Atei Italiani
Vuoi reagire a questo messaggio? Crea un account in pochi click o accedi per continuare.

Riflessioni Esistenzialiste

+18
AteoCorporation
*Valerio*
oddvod56
Werewolf
Giampy
Nizam al-Mulk
Borghese_Nero
marduk
Rasputin
Paolo
SergioAD
loonar
Cosworth117
teto
matem
alberto
chef75
Kierkegaard
22 partecipanti

Pagina 2 di 2 Precedente  1, 2

Andare in basso

Riflessioni Esistenzialiste - Pagina 2 Empty Re: Riflessioni Esistenzialiste

Messaggio Da chef75 Mar 27 Set 2011 - 0:41

Rasputin ha scritto:A me pare uno dei tanti lanciaisassoenascondilbraccio

Io dico che è l'ultimo cacciato Riflessioni Esistenzialiste - Pagina 2 315697

_________________
Quando la maggior parte di una società è stupida allora la prevalenza del cretino diventa dominante e inguaribile.
Carlo M. Cipolla

E>en
chef75
chef75
------------
------------

Maschio Numero di messaggi : 7878
Età : 47
Località : una cucina
Occupazione/Hobby : Casalinghe italiane.
SCALA DI DAWKINS :
Riflessioni Esistenzialiste - Pagina 2 Left_bar_bleue70 / 7070 / 70Riflessioni Esistenzialiste - Pagina 2 Right_bar_bleue

Data d'iscrizione : 12.11.09

Torna in alto Andare in basso

Riflessioni Esistenzialiste - Pagina 2 Empty Re: Riflessioni Esistenzialiste

Messaggio Da Feynman Mar 27 Set 2011 - 0:45

Mi pare proprio una "toccata e fuga".
Kirk dixit et fugit. mgreen

_________________
"Dio non gioca a dadi" Albert Einstein
"Dio non solo gioca a dadi, ma li lancia dove non possiamo vedere" Richard Feynman

Dialogo tra un Cristiano ed un Pagano Norreno
Cristiano "Il Signore Iddio è onnipotente, fratello pagano"
Pagano "Thor è più potente del tuo dio, Cristiano"
Cristiano "Davvero? Credo che tu sia in errore"
Pagano "Considera questo: Il mio dio Thor è possente nerboruto ed ha un martello...
Il tuo, invece è inchiodato ad una croce. Ne vogliamo discutere?"
Feynman
Feynman
-----------
-----------

Maschio Numero di messaggi : 951
Età : 47
Località : Settore galattico ZZ9 Plurale Z Alfa
Occupazione/Hobby : Musicante
SCALA DI DAWKINS :
Riflessioni Esistenzialiste - Pagina 2 Left_bar_bleue70 / 7070 / 70Riflessioni Esistenzialiste - Pagina 2 Right_bar_bleue

Data d'iscrizione : 30.09.10

Torna in alto Andare in basso

Riflessioni Esistenzialiste - Pagina 2 Empty Re: Riflessioni Esistenzialiste

Messaggio Da Kierkegaard Mar 27 Set 2011 - 2:59

Salve.

Mi piace molto raccontare la mia storia. Non mi importa che ci crediate, del resto (se mi è concessa una innocua provocazione) non sarebbe la prima cosa a cui non credete.

Era plausibile ricevere critiche come "un copione da circo" etc etc.
Per questo motivo ho precisato che non ho usato a una e-mail personale per questo forum.

Non l'ho fatto perché circa sei mesi fa ho scoperto che tramite i forum gli amministratori caricavano di pubblicità il mio indirizzo di posta. Non credo lo facessero nemmeno apposta, ma semplicemente, per ovvi motivi, immaginerete che non sono partito col presupposto di frequentare assiduamente questo forum.

Potevo omettere la mia storia. Ne prendo atto.
La mia storia è melodrammatica: ne prendo atto ma non ho chiesto io di vivere con persone sia atee che (dal mio punto di vista) non molto propense alla "carità".
Magari posso dare l'idea di una persona che vuole apparire un martire e sapete che vi dico? Io sono quel genere di persona, e ne vado fiero.
In questo momento della mia vita, mi sento a posto con la coscienza.
Purtroppo ho sbagliato, forse era più opportuno servirvi le domande incalzanti (non ho visto ancora risposte, ma forse mi sono sfuggite) senza cercare di farvi capire il MOTIVO che mi hanno portato a farmi delle domande.
Vi interessa il motivo? Lo sapete.
Non vi interessa il motivo? Rispondete, cortesamente in maniera civile.
Non vi interessa la mia storia e le mie domande? Non leggete, così non commenterete.

Non mi sembra di aver affermato che tutti gli atei non siano caritatevoli.
Semplicemente, che Gesù Cristo insegna la carità e tutti i veri credenti del Cristo reprimono il proprio ego per la Carità.

Ci sono atei che hanno aiutato il prossimo cosiccome ci sono (presunti) cristiani che non l'hanno fatto. Nemmeno mi azzardo a trarne le stime statistiche, mi sembrano ragionamenti pacifici e del tutto assodati.

Mi dispiace se ho dato l'impressione di voler affermare che tutti gli atei non paghino le tasse o che siano tutti dei drogati e che (ma qui c'è da aprire una parentesi, e l'ho aperta) siano tutti degli amorali...o che vogliano l'Ateismo di Stato etc etc etc.
E, riguardo alla parentesi, vi giro una domanda: Perché avere una moralità se l'unico capo d'imputazione dei proprio interessi è il proprio ego? Perché vi fa stare bene? O è forse la cosiddetta (se c'è un economista mi corregga) prospettiva del grande periodo che giustifica l'applicazione reale del Dilemma del Prigioniero.

Beh, vi do una informazione: per voi non dovrebbe esistere il lungo periodo. Voi morite, poi cosa? Quindi, perché continuate a cooperare col prossimo anche quando, nel breve periodo, non vi conviene?
Perché uomini potentissimi che potrebbero davvero compiere disastri per vivere la loro (breve) vita rimanente come un vero Dio in Terra, non lo fanno? E se lo fanno, prendete atto che lo fanno.

Secondo me, mia personale interpretazione, o vi (voi generico...parlo degli atei come parlo dei potenti...ma della società in generale) siete conformati ad una società cristiano-marxista (e per favore non offendetemi i cattocomunisti e Rosi Bindi), e quindi dogmatica, oppure avete paura di venire puniti-sanzionati.

E fosse, dico fosse, la seconda ipotesi...vi sentite o non vi sentite degli schiavi di un padrone (anche sotto forma di Stato Democratico come rappresentanza di maggioranza, e quindi società cristiano-marxista) che, presumendosi più intelligente di voi, vi ha imposto le sue regole che voi accettate per paura della sanzione?

Sintetizzando, e non sono bravo: "Se sei cristiano vai in strada, spogliati nudo e dona tutti i tuoi averi. Se non lo sei (inteso, se non credi) vai in strada con un mitra e spara ai passanti e derubali."

Questo è un paradosso potente.

Ritornando alle domande iniziali:

Secondo voi, il problema è insito nel credere in qualcosa che potrebbe non esistere che annebbia la mente con dei dogmi (qualunque essi siano, attenzione), oppure è la presunzione di credere di poter conoscere ciò che è e che non è, e quindi applicare delle soluzioni presumibilmente ottimali (nello specifico, leggi, sanzioni)?
Ovviamente, presunzione che dal mio punto di vista è propria di tutti gli individui arroganti (inteso come persona che si arroga il diritto di sapere), dal prete saccenti all'utente di questo forum che, posto in una condizione tra il credere e non credere alla mia storia, preferisce non credere pur non avendo prove oggettive per smentirla -per così dire- scientificamente.

Per questo ho scelto di vivere secondo il relativismo cristiano.
Non esistono Dogmi, e questo non è un Dogma.


Comunque vi chiedo di portare pazienza e non portare rancore.
Trovo il tempo quando posso, ed in fin dei conti io penso di esservi amico. Mi piacerebbe trovare degli atei che accettino il diverso nella maniera in cui i (veri) cristiani hanno imparato a farlo.

P.S. Io sono, paradosslamente, un diavolo tentatore che rifugge la logica e sprofonda nell'esistenzialismo. Io voglio che la gente pensi. Non che la gente creda. Non voglio convertire nessuno. Nel mio credo (che è anche la mia religione, dove però io preferisco chiamare religione un comportamento sociale, da cui appunto l'inserirne l'ateismo tra le categorie; mentre il mio credo è letteralmente ciò in cui io credo...che non è quello ciò cui credono i cattolici, né i luterani etc etc, ma siamo tutti benomale socialmente cristiani) convertire il prossimo non serve a nulla.
Dio non mi ricompenserà se io vi converto. Io posso regalarvi un Vangelo (anche un link ad un sito internet andrebbe bene) e dirvi: "Ecco, questo è Tutto. A voi la scelta."
Fatto questo -e non lo faccio ché sono sicuro che se voi voleste un Vangelo lo rimediate come e quando volete- io sono a posto col mio Dio e con la mia coscienza.
Io credo di andare in Paradiso. Io non posso né dire né immaginare che sorte capiterà a voi.
Tutto qui, fratelli tutti, contenti tutti.
A voi la scelta.

Kierkegaard

Numero di messaggi : 3
SCALA DI DAWKINS :
Riflessioni Esistenzialiste - Pagina 2 Left_bar_bleue0 / 700 / 70Riflessioni Esistenzialiste - Pagina 2 Right_bar_bleue

Data d'iscrizione : 25.09.11

Torna in alto Andare in basso

Riflessioni Esistenzialiste - Pagina 2 Empty Re: Riflessioni Esistenzialiste

Messaggio Da Kierkegaard Mar 27 Set 2011 - 3:14

Mi prendo anche la briga di rispondere a questa simpatica scenetta evocata dall'utente Feyman.

Dialogo tra una Cristiana ed una Pagana Norrena
Pagana "Thor è sexy."
Cristiana "Gesù Cristo è più sexy, sorella pagana"
Pagano "Davvero? Credo che tu sia in errore"
Cristiana "Considera questo: Il tempo che Thor ha aspettato prima che qualcuno si degnasse a scriturarlo in un film serio, Gesù Cristo ha posato innumerevli volte per i più grandi pittori europei di tutti i tempi, con solo un lenzuolo addosso. Ne vogliamo discutere, o passiamo all'Home Video?

Con questo voglio solo tentare di dimostrarvi come una mente aperta al relativismo cristiano ha imparato a sfruttare la "forza bruta" dell'avversario senza ricorrere allo sdegno dei bigotti. L'umorismo fa parte dei valori cristiani, laddove sia sempre finalizato ad una morale cristiana.

L'insegnamento morale (non religioso) che ho cercato di comunicare col mio umorismo è che anche se viviamo in un mondo in cui si esalta la Forza e la Fisicità, la Bellezza e l'Arte rimangono socialmente attività più nobili del semplice "spaccarsi i muscoli in palestra".

Ps: Non c'entra niente e non credo apprezzerete ma ho cercato a più riprese (fisico permettendo) di imparare l'Ai Ki Do e questa filosofia "marziale" (che di marziale ha ben poco) giapponese mi ha aiutato molto nel mio cammino cristiano.

Kierkegaard

Numero di messaggi : 3
SCALA DI DAWKINS :
Riflessioni Esistenzialiste - Pagina 2 Left_bar_bleue0 / 700 / 70Riflessioni Esistenzialiste - Pagina 2 Right_bar_bleue

Data d'iscrizione : 25.09.11

Torna in alto Andare in basso

Riflessioni Esistenzialiste - Pagina 2 Empty Re: Riflessioni Esistenzialiste

Messaggio Da chef75 Mar 27 Set 2011 - 4:03

Kierkegaard ha scritto: "Ecco, questo è Tutto. A voi la scelta."
Fatto questo -e non lo faccio ché sono sicuro che se voi voleste un Vangelo lo rimediate come e quando volete- io sono a posto col mio Dio e con la mia coscienza.

Io credo di andare in Paradiso. Io non posso né dire né immaginare che sorte capiterà a voi.
Riflessioni Esistenzialiste - Pagina 2 967287 Riflessioni Esistenzialiste - Pagina 2 512500
Guarda,te lo ridico,dio non esiste e manco gesu quindi è inutile farsi troppe seghe mentali a riguardo,mi dispiace ke i due ti abbiano condizionato.
I Vangeli li ho e li ho letti un paio di volte,avevo trovato anche alcune discrepanze tra i quattro QUI,per me è un libro ridicolo,noioso,ripetitivo,senza senso e non mi ha condizionato (chissà perche)
Ecco,a dire la verità(senza offesa ma x esempio) voi credenti cosi convinti mi fate venire un pò in mente quegli epidosi di ragazzi che si creano un amico immaginario,ci giocano lo vedono ci parlano,ma la realta è diversa.
Nel 95 ho conosciuto una tipa di 24 anni (all'epoca) che mi ha raccontato quando era ragazzina, intorno ai 16/17 ha iniziato a vedersi (immaginarsi) un budello che gli usciva dalla pancia allora ha cominciato a tirarlo per toglierlo,e tirava tirava, ma questo continuava a uscire,,per fartela breve è stata mesi se non anni a immaginarsi di tirare fuori un budello..tira tira tira..poi ha smesso,non ricordo se il perche me lo ha raccontato..(forse è rientrata in se)
Ritornando in tema,non ti preoccupare per la nostra sorte,grazie del pensiero...immagino le chiaccherate con dio,e cosa vi direte ridacchiando ambedue:



kie: sai ,una sera quando ero ancora sulla terra ho mandato due messaggi sul forum atei italiani,ho voluto farmi due risate....

dio: si lo so!

_________________
Quando la maggior parte di una società è stupida allora la prevalenza del cretino diventa dominante e inguaribile.
Carlo M. Cipolla

E>en
chef75
chef75
------------
------------

Maschio Numero di messaggi : 7878
Età : 47
Località : una cucina
Occupazione/Hobby : Casalinghe italiane.
SCALA DI DAWKINS :
Riflessioni Esistenzialiste - Pagina 2 Left_bar_bleue70 / 7070 / 70Riflessioni Esistenzialiste - Pagina 2 Right_bar_bleue

Data d'iscrizione : 12.11.09

Torna in alto Andare in basso

Riflessioni Esistenzialiste - Pagina 2 Empty Re: Riflessioni Esistenzialiste

Messaggio Da Paolo Mar 27 Set 2011 - 6:16

Kier, come ti ho subito detto tu hai esordito con un racconto del tutto inventato solo per pensare di far (un penoso) colpo. La mia opinione non cambia, e con un inizio cosi' ti sei gia' qualificato per quello che sei. Visto che siamo su di un forum e la logica e' scrivere, mi limito a una sola osservazione a quella sbrodolata che hai scritto. Da quello che hai esposto si capisce che oltre che non capire nulla di cosa sia l'animo umano, non conosci neanche lontanamente cosa sia la morale o fare del bene !!
Kir:
E, riguardo alla parentesi, vi giro una domanda: Perché avere una moralità se l'unico capo d'imputazione dei proprio interessi è il proprio ego? Perché vi fa stare bene? O è forse la cosiddetta (se c'è un economista mi corregga) prospettiva del grande periodo che giustifica l'applicazione reale del Dilemma del Prigioniero.
Beh, vi do una informazione: per voi non dovrebbe esistere il lungo periodo. Voi morite, poi cosa? Quindi, perché continuate a cooperare col prossimo anche quando, nel breve periodo, non vi conviene?


La fondamentale differenza fondamentale e' che io mi comporto bene e seguo la morale solo ed esclusivamente perche' credo in quello che faccio, perche' me lo sento, e non perche' mi aspetto una ricompensa od ho paura di una punizione!! A me di morire, tanto piu' di andare all'inferno ( ahahahahahah mgreen inferno!!) non me ne frega un cazzo. Io so di aver fatto delle belle cose e di aver aiutato tante persone, particolarmente dei bambini, senza aver nessun tornaconto. E l'ho fatto e lo rifarei anche se questo dovesse dire che andro' all'inferno. E cosi' vivo e mi comporto nella vita. Non uso certo il mitra per starda!!!

Non so se sai cosa sia la dignita' umana. Io ho rispetto, prima di TUTTI gli altri, e poi anche di me stesso. Ho il coraggio delle mie azioni e se faccio qualcosa e' perche' ci credo, non perche' mi hanno detto che si deve far cosi'. Non mi serve uno che si veste da donna con la gonna lunga, nera bianca o rossa che sia, che mi dice cosa devo e cosa non devo fare. E trovo penose le minacce che fanno a chi non fa quello che dicono loro. Ma prima si guardino in casa, e ripuliscano le loro porcherie. Poi forse potranno avere la dignita' di poter dire qualcosa. Penosi!!

Caro kir, non so chi tu realmente sia, ma una cosa e' certa.....ci ritroveremo tutt'e due all' inferno!! ahahahahahah ahahahahahah devil2
Paolo
Paolo
--------------
--------------

Maschio Numero di messaggi : 9182
Età : 67
Località : Brescia
SCALA DI DAWKINS :
Riflessioni Esistenzialiste - Pagina 2 Left_bar_bleue70 / 7070 / 70Riflessioni Esistenzialiste - Pagina 2 Right_bar_bleue

Data d'iscrizione : 14.03.10

Torna in alto Andare in basso

Riflessioni Esistenzialiste - Pagina 2 Empty Re: Riflessioni Esistenzialiste

Messaggio Da Nizam al-Mulk Mar 27 Set 2011 - 8:55

Kierkegaard ha scritto:Salve.
Io credo di andare in Paradiso. Io non posso né dire né immaginare che sorte capiterà a voi.
Tutto qui, fratelli tutti, contenti tutti.
A voi la scelta.
Già, come se non sapessimo nulla delle favole cristiane...
Se credi di andare nel cosiddetto paradiso perchè l'hai letto in un libro, ti sconsiglio la lettura di Robinson Crusoe, potresti naufragare in un'isola deserta Riflessioni Esistenzialiste - Pagina 2 649521
Nizam al-Mulk
Nizam al-Mulk
-------------
-------------

Maschio Numero di messaggi : 162
Età : 33
SCALA DI DAWKINS :
Riflessioni Esistenzialiste - Pagina 2 Left_bar_bleue70 / 7070 / 70Riflessioni Esistenzialiste - Pagina 2 Right_bar_bleue

Data d'iscrizione : 22.05.11

Torna in alto Andare in basso

Riflessioni Esistenzialiste - Pagina 2 Empty Re: Riflessioni Esistenzialiste

Messaggio Da marduk Mar 27 Set 2011 - 9:18

Kierkegaard ha scritto:
Beh, vi do una informazione: per voi non dovrebbe esistere il lungo periodo. Voi morite, poi cosa? Quindi, perché continuate a cooperare col prossimo anche quando, nel breve periodo, non vi conviene?
Perché uomini potentissimi che potrebbero davvero compiere disastri per vivere la loro (breve) vita rimanente come un vero Dio in Terra, non lo fanno? E se lo fanno, prendete atto che lo fanno.
Secondo me, mia personale interpretazione, o vi (voi generico...parlo degli atei come parlo dei potenti...ma della società in generale) siete conformati ad una società cristiano-marxista (e per favore non offendetemi i cattocomunisti e Rosi Bindi), e quindi dogmatica, oppure avete paura di venire puniti-sanzionati.
Ragionamento del credente medio. Non c'è dio -> Tutto è permesso.
Solo una domanda: non ti è mai capitato di fare una buona azione senza aspettarti nulla in cambio? Ti giuro che è una sensazione bellissima, dovresti provarla.
Sai, ci sono persone per cui tale sensazione è al centro di ogni loro azione. Si chiama coscienza.

Kierkegaard ha scritto:
Secondo voi, il problema è insito nel credere in qualcosa che potrebbe non esistere che annebbia la mente con dei dogmi (qualunque essi siano, attenzione), oppure è la presunzione di credere di poter conoscere ciò che è e che non è, e quindi applicare delle soluzioni presumibilmente ottimali (nello specifico, leggi, sanzioni)?
Tutta la vita è scandita da credenze, ma credenze che nulla c'azzeccano con quelle religiose. Sono credenze dettate dalle nostre esperienze nella vita reale, non da un racconto di migliaia di anni fa (es. credo che il dottore mi curi bene, perchè l'ha fatto numerose altre volte). Il problema di fondo dei credenti è proprio quello di credere in qualcosa di cui non si ha alcuna esperienza nè conoscienza. Ma se fossero coerenti dovrebbero almeno bersi tutte le favole del mondo, invece, non si sa bene perchè, credono solo in quella di un dio assassino e genocida.

Kierkegaard ha scritto:
Presunzione che dal mio punto di vista è propria di tutti gli individui arroganti (inteso come persona che si arroga il diritto di sapere), dal prete saccenti all'utente di questo forum che, posto in una condizione tra il credere e non credere alla mia storia, preferisce non credere pur non avendo prove oggettive per smentirla -per così dire- scientificamente.
Ragionamento del credente medio. Se non si può provarne l'inesistenza, allora bisogna credere.
Ora senti qua: Lo sai che ogni sera torno a casa e vedo un mostro di spaghetti volante che mi prepara un sugosissimo piatto di spaghetti di una bontà infinita e io tutti i giorni lo prego perchè continui a farlo?
Se non ci credi, se tanto arrogante quanto noi, se invece ci credi... complimenti, perchè primo sei coerente con te stesso, secondo perchè è la verità!

Kierkegaard ha scritto:
Io voglio che la gente pensi. Non che la gente creda.
Ragionamento del credente medio. Bisogna pensare per convincersi che bisogna credere. Ci sei o ci fai?

Kierkegaard ha scritto:
Io credo di andare in Paradiso. Io non posso né dire né immaginare che sorte capiterà a voi.
Tutto qui, fratelli tutti, contenti tutti.
A voi la scelta.
Bene, credi pure al tuo mondo creato magnificamente da dio, pieno di bellezza, amore e paradiso, io, per quanto sia peggiore, preferisco di gran lunga la realtà.

marduk
------------
------------

Maschio Numero di messaggi : 12
SCALA DI DAWKINS :
Riflessioni Esistenzialiste - Pagina 2 Left_bar_bleue69 / 7069 / 70Riflessioni Esistenzialiste - Pagina 2 Right_bar_bleue

Data d'iscrizione : 20.09.11

Torna in alto Andare in basso

Riflessioni Esistenzialiste - Pagina 2 Empty Re: Riflessioni Esistenzialiste

Messaggio Da Rasputin Mar 27 Set 2011 - 9:31

Kierkegaard ha scritto: "Ecco, questo è Tutto. A voi la scelta."
Fatto questo -e non lo faccio ché sono sicuro che se voi voleste un Vangelo lo rimediate come e quando volete- io sono a posto col mio Dio e con la mia coscienza.

[b]Io credo di andare in Paradiso. Io non posso né dire né immaginare che sorte capiterà a voi.

Ma quando attraversi la strada guardi a sinistra e a destra, no?

_________________
Un sacco di gente prova gioia ad essere morta (Maude)

Riflessioni Esistenzialiste - Pagina 2 Merini10- Riflessioni Esistenzialiste - Pagina 2 Rusp_c10

Rasputin
Rasputin
..............
..............

Maschio Numero di messaggi : 59078
Età : 61
Località : Augusta vindelicorum
Occupazione/Hobby : Antinazismo non praticante, islamofobia, agnosticomachia, esecuzione capitale di ipocriti
SCALA DI DAWKINS :
Riflessioni Esistenzialiste - Pagina 2 Left_bar_bleue70 / 7070 / 70Riflessioni Esistenzialiste - Pagina 2 Right_bar_bleue

Data d'iscrizione : 28.10.09

Torna in alto Andare in basso

Riflessioni Esistenzialiste - Pagina 2 Empty Re: Riflessioni Esistenzialiste

Messaggio Da loonar Mar 27 Set 2011 - 9:33

Kierkegaard ha scritto:
Ci sono atei che hanno aiutato il prossimo cosiccome ci sono (presunti) cristiani che non l'hanno fatto. Nemmeno mi azzardo a trarne le stime statistiche, mi sembrano ragionamenti pacifici e del tutto assodati.
Da cui si deduce che la religione non aiuta affatto a cambiare in meglio il comportamento umano, così come tu invece deduci il contrario, quindi essendo la mia deduzione contro la tua, siamo pari e aspettiamo prove oggettive che avvalori una delle due tesi, per ora mi bastano le innumerevoli guerre di religioni per far pendere l'ago della bilancia verso una maggiore pericolosità della religione rispetto alla non credenza. Sta a te smentirmi con i fatti e non con le parole.
Kierkegaard ha scritto:Perché avere una moralità se l'unico capo d'imputazione dei proprio interessi è il proprio ego? Perché vi fa stare bene? O è forse la cosiddetta (se c'è un economista mi corregga) prospettiva del grande periodo che giustifica l'applicazione reale del Dilemma del Prigioniero.
"Se sei cristiano vai in strada, spogliati nudo e dona tutti i tuoi averi. Se non lo sei (inteso, se non credi) vai in strada con un mitra e spara ai passanti e derubali."
Questo è un paradosso potente.
L'uomo è un animale sociale, se coopera con altri uomini lo fa solo perchè gli conviene da un punto di vista naturale, cioè trasmettere i suoi geni e farli prosperare, fare terra bruciata attorno a sè non è la strategia ideale per dare un seguito al proprio DNA. Poi c'è chi non sottosta' agli imput istintivi e idealizzando troppo finisce con l'impazzire, comportandosi da animali asociali (capita anche in natura fra altri animali sociali come i leoni ad esempio) e cominciano a sparare attorno.
Kierkegaard ha scritto:Ritornando alle domande iniziali:

Secondo voi, il problema è insito nel credere in qualcosa che potrebbe non esistere che annebbia la mente con dei dogmi (qualunque essi siano, attenzione), oppure è la presunzione di credere di poter conoscere ciò che è e che non è, e quindi applicare delle soluzioni presumibilmente ottimali (nello specifico, leggi, sanzioni)?
Ovviamente, presunzione che dal mio punto di vista è propria di tutti gli individui arroganti (inteso come persona che si arroga il diritto di sapere), dal prete saccenti all'utente di questo forum che, posto in una condizione tra il credere e non credere alla mia storia, preferisce non credere pur non avendo prove oggettive per smentirla -per così dire- scientificamente.
Chi tra il credere e il non credere, sceglie la seconda eventualità, tutto mi sembra tranne che saccente o arrogante, a meno che per arrogante non intendi chi si arroga il diritto di avere delle prove consistente per credere a qualcosa prima di mettersi a sentenziare.
Non so tu, ma io fra un giudice che condanna senza un'evidenza, ma per ispirazione divina e uno che vuole una perizia documentata prima di sbatterti in galera, io preferisco il secondo.

loonar
----------
----------

Maschio Numero di messaggi : 17345
SCALA DI DAWKINS :
Riflessioni Esistenzialiste - Pagina 2 Left_bar_bleue70 / 7070 / 70Riflessioni Esistenzialiste - Pagina 2 Right_bar_bleue

Data d'iscrizione : 10.03.11

Torna in alto Andare in basso

Riflessioni Esistenzialiste - Pagina 2 Empty Re: Riflessioni Esistenzialiste

Messaggio Da Ospite Mar 27 Set 2011 - 9:40

Kierkegaard ha scritto:Dialogo tra una Cristiana ed una Pagana Norrena
Pagana "Thor è sexy."
Cristiana "Gesù Cristo è più sexy, sorella pagana"
Pagano "Davvero? Credo che tu sia in errore"
Cristiana "Considera questo: Il tempo che Thor ha aspettato prima che qualcuno si degnasse a scriturarlo in un film serio, Gesù Cristo ha posato innumerevli volte per i più grandi pittori europei di tutti i tempi, con solo un lenzuolo addosso. Ne vogliamo discutere, o passiamo all'Home Video?
Sempre più fake. Riflessioni Esistenzialiste - Pagina 2 166799

Ospite
Ospite


Torna in alto Andare in basso

Riflessioni Esistenzialiste - Pagina 2 Empty Re: Riflessioni Esistenzialiste

Messaggio Da loonar Mar 27 Set 2011 - 9:45

Fux89 ha scritto:
Kierkegaard ha scritto:Dialogo tra una Cristiana ed una Pagana Norrena
Pagana "Thor è sexy."
Cristiana "Gesù Cristo è più sexy, sorella pagana"
Pagano "Davvero? Credo che tu sia in errore"
Cristiana "Considera questo: Il tempo che Thor ha aspettato prima che qualcuno si degnasse a scriturarlo in un film serio, Gesù Cristo ha posato innumerevli volte per i più grandi pittori europei di tutti i tempi, con solo un lenzuolo addosso. Ne vogliamo discutere, o passiamo all'Home Video?
Sempre più fake. Riflessioni Esistenzialiste - Pagina 2 166799
Dimostra in maniera lampante l'inesistenza e inefficacia di una comicità cristiana.

loonar
----------
----------

Maschio Numero di messaggi : 17345
SCALA DI DAWKINS :
Riflessioni Esistenzialiste - Pagina 2 Left_bar_bleue70 / 7070 / 70Riflessioni Esistenzialiste - Pagina 2 Right_bar_bleue

Data d'iscrizione : 10.03.11

Torna in alto Andare in basso

Riflessioni Esistenzialiste - Pagina 2 Empty Re: Riflessioni Esistenzialiste

Messaggio Da Ospite Mar 27 Set 2011 - 9:49

Kierkegaard ha scritto:Sintetizzando, e non sono bravo: "Se sei cristiano vai in strada, spogliati nudo e dona tutti i tuoi averi. Se non lo sei (inteso, se non credi) vai in strada con un mitra e spara ai passanti e derubali."

Questo è un paradosso potente.
No, questa è una puttanata.
posto in una condizione tra il credere e non credere alla mia storia, preferisce non credere pur non avendo prove oggettive per smentirla -per così dire- scientificamente.
La logica, questa sconosciuta... Riflessioni Esistenzialiste - Pagina 2 977956
Io non posso né dire né immaginare che sorte capiterà a voi.
La stessa che capita a tutti dopo la morte:
Riflessioni Esistenzialiste - Pagina 2 Canstock4109823

Ospite
Ospite


Torna in alto Andare in basso

Riflessioni Esistenzialiste - Pagina 2 Empty Re: Riflessioni Esistenzialiste

Messaggio Da Feynman Mar 27 Set 2011 - 10:02

Darrow ha scritto:
Fux89 ha scritto:
Kierkegaard ha scritto:Dialogo tra una Cristiana ed una Pagana Norrena
Pagana "Thor è sexy."
Cristiana "Gesù Cristo è più sexy, sorella pagana"
Pagano "Davvero? Credo che tu sia in errore"
Cristiana "Considera questo: Il tempo che Thor ha aspettato prima che qualcuno si degnasse a scriturarlo in un film serio, Gesù Cristo ha posato innumerevli volte per i più grandi pittori europei di tutti i tempi, con solo un lenzuolo addosso. Ne vogliamo discutere, o passiamo all'Home Video?
Sempre più fake. Riflessioni Esistenzialiste - Pagina 2 166799
Dimostra in maniera lampante l'inesistenza e inef ficacia di una comicità cristiana.
Non saprei. I testi sacri dei cattolici sono paradossalmente comici, anche se non era quella l'intenzione originaria.

_________________
"Dio non gioca a dadi" Albert Einstein
"Dio non solo gioca a dadi, ma li lancia dove non possiamo vedere" Richard Feynman

Dialogo tra un Cristiano ed un Pagano Norreno
Cristiano "Il Signore Iddio è onnipotente, fratello pagano"
Pagano "Thor è più potente del tuo dio, Cristiano"
Cristiano "Davvero? Credo che tu sia in errore"
Pagano "Considera questo: Il mio dio Thor è possente nerboruto ed ha un martello...
Il tuo, invece è inchiodato ad una croce. Ne vogliamo discutere?"
Feynman
Feynman
-----------
-----------

Maschio Numero di messaggi : 951
Età : 47
Località : Settore galattico ZZ9 Plurale Z Alfa
Occupazione/Hobby : Musicante
SCALA DI DAWKINS :
Riflessioni Esistenzialiste - Pagina 2 Left_bar_bleue70 / 7070 / 70Riflessioni Esistenzialiste - Pagina 2 Right_bar_bleue

Data d'iscrizione : 30.09.10

Torna in alto Andare in basso

Riflessioni Esistenzialiste - Pagina 2 Empty Re: Riflessioni Esistenzialiste

Messaggio Da loonar Mar 27 Set 2011 - 10:19

Feynman ha scritto:
Darrow ha scritto:
Dimostra in maniera lampante l'inesistenza e inef ficacia di una comicità cristiana.
Non saprei. I testi sacri dei cattolici sono paradossalmente comici, anche se non era quella l'intenzione originaria.
C'è una bella differenza fra la comicità involontaria e quella voluta.

loonar
----------
----------

Maschio Numero di messaggi : 17345
SCALA DI DAWKINS :
Riflessioni Esistenzialiste - Pagina 2 Left_bar_bleue70 / 7070 / 70Riflessioni Esistenzialiste - Pagina 2 Right_bar_bleue

Data d'iscrizione : 10.03.11

Torna in alto Andare in basso

Riflessioni Esistenzialiste - Pagina 2 Empty Re: Riflessioni Esistenzialiste

Messaggio Da Feynman Mar 27 Set 2011 - 10:27

Darrow ha scritto:
Feynman ha scritto:
Darrow ha scritto:
Dimostra in maniera lampante l'inesistenza e inef ficacia di una comicità cristiana.
Non saprei. I testi sacri dei cattolici sono paradossalmente comici, anche se non era quella l'intenzione originaria.
C'è una bella differenza fra la comicità involontaria e quella voluta.
Concordo. La prima è nettamente superiore, a mio avviso, forse perchè spontanea.

_________________
"Dio non gioca a dadi" Albert Einstein
"Dio non solo gioca a dadi, ma li lancia dove non possiamo vedere" Richard Feynman

Dialogo tra un Cristiano ed un Pagano Norreno
Cristiano "Il Signore Iddio è onnipotente, fratello pagano"
Pagano "Thor è più potente del tuo dio, Cristiano"
Cristiano "Davvero? Credo che tu sia in errore"
Pagano "Considera questo: Il mio dio Thor è possente nerboruto ed ha un martello...
Il tuo, invece è inchiodato ad una croce. Ne vogliamo discutere?"
Feynman
Feynman
-----------
-----------

Maschio Numero di messaggi : 951
Età : 47
Località : Settore galattico ZZ9 Plurale Z Alfa
Occupazione/Hobby : Musicante
SCALA DI DAWKINS :
Riflessioni Esistenzialiste - Pagina 2 Left_bar_bleue70 / 7070 / 70Riflessioni Esistenzialiste - Pagina 2 Right_bar_bleue

Data d'iscrizione : 30.09.10

Torna in alto Andare in basso

Riflessioni Esistenzialiste - Pagina 2 Empty Re: Riflessioni Esistenzialiste

Messaggio Da Guin Mar 27 Set 2011 - 10:41

Dialogo tra una Cristiana ed una Pagana Norrena
Pagana "Thor è sexy."
Cristiana "Gesù Cristo è più sexy, sorella pagana"
Pagana "Davvero? Credo che tu sia in errore"
Cristiana "Considera questo: Il tempo che Thor ha aspettato prima che qualcuno si degnasse a scriturarlo in un film serio, Gesù Cristo ha posato innumerevli volte per i più grandi pittori europei di tutti i tempi, con solo un lenzuolo addosso. Ne vogliamo discutere, o passiamo all'Home Video?
Pagana "Conta che però che quelle opere sono state fatte dopo che i suoi ammiratori sono stati sottoposti al lavaggio del cervello per 2000 anni, la maggior parte dei quali sotto minaccia di morte e torture, Thor al contrario non ha costretto nessuno ad apprezzarlo, e alla fine lo hanno scritturato lo stesso. È più sexy uno che viene considerato tale per le sue doti, o uno che invece ha bisogno di ricorrere alla coercizione?"
Rolling Eyes


Ultima modifica di Loki il Mar 27 Set 2011 - 10:46 - modificato 1 volta.

_________________
Ogni volta che qualcuno dice "io non credo in dio" da qualche parte c'è una suora che cade morta stecchita.
Riflessioni Esistenzialiste - Pagina 2 Papata10
Guin
Guin
-----------
-----------

Maschio Numero di messaggi : 958
Località : Asgard
Occupazione/Hobby : Fancazzista
SCALA DI DAWKINS :
Riflessioni Esistenzialiste - Pagina 2 Left_bar_bleue60 / 7060 / 70Riflessioni Esistenzialiste - Pagina 2 Right_bar_bleue

Data d'iscrizione : 30.11.08

Torna in alto Andare in basso

Riflessioni Esistenzialiste - Pagina 2 Empty Re: Riflessioni Esistenzialiste

Messaggio Da Ospite Mar 27 Set 2011 - 10:44

Comunque, a proposito di cristianesimo e paganesimo norreno:
Riflessioni Esistenzialiste - Pagina 2 4441096341_f531b7e770

Riflessioni Esistenzialiste - Pagina 2 83697d1313440880-why-we-expected-respect-other-peoples-memes-odin-kills-ice-giants

Ospite
Ospite


Torna in alto Andare in basso

Riflessioni Esistenzialiste - Pagina 2 Empty Re: Riflessioni Esistenzialiste

Messaggio Da loonar Mar 27 Set 2011 - 10:53

lol!
Bellissima soprattutto la seconda!

loonar
----------
----------

Maschio Numero di messaggi : 17345
SCALA DI DAWKINS :
Riflessioni Esistenzialiste - Pagina 2 Left_bar_bleue70 / 7070 / 70Riflessioni Esistenzialiste - Pagina 2 Right_bar_bleue

Data d'iscrizione : 10.03.11

Torna in alto Andare in basso

Riflessioni Esistenzialiste - Pagina 2 Empty Re: Riflessioni Esistenzialiste

Messaggio Da Il Polpo Mar 27 Set 2011 - 18:03

Non credo che tu "rifugga la logica", come hai detto, altrimenti non saresti qui a dissertare, ancorché di morale. Dopo tutto, un minimo di logica intuitiva bisogna usarla -o abusarla- anche per fare retorica e proporre falsi dilemmi, ragionamenti circolari e altre fallacie assortite. Visto che ti intendi di filosofia e sicuramente avrai letto Aristotele, ecco l'unico modo che conosco per rifuggire la logica:
Riflessioni Esistenzialiste - Pagina 2 3509_eeg-death

Che non è certo un invito al suicidio, bada bene. Del resto, anche Schopenhauer, che in fatto di "tristezza" a Kierkegaard glie lo metteva lì, diceva che il suicidio è una cazzata.

E poi vabbè, non ho capito quali sarebbero le domande incalzanti, anche se sono sicuro di aver visto dei punti interrogativi qua e là (ma dal momento che non accetti la logica non avrai certo bisogno di risposte). Royales

_________________
I'd like to put something witty here. Really, I would. But I honestly can't think of anything fitting, so I suppose I'll just go with this.
Il Polpo
Il Polpo
------------
------------

Maschio Numero di messaggi : 49
Età : 32
Località : Provincia di Livorno
Occupazione/Hobby : Studente Universitario
SCALA DI DAWKINS :
Riflessioni Esistenzialiste - Pagina 2 Left_bar_bleue66 / 7066 / 70Riflessioni Esistenzialiste - Pagina 2 Right_bar_bleue

Data d'iscrizione : 22.09.11

Torna in alto Andare in basso

Riflessioni Esistenzialiste - Pagina 2 Empty Re: Riflessioni Esistenzialiste

Messaggio Da Multiverso Mar 27 Set 2011 - 19:17

Kierkegaard ha scritto:
Beh, vi do una informazione: per voi non dovrebbe esistere il lungo periodo. Voi morite, poi cosa? Quindi, perché continuate a cooperare col prossimo anche quando, nel breve periodo, non vi conviene?



Credo che in questo passaggio sia condensato il succo del ragionamento e le motivazioni che spingono un credente ad essere caritatevole. All'ateo non conviene essere buono nel senso più ampio del termine, in quanto dopo questa vita c'è il nulla, che abbiamo già sperimentato prima della nascita. Al credente conviene, al converso, fare del bene in quanto egli è convinto che dopo questa vita ce ne sia una migliore. Il credente, quindi, ogni buona azione che compie la compie in tale ottica, senza potersene mai svincolare, in quanto persuaso di essere costantemente monitorato e, un giorno, punito o premiato per le sua azioni. All'amico scrittore domando: agli occhi di un ipotetico Dio avrebbe più valore la buona azione dell'ateo, fatta secondo coscienza e senza alcuna aspettativa da do ut des, o quella del credente timorato e convinto di acquisire bonus celesti?




Kierkegaard ha scritto: E fosse, dico fosse, la seconda ipotesi...vi sentite o non vi sentite degli schiavi di un padrone (anche sotto forma di Stato Democratico come rappresentanza di maggioranza, e quindi società cristiano-marxista) che, presumendosi più intelligente di voi, vi ha imposto le sue regole che voi accettate per paura della sanzione?



Se al sostantivo padrone sostituisci Dio il ragionamento non fa una grinza.

Ritornando alle domande iniziali:

Kierkegaard ha scritto:
Secondo voi, il problema è insito nel credere in qualcosa che potrebbe non esistere che annebbia la mente con dei dogmi (qualunque essi siano, attenzione), oppure è la presunzione di credere di poter conoscere ciò che è e che non è, e quindi applicare delle soluzioni presumibilmente ottimali (nello specifico, leggi, sanzioni)?
Ovviamente, presunzione che dal mio punto di vista è propria di tutti gli individui arroganti (inteso come persona che si arroga il diritto di sapere), dal prete saccenti all'utente di questo forum che, posto in una condizione tra il credere e non credere alla mia storia, preferisce non credere pur non avendo prove oggettive per smentirla -per così dire- scientificamente.



Il problema è credere pervicacemente in qualcosa di indimostrabile, silenzioso e invisibile. Solo questo è il problema.

Kierkegaard ha scritto:
Per questo ho scelto di vivere secondo il relativismo cristiano.
Non esistono Dogmi, e questo non è un Dogma.



Bene, perchè non applichi il relativismo alla stessa esistenza di Dio e di suo figlio Gesù Cristo? Il relativismo cristiano in realtà si nutre di fede, quella certezza in Dio e nel suo ritorno glorioso che contraddice lo stesso concetto di relativismo, inteso come negazione di verità assolute.


Kierkegaard ha scritto:
P.S. Io sono, paradosslamente, un diavolo tentatore che rifugge la logica e sprofonda nell'esistenzialismo. Io voglio che la gente pensi. Non che la gente creda. Non voglio convertire nessuno. Nel mio credo (che è anche la mia religione, dove però io preferisco chiamare religione un comportamento sociale, da cui appunto l'inserirne l'ateismo tra le categorie; mentre il mio credo è letteralmente ciò in cui io credo...che non è quello ciò cui credono i cattolici, né i luterani etc etc, ma siamo tutti benomale socialmente cristiani) convertire il prossimo non serve a nulla.
Dio non mi ricompenserà se io vi converto. Io posso regalarvi un Vangelo (anche un link ad un sito internet andrebbe bene) e dirvi: "Ecco, questo è Tutto. A voi la scelta."
Fatto questo -e non lo faccio ché sono sicuro che se voi voleste un Vangelo lo rimediate come e quando volete- io sono a posto col mio Dio e con la mia coscienza.
Io credo di andare in Paradiso. Io non posso né dire né immaginare che sorte capiterà a voi.
Tutto qui, fratelli tutti, contenti tutti.
A voi la scelta.



Adesso formulo io una domanda a te: perchè credi in Dio e nella sua parola rivelata nel Vangelo? Su cosa fondi tale assoluta certezza?

_________________
Che sciocchi questi terrestri, pregano un dio che loro stessi hanno creato.
Ming lo Spietato, Flash Gordon
Multiverso
Multiverso
-----------
-----------

Maschio Numero di messaggi : 1413
SCALA DI DAWKINS :
Riflessioni Esistenzialiste - Pagina 2 Left_bar_bleue69 / 7069 / 70Riflessioni Esistenzialiste - Pagina 2 Right_bar_bleue

Data d'iscrizione : 15.11.08

Torna in alto Andare in basso

Riflessioni Esistenzialiste - Pagina 2 Empty Re: Riflessioni Esistenzialiste

Messaggio Da Werewolf Mar 27 Set 2011 - 19:23

Perché avere una moralità se l'unico capo d'imputazione dei proprio interessi è il proprio ego? Perché vi fa stare bene? O è forse la cosiddetta (se c'è un economista mi corregga) prospettiva del grande periodo che giustifica l'applicazione reale del Dilemma del Prigioniero.
Ma nessuno ti ha mai fatto veramente riflettere sul fatto che far stare gli altri bene ti fa stare bene? E per provare questa cosa non biosgna certo credere in Dio o in altre cavolate ancora più improbabili. Non c'è bisogno di essere sottomessi ad una civiltà cristiano-marxista o altro. Fare del bene al prossimo è anche e innanzitutto un atto egoistico, e ancora di più lo è nell'ottica cristiana. Si fa del bene perché fa stare bene che gli altri stiano bene, e voi cristiani lo fate anche e soprattutto non per un atto disinteressato di amore, ma perché così vi guadagnate il vostro posto in paradiso., che è un premio personale ed individuale. Quale ipocrisia venire a parlare di amore, se siete i primi a praticarlo per interesse! In ogni caso, come detto, anche presumendo che gli atei dovrebbero essere tutti dei malvagi egoisti, facendo del bene al prossimo rimarrebbero coerenti.


Quindi questa frase:
Sintetizzando, e non sono bravo: "Se sei cristiano vai in strada, spogliati nudo e dona tutti i tuoi averi. Se non lo sei (inteso, se non credi) vai in strada con un mitra e spara ai passanti e derubali."
è una cavolata, perché non descrive né il cristiano né tantomeno il non credente. Piccola parentesi, se i veri cristiani sono quelli che fanno l'amore in modo disnteressato, ti avverto subito che non esistono veri cristiani.
Secondo voi, il problema è insito nel credere in qualcosa che potrebbe non esistere che annebbia la mente con dei dogmi (qualunque essi siano, attenzione), oppure è la presunzione di credere di poter conoscere ciò che è e che non è, e quindi applicare delle soluzioni presumibilmente ottimali (nello specifico, leggi, sanzioni)?
Ovviamente, presunzione che dal mio punto di vista è propria di tutti gli individui arroganti (inteso come persona che si arroga il diritto di sapere), dal prete saccenti all'utente di questo forum che, posto in una condizione tra il credere e non credere alla mia storia, preferisce non credere pur non avendo prove oggettive per smentirla -per così dire- scientificamente.
Il problema è che in moltissimi casi sappiamo ciò che è e ciò che non è eppure contiua ad esserci gente che vuole legiferare in palese contraddizione con ciò che sappiamo(ti avverto subito che il relativismo gnoseologico assoluto è una posizione impraticabile). Quanto al credere o non credere alla tua storia, ci sono moltissimi motivi per ritenerla falsa(e non bisogna aver studiato critica letteraria per vederli), ed in ogni caso il discorso è sempre il solito: chi afferma deve portare le prove. Fino ad allora, la storia la si può utilizzare come base per una discussione, pour parler, ma non è necessariamente creduta vera. Idem vale per qualsiasi altra ipotesi priva di prove a suffragio.
P.S. Io sono, paradosslamente, un diavolo tentatore che rifugge la logica e sprofonda nell'esistenzialismo.
1-La logica non è qualcosa dal cui si possa rifuggire. Puoi essere più o meno razionale, ma non puoi essere illogico. In ogni caso, meno Kierkegaard e più Kant, credimi, è meglio(anche se Kierkegaard scrive meglio di Kant). Volendo, anche un po' di Cartesio non farebbe male.

Nel mio credo (che è anche la mia religione, dove però io preferisco chiamare religione un comportamento sociale, da cui appunto l'inserirne l'ateismo tra le categorie; mentre il mio credo è letteralmente ciò in cui io credo...che non è quello ciò cui credono i cattolici, né i luterani etc etc, ma siamo tutti benomale socialmente cristiani) convertire il prossimo non serve a nulla.
Dio non mi ricompenserà se io vi converto.
La religione non è un comportamento sociale. La religione è un insieme di credenze metafisiche(ergo il non credente, o ateo, non ha religione in quanto tale), più o meno sistematizzate e più o meno istituzionalizzate, non necessariamente condivise da un numero cospicuo di persone. Chiaramente, può, e normalmente lo fa, dare vita ad un certo comportamento sociale, ma non è la stessa cosa. Ah, socialmente, in base alla tua frase quotata qui sopra(Se sei cristiano ecc.), nessuno lo è. Nemmeno tu.

Quanto a
Dio non mi ricompenserà se io vi converto.
Evidentemente hai letto molto poco il vangelo o molto male. Gesù avrebbe detto:
Mt18 «Mi è stato dato ogni potere in cielo e in terra. 19 Andate dunque e ammaestrate tutte le nazioni, battezzandole nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito santo, 20 insegnando loro ad osservare tutto ciò che vi ho comandato. Ecco, io sono con voi tutti i giorni, fino alla fine del mondo».
Mc15 «Andate in tutto il mondo e predicate il vangelo ad ogni creatura. 16 Chi crederà e sarà battezzato sarà salvo, ma chi non crederà sarà condannato. 17 E questi saranno i segni che accompagneranno quelli che credono: nel mio nome scacceranno i demòni, parleranno lingue nuove, 18 prenderanno in mano i serpenti e, se berranno qualche veleno, non recherà loro danno, imporranno le mani ai malati e questi guariranno».
Quindi il proselitismo è un tuo dovere, sebbene sia ben felice che tu non lo ritenga tale.

Quanto al Paradiso, beh, credi a qualcosa di non molto diverso dei Campi Elisi greci. Immagino che però per te la religione greca sia fondamentalmente una gran cavolata, priva di verità. Ah, la coerenza!

_________________
La libertà è inafferrabile, ma non conosco altro per cui valga la pena di vivere.
-Avalon-

What a kind of life: Freedom in flesh,
shackles on your mind...

Avantasia

"You can have all the faith you want in spirits and the afterlife, and heaven and hell, but when it comes to this world, don't be an idiot. 'Cause you can tell me you put your faith in God to put you through the day, but when it comes time to cross the road, I know you look both ways."
House, M.D.

La vita è un diritto, non un dovere.
Werewolf
Werewolf
-------------
-------------

Maschio Numero di messaggi : 3347
Età : 33
Località : Vicenza
Occupazione/Hobby : Studente a vita.. c'è sempre da imparare no?
SCALA DI DAWKINS :
Riflessioni Esistenzialiste - Pagina 2 Left_bar_bleue68 / 7068 / 70Riflessioni Esistenzialiste - Pagina 2 Right_bar_bleue

Data d'iscrizione : 24.03.10

http://werewolf-wolfsden.blogspot.com/

Torna in alto Andare in basso

Riflessioni Esistenzialiste - Pagina 2 Empty Re: Riflessioni Esistenzialiste

Messaggio Da Rasputin Mar 27 Set 2011 - 19:49

Piano ragazzi se fate così quello a quest'ora vede già le indicazioni per Abu Dhabi (Mi ricorda qualcuno)

_________________
Un sacco di gente prova gioia ad essere morta (Maude)

Riflessioni Esistenzialiste - Pagina 2 Merini10- Riflessioni Esistenzialiste - Pagina 2 Rusp_c10

Rasputin
Rasputin
..............
..............

Maschio Numero di messaggi : 59078
Età : 61
Località : Augusta vindelicorum
Occupazione/Hobby : Antinazismo non praticante, islamofobia, agnosticomachia, esecuzione capitale di ipocriti
SCALA DI DAWKINS :
Riflessioni Esistenzialiste - Pagina 2 Left_bar_bleue70 / 7070 / 70Riflessioni Esistenzialiste - Pagina 2 Right_bar_bleue

Data d'iscrizione : 28.10.09

Torna in alto Andare in basso

Riflessioni Esistenzialiste - Pagina 2 Empty Re: Riflessioni Esistenzialiste

Messaggio Da Werewolf Mar 27 Set 2011 - 19:55

Rasputin ha scritto:Piano ragazzi se fate così quello a quest'ora vede già le indicazioni per Abu Dhabi (Mi ricorda qualcuno)
Ehi, sono stato buonissimo! Gli ho anche mandato una poesia! mgreen

_________________
La libertà è inafferrabile, ma non conosco altro per cui valga la pena di vivere.
-Avalon-

What a kind of life: Freedom in flesh,
shackles on your mind...

Avantasia

"You can have all the faith you want in spirits and the afterlife, and heaven and hell, but when it comes to this world, don't be an idiot. 'Cause you can tell me you put your faith in God to put you through the day, but when it comes time to cross the road, I know you look both ways."
House, M.D.

La vita è un diritto, non un dovere.
Werewolf
Werewolf
-------------
-------------

Maschio Numero di messaggi : 3347
Età : 33
Località : Vicenza
Occupazione/Hobby : Studente a vita.. c'è sempre da imparare no?
SCALA DI DAWKINS :
Riflessioni Esistenzialiste - Pagina 2 Left_bar_bleue68 / 7068 / 70Riflessioni Esistenzialiste - Pagina 2 Right_bar_bleue

Data d'iscrizione : 24.03.10

http://werewolf-wolfsden.blogspot.com/

Torna in alto Andare in basso

Riflessioni Esistenzialiste - Pagina 2 Empty Re: Riflessioni Esistenzialiste

Messaggio Da Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Torna in alto Andare in basso

Pagina 2 di 2 Precedente  1, 2

Torna in alto

- Argomenti simili

 
Permessi in questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum.