Atei Italiani
Vuoi reagire a questo messaggio? Crea un account in pochi click o accedi per continuare.

From " A tale of two Cities" by Charles Dickens

3 partecipanti

Andare in basso

From " A tale of two Cities" by Charles Dickens Empty From " A tale of two Cities" by Charles Dickens

Messaggio Da marisella Mer 13 Set 2017 - 11:51

Cap I.

Era il tempo migliore e il peggiore, l'epoca della saggezza e della follia, della fede e dell'incredulità, la stagione della luce e delle tenebre, la primavera della speranza e l'inverno della disperazione. Avevamo tutto e nulla dinanzi a noi: pareva che ci si aprisse ora dinanzi il cielo, ora l'inferno: insomma, i tempi erano tanto simili ai nostri, che alcuni degli esponenti più in vista sostenevano come non se ne potesse parlare - tanto in bene quanto in male -se non al superlativo...
marisella
marisella
---------------------
---------------------

Maschio Numero di messaggi : 2493
Età : 42
Località : sasso marconi
Occupazione/Hobby : musica
SCALA DI DAWKINS :
From " A tale of two Cities" by Charles Dickens Left_bar_bleue70 / 7070 / 70From " A tale of two Cities" by Charles Dickens Right_bar_bleue

Data d'iscrizione : 24.05.16

Torna in alto Andare in basso

From " A tale of two Cities" by Charles Dickens Empty Re: From " A tale of two Cities" by Charles Dickens

Messaggio Da Rasputin Mer 13 Set 2017 - 12:19

marisella ha scritto:Cap I.

Era il tempo migliore e il peggiore, l'epoca della saggezza e della follia, della fede e dell'incredulità, la stagione della luce e delle tenebre, la primavera della speranza e l'inverno della disperazione. Avevamo tutto e nulla dinanzi a noi: pareva che ci si aprisse ora dinanzi il cielo, ora l'inferno: insomma, i tempi erano tanto simili ai nostri, che alcuni degli esponenti più in vista sostenevano come non se ne potesse parlare - tanto in bene quanto in male -se non al superlativo...

Nella prima riga l'enumerazione è articolata in maniera speculare immagino mgreen

_________________
You think normal people just wake up one morning and decide they're going to work in a prison? They're perverts, every last one of them. (Vanessa)

From " A tale of two Cities" by Charles Dickens Merini10- From " A tale of two Cities" by Charles Dickens Rusp_c10

Rasputin
Rasputin
..............
..............

Maschio Numero di messaggi : 59303
Età : 62
Località : Augusta vindelicorum
Occupazione/Hobby : On the run
SCALA DI DAWKINS :
From " A tale of two Cities" by Charles Dickens Left_bar_bleue70 / 7070 / 70From " A tale of two Cities" by Charles Dickens Right_bar_bleue

Data d'iscrizione : 28.10.09

Torna in alto Andare in basso

From " A tale of two Cities" by Charles Dickens Empty Re: From " A tale of two Cities" by Charles Dickens

Messaggio Da marisella Mer 13 Set 2017 - 13:07

Rasputin ha scritto:
marisella ha scritto:Cap I.

Era il tempo migliore e il peggiore, l'epoca della saggezza e della follia, della fede e dell'incredulità, la stagione della luce e delle tenebre, la primavera della speranza e l'inverno della disperazione. Avevamo tutto e nulla dinanzi a noi: pareva che ci si aprisse ora dinanzi il cielo, ora l'inferno: insomma, i tempi erano tanto simili ai nostri, che alcuni degli esponenti più in vista sostenevano come non se ne potesse parlare - tanto in bene quanto in male -se non al superlativo...

Nella prima riga l'enumerazione è articolata in maniera speculare immagino mgreen
Sì certo, è il contrasto tra la luce e le tenebre che esiste in tutta la letteratura a cominciare dalla Bibbia. Ricordiamo nel brano bellissimo di Isaia 60 che si legge nella nostra liturgia nel giorno dell'Epifania:

Alzati, rivestiti di luce ( qui in ebraico è scritto orì che andrebbe tradotto con sii luce, perchè la luce deve risplendere dal di dentro), perchè viene la tua luce,
la gloria del Signore brilla sopra di te.
Poichè, ecco, le tenebre ricoprono la terra,
nebbia fitta avvolge le nazioni;
ma su di te risplende il Signore,
la sua gloria appare su di te.

Poi tutti ricordiamo Shakespeare" Nell'inverno del nostro scontento" fatta estate gloriosa  da questa schiatta di figli di York, Steinbeck intitolò così uno dei suoi libri, non tra i migliori.

Obama usò questo contrasto per il suo discorso d'insediamento, disse:

America. Di fronte ai nostri pericoli comuni, in questo inverno dei nostri stenti, ricordiamo queste parole senza tempo. Con speranza e virtù, affrontiamo con coraggio le correnti ghiacciate, e sopportiamo quel che le tempeste ci porteranno. Facciamo sì che i figli dei nostri figli dicano che quando siamo stati messi alla prova non abbiamo permesso che questo viaggio finisse, che non abbiamo voltato le spalle e non siamo caduti. E con gli occhi fissi all'orizzonte e la grazia di Dio su di noi, abbiamo portato avanti il grande dono della libertà e l'abbiamo consegnato intatto alle generazioni future.
marisella
marisella
---------------------
---------------------

Maschio Numero di messaggi : 2493
Età : 42
Località : sasso marconi
Occupazione/Hobby : musica
SCALA DI DAWKINS :
From " A tale of two Cities" by Charles Dickens Left_bar_bleue70 / 7070 / 70From " A tale of two Cities" by Charles Dickens Right_bar_bleue

Data d'iscrizione : 24.05.16

Torna in alto Andare in basso

From " A tale of two Cities" by Charles Dickens Empty Re: From " A tale of two Cities" by Charles Dickens

Messaggio Da Rasputin Mer 13 Set 2017 - 13:12

marisella ha scritto:
Rasputin ha scritto:
marisella ha scritto:Cap I.

Era il tempo migliore e il peggiore, l'epoca della saggezza e della follia, della fede e dell'incredulità, la stagione della luce e delle tenebre, la primavera della speranza e l'inverno della disperazione. Avevamo tutto e nulla dinanzi a noi: pareva che ci si aprisse ora dinanzi il cielo, ora l'inferno: insomma, i tempi erano tanto simili ai nostri, che alcuni degli esponenti più in vista sostenevano come non se ne potesse parlare - tanto in bene quanto in male -se non al superlativo...

Nella prima riga l'enumerazione è articolata in maniera speculare immagino mgreen
Sì certo, è il contrasto tra la luce e le tenebre che esiste in tutta la letteratura a cominciare dalla Bibbia. Ricordiamo nel brano bellissimo di Isaia 60 che si legge nella nostra liturgia nel giorno dell'Epifania:

Alzati, rivestiti di luce ( qui in ebraico è scritto orì che andrebbe tradotto con sii luce, perchè la luce deve risplendere dal di dentro), perchè viene la tua luce,
la gloria del Signore brilla sopra di te.
Poichè, ecco, le tenebre ricoprono la terra,
nebbia fitta avvolge le nazioni;
ma su di te risplende il Signore,
la sua gloria appare su di te.

Poi tutti ricordiamo Shakespeare" Nell'inverno del nostro scontento" fatta estate gloriosa  da questa schiatta di figli di York, Steinbeck intitolò così uno dei suoi libri, non tra i migliori.

Obama usò questo contrasto per il suo discorso d'insediamento, disse:

America. Di fronte ai nostri pericoli comuni, in questo inverno dei nostri stenti, ricordiamo queste parole senza tempo. Con speranza e virtù, affrontiamo con coraggio le correnti ghiacciate, e sopportiamo quel che le tempeste ci porteranno. Facciamo sì che i figli dei nostri figli dicano che quando siamo stati messi alla prova non abbiamo permesso che questo viaggio finisse, che non abbiamo voltato le spalle e non siamo caduti. E con gli occhi fissi all'orizzonte e la grazia di Dio su di noi, abbiamo portato avanti il grande dono della libertà e l'abbiamo consegnato intatto alle generazioni future.

Ma a queste putttanate proprio non sai rinunciare eh wall2

Come se a Obama fosse fottuto qualcosa della grazia, quello come tutti i politici voleva solo consensi, e siccome la maggioranza consiste di ritardati vi si è rivolto, tutto qui

_________________
You think normal people just wake up one morning and decide they're going to work in a prison? They're perverts, every last one of them. (Vanessa)

From " A tale of two Cities" by Charles Dickens Merini10- From " A tale of two Cities" by Charles Dickens Rusp_c10

Rasputin
Rasputin
..............
..............

Maschio Numero di messaggi : 59303
Età : 62
Località : Augusta vindelicorum
Occupazione/Hobby : On the run
SCALA DI DAWKINS :
From " A tale of two Cities" by Charles Dickens Left_bar_bleue70 / 7070 / 70From " A tale of two Cities" by Charles Dickens Right_bar_bleue

Data d'iscrizione : 28.10.09

Torna in alto Andare in basso

From " A tale of two Cities" by Charles Dickens Empty Re: From " A tale of two Cities" by Charles Dickens

Messaggio Da Minsky Mer 13 Set 2017 - 14:39

marisella ha scritto:

Obama usò questo contrasto per il suo discorso d'insediamento, disse:

America. Di fronte ai nostri pericoli comuni, in questo inverno dei nostri stenti, ricordiamo queste parole senza tempo. Con speranza e virtù, affrontiamo con coraggio le correnti ghiacciate, e sopportiamo quel che le tempeste ci porteranno. Facciamo sì che i figli dei nostri figli dicano che quando siamo stati messi alla prova non abbiamo permesso che questo viaggio finisse, che non abbiamo voltato le spalle e non siamo caduti. E con gli occhi fissi all'orizzonte e la grazia di Dio su di noi, abbiamo portato avanti il grande dono della libertà e l'abbiamo consegnato intatto alle generazioni future.
Retorica da vomito. vomito

Poi abbiamo visto cos'ha combinato, quello abbronzato.

_________________
Dai un pesce ad un uomo
e mangerà per un giorno.
Insegna ad un uomo a pescare
e mangerà per tutta la vita.
Dai la religione ad un uomo
e morirà pregando per un pesce.
Minsky
Minsky
--------------
--------------

Maschio Numero di messaggi : 25801
Età : 68
Località : Codroipo
Occupazione/Hobby : ateo guerriero
SCALA DI DAWKINS :
From " A tale of two Cities" by Charles Dickens Left_bar_bleue70 / 7070 / 70From " A tale of two Cities" by Charles Dickens Right_bar_bleue

Data d'iscrizione : 06.10.11

Torna in alto Andare in basso

From " A tale of two Cities" by Charles Dickens Empty Re: From " A tale of two Cities" by Charles Dickens

Messaggio Da Minsky Mer 13 Set 2017 - 14:51

Rasputin ha scritto:

Ma a queste putttanate proprio non sai rinunciare eh wall2

From " A tale of two Cities" by Charles Dickens Parli10

_________________
Dai un pesce ad un uomo
e mangerà per un giorno.
Insegna ad un uomo a pescare
e mangerà per tutta la vita.
Dai la religione ad un uomo
e morirà pregando per un pesce.
Minsky
Minsky
--------------
--------------

Maschio Numero di messaggi : 25801
Età : 68
Località : Codroipo
Occupazione/Hobby : ateo guerriero
SCALA DI DAWKINS :
From " A tale of two Cities" by Charles Dickens Left_bar_bleue70 / 7070 / 70From " A tale of two Cities" by Charles Dickens Right_bar_bleue

Data d'iscrizione : 06.10.11

Torna in alto Andare in basso

From " A tale of two Cities" by Charles Dickens Empty Re: From " A tale of two Cities" by Charles Dickens

Messaggio Da Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Torna in alto Andare in basso

Torna in alto

- Argomenti simili

 
Permessi in questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum.