Atei Italiani
Vuoi reagire a questo messaggio? Crea un account in pochi click o accedi per continuare.

L'ateismo e la sindrome d'accerchiamento

+8
Torredipisa
BestBeast
Rasputin
chef75
mecca domenico
delfi68
Minsky
loonar
12 partecipanti

Pagina 2 di 2 Precedente  1, 2

Andare in basso

L'ateismo e la sindrome d'accerchiamento - Pagina 2 Empty Re: L'ateismo e la sindrome d'accerchiamento

Messaggio Da Minsky Gio 20 Ott 2011 - 22:46

Spiego.

Da piccolissimo sono stato allevato dai nonni. La mia nonna era molto devota e ha ritenuto doveroso insegnarmi, fin dal momento in cui sono stato in grado di balbettare qualche parola, la gestualità del culto e le preghiere. È seguito poi il normale corso degli eventi, una volta che ho iniziato la scuola e sono andato a vivere con i miei genitori, e mi è stato impartito l'insegnamento cattolico che ai miei tempi era rigorosamente obbligatorio. Già all'età di sette anni e mezzo, però, ho sentito una profonda repulsione per la religione, e mi sono rifiutato di continuare ad andare al catechismo - questo almeno non era così tassativo. La repulsione era dovuta sia ad una sensazione più che altro viscerale, sia alla profonda insoddisfazione che i contenuti dell'insegnamento religioso trasmettevano. Io ho sempre apprezzato la letteratura, e da ragazzo mi piaceva molto leggere romanzi di fantascienza (questo è stato più tardi dell'epoca a cui mi riferisco, dovrebbe essere evidente ma è meglio precisarlo); però mi piacevano solo quelli che non offendevano il lettore proponendo soluzioni implausibili. Per esempio: se vogliamo supporre che i viaggi intergalattici siano possibili, allora nella trama puoi raccontarmi che il protagonista viaggia dalla Terra ad Alpha Centauri, ma non puoi comunque raccontarmi che passeggia nel vuoto interstellare fuori dall'astronave senza tuta spaziale. Ora, gli insegnanti di religione volevano che io credessi a fatti illogici, implausibili, contronatura, e mi proponevano una morale storpia e malata. Questo è stato abbastanza per respingere in blocco tutta la narrazione. Poi, in età più matura, per mia curiosità e anche per la consapevolezza di doverne sapere di più al fine di sapermi opporre a questa peste, ho voluto approfondire. Questo è quanto.

Quanto alla parabola, secondo me è perfettamente adeguata, infatti uno dei motivi per cui mi sono premurato di "sbattezzarmi" è proprio per non sentirmi in alcun modo e in alcun senso, neppure morale, correo dei misfatti della chiesa cattolica.

Ciao!

_________________
Dai un pesce ad un uomo
e mangerà per un giorno.
Insegna ad un uomo a pescare
e mangerà per tutta la vita.
Dai la religione ad un uomo
e morirà pregando per un pesce.
Minsky
Minsky
--------------
--------------

Maschio Numero di messaggi : 25426
Età : 68
Località : Codroipo
Occupazione/Hobby : ateo guerriero
SCALA DI DAWKINS :
L'ateismo e la sindrome d'accerchiamento - Pagina 2 Left_bar_bleue70 / 7070 / 70L'ateismo e la sindrome d'accerchiamento - Pagina 2 Right_bar_bleue

Data d'iscrizione : 06.10.11

Torna in alto Andare in basso

L'ateismo e la sindrome d'accerchiamento - Pagina 2 Empty Re: L'ateismo e la sindrome d'accerchiamento

Messaggio Da alberto Ven 21 Ott 2011 - 13:23

Fux89 ha scritto:
alberto ha scritto:l'obbiettivo strategico rimane quello di un mondo senza religione
Concordo con tutto il tuo post tranne che con questo passaggio. Per me l'obiettivo strategico dovrebbe essere un mondo in cui nessuno (persona o istituzione) viene privilegiato o discriminato sulla base dell'appartenenza o non appartenenza ad una qualunque religione e in cui ciascuno sia libero di vivere la propria vita secondo i propri valori, fintantoché non lede l'altrui libertà.

ok ok in sostanza siamo d'accordo, un mondo che si "ritrova" senza religione, ma non per imposizione ma per "evoluzione" del pensiero, così come adesso si è liberato (in sostanza) del concetto di "strega", o "orco", o "drago".

il bisogno di spiritualità che indubbiamente esiste in moltissimi esseri umani troverà in ciascun caso la sua definizione e il suo contesto personale, ma ricordiamoci che comunque influenzerà le sue linee di pensiero.

continuo quindi, pur con questo distinguo, a vedere un passo più in là del tuo assunto e auspicare un mondo che evolvendo si affranca dal concetto di entità soprannaturali che guidano la nostra vita ecc ecc.

_________________
fine.

alberto
-----------
-----------

Maschio Numero di messaggi : 2599
SCALA DI DAWKINS :
L'ateismo e la sindrome d'accerchiamento - Pagina 2 Left_bar_bleue0 / 700 / 70L'ateismo e la sindrome d'accerchiamento - Pagina 2 Right_bar_bleue

Data d'iscrizione : 26.12.10

Torna in alto Andare in basso

L'ateismo e la sindrome d'accerchiamento - Pagina 2 Empty Re: L'ateismo e la sindrome d'accerchiamento

Messaggio Da alberto Ven 21 Ott 2011 - 13:30

Ludwig von Drake ha scritto:
alberto ha scritto:(...) in ultimo dico che anche secondo me una delle chiavi di volta sarà affrancare i bambini dall'insegnamento della religione; la mia ipotesi/speranza in questo caso è vedere nuove generazioni di persone che basano la loro vita sullo spirito critico, l'osservazione, l'esperienza e non su superstizioni e dogmi.
Voglio portati un esempio personale, anche se forse potrebbe interessarti poco: sai qual è stato uno dei primi passi più importanti nel mio cammino verso l'ateismo? Lo studio della storia delle religioni.

Io credo che la conoscenza e, dunque, lo studio (e l'insegnamento) non possano che essere un bene. Per questo non penso sia giusto affrancare gli alunni dallo studio di qualcosa - che io ritengo importante quanto la storia "generica". Studiare le religioni, in particolare, secondo me ha una sua importanza.

permettimi di dubitare che ciò sia avvenuto quando eri bambino.

la conoscenza e lo studio non possono che essere un bene. Sono convinto però che ai bambini occorrerebbe insegnare come muoversi col loro pensiero, su qualsiasi terreno culturale e cognitivo. Indottrinarli invece sulla strada della fede porta è vero alcune menti a razionalizzare e in sintesi a rifiutare, ma spinge la grande maggioranza di esse (e i vertici CCAR lo sanno benissimo) a "credere" anziché "sapere". E' un crocevia comportamentale e di approccio alla realtà cruciale secondo me.

Quindi insisto nel dire che a mio avviso un obbiettivo strategico importante è quello di affrancare i bambini dallo studio della religione. Ci sarà tempo poi più avanti, magari all'interno del corso di storia, per affrontare il tema della religione e di contestualizzarla.

_________________
fine.

alberto
-----------
-----------

Maschio Numero di messaggi : 2599
SCALA DI DAWKINS :
L'ateismo e la sindrome d'accerchiamento - Pagina 2 Left_bar_bleue0 / 700 / 70L'ateismo e la sindrome d'accerchiamento - Pagina 2 Right_bar_bleue

Data d'iscrizione : 26.12.10

Torna in alto Andare in basso

L'ateismo e la sindrome d'accerchiamento - Pagina 2 Empty Re: L'ateismo e la sindrome d'accerchiamento

Messaggio Da Ospite Ven 21 Ott 2011 - 13:46

alberto ha scritto:continuo quindi, pur con questo distinguo, a vedere un passo più in là del tuo assunto e auspicare un mondo che evolvendo si affranca dal concetto di entità soprannaturali che guidano la nostra vita ecc ecc.
D'accordo, ma è, appunto, "un passo più in là", che anche io auspico* ma che non ritengo un obiettivo strategico.
alberto ha scritto:la conoscenza e lo studio non possono che essere un bene. Sono convinto però che ai bambini occorrerebbe insegnare come muoversi col loro pensiero, su qualsiasi terreno culturale e cognitivo. Indottrinarli invece sulla strada della fede porta è vero alcune menti a razionalizzare e in sintesi a rifiutare, ma spinge la grande maggioranza di esse (e i vertici CCAR lo sanno benissimo) a "credere" anziché "sapere". E' un crocevia comportamentale e di approccio alla realtà cruciale secondo me.
Concordo, ma un conto è indottrinarli, un altro è far loro conoscere l'esistenza e la storia delle religioni.

*Più che altro, auspico un mondo in cui la gente non senta la necessità di affidarsi ad entità soprannaturali, ma so che si tratta di utopia.

Ospite
Ospite


Torna in alto Andare in basso

L'ateismo e la sindrome d'accerchiamento - Pagina 2 Empty Re: L'ateismo e la sindrome d'accerchiamento

Messaggio Da Minsky Ven 21 Ott 2011 - 18:59

Un mondo senza religioni: è un'utopia realizzabile?

Vorrei riepilogare questo tema che mi sembra di importanza cruciale, e che è stato già indirizzato più volte in questo thread senza però portarlo ad una conclusione netta. Questo perciò vorrebbe essere anche un invito ad una presa di posizione.

Prima di esporre la mia disamina, vorrei ricordare un personaggio che ha creduto in questo sogno, e per la sua convinzione ha pagato con la vita.

L'ateismo e la sindrome d'accerchiamento - Pagina 2 Lennon10

John Lennon - Imagine (1971)

Imagine there's no heaven
It's easy if you try
No hell below us
Above us only sky
Imagine all the people
Living for today...

Imagine there's no countries
It isn't hard to do
Nothing to kill or die for
And no religion too
Imagine all the people
Living life in peace...

You may say I'm a dreamer
But I'm not the only one
I hope someday you'll join us
And the world will be as one

Imagine no possessions
I wonder if you can
No need for greed or hunger
A brotherhood of man
Imagine all the people
Sharing all the world...

You may say I'm a dreamer
But I'm not the only one
I hope someday you'll join us
And the world will live as one



John Lennon è stato ucciso da un fanatico fervente cristiano affetto da problemi mentali (sì, prevedo l'osservazione: se è fervente cristiano allora è anche affetto da problemi mentali L'ateismo e la sindrome d'accerchiamento - Pagina 2 315697 ), tale Mark Chapman, la sera dell'8 dicembre 1980 a New York. L'assassino esplose alcuni colpi di pistola contro Lennon esclamando giulivo: «Hey, Mr. Lennon! You're going to make history!». John Lennon fu soccorso prontamente ma morì poco dopo all'ospedale.
Chapman, condannato ad un ergastolo più venti anni di reclusione L'ateismo e la sindrome d'accerchiamento - Pagina 2 93876 , disse che aveva sparato a John Lennon perché lo odiava a causa dell'ateismo espresso nelle canzoni "Imagine" e "God".

Recentemente John Lennon è stato ucciso di nuovo dalla censura:
censura
censura
censura
censura
censura

Qui la versione integrale di Imagine:


_________________
Dai un pesce ad un uomo
e mangerà per un giorno.
Insegna ad un uomo a pescare
e mangerà per tutta la vita.
Dai la religione ad un uomo
e morirà pregando per un pesce.
Minsky
Minsky
--------------
--------------

Maschio Numero di messaggi : 25426
Età : 68
Località : Codroipo
Occupazione/Hobby : ateo guerriero
SCALA DI DAWKINS :
L'ateismo e la sindrome d'accerchiamento - Pagina 2 Left_bar_bleue70 / 7070 / 70L'ateismo e la sindrome d'accerchiamento - Pagina 2 Right_bar_bleue

Data d'iscrizione : 06.10.11

Torna in alto Andare in basso

L'ateismo e la sindrome d'accerchiamento - Pagina 2 Empty Re: L'ateismo e la sindrome d'accerchiamento

Messaggio Da Minsky Ven 21 Ott 2011 - 19:02

Un mondo senza religioni: è un'utopia realizzabile?

Un mondo senza religioni dovrebbe essere anche un mondo senza capitalismo, senza padroni, senza prigioni, senza guerre.
È un'assoluta utopia? La storia ci ha mostrato che la repressione dei culti religiosi ha causato grandi sofferenze senza contropartita.
Chiaramente non è questa la strada per costruire un mondo migliore.

Prima di tutto però bisognerebbe capire se l'estinzione delle religioni e delle superstizioni sia una cosa necessaria, o almeno desiderabile.

Fux89 ha scritto:...auspico un mondo in cui la gente non senta la necessità di affidarsi ad entità soprannaturali, ma so che si tratta di utopia.
Parto da qui perché mi sembra l'obiettivo base. Intendo "base" nel senso di quello più fondamentale.

Per molto tempo, pur essendo perfettamente consapevole della mia inevitabile transitorietà («siamo lacrime sotto la pioggia» dice l'androide nella scena finale di "Blade Runner"), in un angolino della mente sentivo quell'ansia subdola che agiva come un tarlo, all'idea della fine della vita. Le religioni fanno leva esattamente e solamente su questo per plagiare le persone. La promessa del paradiso e della vita eterna è ciò che convince a credere. La "salvezza" su cui batte e ribatte la dottrina cristiana, per esempio, altro non è che la salvezza personale. Sappiamo benissimo che è del tutto inutile agitarsi finché siamo al mondo, tanto non ne usciremo vivi.
La religione invece propone una scappatoia: uscirne non solo vivo, ma meglio che vivo, liberato da ogni pena e sofferenza, ricolmo di gioia e benessere, e così per l'eternità, nella grande SPA del paradiso.

Ebbene, dopo lunga riflessione (sono sincero, non è stato facile arrivarci), ho finalmente capito dov'è l'errore.

Il desiderio della propria salvezza individuale è gretto e meschino, oltre a condurre a paradossi insolubili. Che cosa mi autorizza a credere che la mia personalità sia così preziosa da meritare un simile dispendio di risorse (alloggio in albergo a 5 stelle per l'eternità... chi paga il conto?). Ok, stiamo seri, prevedo l'obiezione del credente: "il paradiso è un non-luogo fuori dal tempo, l'anima è immateriale, la beatitudine è un non-stato, etc. etc.; ma certo, fantascienza ne ho letta moltissima anch'io da ragazzo, e saprei escogitare delle ambientazioni ancora più eteree e sofisticate.

Il punto è, che questa è una prospettiva ristretta, locale, miope ed egoistica. Faccio il bene per guadagnarmi il paradiso. Aiuto il prossimo per avere indulgenze. Metto al mondo dei figli per compiacere dio! Questo è il massimo! Non ci posso pensare che qualcuno lo faccia per questo!

Assorbito sempre da mille problemi e impegni, non avrei mai pensato di poter fare del volontariato prima del mio ritiro dalla vita attiva; invece sono riuscito a fare anche questo, con un po' di sacrificio. L'ho fatto senza aspettarmi alcuna ricompensa, né in questo mondo né in un altro, ed è stata una delle più belle e gratificanti esperienze della mia vita!

La mia idea grandiosa è che le prospettive limitate e ottuse della religione si possano superare grazie ad una nuova visione, più alta e generale. La mia visione comprende tutta l'Umanità nel suo insieme, tutti gli esseri viventi, la natura e l'universo. Tutto è collegato.
La mia vita finirà, ma altri vivranno dopo di me. La loro vita potrà essere piena di bellezza e di significato, se troveranno un mondo giusto e in pace. Il nostro dovere è semplicemente quello di agire perché questo si avveri.

È un invito ad avere fede nel futuro dell'Umanità, e ad operare per renderlo possibile. Abbiamo una enorme responsabilità verso le generazioni a venire.

Partiamo dunque da questa base: il superamento del punto di vista limitato alla nostra personale esistenza. In quest'ottica tutte le religioni palesano la loro vera insufficienza. Le religioni predicono un destino di morte, con l'apocalisse finale (sempre imminente) e la distruzione del mondo. Invece il destino dell'Umanità potrebbe essere molto più grandioso di quanto non crediamo. Dipende anche da noi.

Perciò la mia deduzione è: sì, l'utopia di un mondo senza religioni è desiderabile. Da questa base, come si può tracciare una strada per raggiungerla? A voi.

Tschüss! L'ateismo e la sindrome d'accerchiamento - Pagina 2 158383

_________________
Dai un pesce ad un uomo
e mangerà per un giorno.
Insegna ad un uomo a pescare
e mangerà per tutta la vita.
Dai la religione ad un uomo
e morirà pregando per un pesce.
Minsky
Minsky
--------------
--------------

Maschio Numero di messaggi : 25426
Età : 68
Località : Codroipo
Occupazione/Hobby : ateo guerriero
SCALA DI DAWKINS :
L'ateismo e la sindrome d'accerchiamento - Pagina 2 Left_bar_bleue70 / 7070 / 70L'ateismo e la sindrome d'accerchiamento - Pagina 2 Right_bar_bleue

Data d'iscrizione : 06.10.11

Torna in alto Andare in basso

L'ateismo e la sindrome d'accerchiamento - Pagina 2 Empty Re: L'ateismo e la sindrome d'accerchiamento

Messaggio Da alberto Ven 21 Ott 2011 - 20:58

ho dato verde a fux per una sorta di "affinità dissimile", ossia quella leggermente diversa visione delle cose che fa pensare e che migliora il proprio pensiero.

ho dato verde a minsky perché c'è dentro al suo post ciò che mi sta motivando maggiormente in questi tempi: una visione proiettata in avanti.

se ci guardiamo sempre all'indietro tutto sembra, all'ombra stantia del buon senso, assai poco probabile se non impossibile. c'è un fardello di passato che ci schiaccia e ci condiziona togliendo al nostro passo dinamismo e potenza.

abbiamo nuove e potenti leve cognitive per immaginare un futuro nuovo.

al posto della competizione, cooperazione (noooo, non le coop rosse!! wink.. )
al posto del consumo, l'utilizzo.
al posto del nemico, l'alleato.
al posto della religione... niente.
al posto dell'ignoranza, la conoscenza.
al posto della credulità la curiosità.

se siete d'accordo potete anche continuare (e anche prendermi un po' in giro, mi farebbe piacere!)

utopia!
cos'altro ci può accendere? poi è chiaro, ci vuole tritolo (insomma, sostanza) per esplodere, ma senza immaginazione siamo portati solo a riprodurre il presente.




_________________
fine.

alberto
-----------
-----------

Maschio Numero di messaggi : 2599
SCALA DI DAWKINS :
L'ateismo e la sindrome d'accerchiamento - Pagina 2 Left_bar_bleue0 / 700 / 70L'ateismo e la sindrome d'accerchiamento - Pagina 2 Right_bar_bleue

Data d'iscrizione : 26.12.10

Torna in alto Andare in basso

L'ateismo e la sindrome d'accerchiamento - Pagina 2 Empty Re: L'ateismo e la sindrome d'accerchiamento

Messaggio Da Rasputin Ven 21 Ott 2011 - 21:42

Ho dato un verde a minsky anch'io. Spero non occorra spiegare le ragioni.

_________________
Un sacco di gente prova gioia ad essere morta (Maude)

L'ateismo e la sindrome d'accerchiamento - Pagina 2 Merini10- L'ateismo e la sindrome d'accerchiamento - Pagina 2 Rusp_c10

Rasputin
Rasputin
..............
..............

Maschio Numero di messaggi : 59078
Età : 61
Località : Augusta vindelicorum
Occupazione/Hobby : Antinazismo non praticante, islamofobia, agnosticomachia, esecuzione capitale di ipocriti
SCALA DI DAWKINS :
L'ateismo e la sindrome d'accerchiamento - Pagina 2 Left_bar_bleue70 / 7070 / 70L'ateismo e la sindrome d'accerchiamento - Pagina 2 Right_bar_bleue

Data d'iscrizione : 28.10.09

Torna in alto Andare in basso

L'ateismo e la sindrome d'accerchiamento - Pagina 2 Empty Re: L'ateismo e la sindrome d'accerchiamento

Messaggio Da Minsky Ven 21 Ott 2011 - 22:03

alberto ha scritto:se ci guardiamo sempre all'indietro tutto sembra, all'ombra stantia del buon senso, assai poco probabile se non impossibile. c'è un fardello di passato che ci schiaccia e ci condiziona togliendo al nostro passo dinamismo e potenza.

abbiamo nuove e potenti leve cognitive per immaginare un futuro nuovo.

al posto della competizione, cooperazione (noooo, non le coop rosse!! L'ateismo e la sindrome d'accerchiamento - Pagina 2 23074 )
al posto del consumo, l'utilizzo.
al posto del nemico, l'alleato.
al posto della religione... niente.
al posto dell'ignoranza, la conoscenza.
al posto della credulità la curiosità.

se siete d'accordo potete anche continuare (e anche prendermi un po' in giro, mi farebbe piacere!)

utopia!
cos'altro ci può accendere? poi è chiaro, ci vuole tritolo (insomma, sostanza) per esplodere, ma senza immaginazione siamo portati solo a riprodurre il presente.

Condivido pienamente. Questo integra e si incorpora nella mia visione: progresso, evoluzione. Scorgo un nuovo paradigma evolutivo spinto dalla creatività, piuttosto che dalla competizione. Sono orizzonti ideali che appaiono difficilissimi da mettere in pratica, oggi. Ma il corretto impiego degli strumenti che la tecnica ci mette a disposizione aiuterebbe ad avvicinare l'obiettivo.

Sul versante concettuale, propongo questa scala in cui la pluralità delle divinità diminuisce in ragione logaritmica sino a tendere allo zero:

  1. religione primitiva, animistica: ogni cosa animata e inanimata (montagne, fiumi, boschi) possiede uno spirito -> multiteismo.
  2. religione pagana: ci sono molti dei e semidei -> politeismo.
  3. religione rivelata: c'è un solo dio -> monoteismo.
  4. non-religione: non c'è nessun dio -> zeroteismo.
Forse siamo pronti ad iniziare il viaggio verso l'ultima fase evolutiva. L'ateismo e la sindrome d'accerchiamento - Pagina 2 605765

_________________
Dai un pesce ad un uomo
e mangerà per un giorno.
Insegna ad un uomo a pescare
e mangerà per tutta la vita.
Dai la religione ad un uomo
e morirà pregando per un pesce.
Minsky
Minsky
--------------
--------------

Maschio Numero di messaggi : 25426
Età : 68
Località : Codroipo
Occupazione/Hobby : ateo guerriero
SCALA DI DAWKINS :
L'ateismo e la sindrome d'accerchiamento - Pagina 2 Left_bar_bleue70 / 7070 / 70L'ateismo e la sindrome d'accerchiamento - Pagina 2 Right_bar_bleue

Data d'iscrizione : 06.10.11

Torna in alto Andare in basso

L'ateismo e la sindrome d'accerchiamento - Pagina 2 Empty Re: L'ateismo e la sindrome d'accerchiamento

Messaggio Da Ludwig von Drake Sab 22 Ott 2011 - 12:01

Alberto, a me non sembra di aver parlato di indottrinamento, ma di insegnamento e apprendimento: credo vi sia una certa differenza.

Perdonami se te lo chiedo, ma hai presente quale sia l'indice di un libro di storia delle religioni? Mica sto parlando di "esiste Gesù Cristo figlio unigenito di Dio"?

Spesso parlando con gli amici mi rendo conto che molti ignorano la differenza tra religione e dottrina, tra fondatore e dottore e cosa sia in sostanza un mito: tutte cose che sarebbero più chiare se si desse un'infarinatura di storia delle religioni.

_________________
Mi vuoi dire, caro Sancho, che dovrei tirarmi indietro
perchè il "male" ed il "potere" hanno un aspetto così tetro?
Dovrei anche rinunciare ad un po' di dignità,
farmi umile e accettare che sia questa la realtà?
Don Chisciotte - Guccini

https://iltronodispade.wordpress.com/
Ludwig von Drake
Ludwig von Drake
-------------
-------------

Maschio Numero di messaggi : 4721
SCALA DI DAWKINS :
L'ateismo e la sindrome d'accerchiamento - Pagina 2 Left_bar_bleue0 / 700 / 70L'ateismo e la sindrome d'accerchiamento - Pagina 2 Right_bar_bleue

Data d'iscrizione : 19.11.08

Torna in alto Andare in basso

L'ateismo e la sindrome d'accerchiamento - Pagina 2 Empty Re: L'ateismo e la sindrome d'accerchiamento

Messaggio Da mecca domenico Dom 23 Ott 2011 - 16:51

BestBeast ha scritto:Essere classificati con la parola contenente un a-privativa, manifesta già una discriminazione. Conoscete molte parole dal significato "buono" con questa caratteristica? Analfabeta, Anormale, Asociale, Atipico.. ASTRONZO! L'ateismo e la sindrome d'accerchiamento - Pagina 2 649521

Spesso con quelli che parlo, mi esprimo apertamente ateo ed anche ateo convinto specie con gente che dice "SARA' COME DIO VORRA', la mia risposta è sempre "quello si fa i cavoli suoi altro che i nostri".

mecca domenico
-----------
-----------

Maschio Numero di messaggi : 1793
Età : 75
Località : Avigliano (PZ)
Occupazione/Hobby : fai da te di tutto di più
SCALA DI DAWKINS :
L'ateismo e la sindrome d'accerchiamento - Pagina 2 Left_bar_bleue0 / 700 / 70L'ateismo e la sindrome d'accerchiamento - Pagina 2 Right_bar_bleue

Data d'iscrizione : 31.05.09

Torna in alto Andare in basso

L'ateismo e la sindrome d'accerchiamento - Pagina 2 Empty Re: L'ateismo e la sindrome d'accerchiamento

Messaggio Da Minsky Dom 23 Ott 2011 - 19:30

mecca domenico ha scritto:
BestBeast ha scritto:Essere classificati con la parola contenente un a-privativa, manifesta già una discriminazione. Conoscete molte parole dal significato "buono" con questa caratteristica? Analfabeta, Anormale, Asociale, Atipico.. ASTRONZO! L'ateismo e la sindrome d'accerchiamento - Pagina 2 649521

Spesso con quelli che parlo, mi esprimo apertamente ateo ed anche ateo convinto specie con gente che dice "SARA' COME DIO VORRA', la mia risposta è sempre "quello si fa i cavoli suoi altro che i nostri".

Bravo fai benissimo. Anche una battuta ironica alle volte protrebbe essere il fattore catalitico per far scaturire l'illuminazione! L'ateismo e la sindrome d'accerchiamento - Pagina 2 605765

_________________
Dai un pesce ad un uomo
e mangerà per un giorno.
Insegna ad un uomo a pescare
e mangerà per tutta la vita.
Dai la religione ad un uomo
e morirà pregando per un pesce.
Minsky
Minsky
--------------
--------------

Maschio Numero di messaggi : 25426
Età : 68
Località : Codroipo
Occupazione/Hobby : ateo guerriero
SCALA DI DAWKINS :
L'ateismo e la sindrome d'accerchiamento - Pagina 2 Left_bar_bleue70 / 7070 / 70L'ateismo e la sindrome d'accerchiamento - Pagina 2 Right_bar_bleue

Data d'iscrizione : 06.10.11

Torna in alto Andare in basso

L'ateismo e la sindrome d'accerchiamento - Pagina 2 Empty Re: L'ateismo e la sindrome d'accerchiamento

Messaggio Da mecca domenico Dom 23 Ott 2011 - 22:36

Anche la mia iscrizione al forum consta di nome e cognome e......nessuna vergogna.

mecca domenico
-----------
-----------

Maschio Numero di messaggi : 1793
Età : 75
Località : Avigliano (PZ)
Occupazione/Hobby : fai da te di tutto di più
SCALA DI DAWKINS :
L'ateismo e la sindrome d'accerchiamento - Pagina 2 Left_bar_bleue0 / 700 / 70L'ateismo e la sindrome d'accerchiamento - Pagina 2 Right_bar_bleue

Data d'iscrizione : 31.05.09

Torna in alto Andare in basso

L'ateismo e la sindrome d'accerchiamento - Pagina 2 Empty Re: L'ateismo e la sindrome d'accerchiamento

Messaggio Da Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Torna in alto Andare in basso

Pagina 2 di 2 Precedente  1, 2

Torna in alto

- Argomenti simili

 
Permessi in questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum.