli alimenti.

_________________
Quando la maggior parte di una società è stupida allora la prevalenza del cretino diventa dominante e inguaribile.
Carlo M. Cipolla

E>en
chef75
chef75
------------
------------

Maschio Numero di messaggi : 7878
Età : 47
Località : una cucina
Occupazione/Hobby : Casalinghe italiane.
SCALA DI DAWKINS :
Primo matrimonio gay in Italia Left_bar_bleue70 / 7070 / 70Primo matrimonio gay in Italia Right_bar_bleue

Data d'iscrizione : 12.11.09

Torna in alto Andare in basso

Primo matrimonio gay in Italia Empty Re: Primo matrimonio gay in Italia

Messaggio Da paolo1951 Mer 16 Apr 2014 - 0:47

chef75 ha scritto:
vnd ha scritto:
E nemmeno capisco perché, in caso di un mio decesso, i miei beni dovrebbero andare a lei e non, per intero, ai miei figli.
Salvo usufrutto gratuito, ovviamente.


Non mi pare essere cosi.

Mio padre è morto e quei 4 soldi che aveva li ho ereditati io, tutti.
A mia madre toccava solo la pensione, toccava perchè alla fine non c'erano tutti i contributi versati e quindi neppure quella ha preso.

Per quanto riguarda il mantenimento invece, le cose sono cambiate, chi guadagna di piu paga gli alimenti.
E ti pare molto male!!!
Se c'è un unico figlio l'eredità viene divisa al 50% tra coniuge e figlio, se i figli sono più di uno, un terzo spetta comunque al coniuge e 2/3 vanno divisi tra i figli.
L'unica spiegazione del tuo caso, è che tua madre abbia volontariamente fatto atto di rinuncia all'eredità.

_________________
«Tantum religio potuit suadere malorum»
Lucrezio Caro - De rerum natura

« Qui giace l'Aretin, poeta Tosco,
che d'ognun disse mal, fuorché di Cristo,
scusandosi col dir: "Non lo conosco"! »
(epigrafe indirizzata all'Aretino da Paolo Giovio)
paolo1951
paolo1951
-------------
-------------

Maschio Numero di messaggi : 5272
Età : 71
Località : Ovada (AL)
Occupazione/Hobby : imprenditore/viaggi, storia, filosofia, subacquea, fotografia
SCALA DI DAWKINS :
Primo matrimonio gay in Italia Left_bar_bleue60 / 7060 / 70Primo matrimonio gay in Italia Right_bar_bleue

Data d'iscrizione : 09.12.08

http://www.benazzo.it

Torna in alto Andare in basso

Primo matrimonio gay in Italia Empty Re: Primo matrimonio gay in Italia

Messaggio Da primaverino Mer 16 Apr 2014 - 0:55

Si.
La sapevo così anch'io.
Quando mia madre morì ereditammo alla pari io e papà.
primaverino
primaverino
-------------
-------------

Maschio Numero di messaggi : 4730
Età : 58
Località : variabile
Occupazione/Hobby : sedentario
SCALA DI DAWKINS :
Primo matrimonio gay in Italia Left_bar_bleue0 / 700 / 70Primo matrimonio gay in Italia Right_bar_bleue

Data d'iscrizione : 18.10.12

Torna in alto Andare in basso

Primo matrimonio gay in Italia Empty Re: Primo matrimonio gay in Italia

Messaggio Da chef75 Mer 16 Apr 2014 - 0:58

paolo1951 ha scritto:E ti pare molto male!!!

Non capisco che intendi?

paolo1951 ha scritto:Se c'è un unico figlio l'eredità viene divisa al 50% tra coniuge e figlio, se i figli sono più di uno, un terzo spetta comunque al coniuge e 2/3 vanno divisi tra i figli.
L'unica spiegazione del tuo caso, è che tua madre abbia volontariamente fatto atto di rinuncia all'eredità.

No , nessuna rinuncia, siamo andati assieme a sbrigare le pratiche, soldi a me pensione a lei.

_________________
Quando la maggior parte di una società è stupida allora la prevalenza del cretino diventa dominante e inguaribile.
Carlo M. Cipolla

E>en
chef75
chef75
------------
------------

Maschio Numero di messaggi : 7878
Età : 47
Località : una cucina
Occupazione/Hobby : Casalinghe italiane.
SCALA DI DAWKINS :
Primo matrimonio gay in Italia Left_bar_bleue70 / 7070 / 70Primo matrimonio gay in Italia Right_bar_bleue

Data d'iscrizione : 12.11.09

Torna in alto Andare in basso

Primo matrimonio gay in Italia Empty Re: Primo matrimonio gay in Italia

Messaggio Da paolo1951 Mer 16 Apr 2014 - 9:04

chef75 ha scritto:
paolo1951 ha scritto:E ti pare molto male!!!

Non capisco che intendi?

paolo1951 ha scritto:Se c'è un unico figlio l'eredità viene divisa al 50% tra coniuge e figlio, se i figli sono più di uno, un terzo spetta comunque al coniuge e 2/3 vanno divisi tra i figli.
L'unica spiegazione del tuo caso, è che tua madre abbia volontariamente fatto atto di rinuncia all'eredità.

No , nessuna rinuncia, siamo andati assieme a sbrigare le pratiche, soldi a me pensione a lei.
Intendevo dire che le cose non stanno come tu dici, che la legge è diversa.
Intanto non confondere la pensione di reversibilità con l'eredità che è tutt'altra cosa: la reversibilità è la "continuazione" della pensione che parzialmente passa al coniuge, o ai figli minori; l'eredità invece è costituita dal patrimonio già esistente  in capo al morto (e non dal reddito... di un  vitalizio quale è appunto la pensione), per esempio immobili, partecipazioni societarie, crediti, titoli, denaro, gioielli, ecc. questi beni vengono trasferiti agli eredi, salvo rinuncia degli stessi.
Nel vostro caso essendoci, a quanto capisco, solo un c/c bancario,,, forse cointestato anche a te (???), può essere che la banca te l'abbia liquidato direttamente... ma non avrebbe dovuto farlo!

Probabilmente l'ha fatto sapendo che tua madre non si opponeva... e quindi nessuno avrebbe contestato l'irregolarità della cosa.
Ma si fosse trattato di un appartamento, di un bene registrato, non sarebbe stato così facile eludere la legge.

PS: le cose stavano diversamente prima del 1975... quando la moglie, in presenza di figli, ereditava come legittima solo il 50% dell'usufrutto, ma vista la tua età, la cosa non interessa chiaramente il tuo caso.

_________________
«Tantum religio potuit suadere malorum»
Lucrezio Caro - De rerum natura

« Qui giace l'Aretin, poeta Tosco,
che d'ognun disse mal, fuorché di Cristo,
scusandosi col dir: "Non lo conosco"! »
(epigrafe indirizzata all'Aretino da Paolo Giovio)
paolo1951
paolo1951
-------------
-------------

Maschio Numero di messaggi : 5272
Età : 71
Località : Ovada (AL)
Occupazione/Hobby : imprenditore/viaggi, storia, filosofia, subacquea, fotografia
SCALA DI DAWKINS :
Primo matrimonio gay in Italia Left_bar_bleue60 / 7060 / 70Primo matrimonio gay in Italia Right_bar_bleue

Data d'iscrizione : 09.12.08

http://www.benazzo.it

Torna in alto Andare in basso

Primo matrimonio gay in Italia Empty Re: Primo matrimonio gay in Italia

Messaggio Da paolo1951 Mer 16 Apr 2014 - 9:25

chef75 ha scritto:...
Per quanto riguarda il mantenimento invece, le cose sono cambiate, chi guadagna di piu paga gli alimenti.
Qui invece dici giusto, ma almeno di recente le cose non sono affatto cambiate.
E direi anche che, a questo riguardo, le rimostranze di vnd sono più che ragionevoli!
Sposandoti garantisci per legge al coniuge (in genere alla moglie ma potrebbe anche essere il contrario) un diritto a continuare a fruire del reddito familiare anche dopo la separazione o anche dopo il divorzio... non so se questo sia giusto o sbagliato, come dicevo per me dovrebbe valere solo se previsto da uno specifico patto [u]consapevolmente[u] sottoscritto all'atto del matrimonio.

Invece mi risulta che moltissimi si sposino senza conoscere e valutare le implicazioni "economiche" e giuridiche della cosa... è abbastanza ridicolo che tutto venga risolto con la lettura da parte del sindaco o del prete di alcuni articoli del codice civile, lettura a cui tra l'altro nessuno presta la minima attenzione!

PS: quando mi sposai io nel 1976, pensa che il sindaco si sbagliò e lesse gli articoli del vecchio codice civile non più in vigore da circa un anno!
Alle mie rimostranze ci disse candidamente che a lui lo Stato aveva dato "solo quello"...

_________________
«Tantum religio potuit suadere malorum»
Lucrezio Caro - De rerum natura

« Qui giace l'Aretin, poeta Tosco,
che d'ognun disse mal, fuorché di Cristo,
scusandosi col dir: "Non lo conosco"! »
(epigrafe indirizzata all'Aretino da Paolo Giovio)
paolo1951
paolo1951
-------------
-------------

Maschio Numero di messaggi : 5272
Età : 71
Località : Ovada (AL)
Occupazione/Hobby : imprenditore/viaggi, storia, filosofia, subacquea, fotografia
SCALA DI DAWKINS :
Primo matrimonio gay in Italia Left_bar_bleue60 / 7060 / 70Primo matrimonio gay in Italia Right_bar_bleue

Data d'iscrizione : 09.12.08

http://www.benazzo.it

Torna in alto Andare in basso

Primo matrimonio gay in Italia Empty Re: Primo matrimonio gay in Italia

Messaggio Da Rasputin Mer 16 Apr 2014 - 10:32

paolo1951 ha scritto:
Sinceramente non lo so Ras... per me la questione (in questo caso) è cambiare la mentalità delle persone e non le leggi.

Aridaccordo. Ma per quella mi pare ci voglia parecchio più tempo...

_________________
You think normal people just wake up one morning and decide they're going to work in a prison? They're perverts, every last one of them. (Vanessa)

Primo matrimonio gay in Italia Merini10- Primo matrimonio gay in Italia Rusp_c10

Rasputin
Rasputin
..............
..............

Maschio Numero di messaggi : 59451
Età : 62
Località : Augusta vindelicorum
Occupazione/Hobby : On the run
SCALA DI DAWKINS :
Primo matrimonio gay in Italia Left_bar_bleue70 / 7070 / 70Primo matrimonio gay in Italia Right_bar_bleue

Data d'iscrizione : 28.10.09

Torna in alto Andare in basso

Primo matrimonio gay in Italia Empty Re: Primo matrimonio gay in Italia

Messaggio Da vnd Mer 16 Apr 2014 - 19:44

paolo1951 ha scritto:
chef75 ha scritto:...
Per quanto riguarda il mantenimento invece, le cose sono cambiate, chi guadagna di piu paga gli alimenti.
Qui invece dici giusto, ma almeno di recente le cose non sono affatto cambiate.
E direi anche che, a questo riguardo, le rimostranze di vnd sono più che ragionevoli!
Sposandoti garantisci per legge al coniuge (in genere alla moglie ma potrebbe anche essere il contrario) un diritto a continuare a fruire del reddito familiare anche dopo la separazione o anche dopo il divorzio... non so se questo sia giusto o sbagliato, come dicevo per me dovrebbe valere solo se previsto da uno specifico patto [u]consapevolmente[u] sottoscritto all'atto del matrimonio.

Invece mi risulta che moltissimi si sposino senza conoscere e valutare le implicazioni "economiche" e giuridiche della cosa... è abbastanza ridicolo che tutto venga risolto con la lettura da parte del sindaco o del prete di alcuni articoli del codice civile, lettura a cui tra l'altro nessuno presta la minima attenzione!

PS: quando mi sposai io nel 1976, pensa che il sindaco si sbagliò e lesse gli articoli del vecchio codice civile non più in vigore da circa un anno!
Alle mie rimostranze ci disse candidamente che a lui lo Stato aveva dato "solo quello"...

Quello del matrimonio è un contratto (negozio giuridico) che nessuno legge, prima di firmare.
vnd
vnd
-----------
-----------

Numero di messaggi : 1329
SCALA DI DAWKINS :
Primo matrimonio gay in Italia Left_bar_bleue43 / 7043 / 70Primo matrimonio gay in Italia Right_bar_bleue

Data d'iscrizione : 12.04.13

Torna in alto Andare in basso

Primo matrimonio gay in Italia Empty Re: Primo matrimonio gay in Italia

Messaggio Da paolo1951 Mer 16 Apr 2014 - 22:03

vnd ha scritto:...
Quello del matrimonio è un contratto (negozio giuridico) che nessuno legge, prima di firmare.
probabilmente hai ragione, succede proprio così... ma allora non lamentarti dopo!
Cagion del suo mal, pianga sé stesso.  carneval 

_________________
«Tantum religio potuit suadere malorum»
Lucrezio Caro - De rerum natura

« Qui giace l'Aretin, poeta Tosco,
che d'ognun disse mal, fuorché di Cristo,
scusandosi col dir: "Non lo conosco"! »
(epigrafe indirizzata all'Aretino da Paolo Giovio)
paolo1951
paolo1951
-------------
-------------

Maschio Numero di messaggi : 5272
Età : 71
Località : Ovada (AL)
Occupazione/Hobby : imprenditore/viaggi, storia, filosofia, subacquea, fotografia
SCALA DI DAWKINS :
Primo matrimonio gay in Italia Left_bar_bleue60 / 7060 / 70Primo matrimonio gay in Italia Right_bar_bleue

Data d'iscrizione : 09.12.08

http://www.benazzo.it

Torna in alto Andare in basso

Primo matrimonio gay in Italia Empty Re: Primo matrimonio gay in Italia

Messaggio Da Justine Mar 1 Lug 2014 - 17:46

A veder ufficializzare una legittima richiesta di matrimonio, da questo punto di vista, in Italia si hanno rischi concreti: con il qi medio che circola, ci ritroveremmo orde di manifestanti che domandano a gran voce: "perché non equipararela mia unione con il lama andino con il matrimonio? Se lo fanno i gay..."
Cambiare le menti, prima delle istituzioni...

_________________
Smettetela di bistrattare e misinterpretare la Scienza per fingere di dare plausibilità alle vostre troiate
Grazie
Justine
Justine
----------
----------

Femmina Numero di messaggi : 15532
Occupazione/Hobby : Qui è l'una antenna
SCALA DI DAWKINS :
Primo matrimonio gay in Italia Left_bar_bleue70 / 7070 / 70Primo matrimonio gay in Italia Right_bar_bleue

Data d'iscrizione : 24.05.14

Torna in alto Andare in basso

Primo matrimonio gay in Italia Empty Re: Primo matrimonio gay in Italia

Messaggio Da Minsky Mar 1 Lug 2014 - 21:47

Loki ha scritto:A veder ufficializzare una legittima richiesta di matrimonio, da questo punto di vista, in Italia si hanno rischi concreti: con il qi medio che circola, ci ritroveremmo orde di manifestanti che domandano a gran voce: "perché non equipararela mia unione con il lama andino con il matrimonio? Se lo fanno i gay..."
Cambiare le menti, prima delle istituzioni...
Il matrimonio andrebbe semplicemente abolito, non moltiplicato in millanta "specie" diverse, secondo me. Le persone dovrebbero semplicemente mettersi insieme secondo i gusti e le opportunità, in un numero qualsiasi da due fino a... un limite pratico ragionevole, diciamo cento? E in combinazioni di sesso qualsiasi. E convivere quanto gli piace, regolando gli aspetti economici della convivenza secondo liberi contratti privati. L'unico caso in cui lo Stato dovrebbe intervenire stabilendo una norma generale, è quando ci sono dei minori - figli naturali o adottati non fa differenza.
È ovvio che cani, gatti e altri animali non possono essere parti legali in un contratto.

_________________
Dai un pesce ad un uomo
e mangerà per un giorno.
Insegna ad un uomo a pescare
e mangerà per tutta la vita.
Dai la religione ad un uomo
e morirà pregando per un pesce.
Minsky
Minsky
--------------
--------------

Maschio Numero di messaggi : 26032
Età : 68
Località : Codroipo
Occupazione/Hobby : ateo guerriero
SCALA DI DAWKINS :
Primo matrimonio gay in Italia Left_bar_bleue70 / 7070 / 70Primo matrimonio gay in Italia Right_bar_bleue

Data d'iscrizione : 06.10.11

Torna in alto Andare in basso

Primo matrimonio gay in Italia Empty Re: Primo matrimonio gay in Italia

Messaggio Da Rasputin Mar 1 Lug 2014 - 22:04

Minsky ha scritto:
Il matrimonio andrebbe semplicemente abolito, non moltiplicato in millanta "specie" diverse, secondo me. Le persone dovrebbero semplicemente mettersi insieme secondo i gusti e le opportunità, in un numero qualsiasi da due fino a... un limite pratico ragionevole, diciamo cento? E in combinazioni di sesso qualsiasi. E convivere quanto gli piace, regolando gli aspetti economici della convivenza secondo liberi contratti privati. L'unico caso in cui lo Stato dovrebbe intervenire stabilendo una norma generale, è quando ci sono dei minori - figli naturali o adottati non fa differenza.
È ovvio che cani, gatti e altri animali non possono essere parti legali in un contratto.

 quoto.. 

Sante parole. Se ne era parlato anche qui

http://atei.forumitalian.com/t6049-indissolubilita-del-matrimonio

con commenti miei ad es. qui

http://atei.forumitalian.com/t6049-indissolubilita-del-matrimonio#308637

e qui

http://atei.forumitalian.com/t6049p40-indissolubilita-del-matrimonio#308771

_________________
You think normal people just wake up one morning and decide they're going to work in a prison? They're perverts, every last one of them. (Vanessa)

Primo matrimonio gay in Italia Merini10- Primo matrimonio gay in Italia Rusp_c10

Rasputin
Rasputin
..............
..............

Maschio Numero di messaggi : 59451
Età : 62
Località : Augusta vindelicorum
Occupazione/Hobby : On the run
SCALA DI DAWKINS :
Primo matrimonio gay in Italia Left_bar_bleue70 / 7070 / 70Primo matrimonio gay in Italia Right_bar_bleue

Data d'iscrizione : 28.10.09

Torna in alto Andare in basso

Primo matrimonio gay in Italia Empty Re: Primo matrimonio gay in Italia

Messaggio Da Justine Mar 1 Lug 2014 - 22:22

Minsky ha scritto:
Loki ha scritto:A veder ufficializzare una legittima richiesta di matrimonio, da questo punto di vista, in Italia si hanno rischi concreti: con il qi medio che circola, ci ritroveremmo orde di manifestanti che domandano a gran voce: "perché non equipararela mia unione con il lama andino con il matrimonio? Se lo fanno i gay..."
Cambiare le menti, prima delle istituzioni...
Il matrimonio andrebbe semplicemente abolito, non moltiplicato in millanta "specie" diverse, secondo me. Le persone dovrebbero semplicemente mettersi insieme secondo i gusti e le opportunità, in un numero qualsiasi da due fino a... un limite pratico ragionevole, diciamo cento? E in combinazioni di sesso qualsiasi. E convivere quanto gli piace, regolando gli aspetti economici della convivenza secondo liberi contratti privati. L'unico caso in cui lo Stato dovrebbe intervenire stabilendo una norma generale, è quando ci sono dei minori - figli naturali o adottati non fa differenza.
È ovvio che cani, gatti e altri animali non possono essere parti legali in un contratto.

Esattamente, chissà quando vedremo le prime semplificazioni burocratiche in tal senso.  cwm23 Si sa poi che gli interessi di coppie-triplette-multipletti, etc. tendono a diversificarsi e a non poter essere più soggette ad una regolamentazione univoca.
Come in tutte le faccende umane, dosi di ipocrisia a palate da parte di chi nega l'esistenza di gusti e stili di vita differenti, che mal si conciliano con le unioni tradizionali di ogni genere. Viva le opportunità, viva l'autodeterminazione è tutto quello che si può dire.

_________________
Smettetela di bistrattare e misinterpretare la Scienza per fingere di dare plausibilità alle vostre troiate
Grazie
Justine
Justine
----------
----------

Femmina Numero di messaggi : 15532
Occupazione/Hobby : Qui è l'una antenna
SCALA DI DAWKINS :
Primo matrimonio gay in Italia Left_bar_bleue70 / 7070 / 70Primo matrimonio gay in Italia Right_bar_bleue

Data d'iscrizione : 24.05.14

Torna in alto Andare in basso

Primo matrimonio gay in Italia Empty Re: Primo matrimonio gay in Italia

Messaggio Da paolo1951 Mer 2 Lug 2014 - 12:29

Minsky ha scritto:
Loki ha scritto:A veder ufficializzare una legittima richiesta di matrimonio, da questo punto di vista, in Italia si hanno rischi concreti: con il qi medio che circola, ci ritroveremmo orde di manifestanti che domandano a gran voce: "perché non equipararela mia unione con il lama andino con il matrimonio? Se lo fanno i gay..."
Cambiare le menti, prima delle istituzioni...
Il matrimonio andrebbe semplicemente abolito, non moltiplicato in millanta "specie" diverse, secondo me. Le persone dovrebbero semplicemente mettersi insieme secondo i gusti e le opportunità, in un numero qualsiasi da due fino a... un limite pratico ragionevole, diciamo cento? E in combinazioni di sesso qualsiasi. E convivere quanto gli piace, regolando gli aspetti economici della convivenza secondo liberi contratti privati. L'unico caso in cui lo Stato dovrebbe intervenire stabilendo una norma generale, è quando ci sono dei minori - figli naturali o adottati non fa differenza.
È ovvio che cani, gatti e altri animali non possono essere parti legali in un contratto.
Non ho capito cosa vuoi dire con "L'unico caso in cui lo Stato dovrebbe intervenire stabilendo una norma generale, è quando ci sono dei minori - figli naturali o adottati non fa differenza."
Cioè la cosa è ragionevolissima, ma ... non c'entra con il matrimonio!
Lo stato deve intervenire in questo caso sia che ci sia il matrimonio, sia che non ci sia!
Fare un figlio è una responsabilità che purtroppo viene spesso sottovalutata da molti.
E sempre purtroppo viene considerata anche un diritto inalienabile di ogni coppia... specie se "regolarmente" sposata.
Non solo ma la cosa viene anche "incentivata"! Riduzioni e/o agevolazioni fiscali per chi ha figli, maggiori previdenze e maggiori diritti all'assistenza, addirittura maggiore stipendio!

Sono cose che avevano un senso quando il numero era la forza di una nazione, quando tanti figli significava produrre tanti soldati (ovvero tanta carne da cannone).
Siamo giunti così a giustificare il sesso, la sensualità principalmente in funzione della procreazione: quello che può servire a procreare è buono, quello che non ha questa funzione è in genere "vergognoso".

Quanto invece al matrimonio in sé, come società di 2 (o più?) persone, io non sarei per la sua abolizione ma piuttosto per la sua deregolamentazione: il matrimonio deve divenire un semplice contratto che i soggetti contraenti stabiliscono per scritto con le clausole che vogliono.
La violazione dei patti comporta il diritto di risolvere il contratto ed eventualmente il diritto al risarcimento del danno economico subito.
Le clausole di durata, di scioglimento anticipato e di eventuale tacito rinnovo vanno obbligatoriamente indicate all'atto della stipula.

_________________
«Tantum religio potuit suadere malorum»
Lucrezio Caro - De rerum natura

« Qui giace l'Aretin, poeta Tosco,
che d'ognun disse mal, fuorché di Cristo,
scusandosi col dir: "Non lo conosco"! »
(epigrafe indirizzata all'Aretino da Paolo Giovio)
paolo1951
paolo1951
-------------
-------------

Maschio Numero di messaggi : 5272
Età : 71
Località : Ovada (AL)
Occupazione/Hobby : imprenditore/viaggi, storia, filosofia, subacquea, fotografia
SCALA DI DAWKINS :
Primo matrimonio gay in Italia Left_bar_bleue60 / 7060 / 70Primo matrimonio gay in Italia Right_bar_bleue

Data d'iscrizione : 09.12.08

http://www.benazzo.it

Torna in alto Andare in basso

Primo matrimonio gay in Italia Empty Re: Primo matrimonio gay in Italia

Messaggio Da Minsky Mer 2 Lug 2014 - 17:07

paolo1951 ha scritto:...
In realtà mi sembra che siamo d'accordo al 100%. Hai espresso gli stessi concetti miei con parole diverse. Ovviamente se vengono messi al mondo dei figli, la normazione a tutela dei minori deve esistere indipendentemente da qualsiasi altra considerazione. E sono d'accordissimo con la tua analisi dell'assurdità di consentire a chiunque di prolificare senza aver prima asseverato le sue capacità genitoriali sotto tutti gli aspetti. Ho la netta impressione che, se la professione di genitore fosse soggetta ad autorizzazione da ottenere tramite opportuna preparazione specifica, il problema dell'eccessiva crescita demografica si risolverebbe automaticamente.

_________________
Dai un pesce ad un uomo
e mangerà per un giorno.
Insegna ad un uomo a pescare
e mangerà per tutta la vita.
Dai la religione ad un uomo
e morirà pregando per un pesce.
Minsky
Minsky
--------------
--------------

Maschio Numero di messaggi : 26032
Età : 68
Località : Codroipo
Occupazione/Hobby : ateo guerriero
SCALA DI DAWKINS :
Primo matrimonio gay in Italia Left_bar_bleue70 / 7070 / 70Primo matrimonio gay in Italia Right_bar_bleue

Data d'iscrizione : 06.10.11

Torna in alto Andare in basso

Primo matrimonio gay in Italia Empty Re: Primo matrimonio gay in Italia

Messaggio Da primaverino Mer 2 Lug 2014 - 17:32

Minsky ha scritto:
paolo1951 ha scritto:...
In realtà mi sembra che siamo d'accordo al 100%. Hai espresso gli stessi concetti miei con parole diverse. Ovviamente se vengono messi al mondo dei figli, la normazione a tutela dei minori deve esistere indipendentemente da qualsiasi altra considerazione. E sono d'accordissimo con la tua analisi dell'assurdità di consentire a chiunque di prolificare senza aver prima asseverato le sue capacità genitoriali sotto tutti gli aspetti. Ho la netta impressione che, se la professione di genitore fosse soggetta ad autorizzazione da ottenere tramite opportuna preparazione specifica, il problema dell'eccessiva crescita demografica si risolverebbe automaticamente.

Mi pare che ne avessimo già discusso tempo fa... Se ricordo male chiedo venia...
Come diavolo si attribuisce una "patente" di genitorialità, nel mentre che secondo molti l'avere figli "è un diritto"?
primaverino
primaverino
-------------
-------------

Maschio Numero di messaggi : 4730
Età : 58
Località : variabile
Occupazione/Hobby : sedentario
SCALA DI DAWKINS :
Primo matrimonio gay in Italia Left_bar_bleue0 / 700 / 70Primo matrimonio gay in Italia Right_bar_bleue

Data d'iscrizione : 18.10.12

Torna in alto Andare in basso

Primo matrimonio gay in Italia Empty Re: Primo matrimonio gay in Italia

Messaggio Da paolo1951 Mer 2 Lug 2014 - 18:03

primaverino ha scritto:
Minsky ha scritto:
paolo1951 ha scritto:...
In realtà mi sembra che siamo d'accordo al 100%. Hai espresso gli stessi concetti miei con parole diverse. Ovviamente se vengono messi al mondo dei figli, la normazione a tutela dei minori deve esistere indipendentemente da qualsiasi altra considerazione. E sono d'accordissimo con la tua analisi dell'assurdità di consentire a chiunque di prolificare senza aver prima asseverato le sue capacità genitoriali sotto tutti gli aspetti. Ho la netta impressione che, se la professione di genitore fosse soggetta ad autorizzazione da ottenere tramite opportuna preparazione specifica, il problema dell'eccessiva crescita demografica si risolverebbe automaticamente.

Mi pare che ne avessimo già discusso tempo fa... Se ricordo male chiedo venia...
Come diavolo si attribuisce una "patente" di genitorialità, nel mentre che secondo molti l'avere figli "è un diritto"?
Hai ragione la cosa è purtroppo utopistica, però si potrebbe iniziare con il togliere o almeno limitare le previdenze a favore delle famiglie numerose. Gli unici "farmaci" che darei gratis dovrebbero essere giusto gli anticoncezionali, la conoscenza della contraccezione dovrebbe diventare materia scolastica obbligatoria, l'aborto dovrebbe essere molto facilitato ... resa più difficile (ed economicamente penalizzata) l'obiezione di coscienza, bloccato l'accesso negli ospedali ai militanti del Movimento per la vita...
Ancora... tolte le detrazioni fiscali per figli a carico, tolta la patria podestà a quei genitori che irresponsabilmente mettono al mondo una stroppa di figli che poi non sono in grado di mantenere.
Bloccati i ricongiungimenti familiari a quegli emigrati che hanno più di 2 figli minori (e per inciso magari anche più di una moglie...).

_________________
«Tantum religio potuit suadere malorum»
Lucrezio Caro - De rerum natura

« Qui giace l'Aretin, poeta Tosco,
che d'ognun disse mal, fuorché di Cristo,
scusandosi col dir: "Non lo conosco"! »
(epigrafe indirizzata all'Aretino da Paolo Giovio)
paolo1951
paolo1951
-------------
-------------

Maschio Numero di messaggi : 5272
Età : 71
Località : Ovada (AL)
Occupazione/Hobby : imprenditore/viaggi, storia, filosofia, subacquea, fotografia
SCALA DI DAWKINS :
Primo matrimonio gay in Italia Left_bar_bleue60 / 7060 / 70Primo matrimonio gay in Italia Right_bar_bleue

Data d'iscrizione : 09.12.08

http://www.benazzo.it

Torna in alto Andare in basso

Primo matrimonio gay in Italia Empty Re: Primo matrimonio gay in Italia

Messaggio Da primaverino Mer 2 Lug 2014 - 18:22

Non hai torto, mon ami...
D'altra parte se la conoscenza della contraccezione fosse maggiore, pure il ricorso all'aborto si autolimiterebbe assai, non trovi?
Però mi fa specie che con tutta l'informazione circolante oggigiorno (esiste ancora un giovane che non va su internet?) ci si trovi di fronte a gravidanza "indesiderate"... Mah...
Per il resto sono contrario all'obiezione di coscienza per i ginecologi che operino in ambito pubblico.
primaverino
primaverino
-------------
-------------

Maschio Numero di messaggi : 4730
Età : 58
Località : variabile
Occupazione/Hobby : sedentario
SCALA DI DAWKINS :
Primo matrimonio gay in Italia Left_bar_bleue0 / 700 / 70Primo matrimonio gay in Italia Right_bar_bleue

Data d'iscrizione : 18.10.12

Torna in alto Andare in basso

Primo matrimonio gay in Italia Empty Re: Primo matrimonio gay in Italia

Messaggio Da Minsky Mer 2 Lug 2014 - 18:31

primaverino ha scritto:
Mi pare che ne avessimo già discusso tempo fa... Se ricordo male chiedo venia...
Come diavolo si attribuisce una "patente" di genitorialità, nel mentre che secondo molti l'avere figli "è un diritto"?
Penso che l'unica strada possibile sia quella della genitorialità qualificata. Altrimenti finiremo come la Cina, dove drasticamente si è adottata la politica del "figlio unico". Politica che ha funzionato, evitando oltre 400 milioni di nascite negli ultimi trent'anni, ma che è certamente troppo severa. Genitori consapevoli e responsabili dovrebbero essere in grado di auto-limitarsi anche rispetto alla numerosità della prole.

_________________
Dai un pesce ad un uomo
e mangerà per un giorno.
Insegna ad un uomo a pescare
e mangerà per tutta la vita.
Dai la religione ad un uomo
e morirà pregando per un pesce.
Minsky
Minsky
--------------
--------------

Maschio Numero di messaggi : 26032
Età : 68
Località : Codroipo
Occupazione/Hobby : ateo guerriero
SCALA DI DAWKINS :
Primo matrimonio gay in Italia Left_bar_bleue70 / 7070 / 70Primo matrimonio gay in Italia Right_bar_bleue

Data d'iscrizione : 06.10.11

Torna in alto Andare in basso

Primo matrimonio gay in Italia Empty Re: Primo matrimonio gay in Italia

Messaggio Da Justine Mer 2 Lug 2014 - 19:05

Minsky ha scritto:
primaverino ha scritto:
Mi pare che ne avessimo già discusso tempo fa... Se ricordo male chiedo venia...
Come diavolo si attribuisce una "patente" di genitorialità, nel mentre che secondo molti l'avere figli "è un diritto"?
Penso che l'unica strada possibile sia quella della genitorialità qualificata. Altrimenti finiremo come la Cina, dove drasticamente si è adottata la politica del "figlio unico". Politica che ha funzionato, evitando oltre 400 milioni di nascite negli ultimi trent'anni, ma che è certamente troppo severa. Genitori consapevoli e responsabili dovrebbero essere in grado di auto-limitarsi anche rispetto alla numerosità della prole.

Per i più coraggiosi, rimane la VaV (verginità a vita), non vorrete correre il rischio di non aggiungere un altro significativo passo verso la santità più pura immaginabile?

_________________
Smettetela di bistrattare e misinterpretare la Scienza per fingere di dare plausibilità alle vostre troiate
Grazie
Justine
Justine
----------
----------

Femmina Numero di messaggi : 15532
Occupazione/Hobby : Qui è l'una antenna
SCALA DI DAWKINS :
Primo matrimonio gay in Italia Left_bar_bleue70 / 7070 / 70Primo matrimonio gay in Italia Right_bar_bleue

Data d'iscrizione : 24.05.14

Torna in alto Andare in basso

Primo matrimonio gay in Italia Empty Re: Primo matrimonio gay in Italia

Messaggio Da paolo1951 Ven 4 Lug 2014 - 18:54

Loki ha scritto:
Minsky ha scritto:
primaverino ha scritto:
Mi pare che ne avessimo già discusso tempo fa... Se ricordo male chiedo venia...
Come diavolo si attribuisce una "patente" di genitorialità, nel mentre che secondo molti l'avere figli "è un diritto"?
Penso che l'unica strada possibile sia quella della genitorialità qualificata. Altrimenti finiremo come la Cina, dove drasticamente si è adottata la politica del "figlio unico". Politica che ha funzionato, evitando oltre 400 milioni di nascite negli ultimi trent'anni, ma che è certamente troppo severa. Genitori consapevoli e responsabili dovrebbero essere in grado di auto-limitarsi anche rispetto alla numerosità della prole.

Per i più coraggiosi, rimane la VaV (verginità a vita), non vorrete correre il rischio di non aggiungere un altro significativo passo verso la santità più pura immaginabile?

Perché citi solo la verginità a vita? Come si legge nella mia firma ci sono molti tipi di rapporti sessuali che non comportano il rischio di procreare!
Ancora una volta la regola dovrebbe essere fare sempre esattamente il contrario di quello che dice la Chiesa, ovvero:
disgiungere l'atto "unitivo" da quello "procreativo".

_________________
«Tantum religio potuit suadere malorum»
Lucrezio Caro - De rerum natura

« Qui giace l'Aretin, poeta Tosco,
che d'ognun disse mal, fuorché di Cristo,
scusandosi col dir: "Non lo conosco"! »
(epigrafe indirizzata all'Aretino da Paolo Giovio)
paolo1951
paolo1951
-------------
-------------

Maschio Numero di messaggi : 5272
Età : 71
Località : Ovada (AL)
Occupazione/Hobby : imprenditore/viaggi, storia, filosofia, subacquea, fotografia
SCALA DI DAWKINS :
Primo matrimonio gay in Italia Left_bar_bleue60 / 7060 / 70Primo matrimonio gay in Italia Right_bar_bleue

Data d'iscrizione : 09.12.08

http://www.benazzo.it

Torna in alto Andare in basso

Primo matrimonio gay in Italia Empty Re: Primo matrimonio gay in Italia

Messaggio Da Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Torna in alto Andare in basso

Pagina 1 di 2 1, 2  Successivo

Torna in alto

- Argomenti simili

 
Permessi in questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum.