Dopo la morte non c'è nulla, quindi vivere non solo ha senso ma conviene trarne il meglio

Pagina 1 di 3 1, 2, 3  Seguente

Andare in basso

Dopo la morte non c'è nulla, quindi vivere non solo ha senso ma conviene trarne il meglio

Messaggio Da eccepisco il Ven 13 Apr - 19:02

Ma se dopo la morte non c'è nulla, la vita che senso ha? E' solo sofferenza, sofferenza e sofferenza, una montagna di insensata sofferenza fine a se' stessa. Pazzesco.

eccepisco
-------------
-------------

Numero di messaggi : 76
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 07.10.12

Torna in alto Andare in basso

Re: Dopo la morte non c'è nulla, quindi vivere non solo ha senso ma conviene trarne il meglio

Messaggio Da Minsky il Ven 13 Apr - 20:24

eccepisco ha scritto:Ma se dopo la morte non c'è nulla, la vita che senso ha? E' solo sofferenza, sofferenza e sofferenza, una montagna di insensata sofferenza fine a se' stessa. Pazzesco.
Perché se no? Se "dopo" c'è la giostra eterna, il luna park infinito, allora è meglio farla finita al più presto con la sofferenza. E se non c'è nulla, allora tanto vale farla finita subito con la sofferenza inutile. Pertanto ne consegue che in ogni caso la scelta migliore, non appena ci si rende conto di come stanno le cose, non può essere altro che farla finita immediatamente.

Giusto? wink..

_________________
Lo sciocco dice: «dio non esiste». Persino lo sciocco l'ha capito.
avatar
Minsky
--------------
--------------

Maschio Numero di messaggi : 18840
Età : 64
Località : Codroipo
Occupazione/Hobby : ateo guerriero
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 06.10.11

Torna in alto Andare in basso

Re: Dopo la morte non c'è nulla, quindi vivere non solo ha senso ma conviene trarne il meglio

Messaggio Da marisella il Ven 13 Apr - 21:16

eccepisco ha scritto:Ma se dopo la morte non c'è nulla, la vita che senso ha? E' solo sofferenza, sofferenza e sofferenza, una montagna di insensata sofferenza fine a se' stessa. Pazzesco.
E ma come? Persino Leopardi che, si dice, fosse un pessimista, anche se amava la vita e avrebbe voluto godersela fino in fondo, aveva trovato un motivo per vivere, la solidarietà tra tutti gli esseri umani per cercare di far fronte al dolore cosmico. E che ti vuoi buttare sotto un treno? Aiuta i più deboli, fai la tua vita, quando giungerà la tua ora il Signore ti chiamerà e gli dirai come la pensi. Coraggio.
flower
P.S. Come dopo la morte non c'è nulla? C'è Dio in persona, e finalmente lo vedremo.
(Io sono l'ultima cattolica del forum rimasta, a quanto pare..., puoi sfogarti con me quanto vuoi...)

marisella
-----------
-----------

Maschio Numero di messaggi : 1662
Età : 38
Località : sasso marconi
Occupazione/Hobby : musica
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 24.05.16

Torna in alto Andare in basso

Re: Dopo la morte non c'è nulla, quindi vivere non solo ha senso ma conviene trarne il meglio

Messaggio Da matem il Sab 14 Apr - 20:35

eccepisco ha scritto:Ma se dopo la morte non c'è nulla, la vita che senso ha? E' solo sofferenza, sofferenza e sofferenza, una montagna di insensata sofferenza fine a se' stessa. Pazzesco.
la promessa di una vita dopo la morte è stata la carta vincente di molte religioni, e in particolare del cristianesimo.Far credere che dopo ci sarà un altra vita, e anche eterna, ha contribuito notevolmente a crederci perchè è confortante  crederci e sapere che non c'è il nulla .Purtroppo però il pensiero razionale porta a tutt'altra realtà, quella del nulla .Il paradiso o l'inferno sono quì sulla terra e il destino di ognuno ce li fa vivere a diverse intensità piacevoli o spiacevoli, è la vita di ogni essere vivente nella sua parabola  dalla nascita alla morte .L'importante è dare un significato alla nostra esistenza e lasciare un nostro  ricordo positivo e  importante agli altri quando andremo via e non ci saremo più.
avatar
matem
-------------
-------------

Maschio Numero di messaggi : 469
Località : salerno
Occupazione/Hobby : ex insegnante -lettura libri sulla religione cristiana-collezionista di oggetti storici
SCALA DI DAWKINS :
69 / 7069 / 70

Data d'iscrizione : 06.10.10

Torna in alto Andare in basso

Re: Dopo la morte non c'è nulla, quindi vivere non solo ha senso ma conviene trarne il meglio

Messaggio Da marisella il Sab 14 Apr - 22:20

matem ha scritto:
eccepisco ha scritto:Ma se dopo la morte non c'è nulla, la vita che senso ha? E' solo sofferenza, sofferenza e sofferenza, una montagna di insensata sofferenza fine a se' stessa. Pazzesco.
la promessa di una vita dopo la morte è stata la carta vincente di molte religioni, e in particolare del cristianesimo.Far credere che dopo ci sarà un altra vita, e anche eterna, ha contribuito notevolmente a crederci perchè è confortante  crederci e sapere che non c'è il nulla .Purtroppo però il pensiero razionale porta a tutt'altra realtà, quella del nulla .Il paradiso o l'inferno sono quì sulla terra e il destino di ognuno ce li fa vivere a diverse intensità piacevoli o spiacevoli, è la vita di ogni essere vivente nella sua parabola  dalla nascita alla morte .L'importante è dare un significato alla nostra esistenza e lasciare un nostro  ricordo positivo e  importante agli altri quando andremo via e non ci saremo più.
Matem, scusa, e a che porta il pensiero razionale? Chi ha costruito le tue cellule? Il tuo DNA chi l'ha assemblato? I tuoi mitocondri come fanno a funzionare? Come fa a produrre energia la fosforilazione ossidativa? Che dice il pensiero razionale, è il Chaos? Già un filosofo poneva il mondo creato dal Chaos ...E perchè ti dà tanto fastidio l'idea dell'esistenza di Dio? Così come lui ci ha creato, poi ci accoglierà nelle dimore eterne, e perchè no? Ci credevano i Sumeri a un'altra vita dopo la morte, gli Egizi che ci hanno lasciato luminose interpretazioni sulla vita futura dell'anima nel Libro dei Morti, gli Ebrei al tempo di Mosè hanno cominciato a credere a una vita dopo di questa, e perchè non può essere? Gesù ha detto che andava a prepararci un posto, se non ci vuoi credere non ci credere, ciò non ti farà stare meglio.
Certo se fossimo immortali e avessimo sempre 20 anni non sapremmo che farcene delle religioni e delle flosofie.
Ciao.

marisella
-----------
-----------

Maschio Numero di messaggi : 1662
Età : 38
Località : sasso marconi
Occupazione/Hobby : musica
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 24.05.16

Torna in alto Andare in basso

Re: Dopo la morte non c'è nulla, quindi vivere non solo ha senso ma conviene trarne il meglio

Messaggio Da Paolo il Dom 15 Apr - 12:29

eccepisco ha scritto:Ma se dopo la morte non c'è nulla, la vita che senso ha? E' solo sofferenza, sofferenza e sofferenza, una montagna di insensata sofferenza fine a se' stessa. Pazzesco.

Ciò che ci fa vivere e ci fa desistere dal suicidarsi è l'istinto di sopravvivenza che, quanto istinto, non ha una base razionale. Chi si suicida lo fa solo perchè in quel momento la spinta negativa derivante da uno stato di angoscia o di dolore è superiore alla spinta che il nostro istinto di sopravvivenza che ci obbliga a vivere. Lo stesso vale anche per una spinta derivante da un qualche ideale, che spinge un individuo al suicidio. La mancanza di una di queste situazioni rende impossibile il suicidio. Vivere non ha nulla di razionale, è un mero istinto. Sei obbligato a vivere. E' del tutto inutile chiedersi un perchè.
avatar
Paolo
-------------
-------------

Maschio Numero di messaggi : 8825
Età : 63
Località : Brescia
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 14.03.10

Torna in alto Andare in basso

Re: Dopo la morte non c'è nulla, quindi vivere non solo ha senso ma conviene trarne il meglio

Messaggio Da Rasputin il Dom 15 Apr - 13:07

eccepisco ha scritto:Ma se dopo la morte non c'è nulla, la vita che senso ha? E' solo sofferenza, sofferenza e sofferenza, una montagna di insensata sofferenza fine a se' stessa. Pazzesco.

In sè, la vita non ha alcun senso. Può avere il senso che sta a te darle.

_________________
Ma cosa credi, che uno si sveglia una mattina e decide di lavorare in un carcere? Quella è gente perversa! (Vanessa Lutz)



You need to humble yourself before you go to Kona, because that thing will humble you, if you're not already humbled (Lionel Sanders)

La democrazia non ha nulla a che vedere con libertà, diritti umani o libertà di opinione. È semplicemente la dittatura della maggioranza.
avatar
Rasputin
..............
..............

Maschio Numero di messaggi : 53184
Età : 57
Località : Augusta vindelicorum
Occupazione/Hobby : Antinazista non praticante, islamofobo praticante, libido post eroina amplificata da alcol e anfetamine
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 28.10.09

Torna in alto Andare in basso

Re: Dopo la morte non c'è nulla, quindi vivere non solo ha senso ma conviene trarne il meglio

Messaggio Da Minsky il Dom 15 Apr - 16:57

Rasputin ha scritto:
eccepisco ha scritto:Ma se dopo la morte non c'è nulla, la vita che senso ha? E' solo sofferenza, sofferenza e sofferenza, una montagna di insensata sofferenza fine a se' stessa. Pazzesco.

In sè, la vita non ha alcun senso. Può avere il senso che sta a te darle.
Spaccare il culo ai credenti. Questo è il senso.

Sì, se ero un ateo feroce adesso sono diventato un ateo terribile, intollerante, spietato, atroce, disumano, brutale, aggressivo, malvagio e sanguinario.

Contenti?

_________________
Lo sciocco dice: «dio non esiste». Persino lo sciocco l'ha capito.
avatar
Minsky
--------------
--------------

Maschio Numero di messaggi : 18840
Età : 64
Località : Codroipo
Occupazione/Hobby : ateo guerriero
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 06.10.11

Torna in alto Andare in basso

Re: Dopo la morte non c'è nulla, quindi vivere non solo ha senso ma conviene trarne il meglio

Messaggio Da marisella il Dom 15 Apr - 17:16

Minsky ha scritto:
Rasputin ha scritto:
eccepisco ha scritto:Ma se dopo la morte non c'è nulla, la vita che senso ha? E' solo sofferenza, sofferenza e sofferenza, una montagna di insensata sofferenza fine a se' stessa. Pazzesco.

In sè, la vita non ha alcun senso. Può avere il senso che sta a te darle.
Spaccare il culo ai credenti. Questo è il senso.

Sì, se ero un ateo feroce adesso sono diventato un ateo terribile, intollerante, spietato, atroce, disumano, brutale, aggressivo, malvagio e sanguinario.

Contenti?
Minsky, e tu saresti capace di spaccarmi
il culo perchè sono credente? E che ti credi
che io sto con le mani in mano a farmelo
spaccare?
Ma io prendo un mattarello e te lo spacco in testa,
 vediamo chi è più cocciuto...

marisella
-----------
-----------

Maschio Numero di messaggi : 1662
Età : 38
Località : sasso marconi
Occupazione/Hobby : musica
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 24.05.16

Torna in alto Andare in basso

Re: Dopo la morte non c'è nulla, quindi vivere non solo ha senso ma conviene trarne il meglio

Messaggio Da Minsky il Dom 15 Apr - 17:21

marisella ha scritto:
Minsky, e tu saresti capace di spaccarmi
il culo perchè sono credente? E che ti credi
che io sto con le mani in mano a farmelo
spaccare?
Ma io prendo un mattarello e te lo spacco in testa,
 vediamo chi è più cocciuto...
Tu sei credente come io sono un banchiere.

Dài, su.

_________________
Lo sciocco dice: «dio non esiste». Persino lo sciocco l'ha capito.
avatar
Minsky
--------------
--------------

Maschio Numero di messaggi : 18840
Età : 64
Località : Codroipo
Occupazione/Hobby : ateo guerriero
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 06.10.11

Torna in alto Andare in basso

Re: Dopo la morte non c'è nulla, quindi vivere non solo ha senso ma conviene trarne il meglio

Messaggio Da Armok il Dom 15 Apr - 18:06

Riguardo all'OP, si, la vita è sofferenza e questo è un fatto, non opinabile.

Non ho mai pensato seriamente al suicidio neppure per un istante e nemmeno nelle fasi più acute della mia depressione ma solo perchè la mia tanatofobia supera - ampiamente - la sofferenza di cui l'esistenza è foriera.


E comunque mi sono preso una responsabilità verso una creatura vivente che - chiamatemi pazzo, non mi offendo - per me non ha minor peso della responsabilità verso un figlio quindi almeno per i prossimi 5-10 anni circa devo restare vivo in ogni caso.
avatar
Armok
-------------
-------------

Maschio Numero di messaggi : 677
Età : 32
Località : Veneto
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 27.06.15

Torna in alto Andare in basso

Re: Dopo la morte non c'è nulla, quindi vivere non solo ha senso ma conviene trarne il meglio

Messaggio Da marisella il Dom 15 Apr - 21:12

Armok ha scritto:Riguardo all'OP, si, la vita è sofferenza e questo è un fatto, non opinabile.

Non ho mai pensato seriamente al suicidio neppure per un istante e nemmeno nelle fasi più acute della mia depressione ma solo perchè la mia tanatofobia supera - ampiamente - la sofferenza di cui l'esistenza è foriera.


E comunque mi sono preso una responsabilità verso una creatura vivente che - chiamatemi pazzo, non mi offendo - per me non ha minor peso della responsabilità verso un figlio quindi almeno per i prossimi 5-10 anni circa devo restare vivo in ogni caso.
Mio caro amico Armok,
non essere così depresso, tutto si sistema
ma anche tu ami molto Schopenhauer con la sua
"volontà" di vivere, una volontà cieca, "la cosa in sè",
la volontà irrazionale, e questa Volontà è una cieca
volontà di vivere, irrazionale, che si dispiega senza
finalità
che vuole per volere e per accrescere l'insoddisfazione e il dolore.
Tutto l''universo è manifestazione di questa Volontà, non causa dei fenomeni
ma oggettivazione di sè stessa.
Ma in mezzo a questo pessimismo cosmico romantico di Schopenhauer
c'è la luce della fede a rischiarare il nostro cammino. Coraggio.
Bravo che ti occuperai di una persona per i prossimi 10 anni, hai fatto bene,
bravo.
Buonanotte, Ciao.

marisella
-----------
-----------

Maschio Numero di messaggi : 1662
Età : 38
Località : sasso marconi
Occupazione/Hobby : musica
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 24.05.16

Torna in alto Andare in basso

Re: Dopo la morte non c'è nulla, quindi vivere non solo ha senso ma conviene trarne il meglio

Messaggio Da matem il Dom 15 Apr - 21:30

marisella ha scritto:
matem ha scritto:
eccepisco ha scritto:Ma se dopo la morte non c'è nulla, la vita che senso ha? E' solo sofferenza, sofferenza e sofferenza, una montagna di insensata sofferenza fine a se' stessa. Pazzesco.
la promessa di una vita dopo la morte è stata la carta vincente di molte religioni, e in particolare del cristianesimo.Far credere che dopo ci sarà un altra vita, e anche eterna, ha contribuito notevolmente a crederci perchè è confortante  crederci e sapere che non c'è il nulla .Purtroppo però il pensiero razionale porta a tutt'altra realtà, quella del nulla .Il paradiso o l'inferno sono quì sulla terra e il destino di ognuno ce li fa vivere a diverse intensità piacevoli o spiacevoli, è la vita di ogni essere vivente nella sua parabola  dalla nascita alla morte .L'importante è dare un significato alla nostra esistenza e lasciare un nostro  ricordo positivo e  importante agli altri quando andremo via e non ci saremo più.
Matem, scusa, e a che porta il pensiero razionale? Chi ha costruito le tue cellule? Il tuo DNA chi l'ha assemblato? I tuoi mitocondri come fanno a funzionare? Come fa a produrre energia la fosforilazione ossidativa? Che dice il pensiero razionale, è il Chaos? Già un filosofo poneva il mondo creato dal Chaos ...E perchè ti dà tanto fastidio l'idea dell'esistenza di Dio? Così come lui ci ha creato, poi ci accoglierà nelle dimore eterne, e perchè no? Ci credevano i Sumeri a un'altra vita dopo la morte, gli Egizi che ci hanno lasciato luminose interpretazioni sulla vita futura dell'anima nel Libro dei Morti, gli Ebrei al tempo di Mosè hanno cominciato a credere a una vita dopo di questa, e perchè non può essere? Gesù ha detto che andava a prepararci un posto, se non ci vuoi credere non ci credere, ciò non ti farà stare meglio.
Certo se fossimo immortali e avessimo sempre 20 anni non sapremmo che farcene delle religioni e delle flosofie.
Ciao.
la religione cristiana, contraddicendo il pensiero di San Paolo e una risposta  di Gesù, afferma che si risorge con il corpo ,la resurrezione della carne nel credo niceno, cioè tu credi in questo?
Se morirai a 90 anni risorgi con l'ultimo tuo corpo?Chi muore bambino risorge bambino?Chi è storpio risorge storpio e rimarrà così in eterno?Se risorgiamo con il corpo avremo bisogno di soddisfare tutte le sue funzioni, quindi vivremo in eterno una vita di stenti,paure, lavoro,..una vita come prima?Dove vivremo?Su questo pianeta destinato a non durare in eterno?
Penso che non si possa mai credere a queste assurdità che sono solo delle favole per creduloni come te.E di assurdità e contraddizioni sull'ipotesi Dio ce ne sono tantissime che ne dimostrano la non esistenza, basti pensare al male e al diavolo: chi li ha creati e perchè?Non credi mica alla favola allegorica di Adamo ed Eva?
In effetti credere ciecamente aiuta forse a vivere con più ottimismo e conforto,si chiama fede,ma per  credere così bisogna essere o stupidi o irrazionali.Non siamo tutti come te.
avatar
matem
-------------
-------------

Maschio Numero di messaggi : 469
Località : salerno
Occupazione/Hobby : ex insegnante -lettura libri sulla religione cristiana-collezionista di oggetti storici
SCALA DI DAWKINS :
69 / 7069 / 70

Data d'iscrizione : 06.10.10

Torna in alto Andare in basso

Re: Dopo la morte non c'è nulla, quindi vivere non solo ha senso ma conviene trarne il meglio

Messaggio Da wibblywobbly il Dom 15 Apr - 22:16

Ciao, primo post in questo forum e trovo che questo argomento sia il miglior modo per iniziare.
Dare un senso o meno alla propria vita o viverla  in relazione all'esistenza di "qualcosa" dopo la morte la trovo una raggelante aberrazione.
Parto dal presupposto che ritengo la felicità una mera utopia e che la la vita vada vissuta cogliendo quel che di buono ha il mondo ha da offrire
(nel mio caso la lettura dei libri, la musica, la scrittura) in modo da renderla più sopportabile.
Ho smesso di credere da lustri, trovo ridicolo solo il concetto di fede. Siamo un miserrimo granello di polvere nell'immensita dell'universo e davvero c'è chi crede in un fantomatico Dio che ha mandato se stesso su questo insulso granello.
Basterebbe guardare le stelle. E pensare a cosa c'è la fuori, lontanissimo da noi.  Quante galassie e pianeti.  Per renderci conto che passare la propria vita seguendo dettami ipocriti e insulsi sia davvero un suicidio. E mi ritengo fortunato, che rido di Adamo ed Eva, della terra piatta ( perchè nei testi sacri la terra è piatta, poi la presa per il cuo era evidente e si sono adeguati) e di un fantomatico essere superiore che ci vuole talmente bene da permettere milionate di morti, stragi, oppressioni.  Salvo poi parlare di miracolo quando un medico ti cura un male. Il male è la fede.  E per vivere una vita mediamente accettabile bisognerebbe prima di tutto liberarsi da questo fardello. Perchè solo noi siamo artefici del nostro destino. Non un essere immaginario inventato per tenere a bada i popoli.

Scusate il primo intervento confusionario e approssimativo, ma ho la febbre e gli antibiotici ancora devono fare effetto (quant'è fortunato chi invece si limita a pregare per guarire).
Ho trovato stasera questo forum e non potevo farne a meno di iscrivermi.
A presto.

C.
avatar
wibblywobbly
------------
------------

Numero di messaggi : 6
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 15.04.18

Torna in alto Andare in basso

Re: Dopo la morte non c'è nulla, quindi vivere non solo ha senso ma conviene trarne il meglio

Messaggio Da Rasputin il Dom 15 Apr - 22:29

wibblywobbly ha scritto:Ciao, primo post in questo forum e trovo che questo argomento sia il miglior modo per iniziare.
Dare un senso o meno alla propria vita o viverla  in relazione all'esistenza di "qualcosa" dopo la morte la trovo una raggelante aberrazione.
Parto dal presupposto che ritengo la felicità una mera utopia e che la la vita vada vissuta cogliendo quel che di buono ha il mondo ha da offrire
(nel mio caso la lettura dei libri, la musica, la scrittura) in modo da renderla più sopportabile.
Ho smesso di credere da lustri, trovo ridicolo solo il concetto di fede. Siamo un miserrimo granello di polvere nell'immensita dell'universo e davvero c'è chi crede in un fantomatico Dio che ha mandato se stesso su questo insulso granello.
Basterebbe guardare le stelle. E pensare a cosa c'è la fuori, lontanissimo da noi.  Quante galassie e pianeti.  Per renderci conto che passare la propria vita seguendo dettami ipocriti e insulsi sia davvero un suicidio. E mi ritengo fortunato, che rido di Adamo ed Eva, della terra piatta ( perchè nei testi sacri la terra è piatta, poi la presa per il cuo era evidente e si sono adeguati) e di un fantomatico essere superiore che ci vuole talmente bene da permettere milionate di morti, stragi, oppressioni.  Salvo poi parlare di miracolo quando un medico ti cura un male. Il male è la fede.  E per vivere una vita mediamente accettabile bisognerebbe prima di tutto liberarsi da questo fardello. Perchè solo noi siamo artefici del nostro destino. Non un essere immaginario inventato per tenere a bada i popoli.

Scusate il primo intervento confusionario e approssimativo, ma ho la febbre e gli antibiotici ancora devono fare effetto (quant'è fortunato chi invece si limita a pregare per guarire).
Ho trovato stasera questo forum e non potevo farne a meno di iscrivermi.
A presto.

C.

welcome cheers

e ti meriti uno sforzo particolare, toh:



(occhio, pochi si limitano a pregare per guarire purtoppo Royales )

Sulla terrapiatta c'è un'associazione, esiste davvero e sta anche su twitter:



c'è però anche chi risponde hihihihih

_________________
Ma cosa credi, che uno si sveglia una mattina e decide di lavorare in un carcere? Quella è gente perversa! (Vanessa Lutz)



You need to humble yourself before you go to Kona, because that thing will humble you, if you're not already humbled (Lionel Sanders)

La democrazia non ha nulla a che vedere con libertà, diritti umani o libertà di opinione. È semplicemente la dittatura della maggioranza.
avatar
Rasputin
..............
..............

Maschio Numero di messaggi : 53184
Età : 57
Località : Augusta vindelicorum
Occupazione/Hobby : Antinazista non praticante, islamofobo praticante, libido post eroina amplificata da alcol e anfetamine
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 28.10.09

Torna in alto Andare in basso

Re: Dopo la morte non c'è nulla, quindi vivere non solo ha senso ma conviene trarne il meglio

Messaggio Da Armok il Lun 16 Apr - 1:33

ma anche tu ami molto Schopenhauer


Vero. Penso abbia capito molto. Infatti è considerato l'ideologo dell'antinatalismo ( VHEMT, estinzione umana volontaria ecc. ).


Comunque.
Penso che molta, forse la maggior parte, della sofferenza sarebbe in teoria evitabile e dipenda da atti ed omissioni umane.
Se penso che al budget militare statunitense vengono dedicati circa 900 miliardi di dollari annui ( mi pare fossero 971 durante il mandato di Obama ) , e alla ricerca medica meno di un decimillesimo di questa cifra ( in tutto il mondo, messo assieme ), mi vien da dubitare fortemente della sanità mentale umana in quanto specie.
avatar
Armok
-------------
-------------

Maschio Numero di messaggi : 677
Età : 32
Località : Veneto
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 27.06.15

Torna in alto Andare in basso

Re: Dopo la morte non c'è nulla, quindi vivere non solo ha senso ma conviene trarne il meglio

Messaggio Da marisella il Lun 16 Apr - 18:44

Armok ha scritto:
ma anche tu ami molto Schopenhauer


Vero. Penso abbia capito molto. Infatti è considerato l'ideologo dell'antinatalismo ( VHEMT, estinzione umana volontaria ecc. ).


Comunque.
Penso che molta, forse la maggior parte, della sofferenza sarebbe in teoria evitabile e dipenda da atti ed omissioni umane.
Se penso che al budget militare statunitense vengono dedicati circa 900 miliardi di dollari annui ( mi pare fossero 971 durante il mandato di Obama ) , e alla ricerca medica meno di un decimillesimo di questa cifra ( in tutto il mondo, messo assieme ), mi vien da dubitare fortemente della sanità mentale umana in quanto specie.
Mio caro amico Armok,
però nonostante tutto siamo circa 10 mld di persone e se Elon Musk non fa in fretta a trasferirci tutti su Marte, non avremo abbastanza cibo e nè acqua, il pianeta è saturo e le risorse vanno scemando. Purtroppo su Marte non avremo strisce argentee di ruscelletti gorgoglianti e nè fantastiche scogliere sarde ma solo rocce rosse e laghetti di metano liquido..., però tutto sta abituarsi...
Ciao.

marisella
-----------
-----------

Maschio Numero di messaggi : 1662
Età : 38
Località : sasso marconi
Occupazione/Hobby : musica
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 24.05.16

Torna in alto Andare in basso

Re: Dopo la morte non c'è nulla, quindi vivere non solo ha senso ma conviene trarne il meglio

Messaggio Da marisella il Lun 16 Apr - 19:13

matem ha scritto:
marisella ha scritto:
matem ha scritto:
eccepisco ha scritto:Ma se dopo la morte non c'è nulla, la vita che senso ha? E' solo sofferenza, sofferenza e sofferenza, una montagna di insensata sofferenza fine a se' stessa. Pazzesco.
la promessa di una vita dopo la morte è stata la carta vincente di molte religioni, e in particolare del cristianesimo.Far credere che dopo ci sarà un altra vita, e anche eterna, ha contribuito notevolmente a crederci perchè è confortante  crederci e sapere che non c'è il nulla .Purtroppo però il pensiero razionale porta a tutt'altra realtà, quella del nulla .Il paradiso o l'inferno sono quì sulla terra e il destino di ognuno ce li fa vivere a diverse intensità piacevoli o spiacevoli, è la vita di ogni essere vivente nella sua parabola  dalla nascita alla morte .L'importante è dare un significato alla nostra esistenza e lasciare un nostro  ricordo positivo e  importante agli altri quando andremo via e non ci saremo più.
Matem, scusa, e a che porta il pensiero razionale? Chi ha costruito le tue cellule? Il tuo DNA chi l'ha assemblato? I tuoi mitocondri come fanno a funzionare? Come fa a produrre energia la fosforilazione ossidativa? Che dice il pensiero razionale, è il Chaos? Già un filosofo poneva il mondo creato dal Chaos ...E perchè ti dà tanto fastidio l'idea dell'esistenza di Dio? Così come lui ci ha creato, poi ci accoglierà nelle dimore eterne, e perchè no? Ci credevano i Sumeri a un'altra vita dopo la morte, gli Egizi che ci hanno lasciato luminose interpretazioni sulla vita futura dell'anima nel Libro dei Morti, gli Ebrei al tempo di Mosè hanno cominciato a credere a una vita dopo di questa, e perchè non può essere? Gesù ha detto che andava a prepararci un posto, se non ci vuoi credere non ci credere, ciò non ti farà stare meglio.
Certo se fossimo immortali e avessimo sempre 20 anni non sapremmo che farcene delle religioni e delle flosofie.
Ciao.
la religione cristiana, contraddicendo il pensiero di San Paolo e una risposta  di Gesù, afferma che si risorge con il corpo ,la resurrezione della carne nel credo niceno, cioè tu credi in questo?
Se morirai a 90 anni risorgi con l'ultimo tuo corpo?Chi muore bambino risorge bambino?Chi è storpio risorge storpio e rimarrà così in eterno?Se risorgiamo con il corpo avremo bisogno di soddisfare tutte le sue funzioni, quindi vivremo in eterno una vita di stenti,paure, lavoro,..una vita come prima?Dove vivremo?Su questo pianeta destinato a non durare in eterno?
Penso che non si possa mai credere a queste assurdità che sono solo delle favole per creduloni come te.E di assurdità e contraddizioni sull'ipotesi Dio ce ne sono tantissime che ne dimostrano la non esistenza, basti pensare al male e al diavolo: chi li ha creati e perchè?Non credi mica alla favola allegorica di Adamo ed Eva?
In effetti credere ciecamente aiuta forse a vivere con più ottimismo e conforto,si chiama fede,ma per  credere così bisogna essere o stupidi o irrazionali.Non siamo tutti come te.
Caro Matem,
non sono la prima cristiana che viene lapidata a parolacce o sul serio. Io recito il Credo Niceno-Costantinopolitano, ove è scritto: Credo nella risurrezione della carne e nella vita del mondo che verrà.  Spero di morire a 100 anni, ma non mi pongo il problema se risorgerò con un corpo da 15 enne o da centenaria, basta che risorga, Gesù è il primo dei risorti. Non so dove ci metteremo, avremo dei corpi gloriosi, Gesu', da risorto, attraversava i muri e le porte chiuse, non saranno corpi identici a questo, ma risorgeremo.

Quanto alla" favola allegorica di Adamo ed Eva", tu che sai tutto saprai anche che vi sono due storie della creazione dell'uomo in Genesi, si crede che la prima moglie di Adamo fosse Lilith, che poi divenne un demone bellissimo e ribelle.

In Genesi 1-27 è scritto:

E Dio creò l'uomo a sua immagine, a immagine di Dio lo creò, maschio e femmina
li creò ( e poi li separò).
La Kabbalah pensa che lo Adam primordiale fosse un androgino e che i due esseri fossero uniti per la schiena, poi Dio li separò.
Si crede che questa donna si chiamasse Lilith, che non volle
restare nel paradiso terrestre, e nè voleva ubbidire ad Adamo
quindi fuggì' via
, prima di essere cacciata, e divenne un demone bellissimo.

Poi in Genesi 2-21 è scritto :

Allora il Signore Dio fece cadere un sonno
profondo su Adamo che si addormentò...
e mentre dormiva Dio prese una delle sue costole e formò la donna...

Ecco che appare Eva il cui nome rientra in quello sacro
di Jahvè, che ubbidì ad Adamo, così dicono, e fu la sua seconda moglie...

Cio' è scritto sia in Genesi che nella Kabbalah.

Sul diavolo e il male il discorso è molto complesso e serve un topic a parte o
un volume a parte, un po' per volta.
Ciao.

marisella
-----------
-----------

Maschio Numero di messaggi : 1662
Età : 38
Località : sasso marconi
Occupazione/Hobby : musica
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 24.05.16

Torna in alto Andare in basso

Re: Dopo la morte non c'è nulla, quindi vivere non solo ha senso ma conviene trarne il meglio

Messaggio Da Minsky il Lun 16 Apr - 19:15

wibblywobbly ha scritto:Ciao, primo post in questo forum e trovo che questo argomento sia il miglior modo per iniziare.
Dare un senso o meno alla propria vita o viverla  in relazione all'esistenza di "qualcosa" dopo la morte la trovo una raggelante aberrazione.
Parto dal presupposto che ritengo la felicità una mera utopia e che la la vita vada vissuta cogliendo quel che di buono ha il mondo ha da offrire
(nel mio caso la lettura dei libri, la musica, la scrittura) in modo da renderla più sopportabile.
Ho smesso di credere da lustri, trovo ridicolo solo il concetto di fede. Siamo un miserrimo granello di polvere nell'immensita dell'universo e davvero c'è chi crede in un fantomatico Dio che ha mandato se stesso su questo insulso granello.
Basterebbe guardare le stelle. E pensare a cosa c'è la fuori, lontanissimo da noi.  Quante galassie e pianeti.  Per renderci conto che passare la propria vita seguendo dettami ipocriti e insulsi sia davvero un suicidio. E mi ritengo fortunato, che rido di Adamo ed Eva, della terra piatta ( perchè nei testi sacri la terra è piatta, poi la presa per il cuo era evidente e si sono adeguati) e di un fantomatico essere superiore che ci vuole talmente bene da permettere milionate di morti, stragi, oppressioni.  Salvo poi parlare di miracolo quando un medico ti cura un male. Il male è la fede.  E per vivere una vita mediamente accettabile bisognerebbe prima di tutto liberarsi da questo fardello. Perchè solo noi siamo artefici del nostro destino. Non un essere immaginario inventato per tenere a bada i popoli.

Scusate il primo intervento confusionario e approssimativo, ma ho la febbre e gli antibiotici ancora devono fare effetto (quant'è fortunato chi invece si limita a pregare per guarire).
Ho trovato stasera questo forum e non potevo farne a meno di iscrivermi.
A presto.

C.
Beh, cosa c'è di strano che deeeo abbia creato un intero universo solo per ospitare i credenti su questo minuscolo pianeta? Grandi mezzi ed enorme potenza per infimi risultati. Questo è il metodo di deeeo. wink..

welcome

_________________
Lo sciocco dice: «dio non esiste». Persino lo sciocco l'ha capito.
avatar
Minsky
--------------
--------------

Maschio Numero di messaggi : 18840
Età : 64
Località : Codroipo
Occupazione/Hobby : ateo guerriero
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 06.10.11

Torna in alto Andare in basso

Re: Dopo la morte non c'è nulla, quindi vivere non solo ha senso ma conviene trarne il meglio

Messaggio Da Minsky il Lun 16 Apr - 19:19

marisella ha scritto:[...] Non so dove ci metteremo, avremo dei corpi gloriosi, Gesu', da risorto, attraversava i muri e le porte chiuse, non saranno corpi identici a questo, ma risorgeremo.[...]
Anche Hulk è capace di attraversare i muri e le porte chiuse. È un risorto? mgreen

_________________
Lo sciocco dice: «dio non esiste». Persino lo sciocco l'ha capito.
avatar
Minsky
--------------
--------------

Maschio Numero di messaggi : 18840
Età : 64
Località : Codroipo
Occupazione/Hobby : ateo guerriero
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 06.10.11

Torna in alto Andare in basso

Re: Dopo la morte non c'è nulla, quindi vivere non solo ha senso ma conviene trarne il meglio

Messaggio Da Rasputin il Lun 16 Apr - 19:23

marisella ha scritto:Credo nella risurrezione della carne e nella vita del mondo che verrà.  Spero di morire a 100 anni, ma non mi pongo il problema se risorgerò con un corpo da 15 enne o da centenaria, basta che risorga, Gesù è il primo dei risorti. Non so dove ci metteremo, avremo dei corpi gloriosi, Gesu', da risorto, attraversava i muri e le porte chiuse, non saranno corpi identici a questo, ma risorgeremo.




mgreen

_________________
Ma cosa credi, che uno si sveglia una mattina e decide di lavorare in un carcere? Quella è gente perversa! (Vanessa Lutz)



You need to humble yourself before you go to Kona, because that thing will humble you, if you're not already humbled (Lionel Sanders)

La democrazia non ha nulla a che vedere con libertà, diritti umani o libertà di opinione. È semplicemente la dittatura della maggioranza.
avatar
Rasputin
..............
..............

Maschio Numero di messaggi : 53184
Età : 57
Località : Augusta vindelicorum
Occupazione/Hobby : Antinazista non praticante, islamofobo praticante, libido post eroina amplificata da alcol e anfetamine
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 28.10.09

Torna in alto Andare in basso

Re: Dopo la morte non c'è nulla, quindi vivere non solo ha senso ma conviene trarne il meglio

Messaggio Da wibblywobbly il Lun 16 Apr - 20:16

marisella ha scritto:
Si crede che questa donna si chiamasse Lilith, che non volle
restare nel paradiso terrestre, e nè voleva ubbidire ad Adamo
quindi fuggì' prima di essere cacciata, e divenne un demone bellissimo.
Certo, sin dal principio era impensabile che la donna non potesse esimersi dall'essere sottomessa all'uomo.
Quindi giustamente Dio mise le cose in chiaro e volle cacciarla (Lilith) e farne un esempio per la seconda venuta, Eva.

Figura sfigata, sottomessa (appunto) e pure stupida. BUona solo a sfornare figli e mangiare frutta.
avatar
wibblywobbly
------------
------------

Numero di messaggi : 6
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 15.04.18

Torna in alto Andare in basso

Re: Dopo la morte non c'è nulla, quindi vivere non solo ha senso ma conviene trarne il meglio

Messaggio Da matem il Mar 17 Apr - 8:07

marisella ha scritto:
matem ha scritto:
marisella ha scritto:
matem ha scritto:
eccepisco ha scritto:Ma se dopo la morte non c'è nulla, la vita che senso ha? E' solo sofferenza, sofferenza e sofferenza, una montagna di insensata sofferenza fine a se' stessa. Pazzesco.
la promessa di una vita dopo la morte è stata la carta vincente di molte religioni, e in particolare del cristianesimo.Far credere che dopo ci sarà un altra vita, e anche eterna, ha contribuito notevolmente a crederci perchè è confortante  crederci e sapere che non c'è il nulla .Purtroppo però il pensiero razionale porta a tutt'altra realtà, quella del nulla .Il paradiso o l'inferno sono quì sulla terra e il destino di ognuno ce li fa vivere a diverse intensità piacevoli o spiacevoli, è la vita di ogni essere vivente nella sua parabola  dalla nascita alla morte .L'importante è dare un significato alla nostra esistenza e lasciare un nostro  ricordo positivo e  importante agli altri quando andremo via e non ci saremo più.
Matem, scusa, e a che porta il pensiero razionale? Chi ha costruito le tue cellule? Il tuo DNA chi l'ha assemblato? I tuoi mitocondri come fanno a funzionare? Come fa a produrre energia la fosforilazione ossidativa? Che dice il pensiero razionale, è il Chaos? Già un filosofo poneva il mondo creato dal Chaos ...E perchè ti dà tanto fastidio l'idea dell'esistenza di Dio? Così come lui ci ha creato, poi ci accoglierà nelle dimore eterne, e perchè no? Ci credevano i Sumeri a un'altra vita dopo la morte, gli Egizi che ci hanno lasciato luminose interpretazioni sulla vita futura dell'anima nel Libro dei Morti, gli Ebrei al tempo di Mosè hanno cominciato a credere a una vita dopo di questa, e perchè non può essere? Gesù ha detto che andava a prepararci un posto, se non ci vuoi credere non ci credere, ciò non ti farà stare meglio.
Certo se fossimo immortali e avessimo sempre 20 anni non sapremmo che farcene delle religioni e delle flosofie.
Ciao.
la religione cristiana, contraddicendo il pensiero di San Paolo e una risposta  di Gesù, afferma che si risorge con il corpo ,la resurrezione della carne nel credo niceno, cioè tu credi in questo?
Se morirai a 90 anni risorgi con l'ultimo tuo corpo?Chi muore bambino risorge bambino?Chi è storpio risorge storpio e rimarrà così in eterno?Se risorgiamo con il corpo avremo bisogno di soddisfare tutte le sue funzioni, quindi vivremo in eterno una vita di stenti,paure, lavoro,..una vita come prima?Dove vivremo?Su questo pianeta destinato a non durare in eterno?
Penso che non si possa mai credere a queste assurdità che sono solo delle favole per creduloni come te.E di assurdità e contraddizioni sull'ipotesi Dio ce ne sono tantissime che ne dimostrano la non esistenza, basti pensare al male e al diavolo: chi li ha creati e perchè?Non credi mica alla favola allegorica di Adamo ed Eva?
In effetti credere ciecamente aiuta forse a vivere con più ottimismo e conforto,si chiama fede,ma per  credere così bisogna essere o stupidi o irrazionali.Non siamo tutti come te.
Caro Matem,
non sono la prima cristiana che viene lapidata a parolacce o sul serio. Io recito il Credo Niceno-Costantinopolitano, ove è scritto: Credo nella risurrezione della carne e nella vita del mondo che verrà.  Spero di morire a 100 anni, ma non mi pongo il problema se risorgerò con un corpo da 15 enne o da centenaria, basta che risorga, Gesù è il primo dei risorti. Non so dove ci metteremo, avremo dei corpi gloriosi, Gesu', da risorto, attraversava i muri e le porte chiuse, non saranno corpi identici a questo, ma risorgeremo.

Quanto alla" favola allegorica di Adamo ed Eva", tu che sai tutto saprai anche che vi sono due storie della creazione dell'uomo in Genesi, si crede che la prima moglie di Adamo fosse Lilith, che poi divenne un demone bellissimo e ribelle.

In Genesi 1-27 è scritto:

E Dio creò l'uomo a sua immagine, a immagine di Dio lo creò, maschio e femmina
li creò ( e poi li separò).
La Kabbalah pensa che lo Adam primordiale fosse un androgino e che i due esseri fossero uniti per la schiena, poi Dio li separò.
Si crede che questa donna si chiamasse Lilith, che non volle
restare nel paradiso terrestre, e nè voleva ubbidire ad Adamo
quindi fuggì' via
, prima di essere cacciata, e divenne un demone bellissimo.

Poi in Genesi 2-21 è scritto :

Allora il Signore Dio fece cadere un sonno
profondo su Adamo che si addormentò...
e mentre dormiva Dio prese una delle sue costole e formò la donna...

Ecco che appare Eva il cui nome rientra in quello sacro
di Jahvè, che ubbidì ad Adamo, così dicono, e fu la sua seconda moglie...

Cio' è scritto sia in Genesi che nella Kabbalah.

Sul diavolo e il male il discorso è molto complesso e serve un topic a parte o
un volume a parte, un po' per volta.
Ciao.
genesi: solo chiacchiere e favole , nulla di vero o di scientifico.Non si sa nemmeno chi le abbia scritte e quando, si sa solo che sono favole e leggende tramandate oralmente e scritte in periodi molto lunghi per spiegare la comparsa della vita e quella dell'universo per opera di un creatore senza tempo e infinito .Poi ti contraddici prima dici corpo di carne e poi corpo glorioso che non si sa cosa sia :spirito o carne? deciditi, ma su questo anche la chiesa ha le idee confuse.
avatar
matem
-------------
-------------

Maschio Numero di messaggi : 469
Località : salerno
Occupazione/Hobby : ex insegnante -lettura libri sulla religione cristiana-collezionista di oggetti storici
SCALA DI DAWKINS :
69 / 7069 / 70

Data d'iscrizione : 06.10.10

Torna in alto Andare in basso

Re: Dopo la morte non c'è nulla, quindi vivere non solo ha senso ma conviene trarne il meglio

Messaggio Da Minsky il Mar 17 Apr - 10:56

matem ha scritto:
genesi: solo chiacchiere e favole , nulla di vero o di scientifico.Non si sa nemmeno chi le abbia scritte e quando, si sa solo che sono favole e leggende tramandate oralmente e scritte in periodi molto lunghi per spiegare la comparsa della vita e quella dell'universo per opera di un creatore senza tempo e infinito .Poi ti contraddici prima dici corpo di carne e poi corpo glorioso che non si sa cosa sia :spirito o carne? deciditi, ma su questo anche la chiesa ha le idee confuse.
Il "creatore senza tempo e infinito" per la precisione è una trovata teologica recente, ai tempi della bibbia non possedevano questi concetti. Per i primitivi deeeo era semplicemente uno con le palle grosse, molto grosse.

_________________
Lo sciocco dice: «dio non esiste». Persino lo sciocco l'ha capito.
avatar
Minsky
--------------
--------------

Maschio Numero di messaggi : 18840
Età : 64
Località : Codroipo
Occupazione/Hobby : ateo guerriero
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 06.10.11

Torna in alto Andare in basso

Ma se dopo la morte non c'è nulla, vivere non ha alcun senso

Messaggio Da anacron il Mer 18 Apr - 18:47

Armok ha scritto:
ma anche tu ami molto Schopenhauer


Vero. Penso abbia capito molto. Infatti è considerato l'ideologo dell'antinatalismo ( VHEMT, estinzione umana volontaria ecc. ).


Comunque.
Penso che molta, forse la maggior parte, della sofferenza sarebbe in teoria evitabile e dipenda da atti ed omissioni umane.
Se penso che al budget militare statunitense vengono dedicati circa 900 miliardi di dollari annui ( mi pare fossero 971 durante il mandato di Obama ) , e alla ricerca medica meno di un decimillesimo di questa cifra ( in tutto il mondo, messo assieme ), mi vien da dubitare fortemente della sanità mentale umana in quanto specie.
Sono d'accordo
Se la specie umana fosse mentalmente sana, non saremmo al punto in cui siamo arrivati : sovrappopolazione, avvelenamento di acqua aria e terreni, proliferazioni di armi letali per la vita sul pianeta, differenze abissali tra chi ha
troppo e chi non ha nulla, feroci e infantili dittatori in ogni parte del mondo.
Sul non senso della vita, ho qualche dubbio. La vita ha senso quando vedi tuo figlio fare il primo passo, ha senso quando
sei innamorato, quando vedi un tramonto, quando ascolti una musica immortale, quando esci da una lunga malattia.
Tutto questo da un senso alla vita e, probabilmente, sotto forme diverse continua anche dopo, senza che ci siano esseri
soprannaturali che ti accolgono.

anacron
-------------
-------------

Maschio Numero di messaggi : 54
Località : luna
Occupazione/Hobby : osservatore
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 12.01.13

Torna in alto Andare in basso

Re: Dopo la morte non c'è nulla, quindi vivere non solo ha senso ma conviene trarne il meglio

Messaggio Da Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Torna in alto Andare in basso

Pagina 1 di 3 1, 2, 3  Seguente

Torna in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum