Atei Italiani
Vuoi reagire a questo messaggio? Crea un account in pochi click o accedi per continuare.

Nuovo Termine: l'Ateotelico

2 partecipanti

Andare in basso

Nuovo Termine: l'Ateotelico Empty Nuovo Termine: l'Ateotelico

Messaggio Da AteoCorporation Lun 16 Apr 2012 - 9:55

I membri di Democrazia Atea hanno coniato un nuovo termine: Ateotelico.

Abbiamo bisogno di definizioni per dare comunicazione e contorno alle nostre elaborazioni concettuali.

La comunicazione è il primo gradino della condivisione e prima ancora della comunicazione c’è la scelta del linguaggio, quello già noto, quello già conosciuto, quello che uniforma le strade dei nostri percorsi cerebrali.

Ma spesso non c’è identità nei percorsi e non c’è identità nei linguaggi e talvolta le strade cambiano direzione e si avventurano in esplorazioni comunicative inedite.

Nuovi termini aprono gli spazi a nuove ipotesi di qualificazione, magari già esistenti nella concettualizzazione, ma non ancora completati nella dinamica della comunicazione.

Alcuni condividono l’ateismo e condividono l’idea che con i percorsi della trascendenza, sia opportuno o arricchente scambiare discussioni, nella convinzione che gli uni possano trarre utilità speculativa dal confronto con gli altri, ma anche nella più o meno segreta aspettativa di mutare i convincimenti altrui.

Altri invece, condividono l’ateismo ma dissentono dall’idea che con la trascendenza sia percorribile una qualche forma di scambio, non per supponenza ma per assenza di stimoli.

Un nuovo termine può definirli: ateotelici ovvero coloro che dal dibattito sulla divinità escludono qualunque ipotesi di interesse.

Ciò non toglie che ciascuno possa attingere ad una riflessione personale, ma l’ateotelico non trova affatto illuminante condividerla pubblicamente.

Pubblico e privato tornano prepotentemente a fare la differenza tra coloro che vogliono condividere con gli altri i propri convincimenti e coloro che non sono interessati a farlo.

Il contesto è la cornice entro la quale diventa lecito o prevaricante l’espressione del proprio convincimento.

L’ateotelico in definitiva non è mai in dissonanza con nessun contesto perché nel rispetto della differenza sottrae alla discussione pubblica il suo privato.

L’ateotelico non convince, non dibatte, non si confronta con i suoi antagonisti perché trova sterile farlo.

In definitiva per l’ateotelico tentare di convincere i propri antagonisti significa offenderli, significa non riconoscergli una autonomia di giudizio o di capacità concettuale, significa avere disprezzo per i convincimenti altrui e forzarne la riflessione su quanto possa, ai propri occhi, sembrare contraddittorio o infondato.

All’ateotelico interessa prioritariamente ed esclusivamente che lo Stato non aderisca a nessuna impostazione e che riaffermi costantemente la propria neutralità e la propria astensione.

E’ in questo essenziale assunto che l’ateotelico chiede una universale adesione, anche ai suoi antagonisti perché l’adesione al principio di laicità non ha bisogno di passare attraverso dibattiti o interpretazioni, o si aderisce o si nega.

http://www.democrazia-atea.it/sezione-11-sottosezione-46-id-271-l-ateotelico.htm

Mi piace che vengano creati nuovi termini (questo lo avete capito da tempo Nuovo Termine: l'Ateotelico 315697 ), anche se dalla descrizione credo di non potermi definire un Ateotelico, in quanto mi piace confrontarmi con la controparte e penso che sia utile, infatti molte persone hanno cambiato idea nei confronti di Dio anche seguendo tutto quello che scrivo e questo diminuisce il bigottismo generale.

Inoltre diciamocelo, purtroppo molti credenti sono stati talmente influenzati dalla religione che non hanno una vera autonomia di giudizio, proprio per questo il confronto è importante, non tanto per convincere o "covertire", ma più che altro per promuovere un punto di vista diverso da quello che molte persone sono abituate ad avere a causa dell'influenza religiosa che parte dalla famiglia.

_________________
Francesco Avella, esponente dell'Esistenzialismo Ateo.
Autore del romanzo
Una Mente Senza Dio e del pamphlet polemico FIERO DI
ESSERE ERETICO!
con prefazione a cura dello scrittore Ennio Montesi.
Scrive articoli per l'Associazione UAER - Unione Atei Emancipati Razionalisti.


Nuovo Termine: l'Ateotelico Banner_Una_Mente_Senza_Dio
AteoCorporation
AteoCorporation
-----------
-----------

Maschio Numero di messaggi : 1062
Età : 33
Occupazione/Hobby : Scrittore, esponente dell'Axteismo e sostenitore dell'Ateologia.
SCALA DI DAWKINS :
Nuovo Termine: l'Ateotelico Left_bar_bleue70 / 7070 / 70Nuovo Termine: l'Ateotelico Right_bar_bleue

Data d'iscrizione : 12.05.10

http://ateocorporation.webnode.it/

Torna in alto Andare in basso

Nuovo Termine: l'Ateotelico Empty Re: Nuovo Termine: l'Ateotelico

Messaggio Da Cosworth117 Lun 16 Apr 2012 - 10:42

'Sto termine serviva. wink..

_________________
"Le cose che sono incurvate non hanno bisogno di archi; le cose che sono diritte non hanno bisogno di righe; le cose che sono rotonde non hanno bisogno di compassi; le cose che sono rettangolari non hanno bisogno di squadre; le cose che si incollano non hanno bisogno di colla; le cose che vanno insieme non hanno bisogno di corde”

Chuang-Tzu
Cosworth117
Cosworth117
-------------
-------------

Maschio Numero di messaggi : 9154
Età : 29
Località : Dove se magna
Occupazione/Hobby : Essere sempre in minoranza
SCALA DI DAWKINS :
Nuovo Termine: l'Ateotelico Left_bar_bleue69 / 7069 / 70Nuovo Termine: l'Ateotelico Right_bar_bleue

Data d'iscrizione : 04.09.10

Torna in alto Andare in basso

Torna in alto

- Argomenti simili

 
Permessi in questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum.