Atei Italiani
Vuoi reagire a questo messaggio? Crea un account in pochi click o accedi per continuare.

Perle ai Porci

2 partecipanti

Andare in basso

Perle ai Porci Empty Perle ai Porci

Messaggio Da loonar Mer 25 Lug 2012 - 9:08

Un altro argomento in favore dell’esistenza di dio è quello che spesso viene chiamato argomento ontologico. Tra le sue tante versioni, consideriamo la semplice forma riportata di seguito:
Dio è l’essere con tutte le perfezioni.
Ma l’esistenza è una perfezione.
Quindi dio possiede l’esistenza.
In altre parole, dio esiste. Chi non si è mai imbattuto in questo ragionamento, ne potrà restare alquanto perplesso. Per cominciare, cos’è una perfezione? A grandi linee, una perfezione è qualcosa di simile all’onniscienza (conoscere tutto ciò che si può conoscere), all’onnipotenza (essere in grado di are tutto ciò che si può fare), all’essere moralmente perfetti (agire sempre nel miglior modo possibile). In generale, le perfezioni sono quelle proprietà che tutti vorremmo possedere.
Ora, la seconda premessa afferma che l’esistenza è una perfezione. Perché mai dovrebbe essere così? In effetti, è presumibile che la ragione alla base di questa premessa sia abbastanza complessa e le sue origini andrebbero rintracciate nel pensiero di Platone, uno dei pilastri della filosofia dell’antica Grecia, ma fortunatamente possiamo evitare di addentrarci in questo argomento.
È possibile, quindi, compilare una lista di proprietà (come l’onniscienza, l’onnipotenza, ecc.), includere tra queste anche l’esistenza e indicare con la parola “perfezione” una qualsiasi proprietà scelta tra quelle nella lista. Inoltre possiamo assumere che “dio” sia sinonimo si una particolare descrizione, ovvero: “l’essere che possiede tutte le perfezioni (cioè, le proprietà all’interno della lista)”. A questo punto, entrambe le premesse dell’argomento ontologico sono vere per definizione e non rappresentano più un problema. L’argomento si traduce quindi a una singola battuta:
L’oggetto che è onnisciente, onnipotente, moralmente perfetto, … ed esiste, esiste.
E si potrebbe aggiungere che è onnipotente, onnisciente, moralmente perfetto e così via. Sembra indiscutibilmente vero. Per rendere le cose ancora più evidenti, supponiamo di scrivere la lista delle proprietà di dio come P_1, P_2, … P_n, dove l’ultima, P_n, rappresenta l’esistenza. La definizione di “dio” è: /x(xP_1 &…& xP_n ) che possiamo indicare con y. La nostra singola battuta, quindi, diventa yP_1 &…& yP_n, da cui segue yP_n.
Questo è un caso particolare di una condizione più generale: ciò che soddisfa una determinata condizione, soddisfa quella medesima condizione. Abbiamo così espresso la formulazione del principio di caratterizzazione, secondo il quale un oggetto possiede quelle proprietà da cui è caratterizzato (in seguito si farà riferimento al principio tramite l’acronimo PC). La proposizione μU & μP, “il primo uomo a sbarcare sulla Luna è un uomo ed è stato il primo a sbarcare sulla Luna” è un esempio di applicazione del PC che abbiamo già incontrato. In generale, possiamo ottenere nuove applicazione del del PC ogni volta che, considerata una condizione c_x relativa a una descrizione /xc_x, sostituiamo a ogni occorrenza di x all’interno della condizione la descrizione /xc_x.
Il PC sembra proprio essere vero per definizione. È naturale che le cose siano in possesso di quelle proprietà dalle quali sono caratterizzate. Purtroppo, in generale il principio è falso: da esso seguono una serie di cose incontestabilmente inesatte.
Per cominciare, possiamo utilizzare il PC per dedurre l’esistenza di tutte quelle cose che non esistono davvero. Consideriamo gli interi non negativi: 0, 1, 2, 3 … Non c’è un numero intero più grande di tutti gli altri, tuttavia usando il PC possiamo dimostrarne l’esistenza. Sia c_x la condizione “x è il più grande numero intero & x esiste” e sia σ la descrizione /xc_x; il PC ci permette di scrivere “σ è il più grande numero intero, e σ esiste”. Le assurdità non finiscono qui. Consideriamo una persona non sposata, per esempio il papa, e dimostriamo che ha contratto matrimonio. Sia c_x la condizione “ X ha sposato il papa” e sia σ la descrizione /xc_x; tramite il PC possiamo scrivere “σ ha sposato il papa”. Quindi qualcuno ha sposato il papa, cioè il papa ha contratto matrimonio.
Cosa occorre dire in merito a tutto questo’ Ecco una tipica risposta moderna. Consideriamo la descrizione /xc_x. Se c’è un unico oggetto che soddisfa la condizione c_x all’interno di qualche situazione, allora possiamo dire che la descrizione si riferisce a quell’oggetto. In caso contrario, la descrizione non si riferisce a niente: rappresenta un “nome vuoto”.
Così, c’è un unico x, tale che x è un uomo e x è il primo ad essere sbarcato sulla Luna: tale x è Armstrong. Pertanto la descrizione “l’oggetto x tale che x è un uomo e x è il primo ad essere sbarcato sulla Luna” si riferisce ad Armstrong. Analogamente, c’è un unico intero non negativo che è più piccolo di tutti gli altri, ossia 0. Quindi la descrizione “l’oggetto che è il più piccolo numero intero” denota il valore 0. Poiché non esiste il numero intero più grande di tutti, la descrizione “l’oggetto che è il più grande numero intero” non può riferirsi ad alcun valore. Anche la descrizione “la città in Australia che ha più di un milione di abitanti” non trova corrispondenza in un riferimento oggettivo; in questo caso il motivo non è legato al fatto che non esiste una tale città, ma piuttosto che ne esistono diverse.
Che attinenza ha tutto questo con il PC? Ebbene, se c’è un unico oggetto che soddisfa c_x in qualche situazione, allora /xc_x si riferisce a quell’oggetto. Quindi l’istanza del PC che riguarda c_x è vera: /xc_x è uno degli oggetti – di fatto, l’unico oggetto – che soddisfa c_x. In particolare, il più piccolo numero intero è davvero il più piccolo numero intero e la capitale federale dell’Australia è davvero la capitale federale dell’Australia, ecc. pertanto, alcune istanze del PC sono valide.
Che cosa accade in mancanza di un singolo oggetto che soddisfi c_x? Se n è un nome e P è un predicato, la proposizione nP è vera se e solo se c’è un oggetto cui n si riferisce e che soddisfa la proprietà espressa da P. Quindi, se n non denota alcun oggetto, la proposizione nP deve essere falsa. Se non c’è uno (e uno solo) oggetto che soddisfi c_x (per esempio, se P indica “è un cavallo lato”), la proposizione (/xc_x )P è falsa. Come prevedibile, le istanze del PC che ricadono sotto queste condizioni possono risultare non valide.
Ritorniamo all’argomento ontologico e ricordiamo che in questo caso l’istanza del PC da prendere in considerazione è yP_1 &…& yP_n, dove y è la descrizione /x(xP_1 &…& xP_n ). Può esserci qualcosa che soddisfi yP_1 &…& yP_n oppure no. Nel primo caso, si deve trattare di un oggetto unico (non possono esserci due oggetti onnipotenti, altrimenti uno dei due potrebbe impedire all’altro di agire, impedendogli così di essere onnipotente), quindi y si riferisce ad esso, e yP_1 &…& yP_n risulta essere vera. Nel secondo caso, y non si riferisce a niente, ogni congiunto yP_1 &…& yP_n è falso ed è falsa, di conseguenza, l’intera serie di congiunzioni. In altre parole, l’istanza del PC utilizzata nell’argomento è vera fintantoché dio esiste, mentre risulta falsa se dio non esiste. Quindi, se si vuole asserire l’esistenza di dio, non si può semplicemente invocare questa istanza del PC: significherebbe presupporre ciò che in effetti si vuole dimostrare. I filosofi affermano che un argomento di questo tipo aggira la questione, cioè da per scontato esattamente ciò che è in discussione. È evidente che un argomento che aggira la questione non può essere efficace.
[Tale argomento corrisponde ad un ragionamento fallace che in logica è noto con il nome di petitio principii]

Fonte: Graham Priest, Logica, Codice Edizioni.

loonar
----------
----------

Maschio Numero di messaggi : 17345
SCALA DI DAWKINS :
Perle ai Porci Left_bar_bleue70 / 7070 / 70Perle ai Porci Right_bar_bleue

Data d'iscrizione : 10.03.11

Torna in alto Andare in basso

Perle ai Porci Empty Re: Perle ai Porci

Messaggio Da Tomhet Mer 25 Lug 2012 - 15:45

Che tristezza certi argomenti, questo se non sbaglio è pure l'argomento di un certo Godel diffidente

Tomhet
-----------
-----------

Maschio Numero di messaggi : 2659
SCALA DI DAWKINS :
Perle ai Porci Left_bar_bleue0 / 700 / 70Perle ai Porci Right_bar_bleue

Data d'iscrizione : 30.08.11

Torna in alto Andare in basso

Perle ai Porci Empty Re: Perle ai Porci

Messaggio Da loonar Mer 25 Lug 2012 - 16:08

Tomhet ha scritto:Che tristezza certi argomenti, questo se non sbaglio è pure l'argomento di un certo Godel diffidente
A me piace invece come descrive il processo logico fallace che sta dietro la petitio principi.

loonar
----------
----------

Maschio Numero di messaggi : 17345
SCALA DI DAWKINS :
Perle ai Porci Left_bar_bleue70 / 7070 / 70Perle ai Porci Right_bar_bleue

Data d'iscrizione : 10.03.11

Torna in alto Andare in basso

Perle ai Porci Empty Re: Perle ai Porci

Messaggio Da Tomhet Mer 25 Lug 2012 - 16:19

Si, come viene smentita è interessante, ma dico, un tizio come Godel, come può perdere tempo dietro a certi argomenti, spero che almeno si rendesse conto che prove del genere, basate su assunti solo logici e senza prove fisiche, sono piuttosto scarne.

Tomhet
-----------
-----------

Maschio Numero di messaggi : 2659
SCALA DI DAWKINS :
Perle ai Porci Left_bar_bleue0 / 700 / 70Perle ai Porci Right_bar_bleue

Data d'iscrizione : 30.08.11

Torna in alto Andare in basso

Perle ai Porci Empty Re: Perle ai Porci

Messaggio Da loonar Mer 25 Lug 2012 - 16:27

Tomhet ha scritto:Si, come viene smentita è interessante, ma dico, un tizio come Godel, come può perdere tempo dietro a certi argomenti, spero che almeno si rendesse conto che prove del genere, basate su assunti solo logici e senza prove fisiche, sono piuttosto scarne.
A me sembra che le prove sopra siano prese ad esempio di prove che non provano un cazzo. Corrigemi se sbalio!

loonar
----------
----------

Maschio Numero di messaggi : 17345
SCALA DI DAWKINS :
Perle ai Porci Left_bar_bleue70 / 7070 / 70Perle ai Porci Right_bar_bleue

Data d'iscrizione : 10.03.11

Torna in alto Andare in basso

Perle ai Porci Empty Re: Perle ai Porci

Messaggio Da Tomhet Mer 25 Lug 2012 - 16:45

Si, prove che non provano un cazzo, forse un "sostegno" per la loro fede.

Tomhet
-----------
-----------

Maschio Numero di messaggi : 2659
SCALA DI DAWKINS :
Perle ai Porci Left_bar_bleue0 / 700 / 70Perle ai Porci Right_bar_bleue

Data d'iscrizione : 30.08.11

Torna in alto Andare in basso

Perle ai Porci Empty Re: Perle ai Porci

Messaggio Da loonar Mer 25 Lug 2012 - 18:52

Tomhet ha scritto:Si, prove che non provano un cazzo, forse un "sostegno" per la loro fede.
A me è sembrata una semplice e lineare confutazione di un classico argomento fallace religioso.

loonar
----------
----------

Maschio Numero di messaggi : 17345
SCALA DI DAWKINS :
Perle ai Porci Left_bar_bleue70 / 7070 / 70Perle ai Porci Right_bar_bleue

Data d'iscrizione : 10.03.11

Torna in alto Andare in basso

Perle ai Porci Empty Re: Perle ai Porci

Messaggio Da Tomhet Mer 25 Lug 2012 - 18:53

E' a quello che mi riferisco, non alla confutazione mgreen

Tomhet
-----------
-----------

Maschio Numero di messaggi : 2659
SCALA DI DAWKINS :
Perle ai Porci Left_bar_bleue0 / 700 / 70Perle ai Porci Right_bar_bleue

Data d'iscrizione : 30.08.11

Torna in alto Andare in basso

Perle ai Porci Empty Re: Perle ai Porci

Messaggio Da Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Torna in alto Andare in basso

Torna in alto

- Argomenti simili

 
Permessi in questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum.