Atei Italiani
Vuoi reagire a questo messaggio? Crea un account in pochi click o accedi per continuare.

il mio ateismo

+10
ros79
*Valerio*
ateoindeciso
guitargeo
Kirbmarc
Cristiulì
Ludwig von Drake
Godless
davide
Comune mortale
14 partecipanti

Andare in basso

il mio ateismo Empty il mio ateismo

Messaggio Da Comune mortale Gio 20 Nov 2008 - 9:34

Il mio ateismo è qualcosa di viscerale. Se ne frega delle dimostrazioni o controdimostrazioni. Non viene fuori dai giri e rigiri dei ragionamenti, ma da qualcosa che è molto simile ad una presa di posizione. Senza se e senza ma. Anche se dio c'è il mio ateismo si moltiplicherebbe in modo esponenziale. Io non ci credo a prescindere dal fatto che dio possa esistere o meno. Se esiste io farei in modo che non esistesse. Il mio ateismo sa di cancellazzione. Di sabotaggio. Eppero poi mi chiedo quale potrebbe essere una prova della sua esistenza, per incominciare tale opera di sabotaggio. Non la trovo. E credo che non la trovero mai. Fino ad allora sono condannato ad essere un bravo ateo che si appoggia ai suoi soliti e solidi argomenti. :wall:

Certo non manchera chi mi fara notare la inconoscibilità della realtà. E dira per questo che noi non possiamo conoscere tutto. E che allora dio spunta fuori come un fungo in quei luoghi dove la ragione non arriva. E chi se ne frega e che giova ragionare in questi termini. Spiegatemi perche dio se puo tutto non appare come appare ora un tavolo o una sedia ? Gioca con me allora ? Non ditemi poi che dio non è un dio personale ma qualcosa che assomiglia alla natura ( dio sive natura del buon Spinoza ) o addirittura ( come qualcuno mi suggeriva ) ad una fantomatica struttura dell'universo. Non capisco un cavolo. Sta struttura poi farebbe miracoli ? Che e perchè la si chiama dio ?

da un bravo ateo .
Comune mortale
Comune mortale
-------------
-------------

Maschio Numero di messaggi : 523
Età : 69
Località : derry
Occupazione/Hobby : una laurea in filosofia ma faccio il cuoco
SCALA DI DAWKINS :
il mio ateismo Left_bar_bleue70 / 7070 / 70il mio ateismo Right_bar_bleue

Data d'iscrizione : 19.11.08

Torna in alto Andare in basso

il mio ateismo Empty Re: il mio ateismo

Messaggio Da davide Gio 20 Nov 2008 - 23:25

Posizione molto fideistica, la tua Royales cyclops

davide
-------------
-------------

Maschio Numero di messaggi : 11190
SCALA DI DAWKINS :
il mio ateismo Left_bar_bleue0 / 700 / 70il mio ateismo Right_bar_bleue

Data d'iscrizione : 15.11.08

Torna in alto Andare in basso

il mio ateismo Empty Re: il mio ateismo

Messaggio Da Comune mortale Ven 21 Nov 2008 - 8:23

davide ha scritto:Posizione molto fideistica, la tua Royales cyclops


perchè mi dici questo ?
Comune mortale
Comune mortale
-------------
-------------

Maschio Numero di messaggi : 523
Età : 69
Località : derry
Occupazione/Hobby : una laurea in filosofia ma faccio il cuoco
SCALA DI DAWKINS :
il mio ateismo Left_bar_bleue70 / 7070 / 70il mio ateismo Right_bar_bleue

Data d'iscrizione : 19.11.08

Torna in alto Andare in basso

il mio ateismo Empty Re: il mio ateismo

Messaggio Da davide Ven 21 Nov 2008 - 23:09

Comune mortale ha scritto:Il mio ateismo è qualcosa di viscerale. Se ne frega delle dimostrazioni o controdimostrazioni. Non viene fuori dai giri e rigiri dei ragionamenti, ma da qualcosa che è molto simile ad una presa di posizione. Senza se e senza ma. Anche se dio c'è il mio ateismo si moltiplicherebbe in modo esponenziale.
Quello che hai descritto è esattamente la posizione dei credenti, quelli che non vogliono sentire ragioni. Come dicevo, posizione molto fideistica.

davide
-------------
-------------

Maschio Numero di messaggi : 11190
SCALA DI DAWKINS :
il mio ateismo Left_bar_bleue0 / 700 / 70il mio ateismo Right_bar_bleue

Data d'iscrizione : 15.11.08

Torna in alto Andare in basso

il mio ateismo Empty Re: il mio ateismo

Messaggio Da Godless Sab 22 Nov 2008 - 1:18

Quello che hai descritto è esattamente la posizione dei credenti, quelli che non vogliono sentire ragioni. Come dicevo, posizione molto fideistica.

sono d'accordo.

C. mortale, il tuo è una sorta di "Ateismo per fede", o sbaglio?
Godless
Godless
-------------
-------------

Maschio Numero di messaggi : 112
Località : Livorno
Occupazione/Hobby : Studente, musicista, coltivatore del Pensiero Critico...
SCALA DI DAWKINS :
il mio ateismo Left_bar_bleue69 / 7069 / 70il mio ateismo Right_bar_bleue

Data d'iscrizione : 19.11.08

Torna in alto Andare in basso

il mio ateismo Empty Re: il mio ateismo

Messaggio Da Comune mortale Sab 22 Nov 2008 - 10:48

Avete ragione, sembro uno crede nella non esistenza di dio. Eppero poi a volte mi chiedo come cavolo faccio con chi mi dice che io nn posso dimostrare conclusivamente la non esistenza di dio ? O cmq non posso escludere che dio non esista ? Devo fregarmene solo ? Dietemi voi.
Comune mortale
Comune mortale
-------------
-------------

Maschio Numero di messaggi : 523
Età : 69
Località : derry
Occupazione/Hobby : una laurea in filosofia ma faccio il cuoco
SCALA DI DAWKINS :
il mio ateismo Left_bar_bleue70 / 7070 / 70il mio ateismo Right_bar_bleue

Data d'iscrizione : 19.11.08

Torna in alto Andare in basso

il mio ateismo Empty Re: il mio ateismo

Messaggio Da Ospite Sab 22 Nov 2008 - 12:02

Io, invece, non credo esista Dio perché la sua esistenza è, alla luce delle attuali conoscenze dell'universo, estremamente improbabile. Nel momento in cui venisse dimostrata l'esistenza di Dio, non potrei che ammettere di essermi sbagliato. Però rimarrei "antireligioso", nel senso che, pur ammettendo l'esistenza di Dio, non mi sottometterei al suo volere, non lo adorerei, preferendo rimanere "fedele" alla mia coscienza e alla ragione.

Ospite
Ospite


Torna in alto Andare in basso

il mio ateismo Empty Re: il mio ateismo

Messaggio Da davide Sab 22 Nov 2008 - 23:35

Comune mortale ha scritto:Avete ragione, sembro uno crede nella non esistenza di dio. Eppero poi a volte mi chiedo come cavolo faccio con chi mi dice che io nn posso dimostrare conclusivamente la non esistenza di dio ? O cmq non posso escludere che dio non esista ? Devo fregarmene solo ? Dietemi voi.
Gli rispondi che se lui crede in qualcosa la cui esistenza è tutt'altro che certa, è lui ad avere l'onere della prova (ovviamente, cagate tipo i vangeli o i miracoli non sono assolutamente prove valide!). Aggiungigli poi che tu non puoi dimostrare l'inesistenza di dio così come non puoi dimostrare l'inesistenza di fate, streghe, bigfoot e quant'altro... Per finire, fregatene cmq wink..

davide
-------------
-------------

Maschio Numero di messaggi : 11190
SCALA DI DAWKINS :
il mio ateismo Left_bar_bleue0 / 700 / 70il mio ateismo Right_bar_bleue

Data d'iscrizione : 15.11.08

Torna in alto Andare in basso

il mio ateismo Empty Re: il mio ateismo

Messaggio Da Ludwig von Drake Lun 24 Nov 2008 - 10:41

Comune mortale ha scritto:Avete ragione, sembro uno crede nella non esistenza di dio. Eppero poi a volte mi chiedo come cavolo faccio con chi mi dice che io nn posso dimostrare conclusivamente la non esistenza di dio ? O cmq non posso escludere che dio non esista ? Devo fregarmene solo ? Dietemi voi.
Io credo che tu non debba pensare "che risposta devo dare a chi mi dice questo", in questa maniera, permettimi, mi dài l'impressione di qualcuno che gioca a scacchi e chiede un suggerimento.

Piuttosto, se c'è una domanda a cui non sai dare risposta, credo sarebbe più corretto far sì che il dubbio entri in te e iniziare a dare una rispsota a te.

Una volta che il dubbio si è instaurato in te, vedi se questo testo di Asimov può risultarti utile (non lo prendere, tuttavia, come il suggerimento utile per la prossima mossa):


Penso che nessuno di noi si aspetti davvero di spazzar via una volta per tutte le credenze pseudoscientifiche.

Come lo potremmo, dato che tali credenze offrono agli uomini calore e conforto? Chi prova gioia al pensiero di morire o di veder morire una persona amata? Come si può biasimare chi si convinca che esistono cose come la vita eterna e la possibilità di ritrovarsi in condizioni di gioia perpetua con gli esseri amati? Chi si trova a proprio agio con la precarietà quotidiana della vita che in qualsiasi momento può riservarci le più traumatiche sorprese? E come dunque potremmo biasimare chi cerchi di premunirsi contro l’imprevisto illudendosi di leggere il futuro nelle posizioni dei pianeti, nelle combinazioni dei tarocchi, o nei disegni dei fondi di caffè o nel contenuto dei sogni? Si esamini qualsiasi tipo di pseudoscienza, e vi si troverà la coperta di Linus, il pollice da succhiare, la sottana cui aggrapparsi. E noi che cosa possiamo offrire in cambio? Dubbi e incertezze!

Per noi abitatori di un mondo razionale, è motivo di forza il capire, è gloria e soddisfazione intendere là dove la conoscenza non è ancora giunta; c’è bellezza persino nei più imperscrutabili misteri, quando essi costituiscano almeno una sfida «onorevole» per quei meccanismi del pensiero che sono contenuti nei quattordici ettogrammi del nostro cervello: misteri che si arrenderanno lealmente all’acuta osservazione e alla sottile analisi, purché l’osservazione sia sufficientemente acuta e l’analisi sufficientemente sottile.

Tuttavia c’è in questo un curioso paradosso, che mi procura una sorta di gioia sardonica. Noi razionalisti sembriamo sposati all’incertezza. Noi sappiamo che le nostre conclusioni, fondate come devono essere su prove razionali, sono sempre e necessariamente provvisorie. L’emergere di nuovi fatti o la scoperta di qualche errore celato nelle vecchie prove potrebbero rovesciare d’un tratto una conclusione da tempo consolidata, per quanto cara essa ci sia.

Ciò accade perché una sola è la nostra certezza e questa non si fonda sulle conclusioni raggiunte, ma sul metodo col quale le abbiamo raggiunte e, quando necessario, modificate. La nostra certezza insomma, si fonda sul metodo scientifico e sull’impostazione razionale della ricerca.

I cultori dell’irrazionale, che per brevità chiameremo fideisti, si aggrappano invece alle conclusioni con una tenacia tritatutto. Essi non hanno prove degne di questo nome. Lo strumento a loro disposizione che più si avvicina a un metodo per giungere a qualche conclusione consiste nell’accoglimento passivo di giudizi, da loro considerati autorevoli. Perciò, una volta conquistata una credenza - e soprattutto una credenza rassicurante - essi non hanno atra alternativa che conservarla e difenderla a tutti i costi.

Quando noi modifichiamo una conclusione, lo facciamo perché ne abbiamo elaborato una migliore e dunque lo facciamo con gioia, o magari con rassegnazione, se la vecchia teoria ci era particolarmente cara.

Di fronte alla prospettiva di dover abbandonare una credenza i fideisti si rendono invece conto di non avere un metodo per formularne un’altra e di non poterla pertanto sostituire se non con il vuoto. Per loro, quindi, è quasi impossibile lasciar cadere una credenza e, se voi tentate di sottolineare che essa è contraria alla logica e alla ragione, essi si rifiutano di ascoltare e tendono piuttosto a pretendere che voi veniate ridotti al silenzio.

Fallito ogni tentativo di giungere a una conclusione valida costoro si rivolgono ad altri, nella perenne ricerca di dichiarazioni autorevoli: le uniche atte a metterli (temporaneamente) a loro agio.

Spesso mi vengono rivolte domande di questo tipo: «Dottor Asimov, lei è uno scienziato: mi dica, che cosa pensa della trasmigrazione delle anime?» …o della vita ultraterrena o degli UFO o dell’astrologia o di altre cose analoghe. Costoro desiderano, in verità, che io li rassicuri, dicendo che gli scienziati sono riusciti a dare un fondamento razionale alle loro credenze e si sono resi conto, e forse l’hanno sempre saputo, che in esse c’è qualcosa di vero.

Grande è la tentazione di rispondere che, come scienziato, vedo nelle loro domande un insieme esplosivo di cretinerie; ma questa risposta sarebbe solo un altro tipo di dichiarazione autorevole: una dichiarazione, fra l’altro, che essi non accetterebbero mai e che servirebbe solo ad attirarci il loro odio. Rispondo dunque invariabilmente: «temo di non conoscere la minima prova scientifica atta a convalidare la credenza nella metempsicosi» …o in qualsiasi altra credenza d’origine pseudoscientifica. Delle mie risposte, certo, costoro non sono soddisfatti, ma io non ho altra scelta a meno che non riescano a fornirmi prove scientifiche attendibili: ciò che essi non sono mai in grado di fare. Non è escluso, del resto, che la mia osservazione faccia nascere nelle loro menti un piccolo germoglio di dubbio: e niente e più pericoloso di un’ombra di dubbio per una credenza irrazionale.

Forse questa è la ragione per cui un fideista, quanto più è «sicuro» delle proprie opinioni, tanto più s’infuria nei confronti di chi esprime un’opinione diversa dalla sua.

I più deliranti fideisti sono i creazionisti, convinti che il creazionismo sia verità assoluta, comunicata da Dio tramite la Bibbia. E quale fonte mai sarebbe più autorevole di questa? Di tanto in tanto ricevo lettere di fuoco, piene di insulti e di violente accuse, scritte da qualche creazionista. E mi viene la tentazione di rispondere in questi termini: «caro amico, sicuramente lei sa di essere nel giusto e sa che io ho torto, perché Dio glielo ha detto. Con altrettanta sicurezza, saprà anche che lei andrà in Paradiso e io andrò all’Inferno, perché Dio le avrà detto anche questo. Considerato quindi che io andrò all’Inferno, dove soffrirò inimmaginabili tormenti per tutta l’eternità, non trova sciocco coprirmi di insulti? Quanto dolore pensa che il suo sfogo rabbioso possa aggiungere alla punizione infinita che mi aspetta? O forse lei è tormentato da qualche incertezza e teme che Dio possa mentirle e ritiene di sentirsi meglio infliggendomi di persona alcune torture aggiuntive (nel caso dannato ch’Egli menta), magari bruciandomi sul rogo, come avrebbe potuto fare nei bei tempi andati, quando i creazionisti dominavano la società?».

Tuttavia non scrivo mai lettere di questo tenore: mi limito a sorridere e a strappare le lettere d’insulti che ricevo.

Ma allora non c’è nulla contro cui combattere? Dobbiamo solo alzare le spalle e dire che i fideisti ci saranno sempre e che noi dobbiamo tranquillamente ignorarli e procedere per la nostra strada? No! Assolutamente no! C’è sempre una nuova generazione che sta crescendo. Ogni bambino, ogni nuovo cervello è un terreno in cui la razionalità può essere fatta germogliare. Dobbiamo quindi proporre il punto di vista della ragione, non per la speranza di ricostruire il deserto delle menti distrutte e bloccate nella ruggine - impresa, questa, quasi impossibile - ma per educare e formare nuove e fertili menti. E dobbiamo inoltre contrastare ogni tentativo messo in atto dai fideisti e dagli irrazionalisti per ottenere l’appoggio e il sostegno dello Stato. Noi non possiamo essere sconfitti con argomenti razionali e i fideisti, comunque, non sanno usare l’arma della ragione, ma possiamo essere sconfitti (solo temporaneamente, comunque), dallo strizzapollici, dalla gogna o dagli equivalenti attuali di questi strumenti di tortura.

Contro questa eventualità noi debbiamo combattere sino alla morte.
Ludwig von Drake
Ludwig von Drake
-------------
-------------

Maschio Numero di messaggi : 4721
SCALA DI DAWKINS :
il mio ateismo Left_bar_bleue0 / 700 / 70il mio ateismo Right_bar_bleue

Data d'iscrizione : 19.11.08

Torna in alto Andare in basso

il mio ateismo Empty Re: il mio ateismo

Messaggio Da Ospite Lun 24 Nov 2008 - 15:20

...
Bella citazione, e GRANDE Asimov, caro Luis!.
Io lo conosco da tanto di quel tempo che quasi quasi mi fa rabbia doverlo ammettere: lo leggevo da quando, io adolescente, scriveva romanzi di SF e ne leggevo le traduzioni sulla celeberrima "Urania"...
Ed è certo passata troppa acqua sotto i ponti, azzz!!!
...

Ospite
Ospite


Torna in alto Andare in basso

il mio ateismo Empty Re: il mio ateismo

Messaggio Da Comune mortale Mar 25 Nov 2008 - 9:14

Quindi Luis non dobbiamo permettere che l'irrazionale prolifichi e conquisti le istituzioni nella societa ? E cosi ? Per me cosi si tratta l'irrazionale come una specie di malattia incurabile. Come una specie di tumore che puo solo essere asportato chirurgicamente. Mi pare una visione molto rinunciataria. Nel senso che so che il fideista non ragiona e allora mi preoccupo di non farlo proliferare nella mia societa. E' discriminante alla radice. Mi pare ripeto. Io penso che lla fine c'è sempre qualcuno che si avveda.
Comune mortale
Comune mortale
-------------
-------------

Maschio Numero di messaggi : 523
Età : 69
Località : derry
Occupazione/Hobby : una laurea in filosofia ma faccio il cuoco
SCALA DI DAWKINS :
il mio ateismo Left_bar_bleue70 / 7070 / 70il mio ateismo Right_bar_bleue

Data d'iscrizione : 19.11.08

Torna in alto Andare in basso

il mio ateismo Empty Re: il mio ateismo

Messaggio Da Ludwig von Drake Mer 26 Nov 2008 - 10:27

Comune mortale ha scritto:(...) Io penso che alla fine c'è sempre qualcuno che si avveda.
Dobbiamo quindi proporre il punto di vista della ragione, non per la speranza di ricostruire il deserto delle menti distrutte e bloccate nella ruggine - impresa, questa, quasi impossibile - ma per educare e formare nuove e fertili menti. E dobbiamo inoltre contrastare ogni tentativo messo in atto dai fideisti e dagli irrazionalisti per ottenere l’appoggio e il sostegno dello Stato.

Non credo il quasi di Asimov sia casuale.
Ludwig von Drake
Ludwig von Drake
-------------
-------------

Maschio Numero di messaggi : 4721
SCALA DI DAWKINS :
il mio ateismo Left_bar_bleue0 / 700 / 70il mio ateismo Right_bar_bleue

Data d'iscrizione : 19.11.08

Torna in alto Andare in basso

il mio ateismo Empty Re: il mio ateismo

Messaggio Da Cristiulì Gio 27 Nov 2008 - 19:19

Io per onestà intellettuale, se vedessi dio ci crederei...
il fatto di piacermi oppure no, è un altro discorso, ma negare l'evidenza è tipico dei credenti.
sarebbe come negare il sole nonostante lo si veda.
però penso non mi piacerebbe, visto che non dimostra tutto questo interesse per noi! quote
Cristiulì
Cristiulì
------------
------------

Maschio Numero di messaggi : 31
Località : Novara
SCALA DI DAWKINS :
il mio ateismo Left_bar_bleue70 / 7070 / 70il mio ateismo Right_bar_bleue

Data d'iscrizione : 21.11.08

Torna in alto Andare in basso

il mio ateismo Empty Re: il mio ateismo

Messaggio Da Ludwig von Drake Ven 28 Nov 2008 - 9:17

Cristiulì ha scritto:Io per onestà intellettuale, se vedessi dio ci crederei...
il fatto di piacermi oppure no, è un altro discorso, ma negare l'evidenza è tipico dei credenti.
sarebbe come negare il sole nonostante lo si veda.
però penso non mi piacerebbe, visto che non dimostra tutto questo interesse per noi! quote
Io, per onestà, ho attraversato un periodo in cui la notte prima di dormire, impaurito dall'idea della morte, chiedevo un segno, uno soltanto per credere. Un segno: eppure non mi è mai giunto.

Questa, tuttavia, non è la motivazione unica del mio ateismo, è solo una delle prime pietre che si è poggiata, quando ancora non mi rendevo conto dell'architettura che si andava formando.
Ludwig von Drake
Ludwig von Drake
-------------
-------------

Maschio Numero di messaggi : 4721
SCALA DI DAWKINS :
il mio ateismo Left_bar_bleue0 / 700 / 70il mio ateismo Right_bar_bleue

Data d'iscrizione : 19.11.08

Torna in alto Andare in basso

il mio ateismo Empty Re: il mio ateismo

Messaggio Da Ospite Ven 28 Nov 2008 - 9:35

LUIS ha scritto:
Comune mortale ha scritto:(...) Io penso che alla fine c'è sempre qualcuno che si avveda.
Dobbiamo quindi proporre il punto di vista della ragione, non per la speranza di ricostruire il deserto delle menti distrutte e bloccate nella ruggine - impresa, questa, quasi impossibile - ma per educare e formare nuove e fertili menti. E dobbiamo inoltre contrastare ogni tentativo messo in atto dai fideisti e dagli irrazionalisti per ottenere l’appoggio e il sostegno dello Stato.

Non credo il quasi di Asimov sia casuale
.
...
Condivido anch'io l'idea che sia meglio puntare sulle giovani menti piuttosto che tentare di togliere la ruggine da quelle ormai irretite e compromesse dalle consuetutini consolidate (questo "meglio" compensa quel "quasi"...).
E, naturalmente, mi trovo perfettamente allineato nell'idèa di contrastare con ogni mezzo i vari tentativi -costantemente reiterati (specie con certe logiche e scelte politiche!)- di ottenere l'assenso delle istituzioni, foss'anche velato o celato dietro apparenti ingenuità.
E' per questo che molto spesso divento un po'... drastico!
...

Ospite
Ospite


Torna in alto Andare in basso

il mio ateismo Empty Re: il mio ateismo

Messaggio Da Kirbmarc Sab 20 Dic 2008 - 3:18

Tuttavia non scrivo mai lettere di questo tenore: mi limito a sorridere e a strappare le lettere d’insulti che ricevo.

Credo di essere più cattivo di Asimov: più di una volta ho usato lo stesso argmento della sua "lettera immaginaria" discutendo con varii credenti.

Kirbmarc
-------------
-------------

Numero di messaggi : 65
SCALA DI DAWKINS :
il mio ateismo Left_bar_bleue66 / 7066 / 70il mio ateismo Right_bar_bleue

Data d'iscrizione : 20.12.08

Torna in alto Andare in basso

il mio ateismo Empty Re: il mio ateismo

Messaggio Da guitargeo Gio 25 Dic 2008 - 2:44

Un Dio per essere riconosciuto come tale deve rispecchiare il nostro Io, unico metro di paragone...non per niente esso suona anche come D'io:-) Solo così è possibile distinguerlo. Il problema è che il nostro Io è dinamico, si evolve, sia nella nostra vita, che con le generazioni. La consapevolezza cambia, cresce. Non per niente si comincia a considerare Uomo la scimmia antropomorfa che comincia a seppellire i defunti, come prova della sua consapevolezza. Pertanto se scoprissimo Dio oggi, un domani, i nostri discendenti lo considerebbero mediocre, così come noi consideriamo mediocre talvolta il Dio dei nostri avi. Pertanto, se Dio esistesse dovrebbe rispecchiare il nostro Io futuro, quello estremo inimmaginabile. Molto al di là dei nostri bisogni, irrangiungibile. Quindi perché affannarsi cercando un'entità che può essere riconosciuta solo nella sua similitudine con il nostro Io, quando possiamo semplicemente indagare su noi stessi?!

guitargeo
-------------
-------------

Numero di messaggi : 64
SCALA DI DAWKINS :
il mio ateismo Left_bar_bleue0 / 700 / 70il mio ateismo Right_bar_bleue

Data d'iscrizione : 19.12.08

Torna in alto Andare in basso

il mio ateismo Empty Re: il mio ateismo

Messaggio Da ateoindeciso Gio 25 Dic 2008 - 20:35

guitargeo ha scritto:Un Dio per essere riconosciuto come tale deve rispecchiare il nostro Io, unico metro di paragone...non per niente esso suona anche come D'io:-) Solo così è possibile distinguerlo. Il problema è che il nostro Io è dinamico, si evolve, sia nella nostra vita, che con le generazioni. La consapevolezza cambia, cresce. Non per niente si comincia a considerare Uomo la scimmia antropomorfa che comincia a seppellire i defunti, come prova della sua consapevolezza. Pertanto se scoprissimo Dio oggi, un domani, i nostri discendenti lo considerebbero mediocre, così come noi consideriamo mediocre talvolta il Dio dei nostri avi. Pertanto, se Dio esistesse dovrebbe rispecchiare il nostro Io futuro, quello estremo inimmaginabile. Molto al di là dei nostri bisogni, irrangiungibile. Quindi perché affannarsi cercando un'entità che può essere riconosciuta solo nella sua similitudine con il nostro Io, quando possiamo semplicemente indagare su noi stessi?!

il tuo ragionamento non fa una grinza, solo la premessa è discutibile. un dio che rispecchi il nostro io non è nient'altro che il dio del paganesimo: e così a personalità differenti corrispondevano dei differenti, e lo stesso in tempi diversi

poi scusa, ma se un dio ha bisogno d'essere riconosciuto da noi, che dio è? non sarebbe proprio onnipotente...

ateoindeciso
------------
------------

Numero di messaggi : 43
SCALA DI DAWKINS :
il mio ateismo Left_bar_bleue0 / 700 / 70il mio ateismo Right_bar_bleue

Data d'iscrizione : 21.12.08

Torna in alto Andare in basso

il mio ateismo Empty Re: il mio ateismo

Messaggio Da Ludwig von Drake Dom 28 Dic 2008 - 19:55

ateoindeciso ha scritto:il tuo ragionamento non fa una grinza, solo la premessa è discutibile. un dio che rispecchi il nostro io non è nient'altro che il dio del paganesimo: e così a personalità differenti corrispondevano dei differenti, e lo stesso in tempi diversi
Difatti, basta correggere "del paganesimo, dell'ebraismo o delle altre religioni" e anche il tuo discorso non fa una grinza.
ateoindeciso ha scritto:poi scusa, ma se un dio ha bisogno d'essere riconosciuto da noi, che dio è? non sarebbe proprio onnipotente...
Sono gli uomini che per crearlo hanno bisogno di riconoscerlo.
Ludwig von Drake
Ludwig von Drake
-------------
-------------

Maschio Numero di messaggi : 4721
SCALA DI DAWKINS :
il mio ateismo Left_bar_bleue0 / 700 / 70il mio ateismo Right_bar_bleue

Data d'iscrizione : 19.11.08

Torna in alto Andare in basso

il mio ateismo Empty Re: il mio ateismo

Messaggio Da Ospite Lun 29 Dic 2008 - 0:59

Si sa che la fede in qualcosa aiuta a vivere, attenua l'angoscia che si ha di fronte all'universo e alla morte. Non capisco sinceramente la smania degli altri atei di voler "convertire" i credenti, ma, in ogni caso, per riuscirvi essi non dovranno partire da motivazioni razionali ma dare da ateo un senso positivo alla vita e alla morte che possa sostituire la fede.

Ospite
Ospite


Torna in alto Andare in basso

il mio ateismo Empty Re: il mio ateismo

Messaggio Da Ospite Lun 29 Dic 2008 - 10:16

ateainpacecolmondo ha scritto:Si sa che la fede in qualcosa aiuta a vivere, attenua l'angoscia che si ha di fronte all'universo e alla morte. Non capisco sinceramente la smania degli altri atei di voler "convertire" i credenti, ma, in ogni caso, per riuscirvi essi non dovranno partire da motivazioni razionali ma dare da ateo un senso positivo alla vita e alla morte che possa sostituire la fede.
...
Quello che dici mi sembra in effetti alquanto strano.
Che la fede possa aiutare ad affrontare meglio i "lati oscuri" dei misteri che circondano l'uomo, sarà pure vero (anche se personalmente preferisco indagarli, i misteri, piuttosto che rifugiarmi dietro pie illusioni!), ma che siano gli atei a voler "convertire" i credenti, non mi risulta proprio!
Da sempre è stato il contrario. Agli atei interessa poco o nulla di convincere il credente all'inesistenza di un dio, o il portarlo alla sua causa. Sono sempre e solo i credenti -più o meno camuffati da "indecisi", o "critici"- a voler convincere l'ateo dell'esistenza del sovrannaturale. E' un loro preciso compito, una specie di "missione" cui non possono rinunciare poiché pensano che solo nell'ambito della credenza in una fede (la loro!) un uomo possa vivere a pieno titolo!
Per gli atei -quelli veri!- che un'altra persona creda o meno nel sovrannaturale è del tutto insignificante: loro pongono il rispetto per l'uomo e per la natura al centro del loro universo, non entità immaginarie, astratte, cui portare nuovi affiliati!
E, proprio per questo, l'unico modo di essere atei è dare un reale senso alla vita (QUESTA vita, non quella presunta "ultraterrena"!) né hanno bisogno di sostituire alcuna fede.
Mi viene il piccolo dubbio che tu abbia ancora qualche idèa poco chiara, circa il significato di "ateismo"... Bàh, vedremo in seguito.
...

Ospite
Ospite


Torna in alto Andare in basso

il mio ateismo Empty Re: il mio ateismo

Messaggio Da *Valerio* Lun 29 Dic 2008 - 10:52

ateainpacecolmondo ha scritto:Si sa che la fede in qualcosa aiuta a vivere, attenua l'angoscia che si ha di fronte all'universo e alla morte. Non capisco sinceramente la smania degli altri atei di voler "convertire" i credenti, ma, in ogni caso, per riuscirvi essi non dovranno partire da motivazioni razionali ma dare da ateo un senso positivo alla vita e alla morte che possa sostituire la fede.

thinkthank

Come gia' esposto chiaramente da Pischello,la conversione e' una prerogativa del credente rispetto all'ateo,del resto quest'ultimo non ha ricevuto nessun rac-comandamento in merito!

Ma se cosi' fosse:
Mi spieghi la frase "per riuscirvi essi non dovranno partire da motivazioni razionali " ???
L'ateo si serve della ragione per spiegare e motivare,quale altra "arma" dovrebbe-potrebbe usare secondo te? confused

_________________
La vita è incontrarsi e illuminare il buio
il mio ateismo Bs19011

*Valerio*
-------------
-------------

Maschio Numero di messaggi : 6928
Età : 49
Località : Bologna
Occupazione/Hobby : Pc-barbecue-divano-gnocca
SCALA DI DAWKINS :
il mio ateismo Left_bar_bleue69 / 7069 / 70il mio ateismo Right_bar_bleue

Data d'iscrizione : 15.11.08

Torna in alto Andare in basso

il mio ateismo Empty Re: il mio ateismo

Messaggio Da davide Lun 29 Dic 2008 - 12:42

ateainpacecolmondo ha scritto:Si sa che la fede in qualcosa aiuta a vivere, attenua l'angoscia che si ha di fronte all'universo e alla morte. Non capisco sinceramente la smania degli altri atei di voler "convertire" i credenti, ma, in ogni caso, per riuscirvi essi non dovranno partire da motivazioni razionali ma dare da ateo un senso positivo alla vita e alla morte che possa sostituire la fede.
thinkthank thinkthank thinkthank

davide
-------------
-------------

Maschio Numero di messaggi : 11190
SCALA DI DAWKINS :
il mio ateismo Left_bar_bleue0 / 700 / 70il mio ateismo Right_bar_bleue

Data d'iscrizione : 15.11.08

Torna in alto Andare in basso

il mio ateismo Empty Re: il mio ateismo

Messaggio Da ros79 Lun 29 Dic 2008 - 14:16

ateainpacecolmondo ha scritto:Si sa che la fede in qualcosa aiuta a vivere, attenua l'angoscia che si ha di fronte all'universo e alla morte. Non capisco sinceramente la smania degli altri atei di voler "convertire" i credenti, ma, in ogni caso, per riuscirvi essi non dovranno partire da motivazioni razionali ma dare da ateo un senso positivo alla vita e alla morte che possa sostituire la fede.
io non credo che essere atei sia una missione, sono i credenti che professano. non credo che un ateo debba dare delle motivazioni ad un credente per "convertirlo" ad ateo. la vita è questa che piaccia o no. se le persone per dare un senso alla loro vita devono usare le religioni facciano pure, il problema è loro che credono in cose inventate dall'uomo stesso, è che purtroppo tante volte in nome di questo credo si ci ammazza, questo è uno dei motivi per cui sarebbe meglio una umanità atea, ma purtroppo il peso della morte è troppo.

ros79
-----------
-----------

Femmina Numero di messaggi : 1139
Età : 42
SCALA DI DAWKINS :
il mio ateismo Left_bar_bleue70 / 7070 / 70il mio ateismo Right_bar_bleue

Data d'iscrizione : 12.11.08

Torna in alto Andare in basso

il mio ateismo Empty Re: il mio ateismo

Messaggio Da Clint Lun 29 Dic 2008 - 15:46

C'è una sola cosa che non sopporto. Non ci riesco. Non mi fa dormire la notte.
Comune mortale, ERRI, pischello, ecc, vorrei leggere il vostro parere in merito a un aspetto specifico riguardante i veggenti di Medjugorje.

I veggenti dicono che fra qualche anno (per forza fra qualche anno dato che padre Livio, o comunque padre Petar, dovrà essere vivo, dunque... mgreen ) ci sarà un segno (che uscirà dal terreno) sulla collina del Podbrdo, chiaramente divino, che resterà per sempre. Chi si convertirà prima del segno è ok, ma dopo...non ci si potrà più convertire lookaround (a me francamente il terrorismo psicologico che ho subito da bambino credo mi possa bastare e avanzare anche per quando sarò vecchio e rimpinzato di viagra mgreen )
Insomma, d'accordo i testimoni di geova e le loro predizioni, ma qui parliamo di qualcosa di più..."consistente". Non si tratta di un paio di imbecilli Geovisti mgreen e di un'ipotesi buttata là.
Cioè, quello che non capisco è: come possono fregarsi in questo modo? Il segno non verrà, i veggenti non saranno più credibili, io potrò dormire la notte! balla

No. Secondo me non è così facile...il segno verrà... pianto2 pianto2 pianto2

O no?

:wall: :wall: :wall: :wall: :wall: :wall: :wall: :wall: :wall: :wall: :wall: :wall: :wall: :wall: :wall: :wall: :wall: :wall: :wall: :wall: :wall: :wall: :wall: :wall: :wall: :wall: :wall: :wall: :wall: :wall: :wall: :wall: :wall: :wall: :wall: :wall: :wall: :wall: :wall: :wall: :wall:
Messori (che complessivamente apprezzo) dice tanto che i veggenti i miracoli e quant'altro tutto sommato non contano per portare la genete ad avere fede... censored

Ad ogni modo almeno Comune mortale per ora dormirà tranquillo (perlomeno così ho potuto intuire dal messaggio di apertura del topic mgreen ).


Ultima modifica di Jmy il Mar 30 Dic 2008 - 13:47 - modificato 1 volta.

Clint
-------------
-------------

Maschio Numero di messaggi : 100
SCALA DI DAWKINS :
il mio ateismo Left_bar_bleue69 / 7069 / 70il mio ateismo Right_bar_bleue

Data d'iscrizione : 17.11.08

Torna in alto Andare in basso

il mio ateismo Empty Re: il mio ateismo

Messaggio Da Libero Lun 29 Dic 2008 - 16:37

ateainpacecolmondo ha scritto: per riuscirvi essi non dovranno partire da motivazioni razionali ma dare da ateo un senso positivo alla vita e alla morte che possa sostituire la fede.

Si tratta in pratica di riempire quel vuoto che sentiamo pressochè tutti, quando la nostra vita sfocia nella piu totale insignificanza. Credo che ognuno quel vuoto se lo riempa un po come vuole, soprattutto se ateo. Il vantaggio della religione in questo caso è quello di dare un senso continuo alla vita, un senso che non muore mai. Difficile trovare qualcosaltro di altrettanto efficace se non un ' altra bufala.

Mi è tornata in mente una frase di un prete durante un funerale al quale ho assistito. Mi rimbomba ancora nelle orecchie. Testuali parole "Voi che vi affidate ai vostri cari, non capite che nulla di tutto cio è eterno, solo Dio lo è e solo lui sara sempre con voi".

Tralasciando che se io fossi stato parente di quella persona gli avrei fatto strisciare il muso per 100 volte sui gradini della chiesa. Ma mi sembra chiaro dove questa frase voglia andare a parare.

Libero
-------------
-------------

Maschio Numero di messaggi : 168
Età : 43
Località : Livorno
SCALA DI DAWKINS :
il mio ateismo Left_bar_bleue67 / 7067 / 70il mio ateismo Right_bar_bleue

Data d'iscrizione : 17.11.08

Torna in alto Andare in basso

il mio ateismo Empty Re: il mio ateismo

Messaggio Da Libero Lun 29 Dic 2008 - 16:49

Jmy ha scritto:C'è una sola cosa che non sopporto. Non ci riesco. Non mi fa dormire la notte.
Comune mortale, ERRI, pischello, ecc, vorrei leggere il vostro parere in merito a un aspetto specifico riguardante i veggenti di Medjugorje.

I veggenti dicono che fra qualche anno (per forza fra qualche anno dato che padre Livio, o comunque padre Petar, dovrà essere vivo, dunque... mgreen ) ci sarà un segno (che uscirà dal terreno) sulla collina del Podbrdo, chiaramente divino, che resterà per sempre. Chi si convertirà prima del segno è ok, ma dopo...non ci si potrà più convertire lookaround (a me francamente il terrorismo psicologico che ho subito da bambino credo mi possa bastare e avanzare anche per quando sarò vecchio e rimpinzato di viagra mgreen )
Insomma, d'accordo i testimoni di geova e le loro predizioni, ma qui parliamo di qualcosa di più..."consistente". Non si tratta di un paio di imbecilli Geovisti mgreen e di un'ipotesi buttata là.
Cioè, quello che non capisco è: come possono fregarsi in questo modo? Il segno non verrà, i veggenti non saranno più credibili, io potrò dormire la notte! balla

No. Secondo me non è così facile...il segno verrà... pianto2 pianto2 pianto2

O no?

:wall: :wall: :wall: :wall: :wall: :wall: :wall: :wall: :wall: :wall: :wall: :wall: :wall: :wall: :wall: :wall: :wall: :wall: :wall: :wall: :wall: :wall: :wall: :wall: :wall: :wall: :wall: :wall: :wall: :wall: :wall: :wall: :wall: :wall: :wall: :wall: :wall: :wall: :wall: :wall: :wall:
Messori (che complessivamente apprezzo) dice tanto che i veggenti i miracoli e quant'altro tutto sommato non contano per portare la genete ad avere fede... censored

Ad ogni modo almeno Comune mortale per ora dormirà tranquillo (perlomeno così ho potuto intuire dal messaggio di apertura del post mgreen ).

Secondo me qualsiasi cosa succeda sarà presa come segno divino, troppo facile essere vaghi.

Libero
-------------
-------------

Maschio Numero di messaggi : 168
Età : 43
Località : Livorno
SCALA DI DAWKINS :
il mio ateismo Left_bar_bleue67 / 7067 / 70il mio ateismo Right_bar_bleue

Data d'iscrizione : 17.11.08

Torna in alto Andare in basso

il mio ateismo Empty Re: il mio ateismo

Messaggio Da davide Mar 30 Dic 2008 - 0:09

Libero ha scritto:
ateainpacecolmondo ha scritto: per riuscirvi essi non dovranno partire da motivazioni razionali ma dare da ateo un senso positivo alla vita e alla morte che possa sostituire la fede.

Si tratta in pratica di riempire quel vuoto che sentiamo pressochè tutti, quando la nostra vita sfocia nella piu totale insignificanza. Credo che ognuno quel vuoto se lo riempa un po come vuole, soprattutto se ateo. Il vantaggio della religione in questo caso è quello di dare un senso continuo alla vita, un senso che non muore mai. Difficile trovare qualcosaltro di altrettanto efficace se non un ' altra bufala.

Mi è tornata in mente una frase di un prete durante un funerale al quale ho assistito. Mi rimbomba ancora nelle orecchie. Testuali parole "Voi che vi affidate ai vostri cari, non capite che nulla di tutto cio è eterno, solo Dio lo è e solo lui sara sempre con voi".

Tralasciando che se io fossi stato parente di quella persona gli avrei fatto strisciare il muso per 100 volte sui gradini della chiesa. Ma mi sembra chiaro dove questa frase voglia andare a parare.
Al funerale di un amico (ciao stefano Sad ) ti posso assicurare, ho sentito di molto peggio... censored censored

davide
-------------
-------------

Maschio Numero di messaggi : 11190
SCALA DI DAWKINS :
il mio ateismo Left_bar_bleue0 / 700 / 70il mio ateismo Right_bar_bleue

Data d'iscrizione : 15.11.08

Torna in alto Andare in basso

il mio ateismo Empty Re: il mio ateismo

Messaggio Da Clint Mar 30 Dic 2008 - 9:35

Libero ha scritto:
Jmy ha scritto:C'è una sola cosa che non sopporto. Non ci riesco. Non mi fa dormire la notte.
Comune mortale, ERRI, pischello, ecc, vorrei leggere il vostro parere in merito a un aspetto specifico riguardante i veggenti di Medjugorje.

I veggenti dicono che fra qualche anno (per forza fra qualche anno dato che padre Livio, o comunque padre Petar, dovrà essere vivo, dunque... mgreen ) ci sarà un segno (che uscirà dal terreno) sulla collina del Podbrdo, chiaramente divino, che resterà per sempre. Chi si convertirà prima del segno è ok, ma dopo...non ci si potrà più convertire lookaround (a me francamente il terrorismo psicologico che ho subito da bambino credo mi possa bastare e avanzare anche per quando sarò vecchio e rimpinzato di viagra mgreen )
Insomma, d'accordo i testimoni di geova e le loro predizioni, ma qui parliamo di qualcosa di più..."consistente". Non si tratta di un paio di imbecilli Geovisti mgreen e di un'ipotesi buttata là.
Cioè, quello che non capisco è: come possono fregarsi in questo modo? Il segno non verrà, i veggenti non saranno più credibili, io potrò dormire la notte! balla

No. Secondo me non è così facile...il segno verrà... pianto2 pianto2 pianto2

O no?

:wall: :wall: :wall: :wall: :wall: :wall: :wall: :wall: :wall: :wall: :wall: :wall: :wall: :wall: :wall: :wall: :wall: :wall: :wall: :wall: :wall: :wall: :wall: :wall: :wall: :wall: :wall: :wall: :wall: :wall: :wall: :wall: :wall: :wall: :wall: :wall: :wall: :wall: :wall: :wall: :wall:
Messori (che complessivamente apprezzo) dice tanto che i veggenti i miracoli e quant'altro tutto sommato non contano per portare la genete ad avere fede... censored

Ad ogni modo almeno Comune mortale per ora dormirà tranquillo (perlomeno così ho potuto intuire dal messaggio di apertura del post mgreen ).

Secondo me qualsiasi cosa succeda sarà presa come segno divino, troppo facile essere vaghi.

Eh no, non è così facile. Il segno sarà chiaramente divino per tutti! Verrà fuori dalla collina e nessuno potrà toglierlo. Ci resterà per sempre, dato che poi dicono che questa è l'ultima volta che la madonna apparirà a qualcuno (mi pare). Non come il sole a Fatima...
Insomma, come fanno a dire certe cose se sanno di mentire?

Clint
-------------
-------------

Maschio Numero di messaggi : 100
SCALA DI DAWKINS :
il mio ateismo Left_bar_bleue69 / 7069 / 70il mio ateismo Right_bar_bleue

Data d'iscrizione : 17.11.08

Torna in alto Andare in basso

il mio ateismo Empty Re: il mio ateismo

Messaggio Da guitargeo Mar 30 Dic 2008 - 19:55

Comune mortale ha scritto:Il mio ateismo è qualcosa di viscerale. Se ne frega delle dimostrazioni o controdimostrazioni. Non viene fuori dai giri e rigiri dei ragionamenti, ma da qualcosa che è molto simile ad una presa di posizione. Senza se e senza ma. Anche se dio c'è il mio ateismo si moltiplicherebbe in modo esponenziale. Io non ci credo a prescindere dal fatto che dio possa esistere o meno. Se esiste io farei in modo che non esistesse. Il mio ateismo sa di cancellazzione. Di sabotaggio. Eppero poi mi chiedo quale potrebbe essere una prova della sua esistenza, per incominciare tale opera di sabotaggio. Non la trovo. E credo che non la trovero mai. Fino ad allora sono condannato ad essere un bravo ateo che si appoggia ai suoi soliti e solidi argomenti. :wall:

Certo non manchera chi mi fara notare la inconoscibilità della realtà. E dira per questo che noi non possiamo conoscere tutto. E che allora dio spunta fuori come un fungo in quei luoghi dove la ragione non arriva. E chi se ne frega e che giova ragionare in questi termini. Spiegatemi perche dio se puo tutto non appare come appare ora un tavolo o una sedia ? Gioca con me allora ? Non ditemi poi che dio non è un dio personale ma qualcosa che assomiglia alla natura ( dio sive natura del buon Spinoza ) o addirittura ( come qualcuno mi suggeriva ) ad una fantomatica struttura dell'universo. Non capisco un cavolo. Sta struttura poi farebbe miracoli ? Che e perchè la si chiama dio ?

da un bravo ateo .


Bella la tua esposizione, mi piace. Grazie...

guitargeo
-------------
-------------

Numero di messaggi : 64
SCALA DI DAWKINS :
il mio ateismo Left_bar_bleue0 / 700 / 70il mio ateismo Right_bar_bleue

Data d'iscrizione : 19.12.08

Torna in alto Andare in basso

il mio ateismo Empty Re: il mio ateismo

Messaggio Da guitargeo Mar 30 Dic 2008 - 20:18

ateoindeciso ha scritto:
il tuo ragionamento non fa una grinza, solo la premessa è discutibile. un dio che rispecchi il nostro io non è nient'altro che il dio del paganesimo: e così a personalità differenti corrispondevano dei differenti, e lo stesso in tempi diversi
poi scusa, ma se un dio ha bisogno d'essere riconosciuto da noi, che dio è? non sarebbe proprio onnipotente...

Intanto, cominciamo a non considerare il paganesimo come una involuzione di fronte al cristianesimo. Premetto che a me non frega niente del paganesimo, però voglio sottolineare il fatto che si danno per scontate certe cose che poi in realtà non sono scontate. A parte il fatto che anche il cattolicesimo è una sorta di paganesimo: santi, trinità, madonne e bambinelli, etc. E premesso che, affermare che il monoteismo sia una evoluzione del politeismo implica quindi prendere in considerazione che una futura assenza di Dio possa essere considerata una ulteriore evoluzione del monoteismo...e su questo potrei essere d'accordo. Il politeismo non è affatto indietro rispetto al monoteisimo. Ripeto, non mi sta a cuore difendere questo tipo di religione, però una cosa bisogna sottolineare...è convissuta con l'Uomo per molti anni senza forzature, si è evoluta con il genere umano. Basta paragonare tra loro quelle società che derivano da una visione politeista (nord europa) con quelle che invece sono state forzate ad una visione monoteista (italia, sud america, etc.). O paragonare l'India con i paesi mussulmani, etc. Non per niente i regimi dittatoriali di destra sono proprio una prerogativa di quei paesi aventi un humus monoteista come Italia, Spagna e sud america...
Ci sarà un motivo? Oppure è tutta una strana coincidenza?!

guitargeo
-------------
-------------

Numero di messaggi : 64
SCALA DI DAWKINS :
il mio ateismo Left_bar_bleue0 / 700 / 70il mio ateismo Right_bar_bleue

Data d'iscrizione : 19.12.08

Torna in alto Andare in basso

il mio ateismo Empty Re: il mio ateismo

Messaggio Da davide Mar 30 Dic 2008 - 23:45

Il sud-est asiatico non è che brilli per democrazia, e lì vigono le più diverse superstizioni.

davide
-------------
-------------

Maschio Numero di messaggi : 11190
SCALA DI DAWKINS :
il mio ateismo Left_bar_bleue0 / 700 / 70il mio ateismo Right_bar_bleue

Data d'iscrizione : 15.11.08

Torna in alto Andare in basso

il mio ateismo Empty Re: il mio ateismo

Messaggio Da Dom_nus Gio 1 Gen 2009 - 16:38

Ciao ragaaaa allora... ditemi voi come si fa a crede in qualcosa che solo a parlarne ha del'assurdo?? Cioè sveglia ragazzi siamo nel 2009.
La religione è l'oppio dei popoli.

Dom_nus

Numero di messaggi : 1
SCALA DI DAWKINS :
il mio ateismo Left_bar_bleue0 / 700 / 70il mio ateismo Right_bar_bleue

Data d'iscrizione : 01.01.09

Torna in alto Andare in basso

il mio ateismo Empty Re: il mio ateismo

Messaggio Da Helgi Gio 1 Gen 2009 - 22:33

davide ha scritto:Il sud-est asiatico non è che brilli per democrazia, e lì vigono le più diverse superstizioni.

Sì é chiaro, la fisionomia di un governo dipende non solo da questo, ma i fattori di fondo rimangono validi.
Poniamo il caso della Birmania. Non é il miglior modello di democrazia che possa venirmi in mente, ma cio non é per le credenze di quella gente, hanno la loro bella congrega di militari e se la devono tenere, purtroppo. Non é che il Buddismo Theravada rappresenti un problema. Poi c'é l'Islam wahabita dell'Arabia Saudita. Anche in questo caso niente democrazia, ma qui né ora, né mai. Occorre un bel cambiamento culturale (eufemismo).
Un conto erano i Romani che accoglievano nel loro pantheon divinità di altri popoli, un conto i pagani con la scimitarra alla gola: o ti sottometti ad Allah, o muori.
Se involuzione c'é, é il monoteismo.

_________________
-H.

"Vi scongiuro fratelli, rimanete fedeli alla terra e non credete a quelli che vi parlano di speranze sovraterrene! Lo sappiano o no: sono degli avvelenatori."
(F.W.Nietzsche, Also sprach Zarathustra, Chemnitz 1883).

Helgi
-------------
-------------

Numero di messaggi : 125
Età : 44
Località : Catania
SCALA DI DAWKINS :
il mio ateismo Left_bar_bleue70 / 7070 / 70il mio ateismo Right_bar_bleue

Data d'iscrizione : 07.12.08

Torna in alto Andare in basso

il mio ateismo Empty Re: il mio ateismo

Messaggio Da Helgi Gio 1 Gen 2009 - 22:38

Dom_nus ha scritto:Ciao ragaaaa allora... ditemi voi come si fa a crede in qualcosa che solo a parlarne ha del'assurdo?? Cioè sveglia ragazzi siamo nel 2009.
La religione è l'oppio dei popoli.

Che vuoi fare, l'uomo é poca cosa eppure si permette di avere una arroganza enorme. Prova a chiedere al primo teodem a tiro, quella pensa di trovare un paradiso dopo la morte. Pensa di campare in eterno.
Ciao.

_________________
-H.

"Vi scongiuro fratelli, rimanete fedeli alla terra e non credete a quelli che vi parlano di speranze sovraterrene! Lo sappiano o no: sono degli avvelenatori."
(F.W.Nietzsche, Also sprach Zarathustra, Chemnitz 1883).

Helgi
-------------
-------------

Numero di messaggi : 125
Età : 44
Località : Catania
SCALA DI DAWKINS :
il mio ateismo Left_bar_bleue70 / 7070 / 70il mio ateismo Right_bar_bleue

Data d'iscrizione : 07.12.08

Torna in alto Andare in basso

il mio ateismo Empty Re: il mio ateismo

Messaggio Da Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Torna in alto Andare in basso

Torna in alto

- Argomenti simili

 
Permessi in questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum.