Atei Italiani
Vuoi reagire a questo messaggio? Crea un account in pochi clic o accedi per continuare.

che pensate degli agnostici?

Pagina 18 di 19 Precedente  1 ... 10 ... 17, 18, 19  Seguente

Andare in basso

che pensate degli agnostici? - Pagina 18 Empty Re: che pensate degli agnostici?

Messaggio Da Koan il Lun 19 Nov - 19:37

Minsky ha scritto:
Koan ha scritto:
carneval
temo che sarebbe equipaggiato di un'ottima contraerea  wink..
L'importante è battersi con onore.
Vero! Ogni battaglia combattuta è una battaglia vinta.

Koan
-------------
-------------

Femmina Numero di messaggi : 637
SCALA DI DAWKINS :
che pensate degli agnostici? - Pagina 18 Left_bar_bleue70 / 7070 / 70che pensate degli agnostici? - Pagina 18 Right_bar_bleue

Data d'iscrizione : 08.10.18

Torna in alto Andare in basso

che pensate degli agnostici? - Pagina 18 Empty Re: che pensate degli agnostici?

Messaggio Da Rasputin il Lun 19 Nov - 20:04

Koan ha scritto:
Ok. Non pensi invece che sia anche (non dico che questo che scrivi non sussista in molti casi) la possibilità lasciata aperta a ciò che non si conosce e che potrebbe? 
E non parlo necessariamente di Dio. Ripeto, nessuno oggi sa da dove esce tutto quanto. Una prima causa, che reputi così assurda, potrebbe esistere.

Siamo sempre lí: ipotizzare assurdità non mi pare molto intelligente, per ipotizzare qualcosa (ed il non escluderlo equivale ad ipotizzare) occorre qualcosa di ben definito che provochi una altrettanto ben definita domanda:

- una causa oggettiva: mela in testa (o anche sasso su un piede, va bene anche quello)-> perché?

- sapere esattamente cosa si ipotizza, in genere oltretutto le ipotesi sono più di una (nel caso della mela, immagino che il nostro Isacco della leggenda abbia prima guardato sull'albero per vedere ad esempio se c'era qualcuno)

Inoltre (grassettato): chi dice che il tutto quanto deve per forza uscire da qualche posto? Lo vedi che anche la premessa è arbitraria?

Koan ha scritto:Sul fatto della segreta speranza, ti dico che personalmente il fatto di poter sprofondare in un eterno nulla non mi spaventa. Stavo male prima di nascere? No.

Lo vedi che lo sai, cosa c'è dopo la morte?

Koan ha scritto:Se oltre la morte non c'è nulla starò così anche dopo. A me fa paura la sofferenza della malattia, dell'agonia. Ma quella è ancora vita.
Paradossalmente avrei più paura se fosse vero (ma per fortuna lo reputo del tutto inverosimile) quello che ci raccontano i preti. Perchè sicuramente non andrei in paradiso  Royales

E allora perché ti attacchi sospendendo il giudizio ad una improbabilità inventata, in pratica al nulla?

_________________
Ma cosa credi, che uno si sveglia una mattina e decide di lavorare in un carcere? Quella è gente perversa! (Vanessa Lutz)

che pensate degli agnostici? - Pagina 18 GhspXC7p_o



BRENTON TARRANT FOR PRESIDENT

Please do not feed the sasquatch.
Rasputin
Rasputin
..............
..............

Maschio Numero di messaggi : 56179
Età : 59
Località : Augusta vindelicorum
Occupazione/Hobby : Antinazismo non praticante, islamofobia attiva, agnosticomachia
SCALA DI DAWKINS :
che pensate degli agnostici? - Pagina 18 Left_bar_bleue70 / 7070 / 70che pensate degli agnostici? - Pagina 18 Right_bar_bleue

Data d'iscrizione : 28.10.09

Torna in alto Andare in basso

che pensate degli agnostici? - Pagina 18 Empty Re: che pensate degli agnostici?

Messaggio Da Koan il Lun 19 Nov - 21:31

Rasputin ha scritto:
Koan ha scritto:
Ok. Non pensi invece che sia anche (non dico che questo che scrivi non sussista in molti casi) la possibilità lasciata aperta a ciò che non si conosce e che potrebbe? 
E non parlo necessariamente di Dio. Ripeto, nessuno oggi sa da dove esce tutto quanto. Una prima causa, che reputi così assurda, potrebbe esistere.

Siamo sempre lí: ipotizzare assurdità non mi pare molto intelligente, per ipotizzare qualcosa (ed il non escluderlo equivale ad ipotizzare) occorre qualcosa di ben definito che provochi una altrettanto ben definita domanda:

- una causa oggettiva: mela in testa (o anche sasso su un piede, va bene anche quello)-> perché?

- sapere esattamente cosa si ipotizza, in genere oltretutto le ipotesi sono più di una (nel caso della mela, immagino che il nostro Isacco della leggenda abbia prima guardato sull'albero per vedere ad esempio se c'era qualcuno)

Inoltre (grassettato): chi dice che il tutto quanto deve per forza uscire da qualche posto? Lo vedi che anche la premessa è arbitraria?

Koan ha scritto:Sul fatto della segreta speranza, ti dico che personalmente il fatto di poter sprofondare in un eterno nulla non mi spaventa. Stavo male prima di nascere? No.

Lo vedi che lo sai, cosa c'è dopo la morte?

Koan ha scritto:Se oltre la morte non c'è nulla starò così anche dopo. A me fa paura la sofferenza della malattia, dell'agonia. Ma quella è ancora vita.
Paradossalmente avrei più paura se fosse vero (ma per fortuna lo reputo del tutto inverosimile) quello che ci raccontano i preti. Perchè sicuramente non andrei in paradiso  Royales

E allora perché ti attacchi sospendendo il giudizio ad una improbabilità inventata, in pratica al nulla
Dai è inutile che ci ripetiamo sempre le stesse cose  wink..
che pensate degli agnostici? - Pagina 18 Latest?cb=20130513094353

Koan
-------------
-------------

Femmina Numero di messaggi : 637
SCALA DI DAWKINS :
che pensate degli agnostici? - Pagina 18 Left_bar_bleue70 / 7070 / 70che pensate degli agnostici? - Pagina 18 Right_bar_bleue

Data d'iscrizione : 08.10.18

Torna in alto Andare in basso

che pensate degli agnostici? - Pagina 18 Empty Re: che pensate degli agnostici?

Messaggio Da Dottor Ordifren il Lun 19 Nov - 23:58

Koan ha scritto:
Dottor Ordifren ha scritto:Il caso, il caos... che affascinanti concetti.
Il pallone rotola su una zolla e tanto può finire in rete, tanto in calcio d'angolo.
I grandi rettili che occupavano gran parte dello spazio su questo pianeta ad un certo punto si estinguono e per magia i mammiferi trovano la possibilità di scegliersi un posto d'onore nella grande platea della storia.
Roma conquista gran parte del mondo conosciuto e nel momento più bello arriva il Cristianesimo ed in un colpo solo ti converte tutto e tutti.
Le grandi e piccole civiltà si susseguono nel tempo in modo ciclico, obbedendo quasi sempre alle stesse condizioni storiche, tanto da fare la fortuna dei vari Tucidide, Polibio, Gucciardini, Machiavelli e Gian Battista Vico che in pratica ci raccontano la medesima morale.
Chissà se c'è un senso in tutto ciò.
Una sorta di codice che si ripete come il copione di un film?
Beh, se così fosse allora Cristiano Ronaldo sarebbe un vero affare per la Juventus, visti i suoi trascorsi mgreen
Vai a sapere... ma se ci fosse un qualche senso, quale potrebbe essere? Eppure, se non ci fosse alcun senso ultimo, di solito questo pensiero ci disturba, e gli esseri umani sono sempre pronti a costruirne uno. Molti si rifugiano acriticamente in Dio, surrogando con la fede (una fede oltretutto fittizia perchè spinta solo dal bisogno di senso) quel vuoto.


Se ci fosse un senso, di certo non sarebbe comprensibile per noi.
Per quanto mi riguarda, se potessi scegliere, preferirei essere l'attore protagonista, ma mai il regista.
Non so, ma l'idea che ci sia un copione scritto a me da un senso di sicurezza.
Già, sarebbe bello.
Dottor Ordifren
Dottor Ordifren
-------------
-------------

Numero di messaggi : 444
SCALA DI DAWKINS :
che pensate degli agnostici? - Pagina 18 Left_bar_bleue0 / 700 / 70che pensate degli agnostici? - Pagina 18 Right_bar_bleue

Data d'iscrizione : 17.04.18

Torna in alto Andare in basso

che pensate degli agnostici? - Pagina 18 Empty Re: che pensate degli agnostici?

Messaggio Da Rasputin il Mar 20 Nov - 0:02

Dottor Ordifren ha scritto:
Se ci fosse un senso, di certo non sarebbe comprensibile per noi.
Per quanto mi riguarda, se potessi scegliere, preferirei essere l'attore protagonista, ma mai il regista.
Non so, ma l'idea che ci sia un copione scritto a me da un senso di sicurezza.
Già, sarebbe bello.

Non l'ho mai provato, ma a me quell'idea sembra molto vicina a quella di avere un cazzo nel culo.

_________________
Ma cosa credi, che uno si sveglia una mattina e decide di lavorare in un carcere? Quella è gente perversa! (Vanessa Lutz)

che pensate degli agnostici? - Pagina 18 GhspXC7p_o



BRENTON TARRANT FOR PRESIDENT

Please do not feed the sasquatch.
Rasputin
Rasputin
..............
..............

Maschio Numero di messaggi : 56179
Età : 59
Località : Augusta vindelicorum
Occupazione/Hobby : Antinazismo non praticante, islamofobia attiva, agnosticomachia
SCALA DI DAWKINS :
che pensate degli agnostici? - Pagina 18 Left_bar_bleue70 / 7070 / 70che pensate degli agnostici? - Pagina 18 Right_bar_bleue

Data d'iscrizione : 28.10.09

Torna in alto Andare in basso

che pensate degli agnostici? - Pagina 18 Empty Re: che pensate degli agnostici?

Messaggio Da Dottor Ordifren il Mar 20 Nov - 0:12

Rasputin ha scritto:
Dottor Ordifren ha scritto:
Se ci fosse un senso, di certo non sarebbe comprensibile per noi.
Per quanto mi riguarda, se potessi scegliere, preferirei essere l'attore protagonista, ma mai il regista.
Non so, ma l'idea che ci sia un copione scritto a me da un senso di sicurezza.
Già, sarebbe bello.

Non l'ho mai provato, ma a me quell'idea sembra molto vicina a quella di avere un cazzo nel culo.


Dipende dal copione e dal ruolo che ti tocca, Rasp.
Metti sei quello che sta dietro, allora vedrai che la posizione è dominante ed attiva mgreen
Dottor Ordifren
Dottor Ordifren
-------------
-------------

Numero di messaggi : 444
SCALA DI DAWKINS :
che pensate degli agnostici? - Pagina 18 Left_bar_bleue0 / 700 / 70che pensate degli agnostici? - Pagina 18 Right_bar_bleue

Data d'iscrizione : 17.04.18

Torna in alto Andare in basso

che pensate degli agnostici? - Pagina 18 Empty Re: che pensate degli agnostici?

Messaggio Da Rasputin il Mar 20 Nov - 1:10

Dottor Ordifren ha scritto:
Rasputin ha scritto:
Dottor Ordifren ha scritto:
Se ci fosse un senso, di certo non sarebbe comprensibile per noi.
Per quanto mi riguarda, se potessi scegliere, preferirei essere l'attore protagonista, ma mai il regista.
Non so, ma l'idea che ci sia un copione scritto a me da un senso di sicurezza.
Già, sarebbe bello.

Non l'ho mai provato, ma a me quell'idea sembra molto vicina a quella di avere un cazzo nel culo.


Dipende dal copione e dal ruolo che ti tocca, Rasp.
Metti sei quello che sta dietro, allora vedrai che la posizione è dominante ed attiva mgreen

Se mi è stata affibbiata da un copione, di dominante ed attivo non ha nulla...quello che sta dietro non è un altro attore, è chi il copione lo ha scritto wink..

_________________
Ma cosa credi, che uno si sveglia una mattina e decide di lavorare in un carcere? Quella è gente perversa! (Vanessa Lutz)

che pensate degli agnostici? - Pagina 18 GhspXC7p_o



BRENTON TARRANT FOR PRESIDENT

Please do not feed the sasquatch.
Rasputin
Rasputin
..............
..............

Maschio Numero di messaggi : 56179
Età : 59
Località : Augusta vindelicorum
Occupazione/Hobby : Antinazismo non praticante, islamofobia attiva, agnosticomachia
SCALA DI DAWKINS :
che pensate degli agnostici? - Pagina 18 Left_bar_bleue70 / 7070 / 70che pensate degli agnostici? - Pagina 18 Right_bar_bleue

Data d'iscrizione : 28.10.09

Torna in alto Andare in basso

che pensate degli agnostici? - Pagina 18 Empty Re: che pensate degli agnostici?

Messaggio Da Koan il Mar 20 Nov - 8:40

Rasputin ha scritto:
Dottor Ordifren ha scritto:
Rasputin ha scritto:
Dottor Ordifren ha scritto:
Se ci fosse un senso, di certo non sarebbe comprensibile per noi.
Per quanto mi riguarda, se potessi scegliere, preferirei essere l'attore protagonista, ma mai il regista.
Non so, ma l'idea che ci sia un copione scritto a me da un senso di sicurezza.
Già, sarebbe bello.

Non l'ho mai provato, ma a me quell'idea sembra molto vicina a quella di avere un cazzo nel culo.


Dipende dal copione e dal ruolo che ti tocca, Rasp.
Metti sei quello che sta dietro, allora vedrai che la posizione è dominante ed attiva mgreen

Se mi è stata affibbiata da un copione, di dominante ed attivo non ha nulla...quello che sta dietro non è un altro attore, è chi il copione lo ha scritto wink..
Sono d'accordo. Ogni ruolo è "vero" sono se scelto in libertà. I cattolici, ad esempio, con il libero arbitrio si sganciano da questa cosa del copione imposto da Dio, i protestanti invece lo accettano in pieno e sono convinti assertori della predestinazione: quando si nasce è già deciso se finirai all'inferno o in paradiso.

Koan
-------------
-------------

Femmina Numero di messaggi : 637
SCALA DI DAWKINS :
che pensate degli agnostici? - Pagina 18 Left_bar_bleue70 / 7070 / 70che pensate degli agnostici? - Pagina 18 Right_bar_bleue

Data d'iscrizione : 08.10.18

Torna in alto Andare in basso

che pensate degli agnostici? - Pagina 18 Empty Re: che pensate degli agnostici?

Messaggio Da Koan il Mar 20 Nov - 8:53

Dottor Ordifren ha scritto:
Koan ha scritto:
Dottor Ordifren ha scritto:Il caso, il caos... che affascinanti concetti.
Il pallone rotola su una zolla e tanto può finire in rete, tanto in calcio d'angolo.
I grandi rettili che occupavano gran parte dello spazio su questo pianeta ad un certo punto si estinguono e per magia i mammiferi trovano la possibilità di scegliersi un posto d'onore nella grande platea della storia.
Roma conquista gran parte del mondo conosciuto e nel momento più bello arriva il Cristianesimo ed in un colpo solo ti converte tutto e tutti.
Le grandi e piccole civiltà si susseguono nel tempo in modo ciclico, obbedendo quasi sempre alle stesse condizioni storiche, tanto da fare la fortuna dei vari Tucidide, Polibio, Gucciardini, Machiavelli e Gian Battista Vico che in pratica ci raccontano la medesima morale.
Chissà se c'è un senso in tutto ciò.
Una sorta di codice che si ripete come il copione di un film?
Beh, se così fosse allora Cristiano Ronaldo sarebbe un vero affare per la Juventus, visti i suoi trascorsi mgreen
Vai a sapere... ma se ci fosse un qualche senso, quale potrebbe essere? Eppure, se non ci fosse alcun senso ultimo, di solito questo pensiero ci disturba, e gli esseri umani sono sempre pronti a costruirne uno. Molti si rifugiano acriticamente in Dio, surrogando con la fede (una fede oltretutto fittizia perchè spinta solo dal bisogno di senso) quel vuoto.


Se ci fosse un senso, di certo non sarebbe comprensibile per noi.
Per quanto mi riguarda, se potessi scegliere, preferirei essere l'attore protagonista, ma mai il regista.
Non so, ma l'idea che ci sia un copione scritto a me da un senso di sicurezza.
Già, sarebbe bello.
Dipende doc. A me invece spaventa un po' l'idea, perchè pensare di recitare obbligatoriamente un copione già scritto per me, toglierebbe ogni slancio nel fare le cose. 
A proposito del senso ultimo, c'è una frase di Dostoevskij nei Karamazov che dice: se Dio non esiste, moralmente tutto è permesso. Si possono cioè scavalcare tutte le barriere morali, perchè ogni morale è relativa.
Cosa ne pensate?

Koan
-------------
-------------

Femmina Numero di messaggi : 637
SCALA DI DAWKINS :
che pensate degli agnostici? - Pagina 18 Left_bar_bleue70 / 7070 / 70che pensate degli agnostici? - Pagina 18 Right_bar_bleue

Data d'iscrizione : 08.10.18

Torna in alto Andare in basso

che pensate degli agnostici? - Pagina 18 Empty Re: che pensate degli agnostici?

Messaggio Da Minsky il Mar 20 Nov - 9:51

Koan ha scritto:... quando si nasce è già deciso se finirai all'inferno o in paradiso.
Inferno.

che pensate degli agnostici? - Pagina 18 5loGI3S4_o

_________________
CHE DIO STRAMALEDICA GIUSEPPE CONTE
FINO ALLA SESSANTAQUATTRESIMA GENERAZIONE
Minsky
Minsky
--------------
--------------

Maschio Numero di messaggi : 22624
Età : 66
Località : Codroipo
Occupazione/Hobby : ateo guerriero
SCALA DI DAWKINS :
che pensate degli agnostici? - Pagina 18 Left_bar_bleue70 / 7070 / 70che pensate degli agnostici? - Pagina 18 Right_bar_bleue

Data d'iscrizione : 06.10.11

Torna in alto Andare in basso

che pensate degli agnostici? - Pagina 18 Empty Re: che pensate degli agnostici?

Messaggio Da Minsky il Mar 20 Nov - 10:00

Koan ha scritto:
[...]
A proposito del senso ultimo, c'è una frase di Dostoevskij nei Karamazov che dice: se Dio non esiste, moralmente tutto è permesso. Si possono cioè scavalcare tutte le barriere morali, perchè ogni morale è relativa.
Cosa ne pensate?
Moralmente tutto è permesso in ogni caso, in pratica.
Le caste sfruttano e schiavizzano il popolo, i politici rubano e corrompono, e anche i poveracci, dove sono ammassati nelle periferie urbane si scannano con la massima facilità. Violenza e prevaricazione regnano dappertutto, anche tra il clero di ogni religione. Il degrado dell'umanità va di pari passo con l'espansione demografica, ciò che si può chiamare "effetto gabbia dei conigli".
Comunque l'affermazione di Dostoevskij è una cazzata immane, la madre dei non sequitur.

_________________
CHE DIO STRAMALEDICA GIUSEPPE CONTE
FINO ALLA SESSANTAQUATTRESIMA GENERAZIONE
Minsky
Minsky
--------------
--------------

Maschio Numero di messaggi : 22624
Età : 66
Località : Codroipo
Occupazione/Hobby : ateo guerriero
SCALA DI DAWKINS :
che pensate degli agnostici? - Pagina 18 Left_bar_bleue70 / 7070 / 70che pensate degli agnostici? - Pagina 18 Right_bar_bleue

Data d'iscrizione : 06.10.11

Torna in alto Andare in basso

che pensate degli agnostici? - Pagina 18 Empty Re: che pensate degli agnostici?

Messaggio Da Koan il Mar 20 Nov - 10:29

Minsky ha scritto:
Koan ha scritto:... quando si nasce è già deciso se finirai all'inferno o in paradiso.
Inferno.

che pensate degli agnostici? - Pagina 18 5loGI3S4_o
Però occhio, devi amare i rapporti sadomaso! Perchè mi sa che lei, da brava diavoletta, lavorerebbe di frusta e forcone  carneval

Koan
-------------
-------------

Femmina Numero di messaggi : 637
SCALA DI DAWKINS :
che pensate degli agnostici? - Pagina 18 Left_bar_bleue70 / 7070 / 70che pensate degli agnostici? - Pagina 18 Right_bar_bleue

Data d'iscrizione : 08.10.18

Torna in alto Andare in basso

che pensate degli agnostici? - Pagina 18 Empty Re: che pensate degli agnostici?

Messaggio Da Koan il Mar 20 Nov - 10:32

Minsky ha scritto:
Koan ha scritto:
[...]
A proposito del senso ultimo, c'è una frase di Dostoevskij nei Karamazov che dice: se Dio non esiste, moralmente tutto è permesso. Si possono cioè scavalcare tutte le barriere morali, perchè ogni morale è relativa.
Cosa ne pensate?
Moralmente tutto è permesso in ogni caso, in pratica.
Le caste sfruttano e schiavizzano il popolo, i politici rubano e corrompono, e anche i poveracci, dove sono ammassati nelle periferie urbane si scannano con la massima facilità. Violenza e prevaricazione regnano dappertutto, anche tra il clero di ogni religione. Il degrado dell'umanità va di pari passo con l'espansione demografica, ciò che si può chiamare "effetto gabbia dei conigli".
Comunque l'affermazione di Dostoevskij è una cazzata immane, la madre dei non sequitur.
Sono d'accordo che nella pratica è proprio così.
Potresti invece spiegare meglio il grassetto?

Koan
-------------
-------------

Femmina Numero di messaggi : 637
SCALA DI DAWKINS :
che pensate degli agnostici? - Pagina 18 Left_bar_bleue70 / 7070 / 70che pensate degli agnostici? - Pagina 18 Right_bar_bleue

Data d'iscrizione : 08.10.18

Torna in alto Andare in basso

che pensate degli agnostici? - Pagina 18 Empty Re: che pensate degli agnostici?

Messaggio Da Minsky il Mar 20 Nov - 10:48

Koan ha scritto:
Minsky ha scritto:
Koan ha scritto:
[...]
A proposito del senso ultimo, c'è una frase di Dostoevskij nei Karamazov che dice: se Dio non esiste, moralmente tutto è permesso. Si possono cioè scavalcare tutte le barriere morali, perchè ogni morale è relativa.
Cosa ne pensate?
Moralmente tutto è permesso in ogni caso, in pratica.
Le caste sfruttano e schiavizzano il popolo, i politici rubano e corrompono, e anche i poveracci, dove sono ammassati nelle periferie urbane si scannano con la massima facilità. Violenza e prevaricazione regnano dappertutto, anche tra il clero di ogni religione. Il degrado dell'umanità va di pari passo con l'espansione demografica, ciò che si può chiamare "effetto gabbia dei conigli".
Comunque l'affermazione di Dostoevskij è una cazzata immane, la madre dei non sequitur.
Sono d'accordo che nella pratica è proprio così.
Potresti invece spiegare meglio il grassetto?
Facilissimo. Mi spiego con un esempio. Prendiamo allah, il dio degli islamici. Supponiamo che esista. Allora è cosa buona e giusta farsi esplodere in mezzo alla gente se questi sono infedeli, cioè non islamici. È cosa buona e giusta sgozzare i non islamici. Buttare gli omosessuali giù dai balconi va bene, oppure anche impiccarli. È ok picchiare le donne della famiglia, o anche ucciderle se non si comportano con sufficiente sottomissione. È moralmente accettabile violentare una donna, se non è islamica. Fare sesso con una bambina è consentito. D'altro canto, non si può mangiare la soppressa, questo è moralmente orribile. Anche se è una soppressa di casa, profumata e fragrante, non si può nemmeno toccare. Potrei continuare ma il concetto mi sembra chiarito. Questa non è morale relativa? Fammi capire allora cos'è la "morale relativa". Dato che ogni religione inventa i propri principi fondandoli sul delirio, che altro ci si può aspettare se non una morale delirante? A costo di sembrare noioso, richiamerò per l'ennesima volta il principio dello pseudo-Scoto: «ex absurdo sequitur quodlibet».

_________________
CHE DIO STRAMALEDICA GIUSEPPE CONTE
FINO ALLA SESSANTAQUATTRESIMA GENERAZIONE
Minsky
Minsky
--------------
--------------

Maschio Numero di messaggi : 22624
Età : 66
Località : Codroipo
Occupazione/Hobby : ateo guerriero
SCALA DI DAWKINS :
che pensate degli agnostici? - Pagina 18 Left_bar_bleue70 / 7070 / 70che pensate degli agnostici? - Pagina 18 Right_bar_bleue

Data d'iscrizione : 06.10.11

Torna in alto Andare in basso

che pensate degli agnostici? - Pagina 18 Empty Re: che pensate degli agnostici?

Messaggio Da Koan il Mar 20 Nov - 11:06

Minsky ha scritto:
Koan ha scritto:
Minsky ha scritto:
Koan ha scritto:
[...]
A proposito del senso ultimo, c'è una frase di Dostoevskij nei Karamazov che dice: se Dio non esiste, moralmente tutto è permesso. Si possono cioè scavalcare tutte le barriere morali, perchè ogni morale è relativa.
Cosa ne pensate?
Moralmente tutto è permesso in ogni caso, in pratica.
Le caste sfruttano e schiavizzano il popolo, i politici rubano e corrompono, e anche i poveracci, dove sono ammassati nelle periferie urbane si scannano con la massima facilità. Violenza e prevaricazione regnano dappertutto, anche tra il clero di ogni religione. Il degrado dell'umanità va di pari passo con l'espansione demografica, ciò che si può chiamare "effetto gabbia dei conigli".
Comunque l'affermazione di Dostoevskij è una cazzata immane, la madre dei non sequitur.
Sono d'accordo che nella pratica è proprio così.
Potresti invece spiegare meglio il grassetto?
Facilissimo. Mi spiego con un esempio. Prendiamo allah, il dio degli islamici. Supponiamo che esista. Allora è cosa buona e giusta farsi esplodere in mezzo alla gente se questi sono infedeli, cioè non islamici. È cosa buona e giusta sgozzare i non islamici. Buttare gli omosessuali giù dai balconi va bene, oppure anche impiccarli. È ok picchiare le donne della famiglia, o anche ucciderle se non si comportano con sufficiente sottomissione. È moralmente accettabile violentare una donna, se non è islamica. Fare sesso con una bambina è consentito. D'altro canto, non si può mangiare la soppressa, questo è moralmente orribile. Anche se è una soppressa di casa, profumata e fragrante, non si può nemmeno toccare. Potrei continuare ma il concetto mi sembra chiarito. Questa non è morale relativa? Fammi capire allora cos'è la "morale relativa". Dato che ogni religione inventa i propri principi fondandoli sul delirio, che altro ci si può aspettare se non una morale delirante? A costo di sembrare noioso, richiamerò per l'ennesima volta il principio dello pseudo-Scoto: «ex absurdo sequitur quodlibet».
Sul tuo esempio concordo. Prendiamo però l'idea di Dio come idea di sommo bene. Ovviamente tutte queste cazzate islamiche (e direi non solo islamiche, vista la storia) sarebbero da buttare nel cesso, perchè contrarie all'idea di bene. Un dio come quello immaginato dall'islam (e non solo dall'islam) è incompatibile con questa idea.
Mi dirai, cos'è il bene? Al di là delle definizioni filosofiche, ognuno di noi immagino conosca dentro di sè la differenza pratica tra bene e male. Ammazzare un omosessuale in quanto tale è male, la pedofilia è male, rubare o mentire è male, aiutare un bisognoso è bene. 
Credi che questo sia relativo o ci senti dentro un "assoluto"?

Koan
-------------
-------------

Femmina Numero di messaggi : 637
SCALA DI DAWKINS :
che pensate degli agnostici? - Pagina 18 Left_bar_bleue70 / 7070 / 70che pensate degli agnostici? - Pagina 18 Right_bar_bleue

Data d'iscrizione : 08.10.18

Torna in alto Andare in basso

che pensate degli agnostici? - Pagina 18 Empty Re: che pensate degli agnostici?

Messaggio Da Rasputin il Mar 20 Nov - 11:26

Koan ha scritto:[...]
A proposito del senso ultimo, c'è una frase di Dostoevskij nei Karamazov che dice: se Dio non esiste, moralmente tutto è permesso. Si possono cioè scavalcare tutte le barriere morali, perchè ogni morale è relativa.
Cosa ne pensate?

Che è l'esatto contrario. In primo luogo presuppone che le "barriere morali" siano di origine divina, mentre è evidente che la morale, mutevole a seconda delle culture e delle epoche, ha origine umana. Inoltre, non solo la presenza - ma anche la sola  idea della presenza, come ti ha esemplificato Minsky - di un essere superione creatore onnipotente supremoillusionistaricchipremicotillòn (come sommo bene o meno, non ha importanza) deresponsabilizza l'umanità, rendendo possibile perdonare (basta pentirsi!) ogni sorta di violazione delle regole del vivere comune, derubate della loro vera (umana) origine, non solo dicevo, ma come altresí ti ha esemplificato Minsky, giustifica ed addirittura in certi casi richiede/impone ogni sorta di atrocità.

Minsky fa l'esempio dei musulmani, ma non dobbiamo scordarci che prima dell'Illuminismo col cristianesimo eravamo messi uguali, con tanto di Inquisizione, torture, roghi annegamenti ecc.

La sola idea - ed anche il solo sospendere il giudizio, tanto per rimanere IT - sulla possibile esistenza di un tale mostro è più che un semplice errore. È, storicamente provato, dannosa e devastante, fonte di crimini contro l'umanità.

_________________
Ma cosa credi, che uno si sveglia una mattina e decide di lavorare in un carcere? Quella è gente perversa! (Vanessa Lutz)

che pensate degli agnostici? - Pagina 18 GhspXC7p_o



BRENTON TARRANT FOR PRESIDENT

Please do not feed the sasquatch.
Rasputin
Rasputin
..............
..............

Maschio Numero di messaggi : 56179
Età : 59
Località : Augusta vindelicorum
Occupazione/Hobby : Antinazismo non praticante, islamofobia attiva, agnosticomachia
SCALA DI DAWKINS :
che pensate degli agnostici? - Pagina 18 Left_bar_bleue70 / 7070 / 70che pensate degli agnostici? - Pagina 18 Right_bar_bleue

Data d'iscrizione : 28.10.09

Torna in alto Andare in basso

che pensate degli agnostici? - Pagina 18 Empty Re: che pensate degli agnostici?

Messaggio Da Koan il Mar 20 Nov - 12:24

Rasputin ha scritto:

Minsky fa l'esempio dei musulmani, ma non dobbiamo scordarci che prima dell'Illuminismo col cristianesimo eravamo messi uguali, con tanto di Inquisizione, torture, roghi annegamenti ecc.

La sola idea - ed anche il solo sospendere il giudizio, tanto per rimanere IT - sulla possibile esistenza di un tale mostro è più che un semplice errore. È, storicamente provato, dannosa e devastante, fonte di crimini contro l'umanità.
Intanto se hai letto quello che ho scritto su, evidenziavo che non solo di islam si trattava. I cristiani nei secoli hanno commesso una quantità di nefandezze. Dopo l'illuminismo hanno continuato a commetterle gli umanisti, e questo non è comunque confortante.
Poi di quale mostro parli? Allah, Jahvè? Ti ho già detto che su questi inverosimili personaggi sono atea quante te.

Koan
-------------
-------------

Femmina Numero di messaggi : 637
SCALA DI DAWKINS :
che pensate degli agnostici? - Pagina 18 Left_bar_bleue70 / 7070 / 70che pensate degli agnostici? - Pagina 18 Right_bar_bleue

Data d'iscrizione : 08.10.18

Torna in alto Andare in basso

che pensate degli agnostici? - Pagina 18 Empty Re: che pensate degli agnostici?

Messaggio Da Rasputin il Mar 20 Nov - 12:34

Koan ha scritto:
Rasputin ha scritto:

Minsky fa l'esempio dei musulmani, ma non dobbiamo scordarci che prima dell'Illuminismo col cristianesimo eravamo messi uguali, con tanto di Inquisizione, torture, roghi annegamenti ecc.

La sola idea - ed anche il solo sospendere il giudizio, tanto per rimanere IT - sulla possibile esistenza di un tale mostro è più che un semplice errore. È, storicamente provato, dannosa e devastante, fonte di crimini contro l'umanità.
Intanto se hai letto quello che ho scritto su, evidenziavo che non solo di islam si trattava. I cristiani nei secoli hanno commesso una quantità di nefandezze. Dopo l'illuminismo hanno continuato a commetterle gli umanisti, e questo non è comunque confortante.
Poi di quale mostro parli? Allah, Jahvè? Ti ho già detto che su questi inverosimili personaggi sono atea quante te.

Mi pareva fosse chiaro: il mostro è la semplice idea di una, anche se non meglio precisata, "causa prima origine di tutte le cose", come ho scritto sopra "un essere superione creatore onnipotente supremoillusionistaricchipremicotillòn (come sommo bene o meno, non ha importanza)".

Perché è quella l'idea che da origine alle religioni, piaga immane e cancro, rivoltante verminaio dell'umanità.

_________________
Ma cosa credi, che uno si sveglia una mattina e decide di lavorare in un carcere? Quella è gente perversa! (Vanessa Lutz)

che pensate degli agnostici? - Pagina 18 GhspXC7p_o



BRENTON TARRANT FOR PRESIDENT

Please do not feed the sasquatch.
Rasputin
Rasputin
..............
..............

Maschio Numero di messaggi : 56179
Età : 59
Località : Augusta vindelicorum
Occupazione/Hobby : Antinazismo non praticante, islamofobia attiva, agnosticomachia
SCALA DI DAWKINS :
che pensate degli agnostici? - Pagina 18 Left_bar_bleue70 / 7070 / 70che pensate degli agnostici? - Pagina 18 Right_bar_bleue

Data d'iscrizione : 28.10.09

Torna in alto Andare in basso

che pensate degli agnostici? - Pagina 18 Empty Re: che pensate degli agnostici?

Messaggio Da Koan il Mar 20 Nov - 12:56

Rasputin ha scritto:
Koan ha scritto:
Rasputin ha scritto:

Minsky fa l'esempio dei musulmani, ma non dobbiamo scordarci che prima dell'Illuminismo col cristianesimo eravamo messi uguali, con tanto di Inquisizione, torture, roghi annegamenti ecc.

La sola idea - ed anche il solo sospendere il giudizio, tanto per rimanere IT - sulla possibile esistenza di un tale mostro è più che un semplice errore. È, storicamente provato, dannosa e devastante, fonte di crimini contro l'umanità.
Intanto se hai letto quello che ho scritto su, evidenziavo che non solo di islam si trattava. I cristiani nei secoli hanno commesso una quantità di nefandezze. Dopo l'illuminismo hanno continuato a commetterle gli umanisti, e questo non è comunque confortante.
Poi di quale mostro parli? Allah, Jahvè? Ti ho già detto che su questi inverosimili personaggi sono atea quante te.

Mi pareva fosse chiaro: il mostro è la semplice idea di una, anche se non meglio precisata, "causa prima origine di tutte le cose", come ho scritto sopra "un essere superione creatore onnipotente supremoillusionistaricchipremicotillòn (come sommo bene o meno, non ha importanza)".

Perché è quella l'idea che da origine alle religioni, piaga immane e cancro, rivoltante verminaio dell'umanità.
Sei sempre il solito esagerato  wink.. 
Non è questo oltretutto che ha dato origine alle religioni, semmai è vero il contrario. Le religioni creano dei ad immagine dei popoli che le praticano. Jahvè è diverso da Wotan perchè gli ebrei sono diversi dai vichinghi.

Koan
-------------
-------------

Femmina Numero di messaggi : 637
SCALA DI DAWKINS :
che pensate degli agnostici? - Pagina 18 Left_bar_bleue70 / 7070 / 70che pensate degli agnostici? - Pagina 18 Right_bar_bleue

Data d'iscrizione : 08.10.18

Torna in alto Andare in basso

che pensate degli agnostici? - Pagina 18 Empty Re: che pensate degli agnostici?

Messaggio Da Dottor Ordifren il Mar 20 Nov - 16:33

Koan ha scritto:
Dottor Ordifren ha scritto:
Koan ha scritto:
Dottor Ordifren ha scritto:Il caso, il caos... che affascinanti concetti.
Il pallone rotola su una zolla e tanto può finire in rete, tanto in calcio d'angolo.
I grandi rettili che occupavano gran parte dello spazio su questo pianeta ad un certo punto si estinguono e per magia i mammiferi trovano la possibilità di scegliersi un posto d'onore nella grande platea della storia.
Roma conquista gran parte del mondo conosciuto e nel momento più bello arriva il Cristianesimo ed in un colpo solo ti converte tutto e tutti.
Le grandi e piccole civiltà si susseguono nel tempo in modo ciclico, obbedendo quasi sempre alle stesse condizioni storiche, tanto da fare la fortuna dei vari Tucidide, Polibio, Gucciardini, Machiavelli e Gian Battista Vico che in pratica ci raccontano la medesima morale.
Chissà se c'è un senso in tutto ciò.
Una sorta di codice che si ripete come il copione di un film?
Beh, se così fosse allora Cristiano Ronaldo sarebbe un vero affare per la Juventus, visti i suoi trascorsi mgreen
Vai a sapere... ma se ci fosse un qualche senso, quale potrebbe essere? Eppure, se non ci fosse alcun senso ultimo, di solito questo pensiero ci disturba, e gli esseri umani sono sempre pronti a costruirne uno. Molti si rifugiano acriticamente in Dio, surrogando con la fede (una fede oltretutto fittizia perchè spinta solo dal bisogno di senso) quel vuoto.


Se ci fosse un senso, di certo non sarebbe comprensibile per noi.
Per quanto mi riguarda, se potessi scegliere, preferirei essere l'attore protagonista, ma mai il regista.
Non so, ma l'idea che ci sia un copione scritto a me da un senso di sicurezza.
Già, sarebbe bello.
Dipende doc. A me invece spaventa un po' l'idea, perchè pensare di recitare obbligatoriamente un copione già scritto per me, toglierebbe ogni slancio nel fare le cose. 
A proposito del senso ultimo, c'è una frase di Dostoevskij nei Karamazov che dice: se Dio non esiste, moralmente tutto è permesso. Si possono cioè scavalcare tutte le barriere morali, perchè ogni morale è relativa.
Cosa ne pensate?


Secondo il mio modesto parere la frase di Dostoevskij è il solo ed unico motivo che può spingere una persona a diventare atea, salvo ovviamente altre questioni personali tipo odiare la Chiesa perchè si è gay, o odiare Dio per una tragedia in famiglia ecc.
Non concordo con il mio amico Minsk, che secondo me non ha colto il vero senso della citazione del romanziere russo.
Cmq questo è un discorso molto complesso e profondo, che a differenza del senso del Creato e roba viaria, riguarda invece intimamente l'uomo.
Dottor Ordifren
Dottor Ordifren
-------------
-------------

Numero di messaggi : 444
SCALA DI DAWKINS :
che pensate degli agnostici? - Pagina 18 Left_bar_bleue0 / 700 / 70che pensate degli agnostici? - Pagina 18 Right_bar_bleue

Data d'iscrizione : 17.04.18

Torna in alto Andare in basso

che pensate degli agnostici? - Pagina 18 Empty Re: che pensate degli agnostici?

Messaggio Da Koan il Mar 20 Nov - 18:34

Caro Rasp, devi però considerare che dei valori morali sono universlmente riconosciuti da ogni cultura ed in ogni tempo. Lealtà, sincerità, coraggio, sacrificio, generosità. Mentre in nessun tempo e in nessun luogo un uomo ama essere considerato sleale, codardo, menzognero, avaro.

Koan
-------------
-------------

Femmina Numero di messaggi : 637
SCALA DI DAWKINS :
che pensate degli agnostici? - Pagina 18 Left_bar_bleue70 / 7070 / 70che pensate degli agnostici? - Pagina 18 Right_bar_bleue

Data d'iscrizione : 08.10.18

Torna in alto Andare in basso

che pensate degli agnostici? - Pagina 18 Empty Re: che pensate degli agnostici?

Messaggio Da Koan il Mar 20 Nov - 18:40

Dottor Ordifren ha scritto:
Koan ha scritto:
Dottor Ordifren ha scritto:
Koan ha scritto:
Dottor Ordifren ha scritto:Il caso, il caos... che affascinanti concetti.
Il pallone rotola su una zolla e tanto può finire in rete, tanto in calcio d'angolo.
I grandi rettili che occupavano gran parte dello spazio su questo pianeta ad un certo punto si estinguono e per magia i mammiferi trovano la possibilità di scegliersi un posto d'onore nella grande platea della storia.
Roma conquista gran parte del mondo conosciuto e nel momento più bello arriva il Cristianesimo ed in un colpo solo ti converte tutto e tutti.
Le grandi e piccole civiltà si susseguono nel tempo in modo ciclico, obbedendo quasi sempre alle stesse condizioni storiche, tanto da fare la fortuna dei vari Tucidide, Polibio, Gucciardini, Machiavelli e Gian Battista Vico che in pratica ci raccontano la medesima morale.
Chissà se c'è un senso in tutto ciò.
Una sorta di codice che si ripete come il copione di un film?
Beh, se così fosse allora Cristiano Ronaldo sarebbe un vero affare per la Juventus, visti i suoi trascorsi mgreen
Vai a sapere... ma se ci fosse un qualche senso, quale potrebbe essere? Eppure, se non ci fosse alcun senso ultimo, di solito questo pensiero ci disturba, e gli esseri umani sono sempre pronti a costruirne uno. Molti si rifugiano acriticamente in Dio, surrogando con la fede (una fede oltretutto fittizia perchè spinta solo dal bisogno di senso) quel vuoto.


Se ci fosse un senso, di certo non sarebbe comprensibile per noi.
Per quanto mi riguarda, se potessi scegliere, preferirei essere l'attore protagonista, ma mai il regista.
Non so, ma l'idea che ci sia un copione scritto a me da un senso di sicurezza.
Già, sarebbe bello.
Dipende doc. A me invece spaventa un po' l'idea, perchè pensare di recitare obbligatoriamente un copione già scritto per me, toglierebbe ogni slancio nel fare le cose. 
A proposito del senso ultimo, c'è una frase di Dostoevskij nei Karamazov che dice: se Dio non esiste, moralmente tutto è permesso. Si possono cioè scavalcare tutte le barriere morali, perchè ogni morale è relativa.
Cosa ne pensate?


Secondo il mio modesto parere la frase di Dostoevskij è il solo ed unico motivo che può spingere una persona a diventare atea, salvo ovviamente altre questioni personali tipo odiare la Chiesa perchè si è gay, o odiare Dio per una tragedia in famiglia ecc.
Non concordo con il mio amico Minsk, che secondo me non ha colto il vero senso della citazione del romanziere russo.
Cmq questo è un discorso molto complesso e profondo, che a differenza del senso del Creato e roba viaria, riguarda invece intimamente l'uomo.
Diventare atei perchè si odia la Chiesa per me però non ha alcun senso, caro doc. Si è atei perchè convinti che Dio non esista, la Chiesa semmai fa di tutto col suo comportamento per farci capire che loro per primi non credono nel Dio che professano.
Predicano amore ed hanno massacrato poveri cristi per secoli, dicono di amare i deboli e i poveri e si sono sempre schierati col potere e coi ricchi.

Koan
-------------
-------------

Femmina Numero di messaggi : 637
SCALA DI DAWKINS :
che pensate degli agnostici? - Pagina 18 Left_bar_bleue70 / 7070 / 70che pensate degli agnostici? - Pagina 18 Right_bar_bleue

Data d'iscrizione : 08.10.18

Torna in alto Andare in basso

che pensate degli agnostici? - Pagina 18 Empty Re: che pensate degli agnostici?

Messaggio Da Dottor Ordifren il Mar 20 Nov - 22:53

Koan, la penso come te riguardo a come sia stupido essere atei solo per odio verso la Chiesa, però facevo solo vari esempi frutto della mia esperienza sul campo.
Trovavo però interessante una cosa, sperando di aver letto bene e di non aver frainteso, riguardo il Libero Arbitrio.
Credo che esso nel Pensiero Cristiano e soprattutto Cattolico sia stato spesso male interpretato.
Il Libero Arbitrio non è assolutamente un vincolo all'esistenza umana o una sorta di predestinazione o roba viaria.
Il Libero Arbitrio è, se vogliamo, la Magna Carta della libertà, in quanto consente a qualunque uomo di vivere liberamente la propria esistenza, salvo poi, dopo la morte, sottostare al Giudizio Divino.
Giuda ne è un vivo esempio, così come Lucifero, San Michele, la Vergine Maria, persino Gesù Cristo e qualunque altro essere umano.
E per secoli i grandi studiosi Cristiani, da San Beda il Venerabile, a San Berdardo di Chiaravalle, a San Tommaso d'Aquino, a Santa Teresa d'Avila, a Santa Caterina da Siena ed a molti altri hanno cercato di trovare un nesso tra Libero Arbitrio appunto e Destino, inteso come predestinazione.
Dottor Ordifren
Dottor Ordifren
-------------
-------------

Numero di messaggi : 444
SCALA DI DAWKINS :
che pensate degli agnostici? - Pagina 18 Left_bar_bleue0 / 700 / 70che pensate degli agnostici? - Pagina 18 Right_bar_bleue

Data d'iscrizione : 17.04.18

Torna in alto Andare in basso

che pensate degli agnostici? - Pagina 18 Empty Re: che pensate degli agnostici?

Messaggio Da Koan il Mer 21 Nov - 6:07

Dottor Ordifren ha scritto:Koan, la penso come te riguardo a come sia stupido essere atei solo per odio verso la Chiesa, però facevo solo vari esempi frutto della mia esperienza sul campo.
Trovavo però interessante una cosa, sperando di aver letto bene e di non aver frainteso, riguardo il Libero Arbitrio.
Credo che esso nel Pensiero Cristiano e soprattutto Cattolico sia stato spesso male interpretato.
Il Libero Arbitrio non è assolutamente un vincolo all'esistenza umana o una sorta di predestinazione o roba viaria.
Il Libero Arbitrio è, se vogliamo, la Magna Carta della libertà, in quanto consente a qualunque uomo di vivere liberamente la propria esistenza, salvo poi, dopo la morte, sottostare al Giudizio Divino.
Giuda ne è un vivo esempio, così come Lucifero, San Michele, la Vergine Maria, persino Gesù Cristo e qualunque altro essere umano.
E per secoli i grandi studiosi Cristiani, da San Beda il Venerabile, a San Berdardo di Chiaravalle, a San Tommaso d'Aquino, a Santa Teresa d'Avila, a Santa Caterina da Siena ed a molti altri hanno cercato di trovare un nesso tra Libero Arbitrio appunto e Destino, inteso come predestinazione.
Infatti il libero arbitrio è l'esatto contrario della predestinazione. E' uno dei punti su cui cattolici e protestani la pensano in maniera opposta.
I primi pensano che ogni uomo, pur in presenza di condizioni particolari e di un determinato ambiente che lo ha plasmato, possiede un quid di libertà che gli permette di fare delle scelte libere. Magari per alcuni questo quid è minimo, ma esiste per tutti. Da ciò che sceglierai in quei pochi frangenti determinanti, dipende la tua salvezza.
I protestanti invece sono convinti che tu sia già destinato all'inferno o meno dal momento in cui nasci. E' la predestinazione, e dipende dall'onniscienza di Dio. In pratica, Dio sa già quello che combinerai.
Si, quello che sottolinei nel finale è un bello scoglio logico, su cui si sono un po' incartati tutti i teologi. Lo scontro tra libertà e onniscienza divina.

Koan
-------------
-------------

Femmina Numero di messaggi : 637
SCALA DI DAWKINS :
che pensate degli agnostici? - Pagina 18 Left_bar_bleue70 / 7070 / 70che pensate degli agnostici? - Pagina 18 Right_bar_bleue

Data d'iscrizione : 08.10.18

Torna in alto Andare in basso

che pensate degli agnostici? - Pagina 18 Empty Re: che pensate degli agnostici?

Messaggio Da Rasputin il Mer 21 Nov - 11:57

Koan ha scritto:
Sei sempre il solito esagerato  wink.. 
Non è questo oltretutto che ha dato origine alle religioni, semmai è vero il contrario. Le religioni creano dei ad immagine dei popoli che le praticano. Jahvè è diverso da Wotan perchè gli ebrei sono diversi dai vichinghi.

Non mi pare affatto di esagerare, devo ricordarti di nuovo

https://it.wikipedia.org/wiki/Storia_criminale_del_cristianesimo

? (Ed è solo una della tante religioni, anche se la maggiore)

Inoltre sull'origine delle religioni sono stati scritti libri, ed anche studi, uno mi pare di avertelo già citato

https://atei.forumattivo.com/t2160-ricerca-sull-origine-del-sentimento-religioso#32285

un'altra considerazione interessante, questa

L'uomo è forse l'unica specie animale che sa di dover morire.

la trovi qui

http://spazioinwind.libero.it/uaarverona/archivio/orig-relig/origine-religioni.htm

(ho verificato brevemente la fonte e sembra attendibile)

_________________
Ma cosa credi, che uno si sveglia una mattina e decide di lavorare in un carcere? Quella è gente perversa! (Vanessa Lutz)

che pensate degli agnostici? - Pagina 18 GhspXC7p_o



BRENTON TARRANT FOR PRESIDENT

Please do not feed the sasquatch.
Rasputin
Rasputin
..............
..............

Maschio Numero di messaggi : 56179
Età : 59
Località : Augusta vindelicorum
Occupazione/Hobby : Antinazismo non praticante, islamofobia attiva, agnosticomachia
SCALA DI DAWKINS :
che pensate degli agnostici? - Pagina 18 Left_bar_bleue70 / 7070 / 70che pensate degli agnostici? - Pagina 18 Right_bar_bleue

Data d'iscrizione : 28.10.09

Torna in alto Andare in basso

che pensate degli agnostici? - Pagina 18 Empty Re: che pensate degli agnostici?

Messaggio Da Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Torna in alto Andare in basso

Pagina 18 di 19 Precedente  1 ... 10 ... 17, 18, 19  Seguente

Torna in alto


 
Permessi in questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum.