la creazione dell'universo e la Genesi

Pagina 1 di 8 1, 2, 3, 4, 5, 6, 7, 8  Seguente

Andare in basso

la creazione dell'universo e la Genesi

Messaggio Da giulio76 il Ven 21 Nov - 18:38

Propongo un thread a voi molto caro la creazione dell'universo e il contrasto con le sacre scritture. Ho voluto scrivere la prima parte di un documento con delle mie riflessione dove non riscontro nessun contrasto con quello che è scritto sulla Genesi e l'evoluzionismo dell'universo. Per fare ciò, mi sono posto allo stesso piano di chi ha scritto il capitolo della Genesi, ovvero una persona che non si può definire uno scienziato moderno, vissuto il V secolo prima di Cristo, non padrone dei termini e le conoscenze adatte per descrivere dei fenomeni che solo oggi riusciami a percepire minimamente. Mi riferisco al Bing Bang, alla formazione di galassie all'evoluzione degli ominidi. Posto solo la prima parte ovvero quello inerente la creazione, poichè la seconda parte riguarda l'evoluzionismo dell'uomo ma in maniera meno scientifica e più teologica.


La creazione dell’universo
[1]In principio Dio creò il cielo e la terra. [2]Ora la terra era informe e deserta e le tenebre ricoprivano l'abisso e lo spirito di Dio aleggiava sulle acque.

Nel primo versetto ho sempre pensato che il cielo e la terra menzionate siano effettivamente quello che intentiamo nella nostra lingua, però non è così se pensiamo che l’autore non conosceva lo spazio, l’uovo cosmico, le galassie, le stelle i pianeti. Quindi secondo la mia opinione, il cielo e la terra viene inteso rispettivamente come la materia gassosa (un magma formato da particelle primordiali ovvero protoni ed elettroni), col quale sono formate le stelle, e la materia solida con quale sono formati i pianeti. ”La terra era informe e deserta” perchè la materia non ha una forma ben precisa tondeggiante come i pianeti, e lo spirito di Dio aleggiava sulle acque, penso proprio che le acque si riferissero allo spazio vuoto senza materia.


[3]Dio disse: «Sia la luce!». E la luce fu. [4]Dio vide che la luce era cosa buona e separò la luce dalle tenebre [5]e chiamò la luce giorno e le tenebre notte. E fu sera e fu mattina: primo giorno. “Sia la luce” e proprio quello che si può definire un Big Bang, ovvero quella catalizzazione che diede inizio alla formazione delle stelle ovvero l’inizio della fusione nucleare e la formazione delle galassie. Quindi avvenne quel fenomeno che gli scienziati menzionano come BIG BANG, ovvero l’evento primo che produce la fusione nucleare e lo sprigionamento dell’energia. Questo fu il primo giorno, inteso non come giorno di ventiquattro ore, ma come la prima era della creazione.

La creazione del sistema solare.
[6]Dio disse: «Sia il firmamento in mezzo alle acque per separare le acque dalle acque». [7]Dio fece il firmamento e separò le acque, che sono sotto il firmamento, dalle acque, che son sopra il firmamento. E così avvenne. [8]Dio chiamò il firmamento cielo. E fu sera e fu mattina: secondo giorno.

In questa seconda era si ha la formazione delle stelle dei pianeti e in particolar modo del sistema solare e della Terra. Infatti molte teorie concordano con il fatto che le galassie e il nostro sistema solare si sia formato perché dopo l’evento dell’esplosione primordiale il magma gassoso, riferito in precedenza, si concentrò in sistemi gravitazionali per effetto delle proprie masse dando vita a sistemi sferici con attrazione gravitazionale dipendente dalla massa. In tutto questo caos la Terra si formò, perché la nostra stella, il Sole, ci ha catturato con la sua forza di gravità. Così avvenne per i pianeti del sistema solare che erano delle masse di materia formatesi dal Big Bang che vagavano per lo spazio. Il Sole di massa più grande le attirò a se con la forza di gravità e le modello con la forza centrifuga facendole diventare dei sistemi sferici.
La terra appena catturata dal Sole appariva inizialmente come una massa infuocata e incandescente, ma essendo costituita non solo da gas (elio e idrogeno), come le stelle, ma anche da materia solida si raffreddò. Tale raffreddamento produsse la formazione di vapore acqueo misto ad altri gas (ammoniaca, azoto ecc..) che produssero un sistema unico di nuvole e piogge che si riversarono sulla terra ormai fredda, dando vita ai mari.
Nel versetto sopra si legge che il firmamento servì per separare le acque dalle acque. Penso che qui l’autore non sapeva come definire lo spazio fermo ove gravitavano queste masse gassose in cui c’era la terra ridotta ad una sfera di acqua e materia fredda, allora volle sottolineare come Dio ordinò la materia informe vagante nello spazio e lo volle specificare con il termine “separò le acque dalle acque”. Il firmamento è lo spazio che è fermo rispetto le stelle con i pianeti che ruotano attorno a dei sistemi gravitazionali. Quindi lo spazio è lo spartiacque per delineare la formazione di masse gassose leggere (le acque sopra il firmamento ovvero le stelle) e di masse materiali pesanti (le acque sotto il firmamento ovvero i pianeti). Proprio un separare le acque dalle acque per distinguere una cosa da una altra che inizialmente erano uniti in unica massa (quelli che gli scienziati chiamano uovo cosmico).

La creazione della Terra.
[9]Dio disse: «Le acque che sono sotto il cielo, si raccolgano in un solo luogo e appaia l'asciutto». E così avvenne. [10]Dio chiamò l'asciutto terra e la massa delle acque mare. E Dio vide che era cosa buona. [11]E Dio disse: «La terra produca germogli, erbe che producono seme e alberi da frutto, che facciano sulla terra frutto con il seme, ciascuno secondo la sua specie». E così avvenne: [12]la terra produsse germogli, erbe che producono seme, ciascuna secondo la propria specie e alberi che fanno ciascuno frutto con il seme, secondo la propria specie. Dio vide che era cosa buona. [13]E fu sera e fu mattina: terzo giorno.

Riallacciandosi al versetto precedente le acque che sono sotto il cielo sarebbero quella massa di acqua che ricopriva la terra che venne giù come pioggia a formare i mari. Dalla terra si formarono i primi germogli e le prime piante, come viene confermato da moltissimi scienziati la prima forma di vita fu quella vegetale. Siamo alla terza era.

[14]Dio disse: «Ci siano luci nel firmamento del cielo, per distinguere il giorno dalla notte; servano da segni per le stagioni, per i giorni e per gli anni [15]e servano da luci nel firmamento del cielo per illuminare la terra». E così avvenne: [16]Dio fece le due luci grandi, la luce maggiore per regolare il giorno e la luce minore per regolare la notte, e le stelle. [17]Dio le pose nel firmamento del cielo per illuminare la terra [18]e per regolare giorno e notte e per separare la luce dalle tenebre. E Dio vide che era cosa buona. [19]E fu sera e fu mattina: quarto giorno.
Questo è il versetto che costò quasi l’inquisizione a Galileo. Infatti leggendolo sembrerebbe come la terra sia ferma e il sole sia stato posto lì dopo la formazione della terra. Io la vedo invece in diverso modo. La terra era in uno stato di sconvolgimento e il raffreddamento aveva creato una stato di nebbia perenne che durò millenni. La luce filtrava pochissimo e il sole e le stelle non si scorgevano. In questo stato un osservatore dalla terra non poteva scorgere ne il sole, ne la luna e le stelle. Con il diradarsi delle nebbie e delle nuvole fece apparire per la prima volta sulla terra due sfere una grande per il giorno ovvero il Sole e una più piccola con le stelle la Luna.

[20]Dio disse: «Le acque brulichino di esseri viventi e uccelli volino sopra la terra, davanti al firmamento del cielo». [21]Dio creò i grandi mostri marini e tutti gli esseri viventi che guizzano e brulicano nelle acque, secondo la loro specie, e tutti gli uccelli alati secondo la loro specie. E Dio vide che era cosa buona. [22]Dio li benedisse: «Siate fecondi e moltiplicatevi e riempite le acque dei mari; gli uccelli si moltiplichino sulla terra». [23]E fu sera e fu mattina: quinto giorno.
Solo con la comparsa del Sole e il diradarsi delle nuvole la terra poté riscaldarsi e raggiungere le temperature favorevoli alla creazione della vita.
Da far notare che l’autore posiziona prima il moltiplicarsi degli esseri viventi dei mari e poi gli uccelli del cielo. Non a caso gli scienziati concordano che la vita proviene dal mare e poi alcune creature marine conquistarono la terra. Siamo alla quinta fase della creazione.

[24]Dio disse: «La terra produca esseri viventi secondo la loro specie: bestiame, rettili e bestie selvatiche secondo la loro specie». E così avvenne: [25]Dio fece le bestie selvatiche secondo la loro specie e il bestiame secondo la propria specie e tutti i rettili del suolo secondo la loro specie. E Dio vide che era cosa buona.
In questo versetto è evidenziata la conquista da parte degli esseri viventi della terra. Qui fanno comparsa anche i rettili, forse l’autore voleva menzionare i dinosauri progenitori dei rettili?

Quì finisce la prima parte della creazione, scusate la lunghezza.
avatar
giulio76
-----------
-----------

Maschile Numero di messaggi : 1440
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 19.11.08

Tornare in alto Andare in basso

Re: la creazione dell'universo e la Genesi

Messaggio Da MetaLocX il Ven 21 Nov - 19:47

Bè, cos'altro dire se non che la genesi bibblica è tutta sbagliata?

però non è così se pensiamo che l’autore non conosceva lo spazio, l’uovo cosmico, le galassie, le stelle i pianeti.
L'autore della bibbia credevo fosse Dio. Se non materialmente almeno i contenuti...
Dovrebbe farsi riconoscere il merito in copertina, sopra al titolo.

“Sia la luce” e proprio quello che si può definire un Big Bang
Ah si...?
Ed il big bang, tanto per restare in tema di rigore scientifico, lo mettiamo dopo la comparsa della terra e del "cielo" ?
avatar
MetaLocX
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 116
Località : Cagliari
SCALA DI DAWKINS :
61 / 7061 / 70

Data d'iscrizione : 15.11.08

http://metalocx.spaces.live.com/default.aspx?wa=wsignin1.0

Tornare in alto Andare in basso

Re: la creazione dell'universo e la Genesi

Messaggio Da Comune mortale il Ven 21 Nov - 19:59

Sai cosa giulio. E che mi fa ridere il fatto che il creatore di cavoli e fichi nn si sia preoccupato di scrivere o di far scrivere le cose sulla bibbia un po piu chiare. Per essere buoni. E come se avesse bisogno di qualcuno per farsi capire meglio. Il che mi suona strano.
avatar
Comune mortale
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 523
Età : 65
Località : derry
Occupazione/Hobby : una laurea in filosofia ma faccio il cuoco
SCALA DI DAWKINS :
70 / 7070 / 70

Data d'iscrizione : 19.11.08

Tornare in alto Andare in basso

Re: la creazione dell'universo e la Genesi

Messaggio Da Ospite il Ven 21 Nov - 21:21

Propongo un thread a voi molto caro la creazione dell'universo e il contrasto con le sacre scritture. Ho voluto scrivere la prima parte di un documento con delle mie riflessione dove non riscontro nessun contrasto con quello che è scritto sulla Genesi e l'evoluzionismo dell'universo. Per fare ciò, mi sono posto allo stesso piano di chi ha scritto il capitolo della Genesi, ovvero una persona che non si può definire uno scienziato moderno, vissuto il V secolo prima di Cristo, non padrone dei termini e le conoscenze adatte per descrivere dei fenomeni che solo oggi riusciami a percepire minimamente. Mi riferisco al Bing Bang, alla formazione di galassie all'evoluzione degli ominidi. Posto solo la prima parte ovvero quello inerente la creazione, poichè la seconda parte riguarda l'evoluzionismo dell'uomo ma in maniera meno scientifica e più teologica.
...
Caro Giulio,
mi fa piacere che tu abbia postato questo argomento, perché se esiste una prova più completa e determinante di come tutto ciò che sta scritto nella Bibbia sia completamente sbagliato, sta proprio nella descrizione che ne fa il vostro testo sacro nella Genesi.
E questo, sia che si voglia attribuire un significato REALE sia che se ne voglia dare un significato allegorico...



La creazione dell’universo
[1]In principio Dio creò il cielo e la terra. [2]Ora la terra era informe e deserta e le tenebre ricoprivano l'abisso e lo spirito di Dio aleggiava sulle acque.

Nel primo versetto ho sempre pensato che il cielo e la terra menzionate siano effettivamente quello che intentiamo nella nostra lingua, però non è così se pensiamo che l’autore non conosceva lo spazio, l’uovo cosmico, le galassie, le stelle i pianeti. Quindi secondo la mia opinione, il cielo e la terra viene inteso rispettivamente come la materia gassosa (un magma formato da particelle primordiali ovvero protoni ed elettroni), col quale sono formate le stelle, e la materia solida con quale sono formati i pianeti. ”La terra era informe e deserta” perchè la materia non ha una forma ben precisa tondeggiante come i pianeti, e lo spirito di Dio aleggiava sulle acque, penso proprio che le acque si riferissero allo spazio vuoto senza materia
.

...
In principio Dio non creò affatto la terra, sia pure informe e vuota.
Innanzi tutto, secondo le più moderne e recenti teorie (ma la cosa è e sarà ancora per molto tempo in elaborazione -perché la Scienza, a differenza della Fede, non ha "verità" preconfezionate!-, con graduali avvicinamenti alla realtà che occuperanno gli scienziati ancora per molti secoli!) niente fu "creato", ma tutto fu "riciclato" (un po' secondo le teorie del Lavoisier...) e ciò che oggi vediamo altro non è che un gigantesco "rimbalzo" cosmico (Big Crunch) in cui tutta la materia preesistente si concentrò per gravità in un "centro" pluridimensionale dello spazio-tempo per poi rimbalzare in un'immane espansione che dura tutt'oggi.
A questo stadio dell'universo, non esisteva la Terra, non esistevano le stelle e nemmeno le galassie. Perché si formassero, occorsero milioni e milioni di anni, e le prime stelle (popolazione II) non erano affatto quelle che osserviamo oggi.
Inoltre le reazioni spaventosamente energetiche che provocarono la gigantesca esplosione del Big Crunch non erano propriamente di origine nucleare, ma miliardi di volte più potenti e dovute alle forze insite nelle subparticelle originarie, come quark, leptoni, bosoni, ecc. ecc.
Da notare che, quando si parla di "bosoni" come "particelle di Dio" si fa solo una scherzosa affermazione, che non ha nulla a che vedere con il Dio che immaginate voi! Ih ih...
Dio, inoltre , non poteva affatto "aleggiare sulle acque" perché gli elementi che la compongono, l'acqua (idrogeno ed ossigeno), ancora non erano stati sintetizzati all'interno delle stelle.


[3]Dio disse: «Sia la luce!». E la luce fu. [4]Dio vide che la luce era cosa buona e separò la luce dalle tenebre [5]e chiamò la luce giorno e le tenebre notte. E fu sera e fu mattina: primo giorno. “Sia la luce” e proprio quello che si può definire un Big Bang, ovvero quella catalizzazione che diede inizio alla formazione delle stelle ovvero l’inizio della fusione nucleare e la formazione delle galassie. Quindi avvenne quel fenomeno che gli scienziati menzionano come BIG BANG, ovvero l’evento primo che produce la fusione nucleare e lo sprigionamento dell’energia. Questo fu il primo giorno, inteso non come giorno di ventiquattro ore, ma come la prima era della creazione.
...
In questo passo Dio è sostituito egregiamente dalla forza di gravitazione universale e dalle leggi fisiche.
Fu infatti in seguito alla contrazione gravitazionale della materia di gigantesche nubi cosmiche che si "accesero" le reazioni termonucleari di fusione delle protostelle, e fu lì, all'interno di quelle, che vennero sintetizzati tutti gli elementi che formano la materia che conosciamo. Quindi, mi dispiace, caro Giulio, ma non ci siamo proprio, né come tempistica né come cause (del tutto naturali!) che permisero l'"evoluzione" iniziale dell'universo.
...


La creazione del sistema solare.
[6]Dio disse: «Sia il firmamento in mezzo alle acque per separare le acque dalle acque». [7]Dio fece il firmamento e separò le acque, che sono sotto il firmamento, dalle acque, che son sopra il firmamento. E così avvenne. [8]Dio chiamò il firmamento cielo. E fu sera e fu mattina: secondo giorno.

In questa seconda era si ha la formazione delle stelle dei pianeti e in particolar modo del sistema solare e della Terra. Infatti molte teorie concordano con il fatto che le galassie e il nostro sistema solare si sia formato perché dopo l’evento dell’esplosione primordiale il magma gassoso, riferito in precedenza, si concentrò in sistemi gravitazionali per effetto delle proprie masse dando vita a sistemi sferici con attrazione gravitazionale dipendente dalla massa. In tutto questo caos la Terra si formò, perché la nostra stella, il Sole, ci ha catturato con la sua forza di gravità. Così avvenne per i pianeti del sistema solare che erano delle masse di materia formatesi dal Big Bang che vagavano per lo spazio. Il Sole di massa più grande le attirò a se con la forza di gravità e le modello con la forza centrifuga facendole diventare dei sistemi sferici.

...
Fu sempre solo la gravitazione a far assumere forma sferica ai corpi celesti. La Terra e tutti i pianeti si formarono da condensazioni di materia CONTEMPORANEAMENTE al sole, non dopo, e NON furono catturati DOPO la formazione della nostra stella, e non "vagavano" nello spazio, ma gli gravitavano GIA' intorno, fin da alcuni miliardi di anni fa...


La terra appena catturata dal Sole appariva inizialmente come una massa infuocata e incandescente, ma essendo costituita non solo da gas (elio e idrogeno), come le stelle, ma anche da materia solida si raffreddò. Tale raffreddamento produsse la formazione di vapore acqueo misto ad altri gas (ammoniaca, azoto ecc..) che produssero un sistema unico di nuvole e piogge che si riversarono sulla terra ormai fredda, dando vita ai mari.
Nel versetto sopra si legge che il firmamento servì per separare le acque dalle acque. Penso che qui l’autore non sapeva come definire lo spazio fermo ove gravitavano queste masse gassose in cui c’era la terra ridotta ad una sfera di acqua e materia fredda, allora volle sottolineare come Dio ordinò la materia informe vagante nello spazio e lo volle specificare con il termine “separò le acque dalle acque”. Il firmamento è lo spazio che è fermo rispetto le stelle con i pianeti che ruotano attorno a dei sistemi gravitazionali. Quindi lo spazio è lo spartiacque per delineare la formazione di masse gassose leggere (le acque sopra il firmamento ovvero le stelle) e di masse materiali pesanti (le acque sotto il firmamento ovvero i pianeti). Proprio un separare le acque dalle acque per distinguere una cosa da una altra che inizialmente erano uniti in unica massa (quelli che gli scienziati chiamano uovo cosmico).

...
Fu solo dopo il raffreddamento della crosta terrestre che si formarono gli oceani, dalla combinazione degli elementi che GIA' erano presenti sul nostro pianeta, con l'aggiunta di un'infinito bombardamento di comete e meteroiti. Dire che il firmamento e lo spazio sono "fermi" rispetto alle stelle, è un'affermazione senza alcun senso, né esiste alcun "spartiacque": gli elementi si sono aggregati naturalmente e spontaneamente, sulla Terra come in qualunque altra parte dell'universo. Fin dove gli strumenti ci hanno permesso di indagare, tutto l'universo è conforme a queste regole fisiche, senza eccezione alcuna!
Gli scienziati non parlano di "Uovo cosmico" nel senso che tu gli attribuisci: è solo un'escamotage per descrivere un'ipotesi filosofica, più che fisica.
...


La creazione della Terra.
[9]Dio disse: «Le acque che sono sotto il cielo, si raccolgano in un solo luogo e appaia l'asciutto». E così avvenne. [10]Dio chiamò l'asciutto terra e la massa delle acque mare. E Dio vide che era cosa buona. [11]E Dio disse: «La terra produca germogli, erbe che producono seme e alberi da frutto, che facciano sulla terra frutto con il seme, ciascuno secondo la sua specie». E così avvenne: [12]la terra produsse germogli, erbe che producono seme, ciascuna secondo la propria specie e alberi che fanno ciascuno frutto con il seme, secondo la propria specie. Dio vide che era cosa buona. [13]E fu sera e fu mattina: terzo giorno.

Riallacciandosi al versetto precedente le acque che sono sotto il cielo sarebbero quella massa di acqua che ricopriva la terra che venne giù come pioggia a formare i mari. Dalla terra si formarono i primi germogli e le prime piante, come viene confermato da moltissimi scienziati la prima forma di vita fu quella vegetale. Siamo alla terza era.

...
Dio non poteva vedere niente, perché la vita nacque solo circa 4,5 miliardi di anni fa, sulla Terra, dalla combinazione sempre più complessa di molecole (proteine ed amminoacidi) sempre più complesse e capaci alla fine di replicare sé stesse. Fu solo in seguito ad infiniti "esperimenti" (evoluzione naturale) che si produssero le prime forme di vita vegetale ed animale. Sarebbero dovuti passare ancora infiniti eoni di tempo perché si producessero forme di vita -vegetale ed animale- un po' più simili a quelle che anche noi conosciamo (anche tramite i fossili).
...


[14]Dio disse: «Ci siano luci nel firmamento del cielo, per distinguere il giorno dalla notte; servano da segni per le stagioni, per i giorni e per gli anni [15]e servano da luci nel firmamento del cielo per illuminare la terra». E così avvenne: [16]Dio fece le due luci grandi, la luce maggiore per regolare il giorno e la luce minore per regolare la notte, e le stelle. [17]Dio le pose nel firmamento del cielo per illuminare la terra [18]e per regolare giorno e notte e per separare la luce dalle tenebre. E Dio vide che era cosa buona. [19]E fu sera e fu mattina: quarto giorno.
Questo è il versetto che costò quasi l’inquisizione a Galileo. Infatti leggendolo sembrerebbe come la terra sia ferma e il sole sia stato posto lì dopo la formazione della terra. Io la vedo invece in diverso modo. La terra era in uno stato di sconvolgimento e il raffreddamento aveva creato una stato di nebbia perenne che durò millenni. La luce filtrava pochissimo e il sole e le stelle non si scorgevano. In questo stato un osservatore dalla terra non poteva scorgere ne il sole, ne la luna e le stelle. Con il diradarsi delle nebbie e delle nuvole fece apparire per la prima volta sulla terra due sfere una grande per il giorno ovvero il Sole e una più piccola con le stelle la Luna.

...
Questa è una visione molto romantica, ma assai lontana dalla realtà!!! Il giorno e la notte erano solo il risultato della rotazione della Terra, non certo del sole!), e la Luna, girando attorno alla Terra, non faceva che riflettere la luce della nostra stella. Le stelle esistevano ormai da miliardi di anni e, se ci fosse stato qualche animale intelligente, avrebbe potuto tranquillamente osseravarle, così come fece poi l'Uomo, centinaia di milioni di anni dopo!!!
...


[20]Dio disse: «Le acque brulichino di esseri viventi e uccelli volino sopra la terra, davanti al firmamento del cielo». [21]Dio creò i grandi mostri marini e tutti gli esseri viventi che guizzano e brulicano nelle acque, secondo la loro specie, e tutti gli uccelli alati secondo la loro specie. E Dio vide che era cosa buona. [22]Dio li benedisse: «Siate fecondi e moltiplicatevi e riempite le acque dei mari; gli uccelli si moltiplichino sulla terra». [23]E fu sera e fu mattina: quinto giorno.
Solo con la comparsa del Sole e il diradarsi delle nuvole la terra poté riscaldarsi e raggiungere le temperature favorevoli alla creazione della vita.
Da far notare che l’autore posiziona prima il moltiplicarsi degli esseri viventi dei mari e poi gli uccelli del cielo. Non a caso gli scienziati concordano che la vita proviene dal mare e poi alcune creature marine conquistarono la terra. Siamo alla quinta fase della creazione.

...
Dio, ovviamente, non creò un bel niente.
Fu solo la Natura, l'ineluttabilità delle sue forze fisiche, delle sue casualità, delle sue infinite combinazioni, dei suoi fattori di discriminazione evolutiva, a creare i vegetali, gli animali e l'animale "Uomo" per ultimo.
Ma l'evoluzione continua. E, dopo l'Uomo, verranno altre forme di vita, forse più intelligenti e sagge, che invece di conquistare la terra, conquisteranno forse l'universo o, almeno, questo angolino di galassia.
Non c'è alcun bisogno di scomodare Dio e la Bibbia per dire che la vita viene dal mare! Lo suggerirono persino i semplici esperimenti di Miller e quelli dei suoi allievi.
...


[24]Dio disse: «La terra produca esseri viventi secondo la loro specie: bestiame, rettili e bestie selvatiche secondo la loro specie». E così avvenne: [25]Dio fece le bestie selvatiche secondo la loro specie e il bestiame secondo la propria specie e tutti i rettili del suolo secondo la loro specie. E Dio vide che era cosa buona.
In questo versetto è evidenziata la conquista da parte degli esseri viventi della terra. Qui fanno comparsa anche i rettili, forse l’autore voleva menzionare i dinosauri progenitori dei rettili?

...
Dio non disse nulla.
Si limitò -al limite!- ad osservare la grandiosità della natura ed a cercare di comprenderla. Ma non ci riuscì affatto. Tanto è vero che "scrisse"... pardon: "ispirò" boiate pazzesche come la Bibbia, caro Giulio!
...

Ospite
Ospite


Tornare in alto Andare in basso

Re: la creazione dell'universo e la Genesi

Messaggio Da Kirbmarc il Sab 20 Dic - 2:07

La terra era in uno stato di sconvolgimento e il raffreddamento aveva creato una stato di nebbia perenne che durò millenni

Peccato che questa nebbia, secondo le tue ipotesi, permetteva alle piante di effettuare la fotosintesi, dato che "germogliavano".

Perchè ci fosse luce sufficiente per la fotosintesi, una "luminaria" doveva essere visibile, magari offuscata, ma visibile: il Sole.

Il che destina la tua azzardata teoria, purtroppo, al cestino della carta straccia.

Kirbmarc
-------------
-------------

Numero di messaggi : 65
SCALA DI DAWKINS :
66 / 7066 / 70

Data d'iscrizione : 20.12.08

Tornare in alto Andare in basso

Re: la creazione dell'universo e la Genesi

Messaggio Da senofane il Sab 20 Dic - 9:47

no, scusate, ma se tentate un'interpretazione letterale della bibbia siete rimasti al medioevo!

bisognerebbe prima chiedersi a che scopo è stato scritto il Genesi. A dare una spiegazione scientifica dell'origine dell'universo? beh, sarebbe un anacronismo...

senofane
------------
------------

Numero di messaggi : 45
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 17.12.08

Tornare in alto Andare in basso

Re: la creazione dell'universo e la Genesi

Messaggio Da Ospite il Sab 20 Dic - 10:56

senofane ha scritto:no, scusate, ma se tentate un'interpretazione letterale della bibbia siete rimasti al medioevo!

bisognerebbe prima chiedersi a che scopo è stato scritto il Genesi. A dare una spiegazione scientifica dell'origine dell'universo? beh, sarebbe un anacronismo.
..
...
Tu però,
quando fai un intervento, sarebbe prima il caso che ti leggessi tutti i post precedenti di cui non hai preso visione.
Se farai il bravo bambino e lo farai, ti accorgerai che a proporne una visione letterale ed assolutamente non allegorica è stato proprio un credente! Noi si è risposto semplicemente dimostrando come non esista ALCUN modo di rendere accettabile la descizione della Genesi (né allegorico, né letterale, né scientifico!) così come la conosciamo!
Quindi, prima di sbilanciarti con frasi di dispregio, come ti ho già invitato a fare più volte, cerca di capire meglio quel che è stato detto e scritto.
Altrimenti rischi di fare troppo spesso la figura del pallonaro!
...

Ospite
Ospite


Tornare in alto Andare in basso

Re: la creazione dell'universo e la Genesi

Messaggio Da senofane il Sab 20 Dic - 11:04

ah e che ne sapevo che ci fossero pure i credenti... pensavo non gli ammetteste...
spero non lo facciate soltanto per prenderli in giro però

senofane
------------
------------

Numero di messaggi : 45
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 17.12.08

Tornare in alto Andare in basso

Re: la creazione dell'universo e la Genesi

Messaggio Da senofane il Sab 20 Dic - 11:07

beh, se giulio 76 è credente, allora gli dico:
tentare di conciliare bibbia e scienza moderna non solo è inutile, ma è fuorviante. la scienza moderna è stata costruita precisamente in opposizione alla teologia cristiana (cosa che capirai dal fatto che il tuo intento è di adeguare la bibbia alla scienza, non il contrario!)

senofane
------------
------------

Numero di messaggi : 45
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 17.12.08

Tornare in alto Andare in basso

Re: la creazione dell'universo e la Genesi

Messaggio Da Ospite il Sab 20 Dic - 11:53

senofane ha scritto:beh, se giulio 76 è credente, allora gli dico:
tentare di conciliare bibbia e scienza moderna non solo è inutile, ma è fuorviante. la scienza moderna è stata costruita precisamente in opposizione alla teologia cristiana (cosa che capirai dal fatto che il tuo intento è di adeguare la bibbia alla scienza, non il contrario!)
...
La scienza "moderna" ha la funzione di aiutare l'uomo a svelare e capire i segreti della natura.
E non è "in opposizione", ma semplicemente se ne frega altamente di quello che dice la teologìa cristiana o quella di altre fedi.
...

Ospite
Ospite


Tornare in alto Andare in basso

Re: la creazione dell'universo e la Genesi

Messaggio Da senofane il Sab 20 Dic - 12:08

ma giulio ha bisogno che risponda tu al posto suo?

senofane
------------
------------

Numero di messaggi : 45
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 17.12.08

Tornare in alto Andare in basso

Re: la creazione dell'universo e la Genesi

Messaggio Da Ospite il Sab 20 Dic - 12:30

senofane ha scritto:ma giulio ha bisogno che risponda tu al posto suo?
...
Non è come vorresti far credere.
Semplicemente io parlo italiano e so usare il linguaggio italiano. Per te la cosa è da vedere.
Se controllerai i tuoi precedenti interventi, noterai che su quello che inizia con:
"ah e che ne sapevo..." ti riferisci a noi, usando il pronome "voi" (la seconda persona plurale) del congiuntivo del verbo "ammettere": "...pensavo non gli ammetteste..." eh... eh...
In quello successivo, sempre tuo, che inizia con:
"bèh, se Giulio 76 è credente, ..." ti riferisci a lui in terza persona (forse ricorderai cosa significhi "per interposta persona"), continuando quindi a riferirti, anche se indirettamente, a quel "voi". La logica ha un senso, per te? Se gli interlocutori siamo noi, rispondiamo noi.
Sei tu, quindi, che hai usato un linguaggio inappropriato ed approssimativo.
Nulla vieterà comunque a Giulio 76 di risponderti direttamente, quando lo riterrà opportuno.
...

Ospite
Ospite


Tornare in alto Andare in basso

Re: la creazione dell'universo e la Genesi

Messaggio Da Ludwig von Drake il Sab 20 Dic - 12:44

senofane ha scritto:ah e che ne sapevo che ci fossero pure i credenti... pensavo non gli ammetteste...
spero non lo facciate soltanto per prenderli in giro però
Senofane, potresti smetterla di utilizzare il voi?
avatar
Ludwig von Drake
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 4723
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 19.11.08

Tornare in alto Andare in basso

Re: la creazione dell'universo e la Genesi

Messaggio Da Ludwig von Drake il Sab 20 Dic - 14:42

lordtom24 ha scritto:ok
Non è per la grammatica, è che non mi piace quando si generalizza. Mi sento considerato una pecora, quando mi si dice "voi atei". Non credo di adeguarmi a qualche pensiero solo e semplicemente perchè così la pensano gli atei...
avatar
Ludwig von Drake
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 4723
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 19.11.08

Tornare in alto Andare in basso

Re: la creazione dell'universo e la Genesi

Messaggio Da giulio76 il Lun 22 Dic - 10:50

senofane ha scritto:beh, se giulio 76 è credente, allora gli dico:
tentare di conciliare bibbia e scienza moderna non solo è inutile, ma è fuorviante. la scienza moderna è stata costruita precisamente in opposizione alla teologia cristiana (cosa che capirai dal fatto che il tuo intento è di adeguare la bibbia alla scienza, non il contrario!)

Lo so che la Genesi non è un trattato scientifico, ma conciliare quello che è scritto nella Genesi con quello che dice la scienza non è reato. Dopo tutto la scienza non da certezza sull'argoemento, sono solo teorie, mentre la Bibbia rimane sempre attinente con il suo messaggio che non sarà mai distrutto o confutato.
avatar
giulio76
-----------
-----------

Maschile Numero di messaggi : 1440
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 19.11.08

Tornare in alto Andare in basso

Re: la creazione dell'universo e la Genesi

Messaggio Da Ludwig von Drake il Lun 22 Dic - 10:53

giulio76 ha scritto:Lo so che la Genesi non è un trattato scientifico, ma conciliare quello che è scritto nella Genesi con quello che dice la scienza non è reato. (...)
Neanche conciliare le attuali teorie scientifiche col mito cosmogonico ellenico o induista.

Eppure, mi sfugge la motivazione pratica di un tale esercizio intellettuale, se non quella di mero passatempo.
avatar
Ludwig von Drake
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 4723
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 19.11.08

Tornare in alto Andare in basso

Re: la creazione dell'universo e la Genesi

Messaggio Da ateoindeciso il Lun 22 Dic - 11:06

ERRI8013 ha scritto:
giulio76 ha scritto:Lo so che la Genesi non è un trattato scientifico, ma conciliare quello che è scritto nella Genesi con quello che dice la scienza non è reato. (...)
Neanche conciliare le attuali teorie scientifiche col mito cosmogonico ellenico o induista.

Eppure, mi sfugge la motivazione pratica di un tale esercizio intellettuale, se non quella di mero passatempo.

secondo me il problema è che la scienza non dà tutti le risposte. si, c'è stato il big bang, ma poi? da dove viene la vita? boh... non è che sia chiaro che ne pensa la scienza

ateoindeciso
------------
------------

Numero di messaggi : 43
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 21.12.08

Tornare in alto Andare in basso

Re: la creazione dell'universo e la Genesi

Messaggio Da giulio76 il Lun 22 Dic - 11:33

ateoindeciso ha scritto:

secondo me il problema è che la scienza non dà tutti le risposte. si, c'è stato il big bang, ma poi? da dove viene la vita? boh... non è che sia chiaro che ne pensa la scienza

La scienza deriva dalla mente umana che tutti sappiamo avere dei limiti. La scienza per tale motivo non potrà mai dare risposta a tutto. L'uomo non potrà mai conoscere tutto e quello che conosce oggi è 1% di quello che ci circonda. Non per questo l'uomo non deve continuare nella sua ricerca della conoscenza, ma tale conoscenza non deve avere come obiettivo primario quella dell'esclusione di un Dio creatore, poichè l'uomo intelligente deve essere aperto anche a quei fenomeni che la mente, per la sua piccolezza, non può comprendere ma deve accettare.
Chi con arroganza, non accetta la sua piccolezza ed esclude il Padre eterno, perchè si affida alle sole capacità mentali dell'uomo per spiegare quello che ci circonda, vive in una immensa menzogna, perchè mai potrà spiegare il mistero della vita. Fino ad oggi noi possiamo dire che abbiamo scoperto il mezzo con cui siamo arrivati alla vita, ma mai potremo dare risposta, anche fra 2*10^9 anni, al principio primo della vita.
avatar
giulio76
-----------
-----------

Maschile Numero di messaggi : 1440
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 19.11.08

Tornare in alto Andare in basso

Re: la creazione dell'universo e la Genesi

Messaggio Da Ludwig von Drake il Lun 22 Dic - 11:38

giulio76 ha scritto:La scienza deriva dalla mente umana che tutti sappiamo avere dei limiti.(...)
Come del resto tutto il tuo credo. La differenza, tuttavia, è che la scienza è un metodo che consente di evolvere le proprie conoscenze, mentre la Bibbia è lì ferma a tanti tanti anni fa.
ateoindeciso ha scritto:secondo me il problema è che la scienza non dà tutti le risposte. si, c'è stato il big bang, ma poi? da dove viene la vita? boh... non è che sia chiaro che ne pensa la scienza
La scienza non pensa, la scienza non ha risposte. Tramite la scienza si arrivare a osservare, fare ipotesi e verificarle. Nient'altro.

Meglio ammettere di non avere risposte certe riguardo degli argomenti o inventare storie?
avatar
Ludwig von Drake
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 4723
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 19.11.08

Tornare in alto Andare in basso

Infaati

Messaggio Da kynoos il Lun 22 Dic - 11:48

senofane ha scritto:ah e che ne sapevo che ci fossero pure i credenti... pensavo non gli ammetteste...
spero non lo facciate soltanto per prenderli in giro però

Infatti foesse per me non ci sarebbero. Ma si rendono ridicoli da soli....

kynoos
------------
------------

Maschile Numero di messaggi : 18
Età : 63
Località : Milano
Occupazione/Hobby : letteratura,musica,cinema,speleologia,escursionismo,tennis,sci
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 22.12.08

http://www.jadawin.info

Tornare in alto Andare in basso

Re: la creazione dell'universo e la Genesi

Messaggio Da kynoos il Lun 22 Dic - 11:50

giulio76 ha scritto:
ateoindeciso ha scritto:

secondo me il problema è che la scienza non dà tutti le risposte. si, c'è stato il big bang, ma poi? da dove viene la vita? boh... non è che sia chiaro che ne pensa la scienza

La scienza deriva dalla mente umana che tutti sappiamo avere dei limiti. La scienza per tale motivo non potrà mai dare risposta a tutto. L'uomo non potrà mai conoscere tutto e quello che conosce oggi è 1% di quello che ci circonda. Non per questo l'uomo non deve continuare nella sua ricerca della conoscenza, ma tale conoscenza non deve avere come obiettivo primario quella dell'esclusione di un Dio creatore, poichè l'uomo intelligente deve essere aperto anche a quei fenomeni che la mente, per la sua piccolezza, non può comprendere ma deve accettare.
Chi con arroganza, non accetta la sua piccolezza ed esclude il Padre eterno, perchè si affida alle sole capacità mentali dell'uomo per spiegare quello che ci circonda, vive in una immensa menzogna, perchè mai potrà spiegare il mistero della vita. Fino ad oggi noi possiamo dire che abbiamo scoperto il mezzo con cui siamo arrivati alla vita, ma mai potremo dare risposta, anche fra 2*10^9 anni, al principio primo della vita.

Senti senti chi parla di arroganza.....di mezogna.....Non avete proprio ritegno.

kynoos
------------
------------

Maschile Numero di messaggi : 18
Età : 63
Località : Milano
Occupazione/Hobby : letteratura,musica,cinema,speleologia,escursionismo,tennis,sci
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 22.12.08

http://www.jadawin.info

Tornare in alto Andare in basso

Re: la creazione dell'universo e la Genesi

Messaggio Da ateoindeciso il Lun 22 Dic - 12:00

giulio76 ha scritto:
ateoindeciso ha scritto:

secondo me il problema è che la scienza non dà tutti le risposte. si, c'è stato il big bang, ma poi? da dove viene la vita? boh... non è che sia chiaro che ne pensa la scienza

La scienza deriva dalla mente umana che tutti sappiamo avere dei limiti. La scienza per tale motivo non potrà mai dare risposta a tutto. L'uomo non potrà mai conoscere tutto e quello che conosce oggi è 1% di quello che ci circonda. Non per questo l'uomo non deve continuare nella sua ricerca della conoscenza, ma tale conoscenza non deve avere come obiettivo primario quella dell'esclusione di un Dio creatore, poichè l'uomo intelligente deve essere aperto anche a quei fenomeni che la mente, per la sua piccolezza, non può comprendere ma deve accettare.
Chi con arroganza, non accetta la sua piccolezza ed esclude il Padre eterno, perchè si affida alle sole capacità mentali dell'uomo per spiegare quello che ci circonda, vive in una immensa menzogna, perchè mai potrà spiegare il mistero della vita. Fino ad oggi noi possiamo dire che abbiamo scoperto il mezzo con cui siamo arrivati alla vita, ma mai potremo dare risposta, anche fra 2*10^9 anni, al principio primo della vita.

scusa ma qual è il mezzo con cui siamo arrivati alla vita?

ateoindeciso
------------
------------

Numero di messaggi : 43
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 21.12.08

Tornare in alto Andare in basso

Re: la creazione dell'universo e la Genesi

Messaggio Da giulio76 il Lun 22 Dic - 12:23

ateoindeciso ha scritto:

scusa ma qual è il mezzo con cui siamo arrivati alla vita?

L'acqua e il fulmine secondo le ultime teorie
avatar
giulio76
-----------
-----------

Maschile Numero di messaggi : 1440
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 19.11.08

Tornare in alto Andare in basso

Re: la creazione dell'universo e la Genesi

Messaggio Da Ludwig von Drake il Lun 22 Dic - 12:26

giulio76 ha scritto:
ateoindeciso ha scritto:scusa ma qual è il mezzo con cui siamo arrivati alla vita?
L'acqua e il fulmine secondo le ultime teorie
Dicendo "sono ignorante in materia" non faresti una figura migliore?
avatar
Ludwig von Drake
-------------
-------------

Maschile Numero di messaggi : 4723
SCALA DI DAWKINS :
0 / 700 / 70

Data d'iscrizione : 19.11.08

Tornare in alto Andare in basso

Re: la creazione dell'universo e la Genesi

Messaggio Da Ospite il Lun 22 Dic - 12:40

ateoindeciso ha scritto:
giulio76 ha scritto:
ateoindeciso ha scritto:

secondo me il problema è che la scienza non dà tutti le risposte. si, c'è stato il big bang, ma poi? da dove viene la vita? boh... non è che sia chiaro che ne pensa la scienza

La scienza deriva dalla mente umana che tutti sappiamo avere dei limiti. La scienza per tale motivo non potrà mai dare risposta a tutto. L'uomo non potrà mai conoscere tutto e quello che conosce oggi è 1% di quello che ci circonda. Non per questo l'uomo non deve continuare nella sua ricerca della conoscenza, ma tale conoscenza non deve avere come obiettivo primario quella dell'esclusione di un Dio creatore, poichè l'uomo intelligente deve essere aperto anche a quei fenomeni che la mente, per la sua piccolezza, non può comprendere ma deve accettare.
Chi con arroganza, non accetta la sua piccolezza ed esclude il Padre eterno, perchè si affida alle sole capacità mentali dell'uomo per spiegare quello che ci circonda, vive in una immensa menzogna, perchè mai potrà spiegare il mistero della vita. Fino ad oggi noi possiamo dire che abbiamo scoperto il mezzo con cui siamo arrivati alla vita, ma mai potremo dare risposta, anche fra 2*10^9 anni, al principio primo della vita.

scusa ma qual è il mezzo con cui siamo arrivati alla vita?
...
A me sembra che stavolta giulio76 abbia offeso senza motivo, dando dell'arrogante, del piccolo, del menzognero ed implicitamente dell'ignorante a tutti noi.
Senza avvedersi che questi appellativi possono essere rivolti tranquillamente a chi, invece di cercare una risposta razionale (come tenta umilmente di fare la scienza) dà una risposta onnicomprensiva e del tutto inutile, perché non aumenta di una virgola il senso della spiegazione che l'Uomo razionale cerca. Quindi quegli appellativi possono con ragione essere attribuiti ai credenti.
Quella fornita dalla fede è una stupidata, senza capo né coda, che si autocelebra come risposta esauriente e che invece è contraria a tutte le evidenze scientifiche.
La scienza non dà -né potrebbe farlo!- riposte definitive ed immutabili, al contrario di quanto fa la fede, perché si avvicina a piccoli passi alla soluzione dei misteri, ed è sempre pronta a rivedere i propri errori. Non ha, insomma, la presunzione infingarda di ritenersi immutabile e corretta: la fede è superba -malgrado tutte le sonore risate che è stata in grado di suscitare a chi analizza le sue tesi- mentre la ragione scientifica si limita a dare risposte parziali ma sempre più vicine alla verità di qualsiasi corbelleria affermata dalla fede.
La vita può essere nata, sulla terra, in modi differenti, o può addirittura essere stata importata dalle profondità del cosmo.
Ci sono una serie di ipotesi, a riguardo, interessantissime e diversificate, che meriterebbero un 3D a parte (e non è escluso che si possa aprire!).
Una cosa è certa: ci ha pensato la natura, attraverso le sue innumerevoli casualità e gli eoni di tempo a disposizione a creare i presupposti delle sostanze, delle molecole, delle proteine e degli amminoacidi che hanno consentito il nascere e l'evolversi della vita.
Non c'è bisogno di chiamare in causa nessun ridicolo dio creatore e nessun "verbo". E probabilmente quello che è accaduto sulla Terra si è ripetuto infinite volte nell'universo.
E, probabilmente, il nostro stesso universo non è che uno degli infiniti universi esistenti.
...
P.S.: vedo che mentre stilavo il post ERRI ha aggiunto qualcosa, come capita spesso. Hai detto bene, ERRI: è proprio la voglia di esprimere giudizi e pareri su tutto, anche quando manchino completamente le basi ed i presupposti scientifici (come ha fatto l'amico giulio76 or ora), che si rischia il ridicolo!...
Giulio ha detto:
"L'acqua e il fulmine secondo le ultime teorie..." Sono le ultime teorie elaborate dalla Chiesa?... applaudi
...

Ospite
Ospite


Tornare in alto Andare in basso

Re: la creazione dell'universo e la Genesi

Messaggio Da Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Tornare in alto Andare in basso

Pagina 1 di 8 1, 2, 3, 4, 5, 6, 7, 8  Seguente

Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum