Atei Italiani
Vuoi reagire a questo messaggio? Crea un account in pochi click o accedi per continuare.

Finanza atea e Finanza religiosa

3 partecipanti

Andare in basso

Finanza atea e Finanza religiosa Empty Finanza atea e Finanza religiosa

Messaggio Da wendell p. bloyd Ven 2 Set 2011 - 17:27

In questo periodo di uccelli paduli finanziari ho trovato su FB un post interessante
di Carla Corsetti:


FINANZA RELIGIOSA e FINANZA ATEA
La finanza islamica ha connotazioni morali singolari, assai distanti dalla finanza cattolica.
Confrontiamo, ad esempio, due istituti ovvero lo IOR dello Stato del Vaticano e l'Islam Development Bank dell'Arabia Saudita.
Nell'Islam
Bank vige il principio secondo il quale non si possono avere rendite
che non siano correlate ad una attività reale perché la sharia le vieta.
Le
forme di guadagno quale conseguenza del prestito del denaro, se non
sono strettamente collegate a delle attività intese come strumenti di
produzione concreta, sono da considerare forme di usura e come tali,
vietate dal corano. Nello IOR del Vaticano, invece, i rendimenti netti
si aggirano attorno al 12%, non sono minimamente collegati ad attività
reali, anzi, non si sa nemmeno come sia possibile raggiungere simili
percentuali.
Nell'Islam Bank sono vietati gli investimenti verso produzioni di beni proibiti dal Corano come l'alcol o la carne di maiale.
Nello
IOR invece non c'è nessuna remora morale ed è sempre stata consuetudine
di quella banca accogliere denaro che proveniva da attività illecite.
Solo dal 2011 infatti è stata imposta allo IOR, dalla Comunità Europea, l'adozione di norme antiriciclaggio.
La finanza ebraica si muove, dal canto suo, sulla speculazione per la speculazione.
Guadagnare sul denaro prestato è la sua caratteristica secolare.
Per
comprendere con quali principi morali si muove la finanza ebraica, più
che fare riferimento a istituti bancari specifici, è grandemente
significativo il riferimento a personaggi come Mardoff, l'esempio più
rappresentativo della finanza ebraica, per anni definito “il prototipo
dell'onestà e della generosità religiosa”, salvo poi scoprirlo come il
responsabile di un crack finanziario immenso, autore di un sistema di
gestione banalmente truffaldino.
Morale religiosa e finanza sono un binomio incompatibile.
La finanza islamica è corresponsabile della povertà diffusa. La finanza cattolica è corresponsabile della diffusa corruzione.
La
finanza ebraica non conosce ostacoli per l'accaparramento del profitto,
passando indifferentemente dalle guerre al mercato immobiliare.
Se
osserviamo i sistemi finanziari dei Paesi nei quali la percentuale di
atei è di gran lunga superiore a quella dei credenti, come la Danimarca o
la Svezia, registriamo un accesso al credito responsabile e garantito,
un benessere diffuso, una ricchezza possibile per tutti.
In quei Paesi la morale religiosa non si sposa al denaro.
Nei
Paesi che invece assorbono la morale religiosa nella gestione del
denaro la povertà e la corruzione diventano caratteristiche
imprescindibili di un complessivo sottosviluppo.


A me pare abbastanza esauriente e anche abbastanza chiaro.


Ultima modifica di wendell p. bloyd il Sab 3 Set 2011 - 8:24 - modificato 1 volta.

_________________

wendell p. bloyd
-----------
-----------

Maschio Numero di messaggi : 849
SCALA DI DAWKINS :
Finanza atea e Finanza religiosa Left_bar_bleue0 / 700 / 70Finanza atea e Finanza religiosa Right_bar_bleue

Data d'iscrizione : 24.03.11

Torna in alto Andare in basso

Finanza atea e Finanza religiosa Empty Re: Finanza atea e Finanza religiosa

Messaggio Da Cosworth117 Ven 2 Set 2011 - 17:43

Interessante. wink..

_________________
"Le cose che sono incurvate non hanno bisogno di archi; le cose che sono diritte non hanno bisogno di righe; le cose che sono rotonde non hanno bisogno di compassi; le cose che sono rettangolari non hanno bisogno di squadre; le cose che si incollano non hanno bisogno di colla; le cose che vanno insieme non hanno bisogno di corde”

Chuang-Tzu
Cosworth117
Cosworth117
-------------
-------------

Maschio Numero di messaggi : 9154
Età : 29
Località : Dove se magna
Occupazione/Hobby : Essere sempre in minoranza
SCALA DI DAWKINS :
Finanza atea e Finanza religiosa Left_bar_bleue69 / 7069 / 70Finanza atea e Finanza religiosa Right_bar_bleue

Data d'iscrizione : 04.09.10

Torna in alto Andare in basso

Finanza atea e Finanza religiosa Empty Re: Finanza atea e Finanza religiosa

Messaggio Da chef75 Sab 3 Set 2011 - 0:51

Cosworth117 ha scritto:Interessante. Finanza atea e Finanza religiosa 23074

Finanza atea e Finanza religiosa 97941

_________________
Quando la maggior parte di una società è stupida allora la prevalenza del cretino diventa dominante e inguaribile.
Carlo M. Cipolla

E>en
chef75
chef75
------------
------------

Maschio Numero di messaggi : 7878
Età : 47
Località : una cucina
Occupazione/Hobby : Casalinghe italiane.
SCALA DI DAWKINS :
Finanza atea e Finanza religiosa Left_bar_bleue70 / 7070 / 70Finanza atea e Finanza religiosa Right_bar_bleue

Data d'iscrizione : 12.11.09

Torna in alto Andare in basso

Finanza atea e Finanza religiosa Empty Re: Finanza atea e Finanza religiosa

Messaggio Da Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Torna in alto Andare in basso

Torna in alto

- Argomenti simili

 
Permessi in questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum.