Odio e disinformazione: il problema non è l’anonimato e schedare 30 milioni di italiani non è la soluzione