Considerazioni filosofiche sulla definizione di religione e relative associazioni

Andare in basso

Considerazioni filosofiche sulla definizione di religione e relative associazioni  Empty Considerazioni filosofiche sulla definizione di religione e relative associazioni

Messaggio Da SergioAD il Mar 12 Nov - 19:00

Perché il nazismo è una religione, così come l'umanesimo ed ovunque ci sia un ordine sovrannaturale, non divino ma strutture precostituite antecedenti all'esistenza della specie ed ereditate da essa - se si fa qualcosa per un "motivo", in sostanza quel motivo è credere che sia l'obbiettivo, allora verranno usati metodi o processi per raggiungerlo.

Una tesi di Yuval Noah Harari descritta nel suo libro "Homo Deus".

Il difetto? Si, quando la tesi si contrappone al metodo di verifica scientifica laddove viene meno l'uguaglianza a favore dei privilegi ereditati, per esempio.


SergioAD
-------------
-------------

Maschio Numero di messaggi : 6807
SCALA DI DAWKINS :
Considerazioni filosofiche sulla definizione di religione e relative associazioni  Left_bar_bleue0 / 700 / 70Considerazioni filosofiche sulla definizione di religione e relative associazioni  Right_bar_bleue

Data d'iscrizione : 30.01.10

Torna in alto Andare in basso

Considerazioni filosofiche sulla definizione di religione e relative associazioni  Empty Re: Considerazioni filosofiche sulla definizione di religione e relative associazioni

Messaggio Da Minsky il Mer 13 Nov - 11:42

SergioAD ha scritto:Perché il nazismo è una religione, così come l'umanesimo ed ovunque ci sia un ordine sovrannaturale, non divino ma strutture precostituite antecedenti all'esistenza della specie ed ereditate da essa - se si fa qualcosa per un "motivo", in sostanza quel motivo è credere che sia l'obbiettivo, allora verranno usati metodi o processi per raggiungerlo.

Una tesi di Yuval Noah Harari descritta nel suo libro "Homo Deus".

Il difetto? Si, quando la tesi si contrappone al metodo di verifica scientifica laddove viene meno l'uguaglianza a favore dei privilegi ereditati, per esempio.


Seghe mentali. Lasciamo pure correre che il video a seguire è di Zichichi (dimmi con chi vai...), tutto il discorso è un'emerita sega mentale.

La religione è altro, è l'ignoranza, è la paura, è la debolezza e la mancanza di intelligenza, ma soprattutto, più che di intelligenza, di cui persone perfettamente degne possono pure non essere molto dotate ma non per questo hanno meno valore, la religione è mancanza di volontà di capire, di sapere, di lottare con le proprie forze e le proprie capacità per costruirsi un'immagine del mondo che rispecchi la realtà. La religione è negazione, prima di tutto, è assenza di idee, è il vuoto. Ogni religione ha sempre due aspetti: l'insufficienza di molti e l'astuzia di pochi, che somministrano idiozie religiose alle masse per avvantaggiarsi e predare, che parassitano le società umane come la tenia parassita l'intestino. Non c'è alcuna similarità né tanto meno alcuna radice comune tra religioni e ideologie umaniste, queste ultime possono recare errori metodologici e concettuali che derivano tutti da difetti nel modello di uomo e di società che assumono, ma sono comunque costruite su di un presupposto razionale e metodologico. Niente di tutto ciò appartiene alla religione, che nasce dal vuoto mentale e lì rimane, pur superfetando false elaborazioni morali che si rivelano inconsistenti e pretestuose, perché inventate per il tornaconto dei chierici. Ex falso sequitur quodlibet, come non mi stancherò mai di ribadire.

_________________
Lo sciocco dice: «dio non esiste». Persino lo sciocco l'ha capito.


Considerazioni filosofiche sulla definizione di religione e relative associazioni  6exssu6R_o
Minsky
Minsky
--------------
--------------

Maschio Numero di messaggi : 21227
Età : 65
Località : Codroipo
Occupazione/Hobby : ateo guerriero
SCALA DI DAWKINS :
Considerazioni filosofiche sulla definizione di religione e relative associazioni  Left_bar_bleue70 / 7070 / 70Considerazioni filosofiche sulla definizione di religione e relative associazioni  Right_bar_bleue

Data d'iscrizione : 06.10.11

Torna in alto Andare in basso

Considerazioni filosofiche sulla definizione di religione e relative associazioni  Empty Re: Considerazioni filosofiche sulla definizione di religione e relative associazioni

Messaggio Da SergioAD il Mer 13 Nov - 13:23

Non stiamo parlando della stessa cosa - mi conosci - non avrei proposto e tanto meno perso tempo a leggere confronti di quel tipo. Ti dirò che chi si dichiara umanista applica il metodo scientifico ed anche in questo caso non sono riuscito a rispondergli perché questa folle associazione è vera.

Poi, di quale video a seguire parli? Io ho una sequenza della tipologia che guardo normalmente - che in quel momento c'erano pezzi di questo tizio che mi risulta comico ma anche lucido e razionale (penso anche ateo che sono pochi gli ingegneri atei che conosco).

Insomma limortacci tua - hai affettato il mio tema come un salame facendone delle ostie per zicchichi, sarebbero tre videi sul Uomo Dio di quel Harari che adesso diventano improponibili-

Hey! Scusami in anticipo... anche se il mio tono è certamente scherzoso.

Ed io che volevo convertire i dialoghi FB in forum ed invece mi sembra che i forum si stiano convertendo in sottospecie di FB.

SergioAD
-------------
-------------

Maschio Numero di messaggi : 6807
SCALA DI DAWKINS :
Considerazioni filosofiche sulla definizione di religione e relative associazioni  Left_bar_bleue0 / 700 / 70Considerazioni filosofiche sulla definizione di religione e relative associazioni  Right_bar_bleue

Data d'iscrizione : 30.01.10

Torna in alto Andare in basso

Considerazioni filosofiche sulla definizione di religione e relative associazioni  Empty Re: Considerazioni filosofiche sulla definizione di religione e relative associazioni

Messaggio Da Minsky il Mer 13 Nov - 13:57

SergioAD ha scritto:Non stiamo parlando della stessa cosa - mi conosci - non avrei proposto e tanto meno perso tempo a leggere confronti di quel tipo. Ti dirò che chi si dichiara umanista applica il metodo scientifico ed anche in questo caso non sono riuscito a rispondergli perché questa folle associazione è vera.
Beh, se il tizio del video parla di quello che volevi riportare tu, ovvero tu volevi portare gli argomenti del tizio, a me sembra di essere stato in tema e demolisco le tesi del suddetto tizio, su cui non concordo affatto. Ma non concordo proprio in linea di principio, non ritengo che gli argomenti di carattere religioso meritino neppure lo sforzo di un'analisi perché non sono altro che merda.

SergioAD ha scritto:Poi, di quale video a seguire parli? Io ho una sequenza della tipologia che guardo normalmente - che in quel momento c'erano pezzi di questo tizio che mi risulta comico ma anche lucido e razionale (penso anche ateo che sono pochi gli ingegneri atei che conosco).
Allora, io ho seguito dal principio alla fine il video del tizio che si agita in un modo anche un tantino comico ma con foga che meriterebbe assai miglior causa, e la prova della mia diligenza è anche il fatto che, al termine del video suddetto, ho visto blinkare l'avviamento di un altro video in cui appariva l'inconfondibile, orrenda sagoma del grandissimo idiota Antonino Zichichi. Non penso che il video a seguire l'abbia selezionato iùtub profilando le mie preferenze, altrimenti avrei dovuto vedere trappole per topi o incidenti d'auto o demolizioni. Niente da dire sul tuo "protetto" ingegnere, che si tagliasse i capelli perché così sembra un barbone, per il resto anche se non concordo con lui, rispetto.

SergioAD ha scritto:Insomma limortacci tua - hai affettato il mio tema come un salame facendone delle ostie per zicchichi, sarebbero tre videi sul Uomo Dio di quel Harari che adesso diventano improponibili-
No non te la prendere manco dovrei dirlo, qui puoi proporre tutto quel che ti pare mica ti farai condizionare da me che sono un tipaccio imbruttito?

SergioAD ha scritto:Hey! Scusami in anticipo... anche se il mio tono è certamente scherzoso.
Stavolta l'avevo capito.

SergioAD ha scritto:Ed io che volevo convertire i dialoghi FB in forum ed invece mi sembra che i forum si stiano convertendo in sottospecie di FB.
Ahi ahi ahi, siamo alla rovina se è così. Ma davvero ti sembra che non riusciamo a evitare di infettarci?

_________________
Lo sciocco dice: «dio non esiste». Persino lo sciocco l'ha capito.


Considerazioni filosofiche sulla definizione di religione e relative associazioni  6exssu6R_o
Minsky
Minsky
--------------
--------------

Maschio Numero di messaggi : 21227
Età : 65
Località : Codroipo
Occupazione/Hobby : ateo guerriero
SCALA DI DAWKINS :
Considerazioni filosofiche sulla definizione di religione e relative associazioni  Left_bar_bleue70 / 7070 / 70Considerazioni filosofiche sulla definizione di religione e relative associazioni  Right_bar_bleue

Data d'iscrizione : 06.10.11

Torna in alto Andare in basso

Considerazioni filosofiche sulla definizione di religione e relative associazioni  Empty Re: Considerazioni filosofiche sulla definizione di religione e relative associazioni

Messaggio Da SergioAD il Mer 13 Nov - 15:37

M ha scritto:Beh, se il tizio del video parla di quello che volevi riportare tu, ovvero tu volevi portare gli argomenti del tizio, a me sembra di essere stato in tema e demolisco le tesi del suddetto tizio, su cui non concordo affatto. Ma non concordo proprio in linea di principio, non ritengo che gli argomenti di carattere religioso meritino neppure lo sforzo di un'analisi perché non sono altro che merda.
Non la sostanza come divinità vera o falsa - ma religione come processi, metodi per raggiungere un traguardo - perché lo si fa non è in discussione - questa credenza vale per lo scopo e vale anche per chi non si pone il problema (che può essere falsa e questo non è in discussione).

Il tizio discute il libro di Harari anzi lo hanno fatte in tre nella casa del youtuber "La filosofia fa stare svegli". La discussione era stata se il nazismo potesse essere una religione come afferma Harari - quella è la discussione - una forma ed una sostanza, tutte le forme e tutte le sostanze - se la religione o il nazismo potessero essere definite sostanza ed hanno i relativi metodi per raggiungere i rispettivi obbiettivi allora ambe due hanno una relazione di correlazione - guarda che il mio problema era rispetto l'umanesimo che dichiaratamente applica il metodo scientifico ebbene anche il nazismo lo fa e lo fa pure la religione nelle loro forme.

Considerazioni filosofiche sulla definizione di religione e relative associazioni  8863866_3371369

Per me e volevo entrare in argomento con loro è che la definizione di religione, nazismo e umanesimo si distingue nell'interpretazione dei rispettivi scopi o obbiettivi analizzati, rivisti e corretti da processi etici nel tempo, cultura sociale in cui appare la massima condivisione e consenso - poi sarebbero oltre 3 miliardi i religiosi e verrebbe il dibattimento sulla divinità che porrebbe il merito sul metodo scientifico questa volta da applicare proprio sui contesti e questa è un'altra discussione che noi si affronta ad occhi chiusi.

Credo di sapere cosa dire... vedrò.

M ha scritto:Allora, io ho seguito dal principio alla fine il video del tizio che si agita in un modo anche un tantino comico ma con foga che meriterebbe assai miglior causa, e la prova della mia diligenza è anche il fatto che, al termine del video suddetto, ho visto blinkare l'avviamento di un altro video in cui appariva l'inconfondibile, orrenda sagoma del grandissimo idiota Antonino Zichichi. Non penso che il video a seguire l'abbia selezionato iùtub profilando le mie preferenze, altrimenti avrei dovuto vedere trappole per topi o incidenti d'auto o demolizioni. Niente da dire sul tuo "protetto" ingegnere, che si tagliasse i capelli perché così sembra un barbone, per il resto anche se non concordo con lui, rispetto.
Bisognava (io l'ho fatto per decidere se e come seguirlo) conoscere parte della sua storia e altre sue analisi come quella sull'australopiteco Lucy e sul homo erectus KNM-ER 1808 che pare sia la vera EVA riconsciuta scientificamente - comunque la prima impressione di questo attore, scrittore ed ex ingegnere informatico può essere definitiva - se non si atteggiasse chissà...

Io non ho zichichi nella playlist adiacente - ho una serie di videi del tizio, visto che l'ho voluto conoscere meglio, qualcosa sull'universo e sui profili razziali in discussione negli States.

M similitudine FB/Forum ha scritto:Ahi ahi ahi, siamo alla rovina se è così. Ma davvero ti sembra che non riusciamo a evitare di infettarci?
La mia percezione (opinione) non vale, quello che serve è che io metta qualcosa su cui dibattere come gruppo. Quindi sono solo io il responsabile.

SergioAD
-------------
-------------

Maschio Numero di messaggi : 6807
SCALA DI DAWKINS :
Considerazioni filosofiche sulla definizione di religione e relative associazioni  Left_bar_bleue0 / 700 / 70Considerazioni filosofiche sulla definizione di religione e relative associazioni  Right_bar_bleue

Data d'iscrizione : 30.01.10

Torna in alto Andare in basso

Considerazioni filosofiche sulla definizione di religione e relative associazioni  Empty Re: Considerazioni filosofiche sulla definizione di religione e relative associazioni

Messaggio Da Magic Oblivion il Mar 3 Dic - 7:56

la definizione di RELIGIONE è FEDE CIECA in qualcosa che non sai dimostrare VERO...

quindi anche ATEISMO è una reglione che ha i suoi FANS = ATEI

l'ateo infatti CREDE CIECAMENTE che non esista DIO o un qualsiasi essere superiore pure senza avere alcuna prova scientifica di questa sua convinzione ....

Magic Oblivion
-------------
-------------

Numero di messaggi : 106
Occupazione/Hobby : Deficiente
SCALA DI DAWKINS :
Considerazioni filosofiche sulla definizione di religione e relative associazioni  Left_bar_bleue0 / 700 / 70Considerazioni filosofiche sulla definizione di religione e relative associazioni  Right_bar_bleue

Data d'iscrizione : 13.09.16

Torna in alto Andare in basso

Considerazioni filosofiche sulla definizione di religione e relative associazioni  Empty Re: Considerazioni filosofiche sulla definizione di religione e relative associazioni

Messaggio Da SergioAD il Mar 3 Dic - 9:07

Magic Oblivion ha scritto:la definizione di RELIGIONE è FEDE CIECA in qualcosa che non sai dimostrare VERO...

quindi anche ATEISMO è una reglione che ha i suoi FANS = ATEI

l'ateo infatti CREDE CIECAMENTE che non esista DIO o un qualsiasi essere superiore pure senza avere alcuna prova scientifica di questa sua convinzione ....
Se ti va di ragionarci sopra -

ci sono persone che non hanno la capacità di verificare le cose - per avere fede non servono le dimostrazioni, vuol dire qualificarla "cieca" è superfluo quando si tratta di divinità.

Se vai a leggere la definizione di ateismo è la negazione della fede in quanto manca di ragione - prima del 1995 non si conosceva nessun pianeta extrasolare ma se ne deduceva l'esistenza prendendo a riferimento i 9 pianeti del sistema solare ed il sole stesso. Scientificamente è vero che esistono i pianeti extrasolari dal 1995 (da verifiche indirette) ma sopratutto dal 1999 per averli visti orbitare la stella.

Fede e ragione sono due diversi modi di concepire le cose - l'ateismo vuole una ragionevole dimostrazione per ammettere una realtà.

Bada che i tifosi ci sono ma si devono considerare tifosi di questo o quello - terra piatta, negazionisti dell'allunaggio e delle divinità - sarebbero un po i poveri di spirito che non si fanno troppe domande per credere qualsiasi cosa.

SergioAD
-------------
-------------

Maschio Numero di messaggi : 6807
SCALA DI DAWKINS :
Considerazioni filosofiche sulla definizione di religione e relative associazioni  Left_bar_bleue0 / 700 / 70Considerazioni filosofiche sulla definizione di religione e relative associazioni  Right_bar_bleue

Data d'iscrizione : 30.01.10

Torna in alto Andare in basso

Considerazioni filosofiche sulla definizione di religione e relative associazioni  Empty Re: Considerazioni filosofiche sulla definizione di religione e relative associazioni

Messaggio Da Minsky il Mar 3 Dic - 20:40

Magic Oblivion ha scritto:la definizione di RELIGIONE è FEDE CIECA in qualcosa che non sai dimostrare VERO...

quindi anche ATEISMO è una reglione che ha i suoi FANS = ATEI

l'ateo infatti CREDE CIECAMENTE che non esista DIO o un qualsiasi essere superiore pure senza avere alcuna prova scientifica di questa sua convinzione ....
Considerazioni filosofiche sulla definizione di religione e relative associazioni  0xSEAcEm_o

Eh, già... perché l'ateo si è masturbato, ecco perché crede ciecamente... mgreen

_________________
Lo sciocco dice: «dio non esiste». Persino lo sciocco l'ha capito.


Considerazioni filosofiche sulla definizione di religione e relative associazioni  6exssu6R_o
Minsky
Minsky
--------------
--------------

Maschio Numero di messaggi : 21227
Età : 65
Località : Codroipo
Occupazione/Hobby : ateo guerriero
SCALA DI DAWKINS :
Considerazioni filosofiche sulla definizione di religione e relative associazioni  Left_bar_bleue70 / 7070 / 70Considerazioni filosofiche sulla definizione di religione e relative associazioni  Right_bar_bleue

Data d'iscrizione : 06.10.11

Torna in alto Andare in basso

Considerazioni filosofiche sulla definizione di religione e relative associazioni  Empty Re: Considerazioni filosofiche sulla definizione di religione e relative associazioni

Messaggio Da Magic Oblivion il Mer 4 Dic - 0:59

capisco cosa vuoi dire ma se DIO ESISTE è SCIENZA e dunque con la scienza è evidente che puoi dimostare la sua esistenza...

per la precisione io non CREDO in NULLA
CREDERE è un concetto PRIMITIVO

tutto quello che scrivo e che dico io lo posso DIMOSTRARE con la SCIENZA: FISICA BIOLOGIA MATEMATICA LOGICA ecc...

dunque se volete ragionarci su io sono a disposizione, ma ribadisco che le OPINIONI NON DIMOSTRATE non mi interessano io parlo solo di SCIENZA....

un abbraccio....

Magic Oblivion
-------------
-------------

Numero di messaggi : 106
Occupazione/Hobby : Deficiente
SCALA DI DAWKINS :
Considerazioni filosofiche sulla definizione di religione e relative associazioni  Left_bar_bleue0 / 700 / 70Considerazioni filosofiche sulla definizione di religione e relative associazioni  Right_bar_bleue

Data d'iscrizione : 13.09.16

Torna in alto Andare in basso

Considerazioni filosofiche sulla definizione di religione e relative associazioni  Empty Re: Considerazioni filosofiche sulla definizione di religione e relative associazioni

Messaggio Da SergioAD il Mer 4 Dic - 1:15

Si chiamerebbe fanta-scienza. Ma che esista nelle menti è vero, vivi la tua vita dunque.

Dio esiste dal punto di vista scientifico? Se tu senti i suoi effetti a maggior ragione credici.

Scusa se sono intervenuto - stammi bene.

SergioAD
-------------
-------------

Maschio Numero di messaggi : 6807
SCALA DI DAWKINS :
Considerazioni filosofiche sulla definizione di religione e relative associazioni  Left_bar_bleue0 / 700 / 70Considerazioni filosofiche sulla definizione di religione e relative associazioni  Right_bar_bleue

Data d'iscrizione : 30.01.10

Torna in alto Andare in basso

Considerazioni filosofiche sulla definizione di religione e relative associazioni  Empty Re: Considerazioni filosofiche sulla definizione di religione e relative associazioni

Messaggio Da Minsky il Mer 4 Dic - 10:18

SergioAD ha scritto:Si chiamerebbe fanta-scienza. Ma che esista nelle menti è vero, vivi la tua vita dunque.

Dio esiste dal punto di vista scientifico? Se tu senti i suoi effetti a maggior ragione credici.

Scusa se sono intervenuto - stammi bene.

Nella foto di repertorio Magic Oblivion mentre sente gli effetti di Dio. carneval

Considerazioni filosofiche sulla definizione di religione e relative associazioni  NBczbE7s_o

_________________
Lo sciocco dice: «dio non esiste». Persino lo sciocco l'ha capito.


Considerazioni filosofiche sulla definizione di religione e relative associazioni  6exssu6R_o
Minsky
Minsky
--------------
--------------

Maschio Numero di messaggi : 21227
Età : 65
Località : Codroipo
Occupazione/Hobby : ateo guerriero
SCALA DI DAWKINS :
Considerazioni filosofiche sulla definizione di religione e relative associazioni  Left_bar_bleue70 / 7070 / 70Considerazioni filosofiche sulla definizione di religione e relative associazioni  Right_bar_bleue

Data d'iscrizione : 06.10.11

Torna in alto Andare in basso

Considerazioni filosofiche sulla definizione di religione e relative associazioni  Empty Re: Considerazioni filosofiche sulla definizione di religione e relative associazioni

Messaggio Da SergioAD il Mer 4 Dic - 12:54

Il problema è che un tema che avrebbe potuto andare meglio e poteva proseguire con qualche miracolo, viene rovinato rendendolo più improbabile ancora. Ma l'uomo è un essere irrazionale - fumato o meno.

Se ti va vatti a leggere questo tema, pensavo fosse un troll ed invece...

http://lavalledelleco.forumattivo.com/t12527p25-ritorno-all-eden#338330

SergioAD
-------------
-------------

Maschio Numero di messaggi : 6807
SCALA DI DAWKINS :
Considerazioni filosofiche sulla definizione di religione e relative associazioni  Left_bar_bleue0 / 700 / 70Considerazioni filosofiche sulla definizione di religione e relative associazioni  Right_bar_bleue

Data d'iscrizione : 30.01.10

Torna in alto Andare in basso

Considerazioni filosofiche sulla definizione di religione e relative associazioni  Empty Re: Considerazioni filosofiche sulla definizione di religione e relative associazioni

Messaggio Da Magic Oblivion il Mer 4 Dic - 15:41

ok come non detto, pensavo che in un contesto di persone "RAZIONALI" si potesse parlare di scienza senza pregiudizi, ma mi accorgo che c'e molto FANATISMO, forse persino di piu che in un contesto di estremisti islamici...

come dire, qualsiasi argomento che non sia finalizzato a confermare l'ateismo è automaticamente ridicolizzato o bandito, persino se si tratta di pura scienza....

prendo atto e se qualcuno cambia idea io resto a disposizione

un abbraccio

Magic Oblivion
-------------
-------------

Numero di messaggi : 106
Occupazione/Hobby : Deficiente
SCALA DI DAWKINS :
Considerazioni filosofiche sulla definizione di religione e relative associazioni  Left_bar_bleue0 / 700 / 70Considerazioni filosofiche sulla definizione di religione e relative associazioni  Right_bar_bleue

Data d'iscrizione : 13.09.16

Torna in alto Andare in basso

Considerazioni filosofiche sulla definizione di religione e relative associazioni  Empty Re: Considerazioni filosofiche sulla definizione di religione e relative associazioni

Messaggio Da Minsky il Mer 4 Dic - 15:46

SergioAD ha scritto:Il problema è che un tema che avrebbe potuto andare meglio e poteva proseguire con qualche miracolo, viene rovinato rendendolo più improbabile ancora. Ma l'uomo è un essere irrazionale - fumato o meno.

Se ti va vatti a leggere questo tema, pensavo fosse un troll ed invece...

http://lavalledelleco.forumattivo.com/t12527p25-ritorno-all-eden#338330
"Se si potesse ragionare con i credenti, non esisterebbero credenti."

_________________
Lo sciocco dice: «dio non esiste». Persino lo sciocco l'ha capito.


Considerazioni filosofiche sulla definizione di religione e relative associazioni  6exssu6R_o
Minsky
Minsky
--------------
--------------

Maschio Numero di messaggi : 21227
Età : 65
Località : Codroipo
Occupazione/Hobby : ateo guerriero
SCALA DI DAWKINS :
Considerazioni filosofiche sulla definizione di religione e relative associazioni  Left_bar_bleue70 / 7070 / 70Considerazioni filosofiche sulla definizione di religione e relative associazioni  Right_bar_bleue

Data d'iscrizione : 06.10.11

Torna in alto Andare in basso

Considerazioni filosofiche sulla definizione di religione e relative associazioni  Empty Re: Considerazioni filosofiche sulla definizione di religione e relative associazioni

Messaggio Da Minsky il Mer 4 Dic - 15:47

Magic Oblivion ha scritto:ok come non detto, pensavo che in un contesto di persone "RAZIONALI" si potesse parlare di scienza senza pregiudizi, ma mi accorgo che c'e molto FANATISMO, forse persino di piu che in un contesto di estremisti islamici...

come dire, qualsiasi argomento che non sia finalizzato a confermare l'ateismo è automaticamente ridicolizzato o bandito, persino se si tratta di pura scienza....

prendo atto e se qualcuno cambia idea io resto a disposizione

un abbraccio
Ciao caro. saluto...

_________________
Lo sciocco dice: «dio non esiste». Persino lo sciocco l'ha capito.


Considerazioni filosofiche sulla definizione di religione e relative associazioni  6exssu6R_o
Minsky
Minsky
--------------
--------------

Maschio Numero di messaggi : 21227
Età : 65
Località : Codroipo
Occupazione/Hobby : ateo guerriero
SCALA DI DAWKINS :
Considerazioni filosofiche sulla definizione di religione e relative associazioni  Left_bar_bleue70 / 7070 / 70Considerazioni filosofiche sulla definizione di religione e relative associazioni  Right_bar_bleue

Data d'iscrizione : 06.10.11

Torna in alto Andare in basso

Considerazioni filosofiche sulla definizione di religione e relative associazioni  Empty Re: Considerazioni filosofiche sulla definizione di religione e relative associazioni

Messaggio Da SergioAD il Mer 4 Dic - 16:06

Non è proprio così, quelli che non vanno i giro a battersi per la loro fede - ora vedo se trovo il tema ma tu se mi leggi su FB potresti aver letto.

Si tratta di una discussione tra tra secolaristi e teocratici, non c'è un altro modo per separare questi due ideali "politici - intesi come usanse socali".

Vado - andrò perché ora c'ho da fare con cineflix e mia moglie.

SergioAD
-------------
-------------

Maschio Numero di messaggi : 6807
SCALA DI DAWKINS :
Considerazioni filosofiche sulla definizione di religione e relative associazioni  Left_bar_bleue0 / 700 / 70Considerazioni filosofiche sulla definizione di religione e relative associazioni  Right_bar_bleue

Data d'iscrizione : 30.01.10

Torna in alto Andare in basso

Considerazioni filosofiche sulla definizione di religione e relative associazioni  Empty Re: Considerazioni filosofiche sulla definizione di religione e relative associazioni

Messaggio Da SergioAD il Mer 4 Dic - 21:10

Eccomi,

Era un tema su Papa Giovanni XIII che era andato sulla politicizzazione della Chiesa fatta cantando Bella Ciao, dice perché non si fa...

SergioAD ha scritto:In merito a queste ultime battute voglio dire il mio pensiero rispetto alla politicizzazione della fede/chiesa.

Non ci sarebbero state le costituzioni moderne e paesi secolari senza il cristianesimo, questo è vero e pacifico.
L'enciclica Rerum Novarum è stata un'espressione progressista di Leone XIII, che fu definito un conservatore progressista.

Paolo VI era progressista, tutti gli altri sono stati e sono conservatori –

la Chiesa è formalmente a favore dei diritti umani (dietro quell'enciclica) salvo laddove non sono conformi con essa.

Esiste uno scontro politico tra chiesa e secolaristi per la presunta o reale ingerenza della Chiesa nella sfera pubblica. Lascia perdere le giuste manifestazioni di gioia per la liberazione che è costituzionale, umanista e cristiana.

I missionari che ho conosciuto in Africa facevano politica e perfino attività diplomatica - erano ben visti per il loro lavoro minuzioso (investimento morale) di carità, beneficenza, educazione e sopratutto sostenuto dagli stati non cristiani.

amico e collega ha scritto:Credo sia stato omesso Giovanni XXIII^ a meno che come alcuni non voglia essere considerato un incidente di percorso o un conservatore. Il secolarismo è il vero male del secolo forse più del capitalismo, perché ci ha portato a mettere in secondo piano i valori del cattolicesimo in nome di un laicismo senza veri valori e senza rispetto per l'uomo che la Chiesa pone al centro del suo progetto, come dovrebbero fare i buoni cattolici. Per questo parlo male dei cattolici "con riserva".

SergioAd ha scritto:Questa è una delle pochissime volte che non mi convinci, forse è l'unica.

Giovanni XXIII era un super conservatore. Il secolarismo è l'evoluzione, per alcuni della politica dopo la rivoluzione francese, per altri proprio del cristianesimo (vedi fare carità senza toccare le classi sociali - Rerum Novarum) con l'Umanesimo dei diritti umani che sostituisce la carità con la lotta per questi diritti (in passato era più affine al protestantesimo sui concetto di libertà ma oggi anche al cattolicesimo) -

oggi lo so che ci sono dei problemi dovuti alla società tecnica che fa a meno di esseri umani - però non può essere colpevole il secolarismo, è il modello sociale che non si basa sulla pianificazione ma sul mercato e qui hai voglia dire che rende di più un uomo rispetto alle macchine (mercato eh - e noi usiamo le macchine per quasi tutti i lavori).

A chi davvero starebbe bene vivere in una società teocratica - penso al divorzio prima del 1975, ai divorziati oggi e alla chiesa che vorrebbe risolvere il problema ma come?

Diciamo allora che la contrapposizione è Umanista (che si porta dietro il secolarismo, per noi dal 1948) - io contrasto i cattolici quando vogliono imporre la retta via o sharia, contro le altre confessioni cristiane, altre realtà etniche, culturali o religiose, come non fanno in Francia, Inghilterra o nei paesi nordici.

Scusa se ho scritto così tanto. I problemi sorgono se e solo se si fa pesare a tutta la comunità di più l'irrazionale rispetto al razionale. Ma penso anche a tutti i scismi delle chiese, doveva sembrare proprio così anche allora... filioque, monofisismo, indulgenze - tutti argomenti soggettivi, locali o di potere.

amico e collega ha scritto:I cattolici "con riserva", purtroppo ci sono stati in tutte le epoche e a vari livelli di responsabilità. Questo non tocca però i cardini della fede e i doveri del cattolico perché non sono discutibili. Altrimenti non succede mica nulla di particolare, basta accettare di essere fuori.

Il grosso messaggio del cattolicesimo è che accoglie tutti e riserva il giudizio finale a chi giudica i comportamenti e che certamente, secondo me, non si fa condizionare dai distinguo e dalle interpretazioni di comodo.

SergioAD ha scritto:Non si discute dell'indiscutibile per rispetto reciproco.

Tra confessioni cristiane, altre religioni, usi e costumi e gli stati laici.

Sono cresciuto cattolico in mezzo a evangelici armeni, greco ortodossi, protestanti, copti, musulmani (ridi che ce n'è di più) - la garanzia la dava il secolarismo - dico sull'aborto, il divorzio e parlo per quando dici di "accettare di essere fuori" - nota che non ho parlato di orientamento sessuale e genitorialità dello stesso genere perché era lo stato di civilizzazione degli anni sessanta.

Oggi che il Sudan è diviso qualcuno pensa di aver meno vincoli verso le minoranze religiose dato che sono irrilevanti i musulmani nel sud ed i cristiani nel nord - aldilà della pena dei problemi etnici. In Egitto martirizzano i copti (che sono Egiziani a pieno titolo, originati da S. Marco nel IV secolo). Se ci sarà integrazione la garantirà lo stato secolare - è il suo scopo.

Oppure, cosa fare quando il rispetto non è reciproco?

Ti dico che io sono contro il divorzio per responsabilità morali verso i figli minori e l'eventuale debolezza famigliare o del coniuge. Come stanno le cose sull'evoluzione dell'istinto di "riproduzione"? Se la fornicazione è naturale come sembra allora lo è anche l'indulgenza ma, tutte le teocrazie offrono la soluzione del vestire modesti per non essere desiderate.

Cioè, se si deve prendere in blocco senza cherry picking allora gli italiani hanno già scelto il secolarismo e ora bisogna lavorare per migliorare il livello di civilizzazione.

amico e collega ha scritto:Sono d'accordo sulle valutazioni ma la religione non è razionale e quindi i suoi vincoli, se vuoi appartenere a quella confessione, sono quelli che sono e non ammettono deroghe per nessuno.

Io, personalmente, da laico ero favorevole alla libertà di divorziare perché il valore dell'indissolubilità del matrimonio è del cattolico e a lui non è consentito comunque divorziare. Gli altri però possono essere liberi di farlo non associandoci alcun valore trascendentale. Poi diverso è il discorso della libertà di divorziare e del divorzio in sé stesso sul quale anche io sono in disaccordo. Si è verificato, laicamente, quello che si paventava, al minimo dissapore le coppie "scoppiano". Oggi comincia a diventare difficile trovare coppie rimaste alla prima esperienza matrimoniale. E' progresso???? Libertà???? Non ha conseguenze su altri, figli nonni???

SergioAD ha scritto:Stiamo condividendo quasi tutto (e lo sapevo) però va data una risposta sulla sostanza - la voglio mettere leggera per consentire a tutti di cercare e trovare una via di mezzo.

Quanto è ragionevole che le religioni possano ingerire all'interno della sfera pubblica?

Qual è la corrente religiosa all'interno delle confessioni di riferimento più appropriata?

Lo dico perché le confessioni cristiane si stanno compattando come per la carica del condensatore ma ciascuna col suo tempo (evolutivo).

Questo è l'unico impasse
____________________
La seconda cosa è sul progresso e sulla libertà - tutte le generazioni hanno vissuto male le transizioni e come si fa a discutere questo, visto che ci sono riferimenti storici e nessuno tornerebbe indietro oggettivamente. La libertà è bizzarra per le nostre dipendenze (irrazionali ma reali come amore, bellezza, poesia, etc. fino al consumismo - io preferisco lottare sul dettaglio che eliminare il desiderio - vedi il buddhismo - ma è assolutamente soggettivo).

Mi mancano queste discussioni che comunque finivano quasi sempre nelle polemica estrema - però se non puoi fare la guerra, se vuoi rispettare la costituzione allora devi cercare interlocutori che sono disposti a confrontarsi non sulla fede ma sulla convivenza tra diverse fedi e/o tra fede e ragione. Qui non si fa più, su FB non è possibile tracciare una storia dei dibattiti per farli interallacciare - con tutta questa tecnica si sarebbero potuti fare simposi e conferenze e perfino podcast - ho un pensiero di separazione a livello di affinità intellettuale - siamo tre gatti e vale solo il pensiero.

SergioAD
-------------
-------------

Maschio Numero di messaggi : 6807
SCALA DI DAWKINS :
Considerazioni filosofiche sulla definizione di religione e relative associazioni  Left_bar_bleue0 / 700 / 70Considerazioni filosofiche sulla definizione di religione e relative associazioni  Right_bar_bleue

Data d'iscrizione : 30.01.10

Torna in alto Andare in basso

Considerazioni filosofiche sulla definizione di religione e relative associazioni  Empty Re: Considerazioni filosofiche sulla definizione di religione e relative associazioni

Messaggio Da Minsky il Mer 4 Dic - 23:11

SergioAD ha scritto:[...]

Mi mancano queste discussioni che comunque finivano quasi sempre nelle polemica estrema - però se non puoi fare la guerra, se vuoi rispettare la costituzione allora devi cercare interlocutori che sono disposti a confrontarsi non sulla fede ma sulla convivenza tra diverse fedi e/o tra fede e ragione. Qui non si fa più, su FB non è possibile tracciare una storia dei dibattiti per farli interallacciare - con tutta questa tecnica si sarebbero potuti fare simposi e conferenze e perfino podcast - ho un pensiero di separazione a livello di affinità intellettuale - siamo tre gatti e vale solo il pensiero.

Qui si può discutere di quello che si vuole, e non ci sono totem da rispettare. Che siamo rimasti in tre gatti è un indizio di che fine ha fatto l'amore per la libertà di espressione. A parer mio.

_________________
Lo sciocco dice: «dio non esiste». Persino lo sciocco l'ha capito.


Considerazioni filosofiche sulla definizione di religione e relative associazioni  6exssu6R_o
Minsky
Minsky
--------------
--------------

Maschio Numero di messaggi : 21227
Età : 65
Località : Codroipo
Occupazione/Hobby : ateo guerriero
SCALA DI DAWKINS :
Considerazioni filosofiche sulla definizione di religione e relative associazioni  Left_bar_bleue70 / 7070 / 70Considerazioni filosofiche sulla definizione di religione e relative associazioni  Right_bar_bleue

Data d'iscrizione : 06.10.11

Torna in alto Andare in basso

Considerazioni filosofiche sulla definizione di religione e relative associazioni  Empty Re: Considerazioni filosofiche sulla definizione di religione e relative associazioni

Messaggio Da SergioAD Ieri alle 0:49

Minsky caro mio, se sei andato a vedere la discussione della valle dell'eco mi avrai visto discutere del libro di urantia con uno che non riesce a leggere e l'ho capito alla fine quando ha detto che all'inizio gli piaceva.

Io non avevo un cazzo da fare (mi ero assentato da FB e qui non c'erano temi per me) ma ho pensato di ragionare con un uno che poi ha detto che la fede è ragione (attenzione che pure S. Agostino ci ha ragionato sopra per usare questo pensiero circolare, pur essendo neo platonico), ma questo signore l'aveva tirato fuori dalla sua testa e dimenticato subito dopo da non saper discuterne.

Non puoi nemmeno manifestare la tua delusione o colpevolezza per averlo considerato un interlocutore - tutti i messaggi buttati nel cesso, senza alcun seguito e non avrebbe capito nulla se avessi voluto offenderlo - non si può offendere uno così oppure è un peccato farlo.

Come prendere un BOT e postare traduzioni di testi da lingue diverse che non sarebbero rintracciabili... e il forum si riempirebbe della stessa consistenza di gente così - anzi c'è il rischio che qualcuno risponda, forse io stesso...

come feci con la lavatrice che sbatteva sul muro ed io sognavo di presentarmi alla insaziabile creatura, preparandomi il discorso e ho pure aperto la porta socchiusa dell'albergo... e meno male altrimenti, mi sarebbe rimasta in mente la scena del sogno.

SergioAD
-------------
-------------

Maschio Numero di messaggi : 6807
SCALA DI DAWKINS :
Considerazioni filosofiche sulla definizione di religione e relative associazioni  Left_bar_bleue0 / 700 / 70Considerazioni filosofiche sulla definizione di religione e relative associazioni  Right_bar_bleue

Data d'iscrizione : 30.01.10

Torna in alto Andare in basso

Considerazioni filosofiche sulla definizione di religione e relative associazioni  Empty Re: Considerazioni filosofiche sulla definizione di religione e relative associazioni

Messaggio Da Minsky Ieri alle 12:09

SergioAD ha scritto:Minsky caro mio, se sei andato a vedere la discussione della valle dell'eco mi avrai visto discutere del libro di urantia con uno che non riesce a leggere e l'ho capito alla fine quando ha detto che all'inizio gli piaceva.

Io non avevo un cazzo da fare (mi ero assentato da FB e qui non c'erano temi per me) ma ho pensato di ragionare con un uno che poi ha detto che la fede è ragione (attenzione che pure S. Agostino ci ha ragionato sopra per usare questo pensiero circolare, pur essendo neo platonico), ma questo signore l'aveva tirato fuori dalla sua testa e dimenticato subito dopo da non saper discuterne.

Non puoi nemmeno manifestare la tua delusione o colpevolezza per averlo considerato un interlocutore - tutti i messaggi buttati nel cesso, senza alcun seguito e non avrebbe capito nulla se avessi voluto offenderlo - non si può offendere uno così oppure è un peccato farlo.

Come prendere un BOT e postare traduzioni di testi da lingue diverse che non sarebbero rintracciabili... e il forum si riempirebbe della stessa consistenza di gente così - anzi c'è il rischio che qualcuno risponda, forse io stesso...

come feci con la lavatrice che sbatteva sul muro ed io sognavo di presentarmi alla insaziabile creatura, preparandomi il discorso e ho pure aperto la porta socchiusa dell'albergo... e meno male altrimenti, mi sarebbe rimasta in mente la scena del sogno.
Eh ma carissimo Sergio, bastava dare una scorsa a quello che ti aveva linkato per capire che non sta a posto coi sentimenti, quello crede ad una storia che è un romanzo fantasy scadente e noioso, secondo me sei anche troppo paziente e benevolo con simili idioti uno sberleffo e via.

_________________
Lo sciocco dice: «dio non esiste». Persino lo sciocco l'ha capito.


Considerazioni filosofiche sulla definizione di religione e relative associazioni  6exssu6R_o
Minsky
Minsky
--------------
--------------

Maschio Numero di messaggi : 21227
Età : 65
Località : Codroipo
Occupazione/Hobby : ateo guerriero
SCALA DI DAWKINS :
Considerazioni filosofiche sulla definizione di religione e relative associazioni  Left_bar_bleue70 / 7070 / 70Considerazioni filosofiche sulla definizione di religione e relative associazioni  Right_bar_bleue

Data d'iscrizione : 06.10.11

Torna in alto Andare in basso

Considerazioni filosofiche sulla definizione di religione e relative associazioni  Empty Re: Considerazioni filosofiche sulla definizione di religione e relative associazioni

Messaggio Da SergioAD Ieri alle 13:33

già.

avevo chiara l'idea sulle inconsistenze - pensavo di evidenziare i suoi errori banali - ho creduto che stesse trollando ed invece è davvero quello che appare.

mgreen



SergioAD
-------------
-------------

Maschio Numero di messaggi : 6807
SCALA DI DAWKINS :
Considerazioni filosofiche sulla definizione di religione e relative associazioni  Left_bar_bleue0 / 700 / 70Considerazioni filosofiche sulla definizione di religione e relative associazioni  Right_bar_bleue

Data d'iscrizione : 30.01.10

Torna in alto Andare in basso

Considerazioni filosofiche sulla definizione di religione e relative associazioni  Empty Re: Considerazioni filosofiche sulla definizione di religione e relative associazioni

Messaggio Da Mumble Ieri alle 14:25

Magic Oblivion ha scritto:la definizione di RELIGIONE è FEDE CIECA in qualcosa che non sai dimostrare VERO...

quindi anche ATEISMO è una reglione che ha i suoi FANS = ATEI

l'ateo infatti CREDE CIECAMENTE che non esista DIO o un qualsiasi essere superiore pure senza avere alcuna prova scientifica di questa sua convinzione ....
Dici di voler parlare su basi scientifiche e poi te ne esci con affermazioni antiscientifiche e completamente sballate.
Mumble
Mumble
------------
------------

Maschio Numero di messaggi : 29
Età : 46
Località : Globo terracqueo
Occupazione/Hobby : Vivere
SCALA DI DAWKINS :
Considerazioni filosofiche sulla definizione di religione e relative associazioni  Left_bar_bleue0 / 700 / 70Considerazioni filosofiche sulla definizione di religione e relative associazioni  Right_bar_bleue

Data d'iscrizione : 14.07.19

Torna in alto Andare in basso

Considerazioni filosofiche sulla definizione di religione e relative associazioni  Empty Re: Considerazioni filosofiche sulla definizione di religione e relative associazioni

Messaggio Da Magic Oblivion Ieri alle 19:33

Mumble ha scritto:
Magic Oblivion ha scritto:la definizione di RELIGIONE è FEDE CIECA in qualcosa che non sai dimostrare VERO...

quindi anche ATEISMO è una reglione che ha i suoi FANS = ATEI

l'ateo infatti CREDE CIECAMENTE che non esista DIO o un qualsiasi essere superiore pure senza avere alcuna prova scientifica di questa sua convinzione ....
Dici di voler parlare su basi scientifiche e poi te ne esci con affermazioni antiscientifiche e completamente sballate.
se dico cosa sballate significa che tu hai prove scientifiche certe inconfutabili che DIO non esisie se è cosi mostrale se non è cosi sei un FAN della RELIGIONE ATEA....

Magic Oblivion
-------------
-------------

Numero di messaggi : 106
Occupazione/Hobby : Deficiente
SCALA DI DAWKINS :
Considerazioni filosofiche sulla definizione di religione e relative associazioni  Left_bar_bleue0 / 700 / 70Considerazioni filosofiche sulla definizione di religione e relative associazioni  Right_bar_bleue

Data d'iscrizione : 13.09.16

Torna in alto Andare in basso

Considerazioni filosofiche sulla definizione di religione e relative associazioni  Empty Re: Considerazioni filosofiche sulla definizione di religione e relative associazioni

Messaggio Da Mumble Ieri alle 19:48

Magic Oblivion ha scritto:
Mumble ha scritto:
Magic Oblivion ha scritto:la definizione di RELIGIONE è FEDE CIECA in qualcosa che non sai dimostrare VERO...

quindi anche ATEISMO è una reglione che ha i suoi FANS = ATEI

l'ateo infatti CREDE CIECAMENTE che non esista DIO o un qualsiasi essere superiore pure senza avere alcuna prova scientifica di questa sua convinzione ....
Dici di voler parlare su basi scientifiche e poi te ne esci con affermazioni antiscientifiche e completamente sballate.
se dico cosa sballate significa che tu hai prove scientifiche certe inconfutabili che DIO non esisie se è cosi mostrale se non è cosi sei un FAN della RELIGIONE ATEA....
Ripetere una sciocchezza ad libitum non la rende più vera, ma solo più visibile.
Mumble
Mumble
------------
------------

Maschio Numero di messaggi : 29
Età : 46
Località : Globo terracqueo
Occupazione/Hobby : Vivere
SCALA DI DAWKINS :
Considerazioni filosofiche sulla definizione di religione e relative associazioni  Left_bar_bleue0 / 700 / 70Considerazioni filosofiche sulla definizione di religione e relative associazioni  Right_bar_bleue

Data d'iscrizione : 14.07.19

Torna in alto Andare in basso

Considerazioni filosofiche sulla definizione di religione e relative associazioni  Empty Re: Considerazioni filosofiche sulla definizione di religione e relative associazioni

Messaggio Da Minsky Ieri alle 20:15

Magic Oblivion ha scritto:[...] hai prove scientifiche certe inconfutabili che DIO non esiste se è cosi mostrale se non è cosi sei un FAN della RELIGIONE ATEA....
Ecco.

DIMOSTRAZIONE DEFINITIVA E INCONTROVERTIBILE DELL'INESISTENZA DI DIO

_________________
Lo sciocco dice: «dio non esiste». Persino lo sciocco l'ha capito.


Considerazioni filosofiche sulla definizione di religione e relative associazioni  6exssu6R_o
Minsky
Minsky
--------------
--------------

Maschio Numero di messaggi : 21227
Età : 65
Località : Codroipo
Occupazione/Hobby : ateo guerriero
SCALA DI DAWKINS :
Considerazioni filosofiche sulla definizione di religione e relative associazioni  Left_bar_bleue70 / 7070 / 70Considerazioni filosofiche sulla definizione di religione e relative associazioni  Right_bar_bleue

Data d'iscrizione : 06.10.11

Torna in alto Andare in basso

Considerazioni filosofiche sulla definizione di religione e relative associazioni  Empty Re: Considerazioni filosofiche sulla definizione di religione e relative associazioni

Messaggio Da Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Torna in alto Andare in basso

Torna in alto


 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum